venerdì 27 luglio 2012

Ciabatta al 90% di idratazione e pizza con farina di Enkir

Con la ciabatta avevo un conto aperto, precisamente dal 2007, poco prima che aprissi il blog. Non vi annoio col raccontarvi quel che è successo da allora a oggi, è tutto scritto bel blog! E' stato il primo lievitato che ho provato e fu, praticamente, una sòla...
D'altro canto non m'ero scelta davvero una cosetta facile, facile ;-)


Ebbi pure il coraggio di stupirmi, ma come? - mi dissi - viene bene a tutti, perché a me no? 
Non la feci più. Ho fatto panettoni, croissant, ma lei ce l'avevo qui, sul gozzo. 
L'ho fatta l'altra sera, per puro caso, una sera in cui avevo litigato col lievito madre, e qualche sera dopo aver provato una pizza (strepitosa!) usando la farina di Enkir.
Ero là che aspettavo che 'sta brioche lievitasse, la bastarda stava là dalle 9 del mattino e s'era fatta notte.
Farà come la pubblicità, pensavo, 24 ore di lievitazione naturale... 
Dovrei provarla di nuovo, per benino, ma sono in partenza, stavolta per le meritate vacanze... se qualcuno vuol provarla, magari scrivo dosi e procedimento, io adesso non ci penso neanche.

Aspettavo e pensavo alla pizza, a quel bellissimo impasto che aveva retto tranquillamente l'80% di idratazione.
E mi sono detta... chissà se questo mix di farine, enkir e w330 regge pure il 90% di idratazione?
Era una sfida, era mezzanotte, ed ero consapevole di fare casino col kenwood, ma non potevo resistere, e chissenefrega...

Due ricette, due diverse idratazioni, due farine in comune, due preparazioni diverse... le scrivo entrambe e vi aguro delle splendide vacanze!


CIABATTA con farina di Enkir (90% di idratazione)

Ingredienti:

300 gr di farina W330 del Molino Rossetto (in alternativa caputo rossa o manitoba del supermercato)
100 gr di farina di Enkir del Mulino Marino
10 gr di sale
360 gr di acqua 
6 gr di lievito di birra fresco

Procedimento:
Sciogli il lievito nell'acqua che avrai messo nella ciotola dell'impastatrice. Monta la foglia e a bassa velocità inserisci 3/4 della farina (miscelata e setacciata), subito dopo, quando la farina sarà idratata, aggiungi il sale e, pochi secondi dopo tutta la farina rimanente.
Fai andare a bassa velocità per circa 2' poi alza la velocità a 1 e 1/2 o fino a 2, e attendi che l'impasto si incordi. Ci vorranno pochi minuti.
L'impasto è incordato quando si aggrapperà completamente alla foglia.
A questo punto capovogli l'impasto e lavoralo ancora qualche minuto, ribaltandolo ogni tanto fino a che sarà liscio, elastico e semilucido.
Infine monta il gancio e impasta per una ventina di secondi, o fino a quando l'impasto si staccherà dal fondo; poi capovolgi e impasta ancora per lo stesso tempo.

Sfila l'impasto dal gancio e mettilo in una ciotola che lo contenga di misura lateralmente e che avrai precedentemente oliato leggermente.

Copri con pellicola e metti in frigo per 8h/12h a 4°5°.
Ti consiglio di farlo la sera, dopo cena, magari verso la mezzanotte ;-)

Al mattino tira fuori l'impasto dal frigo e attendi che torni a temperatura ambiente. Non so dirti quanto tempo ci metterà, dipende dalla temperatura che ha trovato in frigo, poi dalla temperatura esterna. ma dovrà essere bello gonfio e morbido, prima di adoperarlo per il prossimo passaggio.

Adesso infarina molto bene il piano di lavoro con della semola rimacinata di grano duro, rovescia l'impasto, delicatamente mi raccomando! sulla farina; allarga sempre con molta delicatezza l'impasto fino ad ottenere un quadrato ma facendo attenzione a non sgonfiarlo, poi fai le pieghe di sovrapposizione, queste sono le prime che trovi.

