mercoledì 6 luglio 2011

Paccheri co' cuoccio

Metti un'isola, l'Isola di Rosa.
Due uomini e una passione comune, la pesca.
Si parla di pesce, di piatti.
... di piatti di mare.

foto


Paccheri al coccio (o gallinella) del Maestro

Ingredienti per 2 persone:
180 gr di paccheri trafilati al bronzo (possibilmente i Setaro)
3 cocci (gallinelle) da circa 250 gr ognuno
una manciata di ciliegini
prezzemolo
2 spicchi d'aglio
olio extra vergine di oliva
sale
peperoncino

Procedimento:
Pulire i cocci, se ci sono delle sacche con uova*, riservarle. Sfilettare e deliscare uno dei cocci e tagliarlo a cubetti.
Tagliare la lisca in due o tre parti, far soffriggere uno spicchio d'aglio in un pentolino con poco olio, quando è imbiondito unire le lisce e la testa e far soffriggere a fiamma viva. Aggiungere un paio di bicchieri d'acqua e i gambi di prezzemolo schiacciati. Portare a bollore e lasciar restringere a fuoco basso.
Tagliare i pomodorini in due, far soffriggere l'altro aglio schiacciato in una padella larga con un velo d'olio un po' di peperoncino.
Quando l'aglio è dorato, unire i pomodorini, curando che la parte tagliata sia a contatto con la padella.
Lasciar prendere il bollore, abbassare la fiamma, unire una piccola parte dei cubetti del coccio, un paio di mestolini del brodetto insieme a un po' di prezzemolo tritato, appoggiare sul sughetto i due cocci interi e incoperchiare.
Dopo pochi minuti girare i cocci, aggiungere un altro mestolino del brodetto e incoperchiare di nuovo.

foto

Proseguire la cottura a fuoco basso fino a che la carne non comincia a staccarsi dalla lisca. Togliere i due cocci e riservarli al caldo (tra due piatti).
Aggiungere i cubetti rimanenti di coccio e far saltare a fiamma viva per pochi minuti fino a che non cominciano a sbianchire. A questo punto salare, unire un paio di cucchiai di acqua di cottura della pasta che, nel frattempo, avremo messo a cuocere (molto al dente) e i paccheri scolati.
Far saltare a fiamma viva unendo un mestolino di brodetto e continuare a saltare la pasta fino a che il sugo non sia diventato cremoso.

foto

E' importante, in questa fase, che il tutto sia in continuo movimento.

foto

Decorare i piatti con del prezzemolo tritato. Impiattare i paccheri riservando una parte del sugo.


foto

Rimettere i cocci nel sugo rimanente e farli andare a fiamma vivace, per pochi istanti irrorandoli di continuo con il sugo.
Ultimare il piatto con i cocci e il rimanente sugo e spolverare con altro prezzemolo.

foto

*se avete riservato le uova, queste vanno unite quando rimettete i cocci in padella (è importante che siano cotte in modo rapidissimo, leggermente scottate).


58 commenti:

  1. Sempre foto da urlo! :)
    E' incatevole sia il piatto che il luogo da cui proviene. Posso adottare anche io un uomo con la passione per la pesca?

    RispondiElimina
  2. e guarda che meraviglia ne viene fuori!!!
    certo che il nostro mare e'una vera fonte di ricchezza,peccato che spesso sulle nostre tavole portiamo sempre gli stessi pesci,spesso di allevamenti esteri ;(
    complimenti!!!

    RispondiElimina
  3. chissà che buoni... si sente profumino!!!

    RispondiElimina
  4. Che foto...ogni volta che guardo una tua ricetta ne rimango ammaliata, non solo per il piatto in sè, ma per le emozioni che riesci a trasmettere con un semplice scatto.

    RispondiElimina
  5. mamma che languorino paoletta! e dire che sarebbe solo ora di una seconda colazione...

    RispondiElimina
  6. un piatto ricco di profumi intensi del mare...che bontà!!!!

    RispondiElimina
  7. Enorme buco allo stomaco alla vista di questo piatto di paccheri!
    Perfetti in ogni particolare e le foto splendide danno anche il tocco finale! :-)
    un bacione!

