venerdì 23 aprile 2010

La Brioche Nanterre di Pierre Hermè

Quando si parla di brioche, si pensa subito a qualcosa di dolce. Questa invece non lo è, in effetti è un pan brioche, ma Pierre Hermé è così che la chiama, brioche di Nanterre, è così, quindi, che ve la passo. La classica brioche francese al burro, senza aromi, pochissimo zucchero e adatta ad essere gustata sia col dolce che col salato.

Brioche Nanterre di Pierre Hermè

Un solo un consiglio, fatela solo con ottimo burro, perché altrimenti si sente, ed invece ci deve essere ma non si deve sentire, si deve solo percepire l'aroma profumato, così come consigliavo per i croissant.
Io uso lo Jager, è un ottimo burro, e lo trovo all'eurospin, incredibilmente ad appena 1 euro - e nessuno mi sta pagando per parlarne! - ma è giusto che un'azienda abbia gratis la sua pubblicità, se e quando la merita, e questo è il caso.
Molto buono anche il Milbona, al Lidl, ma non quanto lo Jager.

Ho fatto qualche modifica, ma stavolta solo sul procedimento, ho usato quello che, come detto già altre volte, mi ha insegnato, e insegnerà, il Maestro.
Di altri procedimenti non riesco a capirne i meccanismi, o forse sbaglio qualcosa, sarà che alla fine si fa proprio quello che si comprende bene, e a me con la sua tecnica riesce sempre tutto, o perlomeno quel che io mi aspetto da un buon lievitato!

Poi ho ridotto gli ingredienti rapportandoli allo stampo che avrei utilizzato, ché non si capisce, poi, perché nelle ricette non diano mai la capienza o quantomeno la misura dello stampo che serve.
Infatti, leggendo gli ingredienti, e comunque dopo aver tradotto questa ricetta, ho visto che l'impasto sarebbe stato eccessivo per il mio stampo.
Anche se poi, visto il tempo che ci ha messo la brioche a sparire, mi sono pentita di non aver fatto la dose intera.

Questa la dose per uno stampo da plumcake di 30 x 11 cm. La foto non è un granché, anzi forse è bruttina assai, ma sicuramente rende l'idea di quel che è questa brioche, quindi non vi sto a tediare di quanto sia morbida, soffice e profumatissima, non si vede??

BRIOCHE DI NANTERRE di Pierre Hermè - metodi e tecniche di lavorazione del mio Maestro

Ingredienti:
200 gr di farina manitoba
150 gr di farina 0
245 gr uova (5 uova medie)
35 gr di zucchero
7 gr di sale
250 gr di burro
12 gr di lievito di birra fresco
20 gr di latte (2 cucchiai)

1 stampo da plumcake di 30 x 11 cm
1 uovo per spennellare

Procedimento:
Sciogliere nella planetaria il latte e il lievito. Nel frattempo setacciare le farine. Aggiungere 150 gr di farina presa dal totale, 2 uova e avviare la macchina col gancio a foglia o K.
Quando le uova saranno amalgamante bene, aggiungere lo zucchero, far assorbire.
A questo punto unire un uovo e proseguire con la farina, aggiungendo l'uovo seguente solo quando il precedente sarà assorbito.
Aggiungere il sale.
Incordare l'impasto e solo allora aggiungere il burro poco alla volta. Aumentare la velocità fino a che l'impasto sarà ben incordato, lucido ed elastico, e si staccherà in un solo pezzo dalle pareti della ciotola.
Finire di impastare ancora qualche minuto col gancio ad uncino. Stendere l'impasto a rettangolo sul piano infarinato e fare le pieghe del tipo 1.
Riporlo ora in un contenitore a chiusura ermetica, e lasciarlo puntare a temperatura ambiente per 40 minuti.
Dopodiché riporre in frigo a circa 6° per circa 8 ore.
Al mattino tirare fuori l'impasto, sarà lievitato ma compatto e ben lavorabile. Lasciarlo a temperatura ambiente per 40 minuti.
A questo punto allungarlo un po' arrotolandolo sotto i palmi, fino ad arrivare quasi alla lunghezza dello stampo, circa 25 cm.
Tagliarlo poi in quattro pezzi come si vede qui, poi porli nello stampo bene imburrato. Attendere che le palline abbiano raggiunto il bordo, poi pennellare con l'uovo sbattuto, e con te forbici fare dei tagli sopra perpendicolari allo stampo. Infornare a circa 180°/190° (secondo il forno) per circa 45 minuti. Fare la prova stecchino al centro, ne dovrà uscire pulito.
Non appena la superficie avrà preso un bel colore, coprire con carta di alluminio e proseguire la cottura.
Se conservata nella pellicola, il giorno dopo è ancora come ancora sfornata, al terzo giorno non ve lo so dire ;-)


