venerdì 30 aprile 2010

Caponata di carciofi

Cinziè, quando ho mangiato 'sta caponata a casa tua mi sono dimenticata di chiederti come mai "vastasa"? ma ero troppo presa a mangiare ;-)
Perché come dici tu, se inizi a mangiarla, non la smetti fino a che non hai finito, e meno male che di carciofi ne avevo solo 5, e non 15 come prevede la tua ricetta, se no era la fine... mica per altro, per il filone di pane che tu consigli di mangiarci e di cui non se ne può fare a meno!
Caponata vastasa

Cinzietta la chiama caponata vastasa, e dice che Camilleri usa spesso il termine vastasa per definire una situazione piccante, io aggiungo che mangiarla è devastante, nel senso di esperienza sconvolgente :)
Dico solo che mia figlia, al primo boccone sospettosa mi fa mamma ma cosa c'è dentro? sento un sapore strano... e io, se le avessi risposto che era l'agrodolce poi per punto preso (adolescenti, uhmmm) avrebbe trovato da ridire, quindi, innocente, le ho detto, ma no nulla, ho solo sfumato col vino!
E lei, col sopracciglio alzato, fa... ah ecco! (ma pareva dicesse, ma senza, no eh??). Però intanto mangiava, e quando ha terminato la sua porzione ha detto, mamma me ne dai ancora?
:))
Quando l'ho assaggiata a Palermo, da Cinzietta, mi è proprio rimasta nel cuore, nella sua semplicità un tripudio di sapori, una mescolanza, un alternarsi di sensazioni dolci, salate, aspre e coinvolgenti!
Poi la cosa che assolutamente s'aveva da provà, era mettere in ammollo i carciofi nella farina, cinzietta giurava che la farina funziona meglio del limone, provare per credere!
Ho provato e, quando si mettono nel bagno di acqua e farina, magicamente sbianchiscono e diventano di un verde brillante, perdendo immediatamente quel nero che si fa subito mentre si stanno pulendo.
Meraviglioso!
Li rifarei domani per vedere la magia, col limone non rimangono altrettanto belli :))

Per la ricetta ho, rifatto la sua, ma mi piaceva il fatto di aggiungere qualche pinolo, come fa il mio amico Roby, qui, mi sa di Sicilia ;-)
Ne è uscita una vastasa da fine del mondo, di quelle da nostalgia... che ti fanno pensare... voglio tornà in Sicilia :)))

Caponata vastasa

Prima però voglio fare ancora qualche giro, Squisito a San Patrignano, a proposito, il 30 scade il termine per votare, se vi fa piacere... be' lo sapete già, sono in finale per la sezione Fotografia :))

E poi Napoli, poi... poi mi sa che, per un po', questo blog sarà anche diario di viaggio, e non solo un blog di ricette, perché un blog si evolve insieme a chi lo scrive...
Mi seguite in questo viaggio??

Da domani quindi a Squisito, poi ci vediamo per i CORSI a Napoli qui, poi ancora qui a Milano:)



CAPONATA DI CARCIOFI (o vastasa) ricetta di cinzietta

Le dosi sono esagerate, ma vi conviene non ridurre perchè:
1) è congelabile
2) non smetterete di mangiarla finchè non è finita :))
15 carciofi, 3 etti di olive bianche* denocciolate e dissalate, 4 cipolle, 1 barattolo di concentrato di pomodoro (ma si può usare il pelato o la passata di pomodoro) 1 testa di sedano, una manciatona di capperi, aceto 1 tazzina, e 2 cucchiai e mezzo di zucchero.
SI puliscono i carciofi togliendo le foglie più dure, tagliando la parte spinosa e riducendoli a fettine non sottili che si metteranno in una bacinella con acqua e farina. Non ho detto una fesseria, ma anzichè usare la normale acqua e limone per non annerirli, fate lo stesso con acqua e uno/due cucchiai di farina, i carciofi rimarranno verdi come appena comprati (provare per credere) .
Una volta puliti si lasciano stufare in padella con poco olio e poca acqua aggiustando di sale. Pulite il sedano tagliatelo a pezzetti e fatelo lessare lasciandolo al dente.
Si affettano sottilissimamente le cipolle e si lasciano e stufare anch’esse in poco olio, si aggiunge il concentrato di pomodoro da allungare con un paio di tazzine di acqua, si regola di sale e pepe. Si aggiunge, quindi, il sedano lessato, una tazzina di aceto e 2 cucchiai e mezzo di zucchero facendo sobbollire per ancora un paio di minuti.
Si spegne e si aggiungono le olive, rimescolando il tutto. Versare a cucchiaiate la salsa agrodolce ottenuta sui carciofi. Rimescolare piano per non rompere i carciofi. Raggiunge il top dopo una notte di riposo… e non vi scordate di metterci vicino un filone di pane :)))

