lunedì 1 febbraio 2010

Un brodo improvvisato, ma non saltate subito a conclusioni affrettate!

Così lo chiama Leo Codacci, e non è di dado! Ci ho pensato un po' su prima di decidere se pubblicare... insomma della serie, ma se po' pubblicà un brodino?? ehmm, suvvia, è da vecchietti!
Ma questa non è una ricetta, perché in fondo, chi è che non sa fare un brodo?? Anche se, volendo, ce ne sarebbe da dire anche sul brodo, su come farlo bene. Diciamo, invece, che è un metodo per fare del buon brodo di carne in meno di mezz'ora!
brodo di carne express

E, come dico ogni tanto, questo blog è il viaggio delle mie esperienze in cucina, quelle ben riuscite, gli esperimenti, i metodi e anche degli spatasci (uno lo vedrete a breve ;-))
Questa volta ho sperimentato un metodo, aggiungo ottimamente riuscito.
E siccome non sempre si ha tempo per un bel brodo di carne, e il dado, uhmm, be' insomma, non so voi ma preferisco farne a meno... quindi direi che ben vengano tutte le dritte!

Io questa del brodo fatto così non la conoscevo, sarà perché in famiglia non ho mai avuto una grande tradizione culinaria, quindi questo brodo improvvisato è stata per me una novità!
Una di quelle cose che leggi e pensi... ma, dai, sarà vero??
essì, era vero!
Magari - anzi di sicuro - la maggior parte di voi lo conosceva già, ma ditemi (vi pregooo) che c'è qualcuno che, come me, ne era all'oscuro, se no mi sento piccola a nera e vado a nascondermi nell'angolino :))

Insomma, poi, mica è detto che la sera minestrina, io con questo brodo improvvisato, l'altra sera, ci ho fatto un bel risotto funghi secchi e zafferano, e ve lo dico?? sì, era buonissimo!

Insomma, se avete finito il dado fatto in casa, (giusto lo devo rifà) se non vi va di provare il risotto con l'acqua come dice Oldani, (voi lo avete mai fatto? ditemi... )
... se volete un buon brodo di carne, pronto in soli 20 minuti, preparazione e cottura comprese, questo è un ottimo compromesso !

IL BRODO IMPROVVISATO (non è di dado) - da Civiltà della Tavola Contadina di Leo Codacci
(con qualche modifica e le mie chiacchiere tra parentesi)

Ingredienti:
350 gr di carne di manzo
900 ml di acqua
1 pomodoro
sale
odori

Procedimento:
Arrivano improvvisamente ospiti e si vuol preparare loro un brodo (o si vuol fare un risotto senza brodo di dado), lo si può ottenere in pochi minuti molto buono.
Si prenda la carne di manzo e la si triti minutamente nel mortaio fino a ridurla in pasta (se siete masochiste, ok, altrimenti mixer con le lame, e via!) e si metta poi sul fuoco con l'acqua, gli odori, il sale e il pomodoro. Dopo 12 minuti circa di ebollizione (io ho fatto bollire quasi 20 minuti, quanto ci metterebbe nella pentola a pressione? 6 minuti!) si coli il brodo attraverso un panno e si strizzi bene, spremendolo con forza.
Leo Codacci dice: è un brodo di carne improvvisato, fatto alla svelta, però è eccellente. Soprattutto è un brodo di carne vera.

(e io concordo)


51 commenti:

  1. Paoletta tranquilla, anch'io non conosco questo metodo per fare il brodo..ma mi intriga tanto..a pensare che sabato non ho fatto il brodo di carne perchè non avevo due tre ore a disposizione..bè che dire non si finisce mai di imparare..grazie, hai fatto bene a pubblicare questo post, sarà utile a tante persone...
    Un bacio Maddy

    RispondiElimina
  2. Ma te pensa...chi l'avrebbe mai detto! Anche io non amo i dadi, e alla meglio spesso cuocevo con un improvvisato brodo vegetale.
    Ora, come si dice a Roma, ho "svoltato" ;-)

    RispondiElimina
  3. ho aperto la tua pagina dicendomi: chissà cosa si è inventata sta mattina? :))
    io lo facevo con carne macinata quando non avevo tempo di fare il brodo, diciamo vero (!), per le pappe...
    un abbraccio
    paola c.