68 commenti:

  1. Otro maravillo Brioche, que bueno. Un saludo

    RispondiElimina
  2. Io compro dal principio burro della nostra zona, che é il migliore e io sostego cosi la nostra agricoltura. La brioche sembra troppo buono: DEVO FARLO!

    RispondiElimina
  3. lo jager lo prende anche mia mamma, e un giorno me l'ha fatto annusare e profuma davvero di burro vero, quello buono!! ciao!

    RispondiElimina
  4. Devo andare all'eurospin!! ;)
    Voglio assolutamente provare questa meraviglia!

    RispondiElimina
  5. come sempre un capolavoro eccezionale!

    Non trovo questo burro...:(

    il peso delle uova è riferito con o senza guscio?

    Grazie e complimenti!!ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di solito senza guscio!

      Elimina
  6. Vado anch'io all'Eurospin e compro cose veramente buone. Anche Vespa, su uno dei suoi libri, ha elogiato i prodotti dell'Eurospin, sia per la qualità che per il prezzo. Soprattutto alcuni vini, sono veramente buoni!
    Non compro solo lì, generalmente ho vari negozi dove cerco e trovo, quello che più mi aggrada. Per me il dosaggio di burro è tanto, quindi pur apprezzando......non potro mai fare questa meraviglia di golosità. Beati voi. deny

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Grazie Paoletta, la faccio subito così la posso portare domani ai miei colleghi:))))))
    Mi sa che dovrò fare la dose intera;-)

    RispondiElimina
  9. La foto è bruttina? Io come al solito mi ci sono incantata come faccio con tutte le tue foto! Sei una maestra di cucina, di fotografia, sogno di diventare un giorno come te! Complimenti per tutto ciò che fai, questa brioche sembra meravigliosa e gustosissima!

    RispondiElimina
  10. Lasciamo perdere il fatto che anche questa foto è semplicemente perfetta, comunque trovo questo pane stupendo, e credo che lo preferirei per matrimoni salati più che dolci, ma si sa..de gustibus!

    Nadia - ALTE FORCHETTE -

    RispondiElimina
  11. Che attentato questa briche, so già che mi verrà voglia di provare a farla a mano...

    RispondiElimina
  12. la brioche nanterre e' in assoluto la brioche che preferisco,mi ero sempre riproposta di fare proprio quelle del link....ma si sa...la voglia e' quella che e'...grazie per avermela ricordata,anche questa puo' andare bene x la colazione del 2 maggio;-))
    sereme

    RispondiElimina
  13. splendida foto ed ottima ricetta!

    RispondiElimina
  14. ecco esatto! se le cose meritano, meritano il passaparola. ecco perchè io lo dico a tutti che tu sei la mia seconda maestra. la prima era quella delle elementari. quest'anno ho lievitato troppo personalmente per dedicarmi ai lieviti ma che voglia delle tue brioches siciliane col tuppo. non ho ancora provato eurospin mi è lontano. ma prendo nota. vero è che come dicevi la farina coop si comporta benissimo. grazie paolè. e spero di riuscire a fare un corso con te. bc

    RispondiElimina
  15. Era in lista nelle cose da provare!!!! Mi hai "fregato" sul tempo! ahahahahah... Mi studierò bene tutto... se ti è venuta così bene, vuol dire che hai azzeccato il procedimento giusto!!!!!! Ne gira una versione con il lievito madre... mah?!
    Grande, come al solito, Paolé!!!!
    Baci,
    Ornella

    RispondiElimina
  16. Ciao Paoletta...bellissimo e sicuramente buonissimo!!!
    che manitoba hai usato? da supermercato?

    grazie mille!
    Paola

    RispondiElimina
  17. mitica come sempre, che manine sante!!!
    bacioni

    RispondiElimina
  18. Un mio amico chef dice sempre: "Quello che ci metti, ci trovi"... La semplicità e la qualità sono segno di rispetto per il cibo. E comunque come als olito ricetta da leccabaffi!!!!

    RispondiElimina
  19. ora, dire che la foto sia bruttina assai mi sembra esagerato!!
    a me piace.
    e pure la brioche.
    Non trovo il burro che dici, ma provero' con il Milbona, che fino ad ora ero stata in dubbio a prendere!
    grazie e buon fine settimana!!
    un bacio

    RispondiElimina
  20. E la mia lista delle meravigliose ricette del tuo blog da provare si allunga inesorabilmente!!!!!!

    RispondiElimina
  21. ...ne "sforni" una più del Diavolo...e tutte dai sapori e profumi irresistibilmente paradisiaci!!!

    RispondiElimina
  22. Bellissima la tua brioche nanterre. L'avevo fatta anch'io, prima di natale, proprio con lo stesso procedimento, forbici comprese. L'avevo preso dai Cuochi di Carta e Le Petrin. Però con le mie farine non mi aveva dato la soddisfazione cercata, infatti è rimasta fra gli scarti di pubblicazione. proverò di nuovo, con le farine giuste, che ho scoperto nel frattempo.

    tu, ca va sans dire, sempre bravissima!

    RispondiElimina
  23. E' la prima volta ch ti scrivo, ma vengo sempre a curiosare, qs vola ti lascio un commento: Complimenti! Sei veramente brava.
    Però non riesco a starti dietro ... su qs blog c'è sempre qualche bella ricetta nuova da provare. Oggi finisco di preparare i tuoi croissant, poi ti dirò come sono venuti. La prossima volta proverò anche qs brioche di Hermè.
    Ciao
    Claudia

    RispondiElimina
  24. Ma che cosa hai detto?!! Quella foto è estupenda e perfetta! Mi piacerebbe mangiare tutta la brioche col burro sciulto in cima (e leggere i libri sullo sfondo ah ah). MM!

    RispondiElimina
  25. non ci crederai ma l'impastatrice ha già fatto il suo lavoro, solo che mi ci è voluta un po più di farina ed è rimasto molto unto 250 gr di burro ho letto bene? ma deve venire così un po viscidino?ma! intanto lo metto in frigo domattina vedremo.
    L'impastatrice è nuova nuova usata tre\quattro volte quindi sono ancora inesperta ma fai dall'inizio fino all'incordatura con il gancio a foglia e poi prosegui con il gancio?xchè nel libretto c'è scritto i lievitati solo con il gancio ad uncino(ho la Ka) non vorrei distruggerla subito dopo tutto il tempo che ho aspettato per averla:-)))))
    Baci Ily

    RispondiElimina
  26. ......volevo precisare che ho visto il video dello zio Piero su l'incordatura!!
    P.S per i corsi che fate venite a Firenze??dai si si

    RispondiElimina
  27. @Taglich, e fai bene! anche io compro il burro maremma che è il burro della centrale del latte di zona, però per le preparazioni tipo croissant o brioche burrose non va bene, si "sente" :)

    @adina vero!
    ne approfitto per dirti che il tuo blog è meraviglioso :)

    @Federica senza guscio, meglio che lo vada a specificare, grazie!

    @deny, hai ragione, il burro è molto e infatti io ne ho mangiata una sola fettina ;-)

    @Dony, com'è andata??