Capovolgi con la piega sotto e copri a campana, poi attendi la ripresa della fermentazione. Ci vorrà circa 1h, l'impasto dovrà essere quasi raddoppiato.

A questo punto, con una spatola, dividi di netto in due parti tagliando dal lato lungo e spolvera con un po' di farina.

Copri con pellicola ogni pezzo, attendi una trentina di minuti. Nel frattempo accendi il forno al massimo della temperatura (statico) e posiziona una leccarda sul fondo del forno. 
Poi prepara una paletta di legno ben infarinata e capovolgi la ciabatta sulla pala, poi (molto delicatamente e SENZA sgonfiarla) allungala.

Con un colpo delicato ma deciso, fai scivolare la ciabatta sulla leccarda rovente, poi abbassa il forno a 240°. 

Fai la stessa cosa con l'altra, subito dopo.

Cuoci per 10' a 240° poi abbassa a 220°e cuoci per altri 10'.

Dopo 20' la ciabatta sarà ben cotta sotto. Quindi sposta la teglia in alto e metti il forno in modalità grill e cottura ventilata, e cuoci a fessura ancora per 10'.
Dopo 30' totali di cottura se, bussando sul fondo del pane, questo suonerà vuoto, è cotto.
Fallo raffreddare in verticale nel forno spento e avvolto nella metà inferiore in un canovaccio.
Se tutto va bene la crosta si mantiene croccante anche il giorno successivo. Al terzo giorno, se t'è rimasta qualche briciola, conservala in un sacchetto per alimenti.

Per ottenere un pane piuttosto che una ciabatta:

Quando hai infornato la prima ciabatta, allunga poco l'altro pezzo e lascialo riposare, sul piano di lavoro, tutto il tempo che la ciabatta cuocerà.
Dopodiché riporta il forno a temperatura, la leccarda in basso e sposta il secondo pezzo sulla pala, finisci di allungare, poco e delicatamente, poi cuoci come per la ciabatta.
Otterrai un filone come questi sotto.


La ciabatta fatta da Barbara, lei ha usato il 75% di farina soffiata del Mulino Marino e il 25% di enkir. Direi un risultato ottimo.



PIZZA con farina di Enkir (80% di idratazione)


Ingredienti:
300 gr di farina W330 del Molino Rossetto (in alternativa caputo rossa o manitoba del supermercato)
100 gr di farina di Enkir del Mulino Marino
320 gr di acqua
8 gr di lievito di birra fresco
8 gr di sale
8 gr di fiocchi di patate disidratati (è la confezione per purè pronto, ma non deve avere né additivi, né aromi vari
20 gr di olio extra vergine di oliva

Procedimento:
Versa tutta l'acqua nella ciotola dell'impastatrice, aggiungi il lievito e mescola brevemente per farlo sciogliere. 
Aggiungi 3/4 della farina setacciata con i fiocchi e fai andare la macchina con la foglia a bassa velocità.
Inserisci il sale e, dopo pochi secondi, tutta la farina rimanente. Impasta per due minuti a bassa velocità, poi alza la velocità a circa 1 e 1/2 e, ribaltando l'impasto una o due volte, attendi che si incordi.
L'impasto sarà incordato quando si aggrapperà completamente alla foglia e sarà liscio.
Versa l'olio a filo in tre volte e capovolgendo l'impasto ad ogni inserimento.
L'impasto dovrà risultare, alla fine, bello liscio, elastico e semilucido.
Infine monta il gancio e impasta per max una ventina di secondi, o fino a quando l'impasto si staccherà dal fondo; poi capovolgi e impasta ancora per lo stesso tempo.
 
Avvolgilo bene a palla e lascialo lievitare circa 2h nella stessa ciotola coperta con pellicola, dovrà più che raddoppiare di volume.

Quindi prepara il piano di lavoro spolverato bene di semola di grano duro rimacinata,  rovescia l'impasto delicatamente mi raccomando! sulla farina; allarga sempre con molta delicatezza l'impasto fino ad ottenere un quadrato ma facendo attenzione a non sgonfiarlo, poi fai le pieghe di sovrapposizione, queste sono le prime che trovi.