    RispondiElimina
  4. Paoletta, davvero una dritta coi fiocchi! Io già faccio il risotto con la pentola a pressione (il mio tempo per cucinare è spesso risicato) ora, anzichè impiegare 45 minuti di p.p. ne impiegherò si e no 10! FANTASTICO!!!!!
    Un abbraccio. Romina

    RispondiElimina
  5. Ciao... anche a me piace tantissimo il brodo, soprattutto perche' da vera brianzola, cucino spesso il risotto, e farlo con il dado industriale, bhe...mette tristezza! Io ho risolto facendomi il dado di carne in casa! Per chi interessa lascio il link, vi assicuro che e' fantastico e in questo caso avrete un brodo di carne in.... 1 minuto??? Giusto il tempo di aprire il barattolo, prenderne un cucchiaino e scioglierlo in acqua!
    Provate! Lo trovate qui:
    http://lacucinapiccolina.blogspot.com/2010/01/dado-di-carne.html

    Un abbraccio!
    Paola

    RispondiElimina
  6. Ciao Paoletta..
    Vedo che il tuo blog va alla grande come sempre.. e farti i complimenti ormai è quasi superfluo... anzi.. non lo è visto che i complimenti fanno sempre piacere...
    Il brodo fatto in questo modo quando non si ha molto tempo è un'ottima tecnica...
    Per quanto riguarda il risotto cotto con acqua e senza brodo io (avendo studiato con Marchesi) spesso lo faccio, quando ho a che fare con ingredienti delicati ed il cui sapore non va coperto..
    Che dire...
    E' comunque ottimo... e possiede quella semplicità che disarma... proprio come questo brodo... l'ho scritto in quasi tutti i miei post che nella cucina (come nella vita, e nella scultura...) bisogna togliere per arrivare al bello delle cose e non aggiungere inutili orpelli... ed il tuo blog ne è ogni giorno un esempio...
    Scusa se mi sono dilungato forse troppo ma ci tenevo...
    Un abbraccio...
    Matteo

    RispondiElimina
  7. E mi aggiungo alla lista di chi non conosceva assolutamente questo metodo...e dire che dalle mie parti e in famiglia mia il brodo è conosciuto fatto praticamente in tutte le salse! Comunque questo è un post della serie "Buono a sapersi" e quindi grazie!

    RispondiElimina
  8. Da nordico non riesco a fare il risotto senza brodo...ma noi nordici siamo fissati si sà..cmq questo brodo risolve...brava come sembre
    ps: a me piacciono tanto i quadrucci in brodo sarò pensionato dentro? mah!

    RispondiElimina
  9. Nemmeno io conoscevo questo metodo... ganzo! Senti Paoletta, parlavi di DADO FATTO IN CASA... ma come si prepara? e parli di quello di carne o di verdura? Baci e buona giornata!

    RispondiElimina
  10. Io detesto il dado industriale, proprio non riesco a comprarlo. Se sono nelle curve 1 cipolla, 1 carota, 1 sedano e via...ma di solito ho il mio dado fatto in casa ;-)
    Non conoscevo questo metodo...
    che dire, ottimo! Posso anche usare una bistecca di pollo (che di solito non manca mai a casa mia).
    Da tenere a mente, cmq un'ottima dritta :-)

    RispondiElimina
  11. Una genialata! E come si potrebbe definirla altrimenti? Grazie per l'idea, condita con queste foto sempre splendide...
    A presto
    Sabrine

    RispondiElimina
  12. E' proprio vero, tutti i giorni si impara qualcosa. Ho conosciuto Leo Codacci tempo fa e ho il suo libro, ma questo brodo mi era proprio sfuggito. Quindi grazie! :-)
    E per la carne avanzata, poi? Polpette? Una bella frittata?