    @Valentina, boh non mi convince :(
    piuttosto te, ho dato un'occhiata e fai delle torte meravigliose :))

    @sere, poi ci sentiamo, mica ancora ho capito quando devo partire ;-)
    un bacio

    @silvia, anche quelle brioche meritano, prova :)

    @Ornella, quella col lm non saprei, ma l'altra che girava sulla ci mi pare il panbrioche delle simili con un po' di farina in più, tutto qui! la brioche francese, non c'è niente da fa, è burrosa e ovosa ;-)

    @Paola, sì, di solito uso la rieper, ma stavolta l'avevo finita e ho usato la lo conte!

    @lacquadorosa, parole sante :))

    @Gaia, ho una crisi di identità :((
    il milbona è molto buono, vai!

    @Gaiaquellaceliaca, non è facile con farine senza glutine, un bacio :)

    @Claudia, grazie e benvenuta :))
    come sono venuti i croissant??

    @ily, un po' unta è, ma sicura che il burro non si sia sciolto??
    comunque dopo il frigo rassoda, impossibile altrimenti lavorarla senza questo passaggio.
    sì, gancio a foglia per impasti molto idratati!
    gancio ad uncino per impasti lievitati ma meno "molli", quindi solo ad incordatura finita.
    mi fai sapere?? :))

    RispondiElimina
  28. Ieri l'avevo vista, ma non ho avuto il tempo di lasciare un commento.Questa brioche mi piace molto ,Paoletta io amo le brioche francesi pur essendo piene di burro e uova contrariamento a quello che si potrebbe pensare ,le trovo "leggere"e soffici. A presto allora?.mi credi se ti dico che ancora non mi sembra possibile?Bacioni.

    RispondiElimina
  29. E' la brioche che cerco... che vada bene con il dolce e il salato...
    Provo a tradurla senza glutine sì sì!

    Grazie Paoletta! Grande fonte di idee!

    RispondiElimina
  30. Paoletta esperimento riuscito e riuscito benissimo è gonfiato sembrava volesse scoppiare!!!in più mi sono venute fuori anche 4 bioscine, il sapore buonissimo sofficissimo e delicatissimo.come prima prova non mi posso lamentare.
    Forse il burro si era sciolto ma come? io l'ho messo freddo di frigorifero a piccoli pezzi, l'unica cosa ho dovuto aggiungere un po di farina e nonostante tutto l'impasto era molto morbido infatti si è incordato dopo aver messo il burro forse l'errore è stato lì la farina l'ho aggiunta dopo il burro.potessi ti manderei la foto per fartelo vedere come è bello!!

    RispondiElimina
  31. scusa un'altra cosetta ma dove le prendi tutte queste ricette di brioche cornetti ecc? premesso che le tue le ho fatte quasi tutte, ci fosse un libro che mi consigli sarebbe fantastico(magari in italiano....:-))))
    Baci e grazie per passarci queste delizie

    RispondiElimina
  32. ecco paola, se ci si mette Felix ce la fa di sicuro, anche senza glutine. e comunque, con le farine giuste, secondo me viene, se vengono le brioche col tuppo, perché non dovrebbe venire la brioche nanterre?

    insomma, sono ottimista.

    RispondiElimina
  33. @nitte 'sono' leggere e soffici :))
    anche a me non pare possibile, e sono emozionatissima :))

    @Felix, grazie a te!