Capovolgi con la piega sotto e copri a campana, poi attendi la ripresa della fermentazione. Ci vorrà circa 1h, l'impasto dovrà quasi raddoppiare.

Adesso spostalo su una leccarda da forno ben unta, meglio se di ferro, e sgonfialo leggermente con la punta delle dita.
Poi stendilo prendendolo delicatamente da sotto e allargandolo pian piano. Dovrai fare attenzione a non far fuoriuscire i gas della lievitazione.
Ora copri con pellicola e accendi il forno a 250°/270°. 
Quando avrà raggiunto la temperatura, togli la pellicola dall'impasto, condisci come preferisci, (pelati passati o pomodorini, sale) e inforna nella parte bassa del forno.
Quando il cornicione comincerà a colorire, metti l'olio, la mozzarella e inforna di nuovo nella parte alta del forno fino a cottura.

Se il tuo forno ha la funzione pizza, usa quella. Altrimenti usa lo statico se vuoi una pizza morbida o il ventilato (io lo preferisco) se vuoi una pizza soffice dentro e croccante fuori.



La pizza realizzata da Cristina di Ecucinando la trovate qui, le è venuta davvero bellissima!


89 commenti:

  1. Come sempre splendide ricette e invitanti foto! buone vacanze!

    RispondiElimina
  2. Wow! che meraviglia! Ora devo assolutamente provare anch'io ;-)
    a presto
    Marta

    RispondiElimina
  3. Paoletta bella,
    e meno male che sei testarda e ci hai voluto riprovare!!!
    MA come fai ad avere tutte queste energie, per impastare perfino a mezzanotte, dopo i mille corsi fatti?!?!
    Ora, te riposati, che io mi dedico a questa ciabatta (che a dir la verità per ora m'è rimasta sul gozzo pureamme!!!)

    un bacion grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaia, ciao! come faccio? bo! o forse sì, è una droga ;-)
      dai falla che sono sicura sarà bellissima !
      baci ai legumini :*

      Elimina
  4. Paoletta bella,
    e meno male che sei testarda e ci hai voluto riprovare!!!
    MA come fai ad avere tutte queste energie, per impastare perfino a mezzanotte, dopo i mille corsi fatti?!?!
    Ora, te riposati, che io mi dedico a questa ciabatta (che a dir la verità per ora m'è rimasta sul gozzo pureamme!!!)

    un bacion grande

    RispondiElimina
  5. Se il risultato è quello della foto... per fortuna la testardaggine! E' così che vengono fuori le cose più buone!:-) Buone vacanze. Provo e poi riposterò un commento!:-)

    RispondiElimina
  6. Eccole, finalmente!!! Super splendide e super invitanti. Saranno le due prime ricette che proverò dopo le vacanze. Troppo belle, davvero! E con la farina di EnKir immagino anche che avranno un sapore sublime! Come sempre, sei un mitoooo! Grazie anche per questo delizioso regalo! Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbarella, ho dimenticato di scriverlo, ma il regalo me lo hai fatto tu regalandomi questa stupenda farina!
      a prestissimooooooo ;-)

      Elimina
  7. Un tuo nuovo post è sempre una meravigliosa scoperta...grazie
    Donatella

    RispondiElimina
  8. Questo è un veroe proprio trattato sul pane, che mi stampo e appendo al frigo...Bravissima. Davvero. Come sempre del resto. Buon we
    simona

    RispondiElimina
  9. Wonderful ciabatta and pizza!

    RispondiElimina
  10. Ci credo che ci hai messo più a spiegare la ricetta che a farlo ... comunque bellissimo!

    RispondiElimina
  11. La farina enkir del mulino Marino l'ho usata anche io più di un anno fa, la prima volta e devo dire che è eccezionale come del resto tutte le farine Marino, per la ciabatta ho grossi problemi,non mi viene...ci riproverò con la tua ricetta ad ottobre, anche perché devo fare rifornimento di farine e adesso non è il caso....salutoni

    RispondiElimina
  12. Ok! Mentre voi ve ne andate in vacanza io mi metto all'opera Grazie mille Paoletta!!!! Se floppo non avrai mie notizie ;)))
    Buone vacanze!!!

    RispondiElimina
  13. Vabbèèèèèèèèèèèèèèèèèèè... ma tu sei matta!!!! :DDDD
    Che pane!!!! O.o

    RispondiElimina
  14. Ciao Paoletta
    splendida semplicemente, un pane meraviglioso che sicuramente cercherò di fare ........

    devo ringraziarti per il tuo meraviglioso pane toscano che ho fatto la scorsa settimana, mi sono permessa di aggiungere un pizzico di sale perchè se no qui in casa si lamentano troppo ......... mentre così un filone è sparito a colazione con la marmellata ancora calda

    ti auguro di cuore buone vacanze e grazie ancora per lo splendido corso a cui ho potuto partecipare
    un abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  15. Ciao Manu! :)
    Sì, metti pure anche l'1% di sale sulla farina e verrà benissimo! che poi ho scoperto che completamente sciapo non lo fa più nessuno nemmeno in toscana... la maggiorparte mette lo 0,5%.
    Buona vacanze anche a te !

    RispondiElimina
  16. A questo livello io non arriverò mai, ma mi piace leggerti lo stesso e immaginare, attraverso le tue splendide foto, i sapori e i profumi della tua cucina.
    Claudette

    RispondiElimina
  17. che meraviglia!io non ci riuscirò mai. grazie comunque dwel tuo splendido blog che consulto quasi ogni giorno. buone vacanze. cristina

    RispondiElimina
  18. Perchè non dovresti riuscirci? Solo se non ci provi ;)

    RispondiElimina
  19. Paoletta, che nostalgiaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa, BENTORNATA!
    A Trento trovo al massimo la farina LoConte, può andar bene? perchè voglio fare subito queste specialità!
    Un bacione
    Romi (mi ricordi?)

    RispondiElimina
  20. Ciao Romi, essì! :)) a Trento trovi la rieper c' è una 0 bella forte, ad alto contenuto di proteine, ora non ricordo qual è se la rossa o blu... Mi fai sapere? Baci...

    RispondiElimina
  21. Da provare sicuramente! Complimenti per la ricetta!

    Ciao, Ennio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ennio, grazie! mi fai sapere se provi?

      Elimina
  22. Ricetta da sperimentare!! Complimenti per le tue ricette!! E per il tuo bellissimo blog;-) un abbraccio Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia, fammi sapere se la proverai :)

      Elimina
  23. fantastico il tuo blog, complimenti! mi sono unita ai tuoi lettori, se ti va, passa a trovarmi!!!

    dolcementeinventando.blogspot.it

    RispondiElimina
  24. Ciao Paoletta
    ma a questa splendida pizza perchè non accoppiare una slendida birra ENKIR del Birrificio del Borgo (prodotta in collaborazione con Marino e Gabriele Bonci)???
    Ciao e riposatevi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tony!!! sai come l'accoppierei??? ne metterei un po' nell'impasto, come fa Adriano con la focaccia soffice! sai che mix che verrebbe?
      dillo a qualcuno là sul forum, magari prova... io so completamente in modalità ferie (o quasi) riesco appena a organizzare il prossimo calendario... e poi tra poco parto di nuovo ;-)
      Adriano, invece, è partito per 5 settimane consecutive, si riposa, si riposa :))
      baci a Rossella e a quella bambolina che le somiglia tutta ;P

      Elimina
  25. Paolettaaaa!! È facilissima!!! Però che sudata... Il tuo passo passo perfetto, come sempre!! Grazie!!
    Le foto le trovi qui:
    http://www.ecucinando.it/forum/post58022.html#p58022

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, te l'ho già detto... ma lo dico di nuovo, qui... è meravigliosa! grazie per la fiducia ;-)
      Posso mettere il link nel post?

      Elimina
    2. Scusaaaaa, ti leggo solo adesso!!! me lo chiedi??? Grazie!!!