    Sull'uso dell'acqua nei risotti, la risposta e': dipende.
    Sicuramente si usa l'acqua (calda, non bollente) quando si vogliono sentire, e riconoscere, i sapori dei diversi risi. Io non ci sono mai riuscito, forse bisogna nascere al Nord...
    Personalmente uso spesso l'acqua con i risotti di pesce, specie con quelli che sono un po' insipidi.

    RispondiElimina
  13. scusate l'ignoranza ma come si fa il dado fatto in casa??
    e seconda domanda: si può usare qualsiasi taglio di carne di manzo (ad esmpio 2 bistecche) disponibile in frigo??
    garzie e scusate l'intromissione
    Buona Giornata
    Enrica (Chi)

    RispondiElimina
  14. Me lo segno subito!!!
    Io adoro il brodo, e oggi con questo freddo ci starebbe proprio bene.

    RispondiElimina
  15. Non amo i dadi, ma sono sempre in lotta col tempo (la mia disorganizzazione cronica), uso l'estratto di carne, perchè ho l'illusione che sia un pò più naturale. Questo è un metodo da provare! Bisogna trovare una soluzione simpatica e saporita per riciclare la carne...

    RispondiElimina
  16. Da me i dadi non esistono. Il tempo di cottura nella pentola a pressione si diminuisce per 70%. É un calcolo facile: di 20 minuti, diventano 6 minuti. Io faccio il brodo normale anche e sempre in pentola a pressione. Diminuisco il tempo di cottura e la fattura del gas;)

    RispondiElimina
  17. Non conoscevo questo metodo, ma considerando che il brodo a me in casa fa spesso comodo come mi fa comodo risparmiare tempo, lo segno immediatamente! grazie per la dritta e buona settimana

    RispondiElimina
  18. Hai fatto benissimo a pubblicare questo post, il tempo non basta mai e questo brodino fa al caso mio!!
    Ciao, Laura :)

    RispondiElimina
  19. Beh direi che è una tecnica mica da ridere cara la mia Paoletta! Resta soltanto da provare

    RispondiElimina
  20. Mhmm mi vergogno un pò a dirlo qui...dal basso della mia miserevole esperienza in cucina...ma la conoscevo già questa modalità.
    Mi ritiro in buon ordine ma non prima di aver fatto un complimento dovuto a Paoletta per postare quanto gli passa per la mente e non per altro :))
    Alla prox un saluto dallo svergognato Gambetto ahahaahha

    RispondiElimina
  21. sarà pure banale, ma a me interessa parecchio. Poi voglio dire il brodo homemade è tutta un'altra cosa. Non posso credere che tu sfatasci qualcosa....impossibile. Un bacio.

    RispondiElimina
  22. ehm ehm scrivo un altra volta oggi, solo per dirti..che ho appena finito di mangiare tortellini in brodo...dopo aver letto il post...mi è venuta troppa voglia!!!

    RispondiElimina
  23. Come mai mi sento leggermente in colpa, per un "vecchietti" detto qualche giorno fa in chat????
    hahahahaha
    Scherzi a parte, questa ricettina è geniale...
    e tranquilla Paoletta, non la conoscevo neppure io :)
    Tutto ciò che fa risparmiare tempo, è sempre ben accetto!
    Un bacio

    RispondiElimina
  24. ho abolito il dado quando mi sono accorta che il mio fisico non lo digeriva. adoro il brodo e prova ne è il post die ieri. il tempo lo trovo, a parte la prima mezz'ora fa tutto da solo ma...se viene una voglia improvvisa, o per un risotto allo zafferano...bella tecnica. non la conoscevo neanche io...figlia della campagna...

    RispondiElimina
  25. Ciao Paoletta, bellissima e pratica questa ricettina :) Ma un altra domanda la ricetta del Dado fatto in casa, quando la posti? ne ho sempre sentito parlare ma nn mi sono mai cimentata! :) Grazie!!!!