    RispondiElimina
  8. Ci mancavano tanto le tue ricette!
    complimenti come sempre, che bontà...

    RispondiElimina
  9. una magia nel piatto!!!


    ...se ti va, da uno sguardo qui:
    http://tamaraskitchen.blogspot.com/2011/07/one-lovely-blog-award.html

    RispondiElimina
  10. Grazie Paoletta! Mi sei mancata!
    Il tabulé di Pascale è già diventato il piatto dell'estate (con la semola di Gualtiero Marchesi), ma appena trovo delle gallinelle accettabili, provo anche questa. Inutile dirlo, siete una garanzia!

    RispondiElimina
  11. E questo è un piatto da veri Maestri, non c'è che dire!!!!! Ci metterei il pepe al posto del peperoncino, ma questa è solo la mia scuola di pensiero...
    Complimenti?Di più!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Magnifico e colorato piatto!! Grazie ;)

    RispondiElimina
  13. Devo ancora se sono rimasta stregata più dalla ricetta o dalle foto!!!! M e r a v i g l i o s a!!!!

    RispondiElimina
  14. Che foto meravigliose!!!
    Fantastica quella coi paccheri che si muovono in padella!!!
    Mio marito adora questo tipo di pasta, devo impegnarmi a riprodurre questa ricetta!!!

    GLORIA
    { VINCI GRATIS gli ORECCHINI di Scacco alle Regine }

    RispondiElimina
  15. Che piatto gustoso!!!!non ho mai cucinato i cocci e devo rimediare! grande Paola!!

    RispondiElimina
  16. Questo piatto è una meraviglia, non sai cosa darei per poterne gustare uno in questo momento...

    RispondiElimina
  17. Che bello ritrovarti ogni tanto Paoletta!! come stai??? E questo piatto è magnifico!! un bacio, franci

    RispondiElimina
  18. E' un piatto spettacolare :-)
    E le tue foto sono davvero fantastiche!!
    Cri

    RispondiElimina
  19. veramente eccezionale! poi la galinella è uno dei pesci più buoni che ci sia!! :)

    RispondiElimina
  20. sto sbavando sulla tastiera! mio Dio che fame!!! :)
    Rossella

    RispondiElimina
  21. Ma pensa te quanti nomi che hanno i pesci! Non avevo la più pallida che le gallinelle si chiamassero anche 'cocci', nome simpatico che mi crea una vera curiosità per la sua etimologia. Piatto stupendo come sempre reso assolutamente invitante dalle bellissime foto. I complimenti sono di rito!

    RispondiElimina
  22. un piatto davvero elegante! mi piace come lo hai presentato...ottimo post! ciao

    RispondiElimina
  23. Questore piatto é 1 capolavoro! Me Lo segno
    ciao

    RispondiElimina
  24. sempre belle ricette servite con foto spettacolari ;-)

    RispondiElimina
  25. Ciao Paoletta!! E' sempre bello vedere i tui post....Mi manchiiiiiiii!!!

    RispondiElimina
  26. Fantastiche le foto che voglia di mangiarlo subito!!!

    RispondiElimina
  27. Ciao, abbiamo il frigo pieno di questi pesci e non sappiamo proprio come usarli! La tua ricetta ci viene proprio utile! Certo che le foto dei paccheri che saltano in padella...non lasciano parole...solo l'acquolina!!
    baci baci

    RispondiElimina
  28. Le foto sono bellissime e la ricetta una semplice meraviglia...

    RispondiElimina
  29. sembra di sentirne il profumo...l'estate in un piatto :)

    RispondiElimina
  30. La sequenza delle foto con il "salto" della pasta mette un languorino illegale a quest'ora della mattinata ;)

    Complimenti come sempre.

    Agnese

    RispondiElimina
  31. è incantevole vedere i tuoi piatti, con quanto piacere li prepari e la fotografi, sempre in modo impeccabile. E a me è venuto un languorino...

    RispondiElimina
  32. Ciao dolcissima! Che la gallinella si chiamasse anche coccio, non lo sapevo! Ottima pasta ma del resto, da te, solo ricette uniche! Un bacione!