* correzione doverosa: noi siculi usiamo dire "bianche" le classiche olive verdi, per distinguerle dalle nere.

43 commenti:

  1. io...io...io sono commossa! non ho parole! solo una valanga di baci, ma una grande valanga di baci!
    grazie. :)

    RispondiElimina
  2. Tra il connubio della tua bravura e lo zampino di Cinzietta, non può che esserne risultata una vera bontà.Buon fine settimana,Roby

    RispondiElimina
  3. miiiiii che buona!!! ma com'è che io non l'ho mai mangiata la caponata di carciofi! la provero' di certo anche se a scegliere i carciofi sono una frana...ma teoricamente non si potrebbe anche conservare in barattoli questa caponata?

    RispondiElimina
  4. ma certo che ti seguiamo paoletta! me l'ero persa la caponata di cinzia ma al più presto provvedo. che contorno sfizioso... grazie per la dritta del carciofo, non la sapevo proprio questa!
    p.s. spesso anche io raggiro la mia adolescente così...

    RispondiElimina
  5. caponata, la adoro!
    io però la faccio facendo stufare le verdure insieme (non lessandole intendo) semplicemente aggiungendole in momenti diversi della cottura, per il resto idem.
    Questa di carciofi dev'essere mitica e tra l'altro questa cosa della farina è talmente curiosa che la rifarei proprio subito guarda!
    Dev'essiri propio vastasazza... =)

    RispondiElimina
  6. Ciao Paoletta,tutto bene?Manca poco!!Voglio dirti che anche a Procida come anche a Napoli,credo,usiamo il termine vastaso/a,che però indica una persona oscena e volgare,niente a che vedere con la tua caponata che di osceno non ha nulla se non il fatto che si farebbe il bis,il tris il....vabbè baci.

    RispondiElimina
  7. Che buona la caponata!!
    Grazie, grazie , grazie.
    Ma quando ci inviti tutte a mangiarla da te???
    daniela

    RispondiElimina
  8. Mamma mia basta la tua descrizione per convincerci che questa sa da fa assolutamente. Se poi ci metti anche le foto ci fai venire un coccolone causa emozione troppo intensa!
    La cosa della farina la devo provare assolutamente, voglio assistere al miracolo dello sbiancamento.

    RispondiElimina
  9. Interessante la dritta della farina sui carciofi, seguendoti si imparano tante di quelle cose!
    Questa ricetta mi piace!
    Buon WE :-)

    RispondiElimina
  10. Quella della farina non la sapevo,c'è sempre da imparare.....
    Deve essere squisita, assolutamente da provare!
    p.S. Hai visto che ho pubblicato la tua Parigina? Le foto non sono belle come le tue, ma in compenso era tanto tanto tanto buona:)
    A presto ciao

    RispondiElimina
  11. ..dopo questa descrizione..e queste foto(!!)non si può non provare..!!

    RispondiElimina
  12. Buon viaggio,
    in bocca al lupo per Squisito e in bocca al lupo poi per i corsi.
    Certo che noi si viene con te!!?! dove si dovrebbe andare, senno'??!?!
    e bella sta caponata vastasissima

    baci

    RispondiElimina
  13. Ciao sono Marina.Finalmente qualcuno che usa la farina per non annerire i carciofi. Mi sentivo un'aliena. Anche perchè il lieve acidulato del limone nei carciofi non mi è mai particolarmente piaciuto. Proverò la caponata, figlie permettendo. Ci vediamo sabato 8 a Napoli.

