venerdì 5 marzo 2010

Maritozzi con uvetta e pinoli

Questi maritozzi con uvetta e pinoli, Ada Boni li chiama "I maritozzi fini di pasticceria". In effetti, penso che, almeno ora, quelli che si trovano in pasticceria, sono i maritozzi con la panna. Mentre invece quelli coi pinoli e uvetta, si trovano più spesso dai fornai, è così?

maritozzi

A me piacciono in entrambi i modi, certo quelli con la panna sono goduriosi, questi invece somigliano molto ad un pane dolce condito, ma ottimi!
Li ho fatti variando la ricetta di Ada Boni e seguendo il metodo che si usa oggi per la lavorazione di un lievitato (grazie Maestro) quindi togliendo la pasta di pane usata nella ricetta e sostituendo con un poolish, ma non solo...
Poi ho usato burro piuttosto che olio, per me il sapore ne esce più delicato.
Insomma, li ho stravolti, ma devo dire ho ritrovato lo stesso sapore di quelli presi di panetteria che mi portò Tina lo scorso anno, dal viterbese.

MARITOZZI CON PINOLI E UVETTA

Ingredienti:
335 gr di farina (metà manitoba e metà 00)
2 uova medie
75 gr di burro
80 gr di acqua
50 gr zucchero
4 gr di sale
7 gr di lievito di birra fresco
buccia di 1 arancia grattugiata
50 gr di pinoli
50 gr di uvetta sultanina
1 uovo per spennellare

Procedimento:
Sciogliere il lievito nell'acqua e aggiungere 75 gr di farina presa dal totale. Coprire con pellicola e far lievitare 1 ora.
Non appena il poolish è bello gonfio, rovesciarlo nella planetaria insieme ad un paio di cucchiai di farina, far assorbire bene.
Unire 1 uovo, impastare col gancio K o foglia e attendere che sia assorbito. Aggiungere metà dello zucchero, poi altra farina e impastare qualche minuto.
Quindi unire l'altro uovo e ad assorbimento l'altra metà dello zucchero.
Proseguire con la farina incordando bene l'impasto, aggiungere la buccia d'arancia e subito dopo il burro morbido, poco alla volta. Incordare molto bene.
Cambiare il gancio K o foglia con quello a uncino, far girare qualche minuto e unire l'uvetta precedentemente ammollata in acqua tiepida, e poi strizzata, e i pinoli. Incorporare bene.
Porre in una ciotola, coprire con pellicola e far lievitare 1 ora e 45 minuti circa, l'impasto deve più che raddoppiare. Quindi spezzare l'impasto in 9 pezzi da 75 gr l'uno, se si vogliono dei maritozzi più grandi, da 90 gr.
Mettere i maritozzi su una teglia coperta di carta forno e lasciarli lievitare fino al raddoppio, da controllare, ci vorranno almeno 2 ore ma dipende dalla temperatura e dalla grossezza dei maritozzi. Spennellare di uovo battuto e infornare a 180° per circa 20 minuti.


46 commenti:

  1. Ne hai ancora un paio? Parto adesso e me li vengo a mangiare a merenda!!!

    RispondiElimina
  2. Che fico!
    Un'altra fan come me di Ada e delle ricette RUMANE! :-)
    Se ti interessa avevo già fatto un post io su questi maritozzetti, col lievito naturale però...anche se le tue foto sono imbattibili! :P
    Complimenti come al solito da un tuo grande fan!

    http://italianlinguini.blogspot.com/2010/02/dolci-tentazioni-della-quaresima-alla.html

    -Lorenzo-

    RispondiElimina
  3. Eh,io mi sono buttata su quelli goduriosi... ma anche questi non devono essere niente male...
    tra l'altro, facendo un po' di ricerche, mi sembrava di aver capito che i maritozzi, quelli veri, sono romani e fatti proprio cosi'! (almeno per wikipedia)...

    @Piero
    ma che 'ssei sempre a giro, te??
    ;-)

    Buon fine settimana a tutti e due!