    RispondiElimina
  33. solo a guardarli già mi viene fame, poi a quest'ora!!!
    anzi...ne sento il profumo!

    RispondiElimina
  34. Paccheri e cocci è un piatto campano buonissimo :-)

    RispondiElimina
  35. Che meraviglia Paoletta, splendida ricetta e splendide foto come sempre!! Sono appena tornata da Lampedusa dove ho mangiato un piatto di paccheri con ragù di cernia e mentuccia da urlo. Che coincidenza!! A presto. Ale

    RispondiElimina
  36. bel piatto e anche le foto sono bellissime...complimenti...anch'io ho un blog...se ti và vienilo a visitare...ciao !

    RispondiElimina
  37. Ma se uno non ha la gallinella a disposizione, può sostituirla con un altro tipo di pesce? E quale, nel caso?


    Arguzio from Florence

    RispondiElimina
  38. @Kitty, ehmm non ne sarei così sicura... piatti di pesce a parte, quando iniziano a parlà di pesca... ! ;-)

    @Primavera, anche tu mi manchi... anzi, sono sicura che CI manchi! :)
    ho letto ora della semola, ma tanto me lo avevi detto già nella nostra lunga chiacchierata. questa provala, vale la pena :)
    un bacio

    @ornè, no manco morta! PEPERONCINO ;-)

    @alex, nemmeno io lo sapevo :)

    @Manu & Silvia, noooo! cioè, davvero avete il frigo pieno di gallinelle? è un segno del destino direi ;-)
    ma poi perchè 'pieno'??

    @pips, ho fatto solo la seconda parte, ehehehe ;-)

    @Ale, se li rifai dimmelo! tra l'altro adoro la mentuccia :)

    @Arguzio, bello di padella, ciao!
    giro la domanda al gran Maestro pescatore ;-)


    grazie a TUTTI gli altri :)

    RispondiElimina
  39. @Arguzio? bello di padella?
    ci vuole un pesce brutto, lo scorfano ;-)
    ciao!

    RispondiElimina
  40. Ne sento quasi il profumo!!
    Splendido piatto, belle le foto che accompagnano.
    Ciao!

    RispondiElimina
  41. Quanto mi piacciono i paccheri in questo modo!!! E vedere le tue splendide foto quasi all'ora di pranzo è delirante =))

    RispondiElimina
  42. Gallinella o scorfano, ho capito.
    Grazie tante.
    Bella di padella anche al Maestro.


    Arguzio da Firenze

    RispondiElimina
  43. Ma che piatto fantastico,direi che è il massimo per una come me che ama la pasta ed il pesce :-)
    ti seguo già.-)

    RispondiElimina
  44. Hola me ha encantado tu blog. Me anoto algunas de tus recetas para hacerlas, a ver si me quedan tan bien. Saludos
    http://empezandoenlacocina.blogspot.com

    RispondiElimina
  45. Il tuo blog è un posto quasi sacro e le tue fotografie sono spettacolari...per non parlare delle ricette, non posso che farti i complimenti!

    RispondiElimina
  46. @Arguzio, figurati :)

    grazie ancora a tutti!

    RispondiElimina
  47. Sei una garanzia...le tue ricette riprodotte sono sempre un successone!!!!!! grazie

    RispondiElimina
  48. Che foto splendide!! che semplici, genuini ma così gustosi questi paccheri! sai che m'hai dato un idea da cui prendere spunto per il pranzo di domenica^ beh.. intanto piacere e, se tiva, passa a trovarmi!ciaoo

    RispondiElimina
  49. mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm! che bell piatto

    RispondiElimina
  50. la versione "in brodo", con i tubettoni, meglio se rigati, è una delle pietanze della domenica tipo a casa mia!
    complimenti per le foto, sono splendide!

    RispondiElimina
  51. Harikasınız..
    Türkiye'den sevgilerimle..

    RispondiElimina
  52. Mi è piaciuto molto leggere il tuo post. Riesco sempre a trovare gli argomenti straordinario, motivo per il quale ho mantenuto la visita è dal mese scorso.

    RispondiElimina
  53. Complimenti davvero, sono un appassionato di cucina di mare, difficile trovare in rete piatti cosi ben presentati e eseguiti.

    RispondiElimina