    RispondiElimina
  14. Ottima! E' una ricetta che fa proprio al caso mio, inoltre è anche congelabile!
    Interessante anche la spiegazione sulle olive bianche!
    Buona giornata,

    Nadia - ALTE FORCHETTE -

    RispondiElimina
  15. ma si che ti seguiamo, Paoletta, non potrebbe essere diversamente! e magari la prossima volta che vai in Sicilia veniamo pure lì. Torno dal verduraio...mi ero dimenticata i carciofi, perchè va fatta subito questa ricetta!
    Grazie ancora e buona giornata,
    Cristiana.

    RispondiElimina
  16. buonissssssimaaaaaaaaa!!! la voglio provare assolutamente! ho tutti gli ingredienti!!! ma forse dimezzo le dosi...altrimenti la mangerei tutta davvero!!!

    RispondiElimina
  17. Beh, se non è una leccornia questa non vedo cos'altro potrebbe essere!?!?! Mi viene l'acquolina solo a vedere la foto... soprattutto oggi che per pranzo mi sono portata solo un ananas :(

    RispondiElimina
  18. ciao Paoletta,
    non ho tempo per leggere i commenti e magari questa domanda c'e' gia'.Ok olive bianche ma quali sono quelle dolci o quelle acudule...Non ci capisco neinte con le olive.
    ciao un grande abbraccio da Lecco
    Paola

    RispondiElimina
  19. L'ho fatta tempo fa, proprio con la ricetta di Cinzietta. Ho solo sostituito il pomodoro con un pochino di strattu. Ma tu ci hai messo i pomodorini?
    Un bacio
    Cat

    RispondiElimina
  20. Ciao Paoletta, in bocca al lupo per Squisito. Domenica ci saremo anche io ed il mio piccolo Michele a fare il tifo per te... magari ci si incrocia! Un bacio

    RispondiElimina
  21. Ciao Paoletta ti ho rivotata anch'io per Squisito e un in bocca al lupo per tutto ;D.
    Vedo questa caponata e visto che di ritorno dalla "terra santa" mi son portata una quantità enorme di carciofi, questa ricettina stasera fa proprio al caso mio ;D
    Un bacio e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  22. An excellent blend of ingredients. Thanks a lot for the idea. Nice post.

    RispondiElimina
  23. Wow, che delizia!! Appena provata in Sicilia....qualcosa di indimenticabile!!! A presto!

    RispondiElimina
  24. Fantastica la caponata di carciofi di Cinzietta: quando la prepara mangerei solo quella!
    Il vastaso era uno scaricatore, un facchino, comunque una persona dai modi non troppo raffinati...per estensione, nel dialetto siciliano, "vastàso" sta per volgare, maleducato e, riferito ad un cibo significa popolare, verace, dal gusto antico e autentico...di certo un cibo non raffinato, ma stuzzicante e gustoso!
    ciao, Paoletta!
    anita

    RispondiElimina
  25. Sono felice che la ricetta usa carciofi in una via buonissimo! Il sugo quale viene da i carciofi e' interesante con la combinazione del barattolo di concentrato di pomodoro, ma loro sono aggungere bravissamente! Anche mi piace com'e' una ricetta puo' usare per pochi pasti. Grazie per questa, e' bounissimo!