    @Ily, se è venuta come la escrivi, allora il burro non era sciolto, lo ho pensato dalla tua descrizione, ma forse, anzi sicuramente, era solo l'impasto bello lucido, segno che è ben incordato! e la prova è il fatto che sia cresciuto quasi a voler scoppiare!
    una cucchiaiata di farina alla fine non è un gran problema, anzi... brava, brava!!! non è un impasto facilissimo ;-)
    se hai una foto manda pure alla mia email, mi piacerebbe vederla, oppure caricala su imageshack e poi linkala qui!
    un bacio grande, è sempre un piacere sapere del successo di una ricetta :))
    le ricette le prendo in giro per la rete, alcune volte le eseguo pari, pari (raramente) altre volte le stravolgo!
    poi le prendo su alcuni libri, per es. l'altra brioche francese la presi sul libro di Bocuse, ma pure lì cambiai la lavorazione, di solito sono diverse da quelle che insegna il mio grande Maestro, si vede che lo adoro??? :))))

    @gaia, hai ragione, scusami, ho detto una sciocchezza!! è che credimi... siete davvero brave, perchè riuscire a far lievitare un impasto senza glutine, a me pare un vero miracolo :))

    RispondiElimina
  34. @ily, dimenticavo... anche questa l'ho presa in rete, l'ho linkata! tra l'altro in un sito francese dove ce ne sono molte altre. alcune volte le invento anche ;-)

    RispondiElimina
  35. Io non riuscirò mai a tentare di realizzare un dolce lievitato, mi ci metto d'impegno, mi preparo psicologicamente, mi convinco... e poi chissà perchè cambio sempre rotta!

    RispondiElimina
  36. Ciao Paoletta volevo farti tanti complimenti sei davvero tanto brava,adoro il tuo blog sai anche io me ne sono creata uno da poco,ci sto lavorando ancora,devo dire che è molto gradificante inserire i nostri pensieri in un posticino tutto per noi,spero mi verrai a trovare mi farebbe un sacco piacere,..........
    A presto Antonella!

    RispondiElimina
  37. Che buono questo pane a colazione!!!
    Le tue ricette sono sempre un successo,ho appena pubblicato la ricetta dei panini laugenbrot,ho aggiunto anche il tuo link,volevo avvisarti e ti volevo ringraziare anche da parte di mio marito,che li ha mangiati quasi tutti,non mangia mai cose "strane" così dice lui,ma questi gli sono piaciuti e per dirlo lui ce ne vuole..... Grazie ancora e buona giornata!

    RispondiElimina
  38. Come ho detto, ho fatto la dose intera, me ne sono venute due cotte in stampi da plum cake.
    Non è un impasto facilissimo però seguendo alla lettera la tua ricetta non ho avuto problemi, sono lievitate moltissimo, ben oltre il bordo degli stampi, è veramente una brioches leggera e soffice, ieri ne avevo ancora un pezzo, con un'amica abbiamo fatto merenda spalmando le fette con un leggero strato di marmellata:)))

    RispondiElimina
  39. Ho provato anche io la tua ricetta...questa brioche è una droga!!!E' stata dura per l'incordatura..intanto perchè non l'avevo mai provata, secondo poi perchè non ho una planetaria e con lo sbattitore mi si stava staccando un braccio:) Comunque alla fine è venuta lievitatissima...tanto che ha sbordato dallo stampo da plumcake e ha assunto un aspetto a fungo!! ...la prossima volta metto meno impasto così verrà più bella a vedersi.Comunque è ottima...complimenti ancora per il tuo sito!

    RispondiElimina
  40. Ciao, ho fatto, e finito, i tuoi croissant, che dire... Ottimi! Grazie per la ricetta.
    Buona settimana.
    Claudia

    RispondiElimina
  41. Questa brioche é stata invidiata da tutte le mie vicine di casa(francesi),tutte vogliono la ricetta!Che dire sembrava appena uscita da una boulangerie.Grazie
    Claudia

    RispondiElimina
  42. scusate, mi rendo conto solo adesso di non aver risposto :(
    che dire se non grazie! della fiducia, come sempre e dei vostri resoconti!
    un bacio

    RispondiElimina
  43. Ciao Paoletta,volevo un chiarimento su questa ricetta perchè vorrei provare a farla.Nella ricetta originale che tu indichi si dice "12 gr. di lievito di birra fresco o 7 gr. di lievito secco".Ora io solitamente faccio la proporzione 1 gr secco =3 gr. fresco quindi qui la proporzione non mi torna.Anche te vedo che hai usato 12 gr di fresco,pur avendo ridotto la dose originale.C'è un errore nella ricetta iniziale secondo te,o che altro.
    Grazie e bravissima come sempre.
    Rita

    RispondiElimina
  44. e chi non ha il contenitore a chiusura ermetica??