    RispondiElimina
  26. Ciao,

    il risotto all'acqua di oldani? Non avevo mai sentito questa definizione :-) Comunque, io lo faccio spesso senza brodo il risotto...e anche senza soffritto come il buon maestro Davide ci insegna. E ti assicuro che esalterai i sapori che andrai a mettere nel risotto: per esempio, ho fatto un risotto con taleggio e una riduzione di vino rosso posta sopra a chiocciola (proprio come davide scrive sul suo foglio di carta-il riso-). Prova, a me sa di più salubre e buono. Elimina il soffritto,elimina il brodo (nel libro Oldani ci dice anche che non sfuma col vino bianco, ma aggiunge un cucchiaio d'aceto a fine cottura per aggiustare l'acidità del risotto...vedi tu,questo non l'ho mai provato).

    RispondiElimina
  27. Mi unisco ala coda di "non conoscevo questo metodo"...particolare, da tenere a mente se serve per qualcosa di veloce... bell'idea! ^_^

    RispondiElimina
  28. Fantastico! Non lo conscevo e mi verrà sicuramente utile! Baci Lauradv

    RispondiElimina
  29. NOn concordo so questa dritta: diciamo che subentrano motivi etici. Penso che si debba smettere di considerare la cucina solamente come questione di pancia. Dobbiamo usare anche il cervello e il cuore.
    Se uno deve fare il brodo, viene benissimo (anzi meglio) nella pentola a pressione. Ma, ed e'un ma importante, il brodo (e la carne) deve essere considerato un piatto speciale: dovremmo tutti diminuire il consumo di carne, per la nostra salute e per la salute dell'ambiente. Cioe' da consumatori con cervello e cuore del 3 millennio, forse non dovremmo trovarci piu' nella condizione di "aver bisogno' di un brodo di carne "veloce": non e' giusto, non facciamo cosi onore all'animale morto per il nostro piacere e per la nostra cultura (no, non sono vegetariano). Quando decidiamo di mangiare carne (che sia arrosto, polpette, brodo ecc...) dobbiamo farlo con consapevolezza. Deve diventare un pasto occasionale, pensato, ragionato e per cui essere grati.
    Troppi consumano ancora troppa carne, troppo alla leggera. La carne soltanto ogni tanto puo' essere "improvvisata", se no, se andiamo avanti con un consumo sconsiderato, i nostri nipoti forse avranno molti piu problemi di quando non possiamo immaginare (a livello di inquinamento ad esempio. a chi e' interessato> vedere come contribuiscono i gas animali all'efffetto serra).
    che ne pensate? ciao e grazie. stefano arturi

    RispondiElimina
  30. Paolette nemmeno io conoscevo questo modo d fare il brodo, e trovo il tuo post utilissimo, come al solito!

    RispondiElimina
  31. ciao Stefano, sei quello di English Puddings. Ricette e curiosità dal raffinato universo dei dolci inglesi e Pausa Pranzo. Come stare lontano dai bar e vivere felici?
    Non che faccia differenza ma è tanto per sapere.
    Comunque anche se a volte anch'io faccio un uso "sconsiderato" di carne, credo che tu abbia ragione per quanto riguarda la consapevolezza nel suo senso più profondo.
    Questo post fa pensare in maniera diversa a cose che diamo per scontate tutti i giorni e che poi, in realtà tanto scontate non lo sono.
    Ma il discorso sarebbe molto più ampio...
    un saluto
    paola c.

    RispondiElimina
  32. ciao paola c.
    sì sono io. hai ragione il discorso è ampio ma, quantomeno da noi che scriviamo/bazzichiamo/pasticciamo spesso di/la/in cucina dovremmo ogni tanto farcelo. ovviamente si dovrebbe anche parlare di uso sconsiderato di burro e latte (io per primo), di uova di galline allevate ancora in gabbia, di olio venduto a prezzi impossibilmente bassi, di arance svendute per pochissimi euro al super (ci chiediamo mai quale è la realtà economico-sociale dietro certi prezzi bassi? losarno docet... ) ecc ecc...penso che importante sia ogni tanto fermarsi e porsi domande. questo alla fine comporta necessariamente anche un modo diverso di cucinar e di affrontare l'universo cucina. ciao
    stefano arturi

    RispondiElimina
  33. avevo risposto a tutti, Stefano a te un poema ;-)
    ho perso tutto, maledetto blogger, grrrrrrrrrrrr!!
    torno dopo, intanto grazie a tutti!!