    RispondiElimina
  4. Che buoni, Paoletta...ne vorrei uno per colazione!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Davvero ottimi...chissà che buoni devono essere...baci Luciana

    RispondiElimina
  6. ma che belli! e posso solo pensare a quanto sono buoni

    RispondiElimina
  7. Waw questa potrebbe essere una ricetta da preparare al suocero che va matto di questi dolci con le uvette (io invece non le sopporto molto)!
    Hai mai provato a fare la Bisciola? E' un dolce tipico valtellinese!

    RispondiElimina
  8. Io invece preferisco questa versione di maritozzi perchè sono delicati e non stucchevoli. Perfetti come coccola serale.
    Proverò a farli ma a mano. Vediamo cosa salta fuori :)

    RispondiElimina
  9. Ciao Paola,
    complimenti, sempre belle le foto e interessanti i procendimenti. Volevo chiederti se, secondo te, è possibile replicare la ricetta pur senza impastatrice, ovvero lavorando solo con la frusta elettrica.

    Let me know!! :)

    Silvia

    RispondiElimina
  10. Madòòòò Paolè! Sei numero 1! Ma come fanno a uscirti sempre bene le cose?
    Tvb

    RispondiElimina
  11. Quando leggo ricette come queste sento il "bisogno" di una planetaria... a mano non ce la posso fare ;)
    Ma si possono fare anche con il lievito madre secondo te?

    RispondiElimina
  12. Che buoni i maritozzi! Sono anni e anni che non ne mangio uno. Grazie per l'ispirazione Paoletta. Il tuo blog e le tue foto sono davvero stupendi. Sei bravissima!

    RispondiElimina
  13. uvetta e pinoli!!che meraviglia!ahah Paoletta tu e le tue paste lievitate mi state contagiando!ti saprò dire come mi vengono!Ale

    RispondiElimina
  14. una parola: GNAM!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  15. davvero! devo dire che con i lievitati sei eccezionale.io sono in difficoltà coi tempi di lievitazione, perchè mettendomici di pomeriggio tutte queste lievitazioni mi portano a finire la cottura quando ormai abbiamo già cenato!!!e il giorno dopo non sono come appena sfornati, purtroppo!
    brava ancora!!
    a presto,
    Cristiana

    RispondiElimina
  16. I maritozzi che buoni!!!!! Io ho una ricetta senza uova ma ora provo pure la tua, brava!!

    RispondiElimina
  17. Come sempre le tue ricette sono una garanzia, proverò anche questi come alternativa per le colazioni rilassate del fine settimana! Ciao!
    Francesca

    RispondiElimina
  18. Di aspetto sembrano i panini all'uvetta che mio nonno mi comprava per la colazione quando andavo a scuola. Mi chiedo se il sapore sara` lo stesso. Mi segno la ricetta :P

    RispondiElimina
  19. Paoletta, oggi sei in sintonia con Santin! :D Leggevo da lui stamattina che si impastano con l'olio perché in Quaresima, volendo osservare il precetto di mangiar di magro, non si doveva contaminare il cibo neppure con l'aggiunta di un grasso di origine animale... Hai fatto bene a mettere il burro,i tuoi maritozzi sono spettacolari!!!!

    RispondiElimina
  20. emanuela (jesi)06 marzo 2010 13:14

    Ciao Paoletta.
    Da noi (jesi - ancona - marche) i maritozzi (o in dialetto - maritozzoli) li fanno fior fiori di pasticcerie e sono tipici della festa di San Giuseppe. L'unica differenza è che li spennellano con una specie di glassa fatta con albume e zucchero.
    ciao ciao
    Emanuela (jesi)

    RispondiElimina
  21. Ma come si fa a dire di no ad un maritozzo così! Dorato fuori e fragrante all'interno! Splendidi!
    baci baci

    RispondiElimina
  22. la scoperta dei veri maritozzi a Roma,,quelli con la panna una bontà i tuoi saranno sicuramente alla lor altezza! come sempre brava

    RispondiElimina
  23. Cara Paoletta questi maritozzi( molto simili con l'anice al posto diuvetta e pinoli) mia nonna li faceva in occasione della trebbiatura per la colazione degli operai, loro li mangiavano accompagnandoli con un bicchiere di vino, io li inzuppavo nel latte!!! Secondo te posso farli sostituendo il burro con l'olio in modo da farli rientrare nella dieta? il burro mi è stato proibito in maniera categorica!!!! un bacio, Lucia

    RispondiElimina
  24. Bè alla fine li ho fatti... a mano!! Il mio piccolo sbattitore si è arreso, ma io no.

