venerdì 29 gennaio 2010

Reportage fotografico: Il fascino del Cibo in Strada

Vi avevo parlato qui dell'evento che si sarebbe svolto a San Giovanni Valdarno Domenica 17, bene questo vuol essere un reportage fotografico di quella che è stata una magnifica giornata, e non perché splendeva il sole, anzi, era un freddo terribile!

Susanna Cutini

Magnifica perché se pure gelida, ma l'atmosfera, il cibo e le persone scaldavano veramente il cuore.
Certe iniziative andrebbero incentivate, e il cibo di strada è una tradizione che non dovrebbe andar persa, mangiati per strada, certi cibi, hanno un sapore diverso, un fascino particolare, assolutamente non replicabile in casa!

Intanto Domenica 21 Febbraio si svolgerà, sempre a San Giovanni Valdarno, il Palio dello Stufato, gli stufatari prepareranno lo stufato alla sangiovannese, piatto povero della tradizione del Valdarno, uno uno spezzatino di muscolo molto ricco di spezie, la cui ricetta è segreta, verrà eletto il migliore stufataro!
Peccato non averlo potuto assaggiare, né vedere, ogni volta che sono passata davanti al banco dove lo preparavano era finito, per cui tanta è la curiosità che di sicuro andrò al Palio ;-)

Questa sotto era una preparazione che non conoscevo, ravioli preparati al momento dalle donne che, a rotazione man mano che quelli pronti venivano cotti e venduti, stendevano a mattarello un impasto di semplice acqua e farina, li farcivano con un ripieno di patate schiacciate (e pomodoro??) Gaia, mi aiuti?? questi non li ho presi, (in realtà ho mangiato solo il lampredotto)
... poi venivano tagliati e cotti alla piastra!
edit sui ravioli...
gaia ha detto: forse c'era anche del parmigiano, e mi ricordavano molto il ripieno dei ravioli mugellani che FA la mia mamma!

cippaquaglia ha detto: I ravioli in realta' erano tortelli di patate cotti alla piastra con ripieno di patate. Sono tortelli, per quanto sappia, tipici della zona di Corezzo, vicino a Chiusi della Verna (ar). Anni fa, proprio a Corezzo, c'era un piccolo ristorantino che li faceva in modo stupendo.

ravioli di patate fatti con un impasto di acqua e farina e cotti alla piastra1

Potevano mancare caldarroste e pesce fritto??

pesce fritto e caldarroste

... o il classico lampredotto?

Panino co' i' lampredotto

E il prosciutto di suino allevato allo stato brado.

prosciutto di suino allevato allo stato brado in casentino

E poi le persone, ho incontrato di nuovo Gaia, coi suoi splendidi legumini, che freddo che avevano Gaia, eh?? E quanto erano belli col loro cartoccetto in mano e le guanciotte rosse, rosse :))
E , di San Giovanni, chiacchiere da food blogger davanti ad un tè fumante :))

Peccato aver perso il cooking show al mattino tra Andrea Bianchini, dell’Accademia dei Maestri Pasticceri italiani, e Andrea Trapani, chef executive della ACF Fiorentina. Ma al pomeriggio Andrea mi ha offerto il bicchierino al cioccolato e frutto della passione, una delizia!!

bicchierino con mousse di cioccolato al latte e gelatina al frutto della passione

E Sergio Maria Teutonico? Comunicava la stessa simpatia, allegria e disponibilità con cui appare sul suo blog. Insieme a Marco Rossetti, critico, regista e giornalista, che lo affiancava nella preparazione, ha portato in piazza le fascarielle, una ricetta dei ricordi, legata alla sua terra di origine, l’Abruzzo.

sergio maria e marco rossetti

Polenta, fagioli e guanciale
, metteva fame solo a vedergliela preparare, di sicuro la preparo presto, intanto la ricetta di Sergio Maria la trovate
qui

polenta

Il tutto mentre suonavano Francesco e Daniele, dei Modena City Rambles.

Modena-City-Rambles

E poi lei, Susanna Cutini, giornalista e membro dell'Accademia italiana della gastronomia storica, grande presenza scenica, la sua capacità di attirare l'attenzione è notevole.

susanna-cutini5

Qui mentre preparava delle palline di baccalà fritte con una salsa calda alle erbe aromatiche cibo di strada del nord e centro Italia.

susanna-cutini3

Un duello all'ultimo mestolo insieme a Shady Hasbun...

Shady Hasbun

... che preparava un
shisch kebab (spiedini di carne di pollo con verdure) cibo di strada mediorientale, anche lui dell'Accademia della gastronomia.