    RispondiElimina
  34. Caio Paoletta,
    qusto brodo veloce è un'ottima idea!
    Ma si mette solo il pomodoro come ortaggio?
    La classica patata e carota e sadano non ci vanno?
    E per odori intendi: prezzemolo, alloro, e che altro? Scusa magari ti sembrerò una che ha poca esperienza in cucina ma saper fare bene il brodo non è poi così scontato! E poi da te sto imparando un sacco di cose! Grazie!

    RispondiElimina
  35. Un ottima idea quella del manzo tritato,
    se ci va solo il pomodoro come verdura
    e un brodino anche economico poi
    dovrebbe accostarsi bene come sapori
    al risoto con funghi.
    e da fare.....

    RispondiElimina
  36. davvero un consiglio utile, io spesso per la fretta devo usare il dado (esclusivamente vegetale) ma ovviamente non è la stessa cosa!!!
    per cui la tua ricetta è formidabile e mi sarà molto utile :)
    grazie un abbraccio

    RispondiElimina
  37. Stefano grazie della risposta. Io certe domande me le faccio ed è per questo che già da tempo ho fatto scelte molto ragionate e precise per quanto riguarda la mia spesa, con GAS, acquisti Equosolidali ecc ecc.
    Appunto ci sarebbe veramente molto di cui parlare ma non mi sento di voler approfittare oltre della nostra padrona di casa, notoriamente molto ospitale e cortese!
    un caro saluto
    paola c.

    RispondiElimina
  38. @paola, ma scherzi?? parla pure, scrivi il tuo pensiero... io domani rispondo a tutto, adesso non ce la faccio, giornataccia! devo ancora finire del lavoro, quello vero :((

    RispondiElimina
  39. consiglio semplicemente delicato e...pratico!Grazie di esistere!!!! Da provare!
    Anna Maria

    RispondiElimina
  40. ciao paola e ciao paoletta s
    ci tengo a precisare che il mio voleva semplicemente essere uno spunto di riflessione e dialogo.
    l' ho gia' scritto: si respira una bella energia su questo blog ed e' pieno zeppo di cose buone. mi piace quando le persone hanno una passione e quella di paoletta s per la cucina e la fotografia e' evidente. grazie ad un post di paoletta (biscotti) sono andato a riaprirmi e rileggiucchiare la mia copia di artusi, ad esempio (e rileggere artusi (e magari ricucinarci qcosa) in un momento in cui i contenuti sia sul web sia sul cartaco fanno spesso pieta', e' cosa salutare).
    tra altro questo post sul brodo mi ha fatto voglia di andarmi a comprare il libro da cui e' tratto, altra cosa di cui sono grato (ho leggiucchiato in rete sull'autore e mi ispira...)
    nella mia spesa io cerco di fare qcosa (soldi permettendo)>latte e uova bio, poca carne, tante verdure, no a certi pesci ecc... ma non e' facile, anche perche' in italia ancora di certi temi si parla poco e noi consumatori abbiamo a disposizione poche informazioni (perche' ad esempio in moltissime riviste di cucina si insiste ancora nel proporre merluzzo, baccala' e tonno quando chiunque sia del settore dovrebbe sapere che sono ormai a rischio estinzione?)... ciao a tutti e buona giornata. stefano arturi

    RispondiElimina
  41. io metto l'acqua nel risotto quando ho bisogno di allungare il brodo, se ne ho poco :)

    Buona la tecnica turbo, io ho sempre il frigo occupato da boccacci di brodo di carne e fumetto di pesce! :)
    Un bacio!!

    RispondiElimina
  42. eccomi :)

    dunque mi fa piacere aver postato per tutti quelli che come me, non conoscevano il metodo, poi si sa... gambetto è più avanti, ahahaha!! ;-)

    per chi chiedeva il dado fatto in casa, piccolina ha messo il link al suo, ma non solo... se andate nella raccolta "regali di Natale golosi" ci sono un sacco di link sia per il brodo vegetale che per quello di carne.

    riguardo al risotto usando acqua invece che brodo, come insegna il grande Oldani, be' credo sia meglio che riprovi. perchè quando l'ho fatto, sicuramente ho sbagliato qualcosa, magari non era il risotto adatto, ma a casa hanno detto " 'un sa di nulla " :((
    io lo avevo fatto con zucca, rigatino e porcino secchi!

    qualcuno ha consigli al riguardo??


    @Corrado, con la carne avanzata poi ci ho fatto delle polpettine con mollica di pane, uovo, ecc. insomma le solite... solo che, penso perchè oramai la carne aveva rilasciato "il meglio di se" nel brodo, non erano estasianti! certo però per non buttar nulla, vanno benissimo ;-)

    @lucia, sì in effetti anche per riciclare!

    @Taglich, grazie, allora aggiorno il post con 6' pentola a pressione :)

    @paolo, ma con questo brodo??

    @aurelia, tranquilla, vecchietta anche io, come pure paolo che gli piace il brodo coi quadrucci, bonooooo ;-)

    @matteo, te tu mi pigli in giro?? :)) ahahahaha!!
    dai dammi qualche dritta, o hai qualche risotto in questo modo nel blog?? se sì, posta pure qui ;-)

    RispondiElimina
  43. @Stefano, ti ringrazio infinitamente per lo spunto di discussione, magari ce ne fossero sempre :)
    la penso come te, dobbiamo diventare consumatori attenti e soprattutto informati, e ragionare anche le preparazioni, gli ingredienti, le provenienze, ecc.
    per quanto riguarda la carne, penso che comunque rispetto ad una trentina di anni fa, ci si comporti in maniera molto diversa. siamo consumatori di carne più attenti. e di questo ne sono quasi sicura, ricordo bene con angoscia i lunghi pomeriggi passati dal macellaio (file interminabili anche di oltre un'ora) quando mia mamma mi mandava a comprare la carne.
    penso davvero che in quel periodo se ne facesse un uso piuttosto sconsiderato.
    oggi mi pare sia diverso, la carne non entra tutti i giorni sulle nostre tavole, e non credo solo a casa mia (personalmente ne mangerò una volta al mese) e si da spazio a molti altri alimenti.
    e credo la conferma stia nel fatto che basta guardare al banco del macellaio, quanta meno gente ci sia rispetto ad altri banchi con altri alimenti.
    anche al ristorante, non ne sono socurissima, ma mi par di vedere sempre più persone prendere magari un antipasto, un primo e sempre meno il secondo, specie se di carne, ma dimmi tu che sicuramente sei più informato di me !

    aggiungo un'altra cosa, quella poca carne che compro, cerco di prenderla italiana, cerco di informarmi sulla provenienza e soprattutto, a meno che non si tratti di una bella fiorentina, cerco anche carni di tagli inferiori, perchè non solo non approvo l'uso sconsiderato della carne, ma soprattutto se questa deve essere solo di tagli pregiati.
    per farti un esempio, preferisco chessò, prendere un muscolo intero (costa poco) e dividerlo tra spezzatino con un mare di patate e un brodo con i ritagli dello stesso.
    ricordo mia mamma (erano gli anni '70, anni di spreco) buttava sempre un mare di roba quando cucinava. ecco, spero che tu intenda anche questo per "ragionato" ! o anche un bello stinco a pochi euro, piuttosto che un hamburger... certo ci vuole a cucinarlo, vero, ma quando non posso mi faccio un uovo fritto, l'adoro!
    l'ho fatta lunga, scusami, spero di essermi spiegata bene, e soprattutto spero di aver inteso bene quel che tu volevi dire... perchè non rileggo nemmeno, scrivo di getto ;-)

    @paola, grazie anche a te, e scrivi quanto e quel che vuoi :)


    a TUTTI gli altri, grazie!!