    RispondiElimina
  45. ciao paoletta, e' da quando hai pubblicato questa ricetta che sogno di farla... però non avevo l'impastatrice. venerdì ho ricevuto come regalo di compleanno l'artisan e questa e' stata la prima ricetta che ho provato! sfornata stamattina, che dire: una nuvola. sono felicissima!! grazie!

    RispondiElimina
  46. @Rita, no nessun errore, ho deciso di usarne quella quantità :)

    @Cinzia, dove sta scritto che va usato??

    @Marta, mi fa davvero piacere :))
    io adoro questa brioche

    RispondiElimina
  47. Ciao carissima guardo spesso il tuo blog che mi piace tantissimo: sei molto brava! ora che viene la stagione voglio provare la tua marmellata di fragole xkè anch'io preferisco non usare pectina... ti saprò dire. intanto ho visto questa spendida brioche e vorrei provarla. Io non ho l'impastatrice ma il vecchio Bimby, lo conosci? pensi si possa usare? oppure usare la macchina del pane? grazie mille e un abbraccio
    Albertina

    RispondiElimina
  48. Cara Paola, visto che mi piace molto pasticciare con farina e lieviti e che sono ormai 3 anni che faccio il pane in casa (quasi sempre con la pasta madre), consulto molto spesso il tuo blog che trovo molto bello, utile ed esaustivo. Leggendo leggendo, giorni fa ho visto che in una delle tue ricette parli di latte intero CRUDO e rimandi ad un altro blog per sapere dove si può trovare nelle varie città. Poiché ero un po' di fretta non l'ho consultato e sono qui a chiederti se sai dove posso reperirlo a Roma. Grazie infinite per l'attenzione, un abbraccio e alla prossima! Simonetta
    P.S. Ho chiesto la tua amicizia su FB :))

    RispondiElimina
  49. @Albertina, ciao, perdona il ritardo... con il bimby non ho mai impastato, mi verrebbe da dirti di no perchè non è un'impastatrice e questo impasto non è facile. Poi però ho sentito anche che c'è chi ci fa il babà, non saprei. Con la mdp temo di no, per lo stesso motivo, l'impasto è molto idratato.
    Mi fai sapere?

    @Simonetta ciao non saprei a Roma, dovresti consultare quel sito, non appare più il link sul post? cerca latte crudo sul mio blog, di sicuro lo trovi.
    un bacio :)

    RispondiElimina
  50. Paoletta, fatta!!! Ora è sulla gratella a raffreddare. Quando la taglio, ti mando le foto. La quantità di burro fa ingrassare solo a leggere la ricetta...però dovevo provarla ;-) Poi di dico. Bacio

    RispondiElimina
  51. @Barbarella, te non ci crederai, ma te la volevo consigliare l'altro giorno!!
    o l'ho fatto e non mi ricordo?? no, perchè te sai... ;-)
    baci

    RispondiElimina
  52. Assaggiata (anzi sbafata proprio!!! Tre fette con prosciutto crudo e champagne millesimato. Qui non si scherza niente ;-) !!!). Avevi ragione. E' una nuvola!!! Incredibile!!! E pensa che ho usato il burro di Vipiteno. Quello bavarese era finito. Eppure è venuta superbene lo stesso. Non si sente affatto il sapore del burro. Delicata e profumata... So che Adriano usa (o usava) il burro di Vipiteno per il panettone. Scrivera che lo riteneva uno dei migliori. Comunque, come sempre, sei un mito!!! Tu mi avevi consigliato le mini Tarte Tropezienne, non ricordi male. Cmq prima o poi farò anche quelle ;-)!!! E che, te pare de no??? Intanto ti mando le foto di questa. A presto!!!