      Elimina
  26. Paoletta....che meraviglia!! è un pezzo che cero qualcosa del genere e la tentazione di provarci è fortissima..dunque la farina 33o ce l'ho, ma come faccio con l'altra?..In attesa di andare a cacccia posso sostituirla??..
    Non vedo l'ora di poter fare un altro corso..tu e Adriano siete fantastici!!
    Nel frattempo ti auguro buone e meritate vacanze!
    Morena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Morena, l'enkir puoi acquistarla online sul sito del mulino marino, puoi anche telefonare. Altrimenti metti 1/4 di rimacinata, ma non è la stessa cosa... puoi provare col farro, o kamut... fammi sapere :)

      Elimina
    2. Grazie mille Paoletta aspettavo proprio la tua risposta..allora questa volta proverò con il farro, poi mi procurerò l'enkir..lo voglio provare!..Buone Vacanze!
      Morena

      Elimina
    3. Anche a te :)
      e fammi sapere casomai...

      Elimina
  27. Paolettaaaaa!!! L'ho fatta!!! Per ora la ciabatta, la pizza ormai dopo le vacanze... A me sembra bella, e se viene bene (forse, eh!) un pane a me...allora viene bene a tutti. Il merito è solo tuo. Ricetta super e spiegazioni...a prova di Barbarella!!! Ahahahah Un abbraccioneeeee!!! P.S.: pubblicherò domani le foto su FB...e aspetto i tuoi commenti. Sii pure spietata ;-)

    RispondiElimina
  28. sembra molto buono! anche io ho un blog, che ne dici di passare? mi farebbe molto piacere! =)

    RispondiElimina
  29. fantastico! sembra quello che si compra in forneria, mi immagino che soddisfazione farlo in casa! questo weekend lo proverò!

    complimenti per il blog, è da un po' che lo seguo con piacere e trovo che le ricette propste siano tutte ottime!

    da poco ho anch'io un blog, passa a visitarlo se it va!

    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
  30. L'ho fatta oggi! E' semplice e davevro eccellente! Io l'ho fatta con le cipolle ed è buonissima. Grazie della ricetta...
    Questo è il risultato: http://www.trattoriadamartina.com/2012/08/pizzafocaccia-alla-farina-di-enkir-con.html

    RispondiElimina
  31. IO NON CI CAPISCO NULLA D'IDRATAZIONE E PERCENTUALI, FARINA ENKIR E W33O so solo che sei un genio in cucina....complimentissimi!

    RispondiElimina
  32. Sono ufficialmente entrata nel tunnel dei lievitati!!!! te l'avranno già chiesto ma, potresti consigliarmi una buona macchina per iniziare? grazie grazie, soprattutto per i tuoi post =)

    RispondiElimina
  33. Ciao Paola, è da tempo che seguo il tuo blog che trovo bellissimo! Brava, brava, brava per tutto quello che fai, anche per le foto che trovo STUPENDE!! Io ho appena creato il mio blog, e di lavoro ne ho ancora da fare, ma sono contenta perchè non vedevo l'ora di essere qui. A presto. Ada :-)

    RispondiElimina
  34. Ciao Paoletta :D finalmente l'ho realizzata !!! Aspettavo facesse meno caldo per accendere il forno ;)Che dire...leggera come una piuma...ed un sapore sublime...La rifarò un sacco di volte...
    PS: stasera inforno pure la pizza ...speriamo in bene
    Grazie di tutto..un abbraccio
    Lucy71

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Lucy bella! ti ho già fatto i complimenti su fb, ma merita farteli anche qui... complimenti alle tue manine d'oro!
      anche all'assaggiatore, và ;-)

      Elimina
    2. Grazie...sei dolcissima :D ma è solo grazie a te e Adriano che sono migliorata, la vostra competenza, disponibilità e pazienza ha dato i suoi frutti...io ci ho messo costanza e capa tosta XD .
      Dimenticavo l'assaggiatore...anche lui si è sacrificato...come avrei fatto senza la cavia ????
      Grazie ancora ...baci
      Lucy71

      Elimina
  35. Buongiorno Paoletta, scusa la mia ignoranza, ma cosa vuol dire capovolgi con la piega sotto e copri a campana ? Fammi sapere !

    Grazie Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Paolo, quando fai la piega a 3 completa, ti trovi con l'ultimo lembo piegato su. capovolgi il tutto di modo che l'ultimo lembo di pasta stia sotto, poi copri con una ciotola un po' più grossa dell'impasto, va bene pure quella dell'impastatrice.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Grazie Paoletta,
      sei stata gentilissima, ora ho capito tutto. La prossima pizza che farò, la dedicherò a te e la posterò nel mio blog. Chiediallepentole.blogspot.com.

      Ciao Paolo

      Elimina
  36. Dall'aspetto e dalle foto sembra veramente ottimo...peccato non poterlo pure odorare ed assaggiare...
    cmq Brava

    RispondiElimina
  37. Buongiorno Paoletta, io sbircio sempre sul tuo blog!
    Ma quanto sei brava!!!!?????
    Mi riprometto di provare la tua pizza al più presto!
    Ti seguo puntualmente.
    bacio perle

    RispondiElimina
  38. Ciao Paoletta,
    Prima di tutto complimenti per lo splendido blog, me ne sono innamorata alla prima lettura! Le ricette dei miei sogni!! Sei una continua fonte d'ispirazione... E informazione ;-)!
    Ora devo cambiare il mio vecchio forno a gas, mi puoi dare una tua opinione su quale forno sia più adatto per la cottura di lievitati e pasticceria?
    Grazie mille!
    Irene

    RispondiElimina
  39. Non sarò ne la prima ne l'ultima..
    ma veramente BELLO il tuo blog.. mi piace questa idea del pane fatto in casa.. della pizza che cuoce nel forno..
    e che dire di questa ultima tua ricetta.. non mancherò di provarla!!
    davvero complimenti!!
    io sono solo agli inizi ma spero di diventare brava quanto te.. :)

    RispondiElimina
  40. mmmm, se ne sente quasi quasi il profumo!!...belle foto, complimenti!

    RispondiElimina
  41. Ciao Emma...sei stata bravissima e ...paziente direi (mi sono divertita a leggere il post :-) ). Prima o poi. forse più poi ora, la faccio anche io...ti rubo la ricetta e spero di sentirti presto. bisous
    fulvia

    RispondiElimina
  42. che meraviglia e che aspetto invitante, la provero' sicuramente!
    Anto

    RispondiElimina
  43. Mia carissima Paoletta, ho utilizzato una tua vecchia ricetta per fare un post, naturalemnte stracitandoti.
    Come mio solito ti volevo avvertire del "Plagio"!
    Ti voglio bene.
    miciapallina

    p.s. la ricetta la trovi qui:
    http://lagatteria.blogspot.it/2012/09/la-pasta-e-fagioli-della-mezza-stagione.html

    nasinasi

    RispondiElimina
  44. nice blog. follow you

    http://beautyandfashion-makeup.blogspot.com/

    RispondiElimina
  45. complimenti per il blog è bellissimo

    RispondiElimina
  46. Ti è venuta stupenda e deve essere proprio buona...voglio provare anch'io...bellissimo blog

    RispondiElimina
  47. complimenti per il blog e il pane!!!

    RispondiElimina
  48. Mi piace il tuo blog infatti mi sono unita ai tuoi lettori.

    RispondiElimina
  49. era un po'di tempo che non passavo di qua e scopro sempre ottime cose nuove!!

    ciao

    maia

    RispondiElimina
  50. Paoletta ciao, è la prima volta che ti scrivo e lo faccio per ringraziarti. Eh sì, perchè da quando ho scoperto il tuo blog ho imparato così tanto da stupirmi di me stessa per i risultati...Sfogliare è diventato un piacere (e non l'incubo del burro ovunque), i panini mi vengono sofficissimi (e non le solite palline da golf) e finalmente sono riuscita a produrre una pizza morbida (addio vecchi frisbee!), gustosa, leggera, tanto da farne un calzone. Proprio ieri sera, l'ho fatto per mia madre (napoletana) che non ama la pizza fatta in casa (e te credo, era abituata alla mia!) e lo sai che mi ha fatto i complimenti? L'ha mangiato con un gusto che non hai idea, da sazia ha continuato per gola e per la prima volta non è stata costretta a lasciare i bordi perchè troppo duri.
    Tu e Adriano siete il mio primo punto di riferimento ormai.
    Scusami la lunghezza e la confidenza ma ci tenevo tanto a raccontarti di questi miei progressi, spero ti faccia piacere.
    A presto e ancora complimenti di cuore, li meriti tutti :-)

    Fiammetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Fiammetta, sei davvero cara e mi fa immensamente piacere averti letto e, soprattutto, che la pizza sia piaciuta alla tua mamma :-)

      Elimina
  51. ciao!
    ti seguo volentieri,
    ti andrebbe di seguire anche me?
    ciao ciao!

    http://hegles.blogspot.it/

    RispondiElimina
  52. blog molto carino e curato, complimenti... ti seguirò spero che ti unirai ai miei sostenitori dei miei due blog... a presto.
    http://ragazzocomune.blogspot.it/

    http://scrivimidamore.blogspot.it/

    RispondiElimina
  53. Очень прекрасный пост и рецепт! Спасибо!

    RispondiElimina
  54. ciao, ti ho lasciato un piccolo riconoscimento per il tuo bel blog qui http://www.fiordvaniglia.blogspot.it/2012/12/tortine-con-fichi-secchi-e-mandorle-e.html
    buona serata e a presto!

    RispondiElimina
  55. Questo pane è un sogno

    www.sogniallospritz.com

    RispondiElimina
  56. Ti auguro un buon Natale e invito te e i tuoi lettori a partecipare alla scelta dei migliori film del 2012 sul mio blog.

    RispondiElimina
  57. Ciao Paoletta, sono passata a farti gli auguri di Natale!!! Credo che in questi giorni proverò il tuo panettone con lievito di birra, nel caso ti farò sapere... ancora auguri!!!

    RispondiElimina
  58. tanti auguri, giulia, e a tutti voi :-)

    RispondiElimina
  59. Que bueno que te ha quedado este pan.
    Un saludito

    RispondiElimina
  60. Ho preparata la ricetta e devo solo ringraziarti ,era buonissima ,in casa piacque a tutti. Tanti baci.

    RispondiElimina
  61. ciao Paoletta, sono nuova, o meglio ho provato alcune delle tue ricette già da un po' e le ho trovate meravigliose. vorrei chiederti, per cortesia, dove trovo la farina di enkir? sto girando come una trottola senza risultato. anche internet non mi è di aiuto. hai un sito a cui posso far rifrimento? perchè finora compravo su Tibiona, ma questa non c'è e non so dove guardare, mi piacerebbe provare la pizza, perchè dopo che ho provato il pane devo assolutamente riuscire anche in quella. ma non ho messo la farina di enkir e ora vorrei vedere che cambia. grazie e scusa se sono stata prolissa.
    silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao silvia, la trovi al mulino marino, manda una mail :-)

      Elimina
  62. Ciao Paola!!! ho letto moltissimo il tuo blog e fatto alcune tue ricette.
    Ho rifatto anche questa tua meravigliosa ciabatta :)
    Un bacio
    http://menta-e-rosmarino.blogspot.it/2013/03/ciabatta-al-90-di-idratazione-con.html

    RispondiElimina
  63. Ciao Paola, sono Laura e' la prima volta che ti scrivo , anche se da anni seguo tutte le tue ricette favolose e grazie a te ho anche imparato molto !!!!!
    Oggi voglio dirti che ho fatto questa tua pizza ed e' venuta buonissima , ho ricevuto i complimenti da tutti!!!
    Volevo solo dirti che prendendo spunto dalle tue altre ricette, ho messo l'impasto in frigo per 12 ore po lasciato fuori per 2 ore e il resto come da tue indicazioni avro' fatto bene???? sai non sono molto esperta....
    Spero anche di poter seguire presto un tuo corso a Bologna!!!
    Grazie ciao Laura

    RispondiElimina