    RispondiElimina
  26. Anche io conoscevo il trucco della farina per sbiancare. Lo uso anche con i cardi lessi: nell'acqua di cottura qualche goccia di limone e un paio di cucchiai di farina.
    Provero' questa ricetta ; l'unica verdura che mi lascia perplessa e' il sedano che uso in tutto altro modo (sughi a lunga cottura).
    Ma c'e' sempre qualche cosa da imparare.
    Ciao elisa57

    RispondiElimina
  27. Ci credo che non si smetterebbe mai di mangiarla, un equilibrio irresistibile! Appena trovo dei carciofi decenti (qui non è facile) mi butto.
    Buon fine settimana e in bocca al lupo per Napoli (mi sarebbe piaciuto :-(

    RispondiElimina
  28. ciao deve essere buonissima sta ricetta!! la proverò di sicuro. vieni a farci visita ;) buona domenica

    RispondiElimina
  29. Ciao,
    hai visto che hanno citato il tuo blog sul Corriere della Sera di ieri?
    Complimenti

    RispondiElimina
  30. Molto appetitosa e invitante! Complimenti

    RispondiElimina
  31. HAI VINTO!!! l'ho letto solo adesso...hai vintoooo!!
    Sono felice per te!
    E pensare che oggi ho fatto la "carciofata" ossia i carciofi in agrodolce, ma questa ricetta merita davvero e perciò te la copio!
    Ma i corsi di cucina qui a Catania? Io aspetto notizie, non sapresti dirmi dove potrei informarmi?
    un abbraccio

    RispondiElimina
  32. ciao..
    wow wow e spettacolare e come hai detto tu e si che il filone di pane va via..ma chi se ne frega
    va gustata questa caponata sei bravissimaaaa
    ciao da lia

    RispondiElimina
  33. I will totally buy this only for the fresh looking such a amazing dish.

    RispondiElimina
  34. Ma ho capito bene, è piccante? ma quanto?

    RispondiElimina
  35. Bene, bene, bene, stamane ho adocchiato dei carciofi pugliesi magnifici... Mmmmmmmmmm! Non vedo l'ora di farli con questa tua ricetta!
    Per quanto riguarda il metodo della farina, in Spagna è quello adoperato di consueto ;) e funziona veramente!

    RispondiElimina
  36. La sto preparando con tutti i crismi...farina compresa!!! vediamo un pò se sono all'altezza!!

    RispondiElimina
  37. Wow!!! Che bontà!!!! Complimenti, il tuo blog è fantastico, le foto poi....bravissima!!!
    Silvia

    RispondiElimina
  38. Da sempre conosco, preparo e mangio, facendo fatica a contenermi, la caponata di melanzane alla maniera della mia nonna materna che era palermitana. Identica in tutto a questa tranne ovviamente nei carciofi. La proverò sicuramente, deve essere semplicemente "divina" (e grazie per la dritta della farina!!).
    Seguo da tantissimo il tuo blog, è stupendo. Ciao Resy

    RispondiElimina
  39. sono partita poco dopo questo post, per squisito, dopo di che via con i corsi!
    avevo dimenticato che qui c'erano un mare di commenti, scusate :((
    vi ringrazio tutti, chi ha dato dei consigli, chi ha fatto i complimenti (ma vanno a cinzietta) e a chi mi ha fatto il suo "in bocca al lupo"!
    grazie, io ci sono stata poco, ma i vostri commenti, pur non avendo nemmeno fiato per respirare, li ho letti tutti, e non potete capire che compagnia mi hanno tenuto :))

    un bacio grande, a TUTTI!!

    RispondiElimina
  40. ciao paoletta,
    volevo invitarti nel mio nuovo blog di cucina..
    è nato oggi, ha solo una ricetta .. però spero possa essere carino per voi professionisti..
    il mio primo post è la ricetta della vera caponata palermitana.

    la ricetta è quella trazionale, antichissima !
    chi di voi è curioso passi pure.. io e la mia gatta medea vi aspettiamo ..
    grazie

    valentina - una pittrice ai fornelli

    RispondiElimina
  41. paoletta,
    sono una americana ed ero studentessa d'italiano. ho tradotto la ricetta ad inglese e mi piacerebbe provarla nella mia cucina. ho una domanda. che tipo di aceto si usa? Grazie!!

    RispondiElimina
  42. In Amnesia: The Dark Descent you awaken only to find yourself in a mansion, with no idea how you got there or what to
    do next. This is what makes this website compellingly attractive
    for those looking to play games anytime of the day.
    Of course, being "Extreme" means doing extreme things like building overclocking into the BIOS.


    My page; doom 3

    RispondiElimina