    RispondiElimina
  53. @Barbarella, lo dico sempre... sei un mito!!
    le tropezienne le faremo insieme, magari in un giorno di pioggia ;-)
    ma spero di no...
    baci, a presto

    RispondiElimina
  54. Per distrazione ho messo il burro a pomata, ho atteso che il frigo per qualche minuto stemperasse il tutto e poi sul piano lavoro con un Po di farina ho fatto le pieghe, adesso e' li che riposa a temperatura ambiente per 40 '....che dici ho rovinato tutto!!! Ps comunque ora il panetto e' compatto e morbido! Bacio

    RispondiElimina
  55. Sembra davvero buono e perfetto!! peccato che non ci siano le foto passo passo, ho visto che nelle ricette dei lievitati non ci sono quasi mai: perchè non le metti? sarebbe davvro più facile provare la ricetta per una come me che anche con 100 foto non le viene mai quasi mai la ricetta come dovrebbe essere!!!

    RispondiElimina
  56. @Anonimo, come ti chiami e come è andata, poi?

    @Mery, laddove è necessario ci sono, per es. nei croissant ;-)

    RispondiElimina
  57. Ciao Paoetta Buon Anno :))))) .....mi chiamo Milena Ledda sono tra i tuoi amici su fb....la brioche nanterre e' strepitosa buonissima morbida e profumata, ho fatto un figurone nonostante qualche errore nei passaggi. Ti adorooooo

    RispondiElimina
  58. @Milena, grazie sei molto carina... buon anno anche a te!
    anche a me piacciono molto le brioche francesi, e questa la preferisco a tutte :)
    baci

    RispondiElimina
  59. Ciao Paoletta!prima di tutto vorrei dirti che con questa ricetta mi hai fatto un regalo speciale.Era da un sacco di tempo che la cercavo e...finalmente eccola qui.Meraviglia delle meraviglie. da provare.
    Sono alle prime armi con i lievitati, ma con la nuova planetaria che mi chiedeva di essere sperimentata, mi sono fatta coraggio e ho iniziato.:D
    Risultato? è lievitata a tal punto che in cottura è debordata dai bordi della teglia e si è alzata parecchio (rispetto alla tua delizia)
    Ecco perchè vorrei farti una domanda "tecnica" in relazione alla quantità di lievito. ho visto che hai dimezzato le dosi rispetto alla ricetta originale, ma hai comunque mantenuto i 12 gr di lievito. Ora...può essere che questo mi abbia fatto ottenere un impasto troppo lievitato? (dopo le 8 ore in frigo - prova del dito - l'impasto non è tornato indietro)
    E' stato quello o ci sono altre variabili che posso aver sbagliato? mi piacerebbe tanto raddrizzare il tiro e farla diventare la mia colazione del week end.
    ahhh non ultima, una curiosità, seppur stupida ma fondamentale..quando si riconosce un impasto che è meglio non ingerire perchè mal lievitato?
    grazie in anticipo per la pazienza e sopratutto per la tu dedizione..per noi che leggiamo è più che di ispirazione! Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina, perdonami l'enorme ritardo. Non so se ho capito bene il problema... l'impasto, in frigo, ti è passato di lievitazione? Se sì, ma ti sei assicurata che la temp. del frigo fosse max a 6°?
      Di solito un impasto lievitato male, poco o troppo, non sviluppa in forno, oppure (dipende dal lievitato) cresce in forno poi si sgonfia...

      Elimina
  60. Ciao Paoletta, per prima cosa, complimenti davvero per le tue ricette e le tue foto e grazie per condividerle con noi, sei davvero in gamba! Vorrei chiederti un consiglio, che ne pensi se provassi ad usare questo impasto per fare i cornetti? Sono alla ricerca di una ricetta per cornetti briochati, pensi che questo impasto possa dare un buon risultato? Grazie, Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia, temo non sia adatto... casomai delle brioche :-)

      Elimina
  61. ciao,
    il burro deve essere 165gr e non 250.
    Ciao

    RispondiElimina