    RispondiElimina
  44. Ma dai non ci credo!!! questo metodo è utilissimo altrochè...mai sentito prima, io ho sempre usato la pentola a pressione. Grazie della dritta :)

    RispondiElimina
  45. ciao paoletta e grazie della risposta.
    si' concordo con te: effettivamente la quantita' di carne che consumiamo sembra essere diminuita (e sono in crescita i vegetariani). anche io mangio poca carne, ma non ci rinuncerei mai, per motivi di gusto e di cultura. ci sono piatti/prodotti che fanno parte della nostra storia (ed e' una storia bella). a me la fettina o il petto di pollo dicono poco, ma, come dici tu, uno stinco, del fegato, la trippa, i cotechini, il pane e salame, il brasato, ecc ecc... : a loro non voglio rinunciare!. a milano la carne bio ha prezzi altissime che io non mi posso permettere, ma mi servo da un macellaio ottimo al quale faccio sempre mille domande e che mi da fiducia. solamente carne italiana, abbastanza locale, allevata bene. penso che sia sempre importante ricordarsi che una buona parte della storia della cucina inizia con un omicidio, quello appunto di un animale. e io non ci trovo nulla di riprovevole in questo, se (grandissimo se) rendiamo all'animale non solo l'onore delle armi (pensando a quello che stiamo cucinando e mangiando, trattandolo con rispetto e amore, lo so sembra paradossale) ma soprattutto se abbiamo rispettate il "contratto naturale" (qui si aprirebbe una discussione lunga, lo so) che l'uomo ha con gli animali: io ti mangio ma mi impegno a farti vivere bene - si potrebbe sintetizzare.
    purtroppo si parla ancora poco delle condizioni abominevoli in cui vengono cresciuti molti animali (su you tube esistono raccapriccianti immagini sull'allevamento dei polli, ad esempio).
    ma piu si parla di questi temi, piu' le persone potranno, si spera, fermarsi a pensare... e gia' quello sarebbe un grande passo in avanti.
    ciao e alla prossima. oggi ho rifatto i biscotti di artusi (della famiglia), con le solite modifiche che noi pasticcioni apportiamo ad una ricetta> ho usato una parte di farina di riso e di fioretto di farina gialla. concordo con te: l'ammoniaca rende i biscotti particolarmente friabili e non va sostituita. ciao e grazie
    stefano arturi

    RispondiElimina
  46. Discussione precedente molto interessante...giusta considerazione sulla carne,la provenienza e il suo modesto consumo.
    Per un brodo veloce io uso la pentola a pressione...buona idea tritarla...poi si usa per fare polpette, grazie Paoletta!!!

    RispondiElimina
  47. a proposito di brodo e pentola a pressione. io lo faccio appunto con la pp in 30 minuti. i puristi dicono che il brodo deve sobbollire per ore e ore..boh!/mah!!/behh!!!.... sentite cosa dice heston blumenthal (duck fat, uno dei migliori ristoranti al mondo, il secondo dopo El Bulli, da anni)
    www.guardian.co.uk/lifestyle/2005/apr/09/foodanddrink.shopping3
    (riassumo> lui dice che il brodo nella pentola a pressione nettamente migliore)
    ciao stefano arturi

    RispondiElimina
  48. Beh Paoletta...
    Un risotto come questo ad esempio viene buonissimo utilizzando solamente acqua calda al posto del brodo... ma ce ne sono migliaia :-)

    http://salezucchero.blogspot.com/2009/12/risotto-rape-rosse-gorgonzola-ed_26.html

    Matteo

    RispondiElimina
  49. @Stefano, ma grazie a te, e concordo con te su tutto :)
    voglio provare anche a fare il brodo nella pentola a pressione in 30', poi ti dico!

    @matteo, grazie non cucino le rape, chissà perchè poi (abitudini) ma se hai qualche altra dritta, ben venga!

    RispondiElimina
  50. Geniale! A dire la verità un volta ci avevo pensato e poi non l'ho fatto mi son detta "ma no, verrà una str.....a !"

    :-)

    RispondiElimina