    Buonissimi, ma, da romana, direi carenti di zucchero. Almeno il doppio?
    Cmq un successo! ;)

    RispondiElimina
  25. @Lorenzo, ero tentata di farli col lm, ma i dolci non mi ci vengono mai benissimo :)
    belli i tuoi!!

    @Gaia, l'è un girellone ;-)

    @burrogragola, no mai, tu l'hai fatta?

    @Gloria, li ha fatti Lorenzo, leggi su!

    @Francesco, be' detto da te è un grande complimento, ma non starai esagerando?? :))
    stupendo il tuo blog, e le tue foto... senza parole!

    @alessandra, okay poi dimmi :)

    @Cristiana, puoi mettere in frigo dopo 1 ora di lievitazione e proseguire il giorno dopo...

    @Zia Elle, anche io, ma sono due tipi di maritozzi diversi, da provare entrambi ;-)

    @Ilaria, credo di sì, assomigliano molto ad un pane dolce, in effetti!

    @Ornella, in effetti la ricetta prevedeva olio evo, quindi di quaresima !

    @Emanuela, quindi bianca??
    sai che non li conosco?

    @nonnakia, in effetti il sapore e la consistenza ricorda molto quelle ciambelle all'anice, brava!!
    sai che li mangiavo e dicevo "mi ricodano qualcosa!" ecco cosa... da noi, si facevano a ciambella!
    usa dell'olio evo, ma mettine 60 gr non di più!
    come mai no burro?? ha meno calorie dell'olio ;-)

    @Silvia, in effetti ricordano un pane dolce, molto somigliante ai maritozzi del forno, ci ho pensato dopo, si potrebbe ovviare con uno sciroppo acqua/zucchero all'uscita del forno, come quello dei maritozzi alla panna.
    oppure aumentare lo zucchero a 60/65 gr non di più!


    a TUTTI, grazie e buona domenica!
    un abbraccio :)

    RispondiElimina
  26. Paoletta, io questi con l'uvetta li faccio tutte le settimane, lunedi provo ad aggiungere dei pinoli ciao un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  27. emanuela (jesi)08 marzo 2010 10:53

    Si la glassa rimane bianca ed è simpatica perché è poprio spennellata sopra per cui l'effetto è irregolare con tratti in trasparenza, proprio come quando dai la vernice ... domenica 21 al pranzo in famiglia ci saranno sicuro (se non li fa mamma che invece non li glassa) per cui magari ti mando la foto.

    ciao e buona settimana a tutti.
    Emanuela

    RispondiElimina
  28. grazie per la dritta, ci proverò sicuramente.buona settimana,
    cristiana

    RispondiElimina
  29. Ecco il mi sfincione palermitano, fatto secondo la tua ricetta, al modo mio.

    RispondiElimina
  30. Ciao Paoletta.. e buona festa della donna a te ed a tutte le tue lettrici ;-)
    Li ho fatti ieri... buonissimiiiiii..
    Li volevo anche fotografare... ma sono finiti prima di arrivare nella softbox :-)
    ma.. ce la farò prima o poi a fotografarli... vedrai...
    Complimenti come sempre...
    Un abbraccio..
    Matteo

    RispondiElimina
  31. Scusa paolè, prima ti chiedo consiglio poi faccio di testa mia!!!
    ho messo 50 gr di olio di girasole spennellati con il latte e spolverizzati con zucchero!!!! sono nuvole!!! Ovviamente con l'anice!!! Sono tornata indietro di quarant'anni...........

    RispondiElimina
  32. @ciao maria :))
    fammi sapere!

    @emanuela, oltre che buona sì, deve essere davvero carina! per la foto come vuoi, se la fai, mica lo fotografi anche in sezione, chiedo troppo??
    un bacio

    @Taglich, visto bellissimoooo :)
    grazie!