Shady-Hasbun

53 commenti:

  1. Paoletta uno splendido reportage! Le tue foto parlano da sole! Quella polenta con fagioli e guanciale mi intriga molto ma il lampredotto.... riuscirò mai ad assaggiare il lampredotto???!!!
    Buona giornata Lauradv

    RispondiElimina
  2. Eh, si, una bella giornata, anche se un po' freddina!
    I ravioli di patate sono stati una bella scoperta. Veramente semplici da fare, o per lo meno, la maestria delle signore nell'impastare, spianare, farcire dava quest'idea!
    Il ripieno era di patate schiacciate e mescolate con un po' di salsa al pomodoro (e una grattata di formaggio forse): mi ricordavano molto il ripieno dei ravioli mugellani che FA la mia mamma!

    anche io vorrei rifare il bis il 21!
    speriamo che il tempo sia piu' clemente, senno' i legumini non ci vengono mica!!
    ;-)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  3. dimenticavo:
    il bicchierino di Andrea: una delizia, come tutte le sue cose!

    RispondiElimina
  4. Reportage molto, molto bello. E hai perfettamente ragione sui cibi di strada :-)
    Damn, questo evento mi e' proprio sfuggito. Vediamo cosa posso fare per il 21.
    CIAO

    RispondiElimina
  5. Che bello questo resoconto Paolè! Bellissime le tue parole, bellissime le foto...

    RispondiElimina
  6. che foto splendide....sei bravissima!!!

    RispondiElimina
  7. Io sto a Firenze da un anno e non ho ancora trovato il coraggio di mangiare il lampredotto...

    RispondiElimina
  8. Che bellissimo reportage, trasmette un calore eccezionale, una passione per il cibo e la convivialità. Sarebbe stato bellissimo essere lì, ma le tue foto rendono davvero bene l'atmosfera. Il cibo di strada è qualcosa di affascinante, racconta tradizioni e culture diverse. Grazie e mille per questo regalo
    Baci e buon fine settimana
    fra

    RispondiElimina
  9. Bellissimo! Peccato che non sono riuscita ad andare li :s
    Almeno posso vedere le tue foto bellissime. Grazie :D

    RispondiElimina
  10. Favoloso evento...naturalmente le tue magnifiche foto, rendono pienamente l'idea...BACI

    RispondiElimina
  11. Mi è mancato non venirci...ma le tue foto hanno ben reso l'idea. Brava per davvero ad aver centrato con l'obiettivo delle immagini che parlano da sole :))
    Senza rimpianto perchè non potevo ma grazie mille per la condivisione della giornata :))))

    RispondiElimina
  12. Ciao!!Bellissimo il tuo reportage..Tra tutte le prelibatezze e la musica dei Modena deve essere stato proprio stupendo..Beata te!!
    Grazie per averlo fatto vivere un pò anche a noi con le foto!!Baci

    RispondiElimina
  13. sapevo che mi sarei persa qualcosa di veramente unico!

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia! Bellissimo il reportage, brava!
    Peccato non esserci stati!!

    RispondiElimina
  15. Ma che belle foto!! Il clima sembra molto molto più caldo di quel che era ;-) Però che bella iniziativa, confermo tutto, buono il cibo di strada, avvincenti le presentazioni dal vivo (anche se come sai mi è toccato abbandonare la postazione per un intoppo familiare...) e poi il tè al calduccio, un gran bel pomeriggio. E alla fine mi sono anche fermata a prendere un bel cartoccio di pesce fritto, molto buono e molto apprezzato a casa!
    Da ripetere... il prossimo evento si avvicina!
    (Gaia, ma sei di qua anche tu?)
    Baci,
    cinzia

    RispondiElimina
  16. Il Lampredotto!! che meraviglia...un ricordo di una bellissima Pasqua con la mia famiglia nella zona del Chianti Classico in Toscana...
    Io adoro il cibo di strada!!!
    Bel reportage.

    RispondiElimina
  17. Che bello, peccato me lo sia perso! Caspita, abito a Incisa Valdarno e non sapevo facessero un evento del genere a San Giovanni!
    Speriamo lo rifacciano il prossimo anno! Sembra tutto buonissimo e bellissimo dalle tue foto!

    RispondiElimina
  18. Avevo in programma di andarci, ma ho avuto paura del tempo piovigginoso. Viste le tue foto (tra l'altro bellissime) mi pento di non aver sfidato il clima.
    Ciao Monica.

    RispondiElimina
  19. Bellissime foto...Ci hai fatto rivivere una emozionante giornata!
    besos

    RispondiElimina
  20. @Ci,
    di Firenze... La prossima volto ci si vede anche con te?
    ;-)

    RispondiElimina
  21. Che meraviglia Paoletta! Sei proprio bravissima. Complimenti.

    RispondiElimina
  22. @ Gaia,
    molto molto volentieri!! e spero di vedere anche i legumini ;-) Baci

    RispondiElimina
  23. Paola che dire, come sempre sei ampiamente all'altezza della situazione, ti ringrazio per le bellissime fotografie per le parole gentili e per la capacità di riportare a noi tutti ricordi stupendi con parole chiare ed accattivanti.
    Spero di potermi onorare di cucinare con te quanto prima!
    Un grande abbraccio
    Sergio Maria Teutonico

    RispondiElimina
  24. belle tutte, sì.
    ma che voglia quei ravioli di patate...e che belle quelle ultime mani sullo sfondo del vapore fumante.

    RispondiElimina
  25. Che bello questo post, grazie.

    RispondiElimina
  26. peccato non essere venuta.anche io sono, come alcuni di voi, di Firenze, quindi era assolutamente un evento alla portata, ma il brutto tempo scoraggio' anche me. speriamo di poter venire la prossima volta! mi piacerebbe davvero!
    grazie per le belle foto.oggi procedo con le girelle, speriamo che l'impasto, che è molto lievitato, non sia troppo morbido...ho aggiunto due cucchiaiate di farina.ti farò sapere.
    buon fine settimana,
    cristiana

    RispondiElimina
  27. mamma mia quante bontà.....immagino sia stato bellissimo!!!! ciao ciao

    RispondiElimina
  28. Bellissimo il tuo reportage. Se abitassi in Italia eventi di questo genere non me li perderei di certo. Peccato che quì non abbiano la stessa cultura per il cibo. E tra l'altro a me piace molto di più la cucina italiana che quella svizzera, a parte qualche eccezione. Beh, la prossima volta che mi trovo dalle parti di Siena magari ti chiedo qualche consiglio. Grazie e baci, Tina

    RispondiElimina
  29. Io non ero presente li ma con le tue foto è come se ci fossi stato..
    Sei F E N O M E N A L E....
    come sempre...
    Passa ogni tanto nel mio blog... mi farebbe un immenso piacere..
    Sei un pò latitante.. :-)
    Un abbraccio...
    Matteo

    RispondiElimina
  30. Bellissimo reportage.... e quei ravioli sono fantastici. Vorrei provare a rifarli... Sicuramente conosci il libro di Guido Tommasi sul cibo di strada. E' un bel libro.
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  31. Paole', non ce so venuto, ma è come se ci fossi stato!!!!

    :)))

    RispondiElimina
  32. Bellissime foto per quello che sicuramente è stato uno splendido evento!

    RispondiElimina
  33. Paoletta sei proprio una brava fotografa!
    E pensare che ci potevo essere pure io, mannaggia alla scarlattina...
    paola c.

    RispondiElimina
  34. Bellissime queste foto! Mi piccacciono molto quelle con le mani. Sei molto brava. Pure io mi sono mesa a mettere delle foto con le mani (bha una, mà è un inizio).

    RispondiElimina
  35. Che bello vedere e assaggiare tutte queste cose!

    RispondiElimina
  36. ma che bello...riuscire ad avere tempo per partecipare a queste cose sarebbe davvero il massimo. Ciao. Lisa

    RispondiElimina
  37. Io c'ero...infreddolita, ma ero li. Tutto molto cario, ma sinceramente mi aspettavo di piu'...forse per la prossima edizione ci saranno piu' partecipanti e meglio organizzati. I ravioli in realta' erano tortelli di patate cotti alla piastra con ripieno di patate. Sono tortelli, per quanto sappia, tipici della zona di Corezzo, vicino a Chiusi della Verna (ar). Anni fa, proprio a Corezzo, c'era un piccolo ristorantino che li faceva in modo stupendo. Saluti.
    Cippaquaglia.

    RispondiElimina
  38. Ti ho sempre seguita in silenzio, e dopo un po di latitanza ho riaperto il tuo blog sapendo che ci avrei trovato qualcosa di buono... Hai superato ogni mia aspettativa,queste foto sono meravigliose, i complimenti sono proprio dovuti!!!

    RispondiElimina
  39. Paoletta che foto!
    sembrano animate... magiche!!

    RispondiElimina
  40. ma che bell'evento!!! ed hai pienamente ragione, la tradizione del cibo da strada non va assolutamente persa, io lo adoro e questa manifestazione mi sembra proprio un 'paese delle meraviglie' peccato la lontananza mannaggia...la polenta con fagioli e guanciale intriga tantissimo anche me come Laura, vado a sbirciare la ricetta di Teutonico perchè con il freddo di questi giorni direi che ci sta proprio bene, non ho mai assaggiato il Lamporedotto ma alla prossima puntata in Toscana voglio rimediare magari passo a prendere la Lauretta a Chianciano e lo gustiamo insieme eh eh eh!!!
    un abbraccio e grazie di aver inserito il mio menù nella raccolta
    dida

    RispondiElimina
  41. ...che spettacolo, dev'essere stata una manifestazione entusiasmante...^_^

    RispondiElimina
  42. Splendido splendido reportage!
    il cibo in strada è speciale. esistono cosi tante tipicità in tutta italia e sarebbero da assaggiare tutte!
    vorrei ringraziarti per la ricetta dei cornetti, fantastica. ho pubblicato nel mio ultimo post una foto tutta dedicata a te ;)
    grazie ancora!
    althea

    RispondiElimina
  43. paoletta sai che, appena tornata a palermo, volevo proporre al mio fidanzato di fare un video sul cibo di strada???ogni angolo profuma di sapori unici e di gusti che si sn mantenuti unici nel tempo, ogni bancarella è lo specchio della tradizione....se ti va puoi gurdare il primo dei 4 video sulla barra laterale del mio blog....è sui mercati storici palermitani che fece il mio fidanzato qlk tempo fa x la regione sicilia....bacio

    RispondiElimina
  44. Paola, il tortello di cui parli sembrerebbe il bartolaccio! patate lessate schiacciate, pancetta, grana e pecorino. tipico della collina romagno-toscana. a Tredozio c'è la sagra a novembre. io ho mangiato quello della mia vicina che viene da là ed è davvero particolare. peccato aver perso questo evento. cercherò di organizzarmi per lo spezzatino...grazie per le foto, bellissime.
    silvia

    RispondiElimina
  45. sei una grande. le foto mi hanno dato una forte emozione. grazie

    RispondiElimina
  46. ciaooooooo sei bravissima!!!sono una giovane cuoca che vuole imparare!...mi sono inserita tra i tuoi sosteniroti e mi farebbe piacere se lo facessi anche tu così puoi sempre vedere cosa cucino di nuovo!!...e poi lasciarmi un commento...critica...consiglio...e se ci scappa un complimeto!! ti aspetto!!...il blog è www.spadelliamo.blogspot.com oppure clicca sulla foto...:-) ciao!!

    RispondiElimina
  47. Paoletta תודה, תודה שהבאת לי את הטעמים, הריחות האטרקציות של הפסטיבל.

    האמגושים Glücker

    RispondiElimina
  48. Ennò, e che delizia!!!!! Un raviolo alla piastra lo magnerei volentieri...
    E poi con un paio di Modena di mezzo sarà stato uno spettacolo di serata! Che bello :D

    RispondiElimina
  49. grazie a tutti, davvero! queste foto le ho fatte proprio col cuore :)

    e a cippaquaglia, silvia e gaia per le informazioni sui tortelli, ho aggiornato il post! :))


    @Laura, se ti va la prossima volta si va insieme, Dida ha detto ti passa a piglà ;-)

    @Gaia, ricordi come si chiamavano quei croccantini??

    @Sergio, grazieeee!!
    ma sarei io ad essere onorata se dovesse capitare di cucinare con te, e pure emozionatissima :))

    @althea, vengo a vedere...

    @mike, grazie ma come mai non mi fa partire il video??

    @Susanna, è stata anche per me un'emozione grande, di quelle che non capitano tutti i giorni :)
    un abbraccio, e grazie!


    un bacio a tutti, buona domenica :)

    RispondiElimina
  50. Ciao Paoletta, sono Annamaria seguo tanto il tuo blog, bellissime ricette e foto, parli di San Giovanni Valdarno mi hai fatto rievocare vecchi ricordi, profumi e sapori, i miei nonni e il mio babbo erano di San Giovanni. Grazie e complimenti veri al tuo blog.

    RispondiElimina
  51. Queste foto sono da manuale...fanno vivere pienamente l'atmosfera di quei momenti anche a chi non era presente...davvero belle Paoletta, Brava!

    RispondiElimina
  52. @annamaria, grazie davvero, mi fa piacere che il post ti abbia in qualche modo emozionata :))

    @maetta grazie!!

    RispondiElimina