martedì 17 aprile 2018

Pane fortunato (o di grani antichi)

Scrivevo così, circa due anni fa sul mio gruppo... poco dopo il secondo trasloco per lavoro.
Questo pane mi è proprio caro, un po' perché è un pane fortunato, nel senso che è stato impastato davvero con mezzi di fortuna, ma soprattutto perché l'ho impastato con delle farine speciali, una di queste regalo di un'amica cara.

''Giò ho finalmente provato la tua farina di grani antichi''Impastato nella macchina del pane, dove sto adesso non ho ancora l'impastatrice, e cotto in un forno senza marca e senza funzioni, solo statico sopra e sotto.Non ho spatole, né lamette per il taglio, nemmeno la refrattaria... solo una grande voglia di impastare, quella me la sono portata...
Eppure venne lo stesso un bellissimo pane, pane fortunato :-))
Lo pubblico oggi, dopo che una carissima amica Luciana Crema, lo ha fatto con delle bellissime foto, e uso le sue...
Grazie Luciana!

Pane di grani antichi

Ingredienti:
150 gr di farina Miracolo del Molino Grassi
170 gr di farina Verna grani antichi del Molino Parri
180 gr di W330 del Molino Rossetto
10 gr di germe di grano
10 gr di fiocchi di patate
60 gr di farina 0 per pizza del Molino Rossetto
14 gr di sale
400/420 gr di acqua (provate con 400 gr se poi è consistente, mettete l'altra col sale).
35 gr di lievito madre integrale essiccato del Molino Rossetto 

Luciana Crema ha usato un mix leggermente diverso, ma comunque il risultato, come si vede dalle sue foto, è strepitoso:
150 g Miracolo Molino Grassi, 200 g Mix per pane segale Molino Rossetto, 150 g w 330 Molino Rossetto, 60 g 0 Coop, 10 g fiocchi di patate, 10 g di germe di grano, 14 g di sale, 35 g lievito madre essiccato Molino Rossetto

Procedimento:
Setacciate le farine nella ciotola, insieme ai fiocchi, il germe, il lievito madre.
Versate l'acqua nel cestello della mdp poi impastate per un paio di minuti.
Inserite il sale (eventualmente acqua) e continuate ad impastare fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.
Nella macchina del pane ho fatto fare tutto il ciclo, circa 20'.
Lasciatelo lievitare un'ora coperto da pellicola, dopodiché fate una piega a 3, quelle di sovrapposizione.
Se necessario, se l'impasto lo richiede perché troppo estensibile, fatene due... (io ne ho fatte 2).
Trasferite in una ciotola infarinata (con la piega sotto), poi in frigo per circa 12h.
Il giorno dopo tirate fuori, lasciate acclimatare un'oretta, poi formate un bel filone sul piano infarinato.
Mettetelo con la chiusura sopra in un canovaccio molto ben infarinato. Chiudete bene e attendete che sia pronto da cuocere.
(prova del dito!) 
Circa 20' prima della cottura accendete il forno alla max t. con una refrattaria in basso (io placca del forno capovolta).
Poi tagliate il pane, trasferitelo capovolgendolo su una paletta (ho usato una teglia ikea senza bordi) e infornate per i primi 20' a 230°.
Poi posizionate la refrattaria a metà forno e proseguite per altri 20' a 210°.
Terminate la cottura per altri 10' a 200° col forno leggermente aperto.

SHARE:

3 commenti

  1. Grazie Paoletta ❤️ Un pane che adoro.. e che ora porterò nel cuore ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Luciana, hai mani e cuore d'oro :-))

      Elimina
  2. Che pane stupendo...Paoletta sei una garanzia, così come Luciana...e questo il risultato da WOW!!!

    RispondiElimina

BLOGGER TEMPLATE CREATED BY pipdig