    @matteo, grazie pazienza per la foto :)

    @nonnakia, hai fatto le foto??? :))

    RispondiElimina
  33. Ciao, Paoletta, ti leggo tutti i giorni (giuro!) dalla lontana Lituania, giusto la vigilia della Pasqua tra le altre cose stavo rifacendo anche i tuoi maritozzi (senno' che mangio poi a colazione?). Chiaramente mi sbaglio e i 75 grammi di farina del lievitino li metto due volte, quando apro la macchina del pane per aggiungere il burro mi trovo davanti una cosa tutta a grumi e ci metto qualche minuto a capire cosa e' successo, ma aggiungo l'acqua e continuo ad impastare... Poi invece di uvetta e pinoli ci butto un po' di mirtillo rosso, un attimo dopo me ne pento, perche' e' un frutto parecchio acido, ma sai alla fine che buoni che sono venuti questi maritozzi? Mangiati caldi con la tua crema pasticiera, con quella nota acida che non disturba affatto, ma completa la dolcezza, mmm... sono perfetti per iniziare la giornata

    RispondiElimina
  34. @Ruta, vedi non tutti i mali vengono per nuocere, anzi!! ne è venuta fuori una versione stupenda :))

    RispondiElimina
  35. Ciao Paoletta,
    anch'io ti seguo da lontano...Irlanda nel mio caso. Avevo gia' fatto i maritozzi diverse volte (seguendo una ricetta presa non mi ricordo piu' dove) ma non ero soddisfatta, non erano come quelli del forno del paese dove sono cresciuta, "panosi" e irresistibili. Quando li hai postati mi son detta: ok si cambia e proviamo a vedere come sono questi qua (ci metto un po' io a "fidarmi" ma qua c'e' davvero bella roba e ben fatta); devo anche combattere un po' con mio marito (perche' cambiare, son pur buoni quelli che fai!!) ah haha
    alla fine: che meraviglia!!!!
    li ho impastati a mano (per circa un'ora, bella tosta, eh) e non ho messo i pinoli (non li avevo trovati al super) ma quando li ho provati mi son detta:"c...o che buoni!" mi son girata verso mio marito e mi fa:"c...o che buoni, complimenti!!!" io adesso i complimenti me li sono presi...ma li rigiro a te, che hai postato una ricetta-meraviglia.
    PS: anche i panzerotti sono ormai un desiderio fisso del sempre scettico maritino!!! ;)
    grazie delle molteplici ispirazioni e complimenti per il bel blog
    Martina

    RispondiElimina
  36. @Martina, grazie, è un piacere sapere che vi siano piaciuti e complimenti !! impastare a mano per un'ora di seguito... mitica :)

    RispondiElimina
  37. Credo di essere troppo MERAVIGLIOSE.

    RispondiElimina
  38. Questi maritozzi sono tipici a Viterbo nel periodo quaresimale. Sono buonissimi. Grazie per la ricetta, ma anche io mi chiedo se si possano fare senza l'impastatrice.

    RispondiElimina
  39. @diddi, sì vero sono anche nel viterbese, me li ricordo bene nei forni ;-)
    senza impastatrice? essì, perchè no? ma impasta bene e a lungo!

    RispondiElimina
  40. Ciao! Ho provato a farli con il lievito madre, che ultimamente uso spesso per certi dolci per non doverne buttare via troppo dopo il rinfresco, e sono rimasti molto soffici. Grazie per la ricetta e complimenti per il blog :-)
    Silvia

    RispondiElimina
  41. Cara Paoletta, io li ho appena fatti con la mia pasta madre. Cioè li ho appena cotti...in verità li ho impastati ieri pomeriggio, ho fatto lievitare l'impasro tutta notte in frigo, poi stamattina alle 6 l'ho tirato fuori alle 10.30 ho fatto i maritozzi ed alle 13.30 li ho infornati. sembrano leggerissimi.Poi li assaggio.Lucia

    RispondiElimina
  42. Li faccio li faccio li faccioooo!!! Grazie Paoletta!! :)

    RispondiElimina
  43. grazie paoletta li ho appena sfornati sono ottimi!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina