mercoledì 13 gennaio 2010

Ravioli con pollo, burro al timo e mandorle

Devo dire che, a differenza dei lievitati, coi primi piatti ho un po' meno fantasia. In compenso li preparo volentieri cosa che non accade, invece, con i secondi piatti specie di carne. Preferisco piuttosto un bel primo piatto che magari faccia da piatto unico, un po' come questi ravioli che ho trovato sul nuovo libro Pasta&Sughi edito dalla Guido Tommasi.

ravioli

Bel libro di Jody Vassallo, ottime idee, ricette facilmente realizzabili, spesso veloci ma di sicuro effetto e di buona riuscita. Splendide le fotografie di Deidre Rooney, anche quelle ottimo spunto per chi, oltre che cucinare per diletto e passione, fa il duro mestiere della foodblogger ;-)

La ricetta l'ho eseguita quasi pari pari, come al solito in corso d'opera mi vengono quelle che definisco, le idee brillanti! ehehe scherzo, capirai che idea due mandorle col pollo, ecco queste ultime ho messo, e secondo me ci stanno molto, molto bene! Inoltre ho aggiunto un po' di ricotta, a parer mio ne mancava quel tantino che rendesse il ripieno un poco più morbido.


RAVIOLI CON POLLO, BURRO AL TIMO E MANDORLE - per 4 persone

Ingredienti:
500 gr di pasta fresca all'uovo
150 ml di olio extravergine di oliva
250 gr di petto di pollo finemente tritato
1 spicchio d'aglio
150 gr di ricotta
1 tuorlo
1 albume
1 spicchio di limone
50 gr di burro
timo
rosmarino
pepe
mandorle tostate a piacere

Procedimento:
Preparate una sfoglia con 330 gr di farina 00, 3 uova e circa 15 gr di acqua, e lasciatela riposare 30 minuti.
Nel frattempo scaldate 50 ml di olio di oliva in una padella insieme all'aglio, togliete l'aglio non appena si sarà dorato e rosolateci il pollo per circa 8 minuti, aggiungete il rosmarino tritato e aggiustate di sale. Sfumate col succo del limone e cuocete ancora un paio di minuti.
Fate raffreddare, e poi in una ciotola mescolate bene la ricotta, il tuorlo, il pollo e un pizzico di pepe. Questa operazione potete farla anche il giorno precedente.

Con il mattarello, o con l'imperia (tacca 4) fate due sfoglie sottili della stessa dimensione. Stendete la prima sul piano di lavoro leggermente infarinato, e disponete lungo la sfoglia due file di mucchietti di farcia grandi quanto un cucchiaino da caffè.
Usando un pennello, inumidite leggermente i bordi e il centro della pasta con l'albume e coprite con la seconda sfoglia.
Schiacciate la pasta intorno al ripieno per fare uscire l'aria e per sigillare bene i bordi. Poi tagliate i ravioli. Questa è un'operazione che va fatta man, mano altrimenti le sfoglie si asciugano troppo e non riuscirete a sigillarle.
Mettete i ravioli ad asciugare. Nel frattempo, fate bollire dell'acqua salata in una grossa pentola e cuoceteci i ravioli.
Durante la cottura dei ravioli mettete a scaldare il burro e il rimanente olio, quando il burro comincia a sfrigolare, aggiungete il timo e cuocete ancora 2 minuti.
Tirate fuori i ravioli con una schiumarola, gettateli nella padella col burro e il timo, saltateli qualche secondo poi cospargete di mandorle tostate e tagliate a filetti. Servite subito.

31 commenti:

  1. In questo periodo mio marito si è fissato con la pasta all'uovo (cannelloni, lasagne e ravioli) fatte da lui (!!!!!) e si è parecchio montato la testa..... Una di queste sere gli faccio trovare questo piattino .... vedrai come "rosica" .... Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Adoro la pasta ripiena condita semplicemente, senza sughi elaborati che coprono il sapore del ripieno. Questo piatto incontra perfettamente il mio gusto.
    Hai davvero un bel blog.

    RispondiElimina
  3. Ottimi!!! Da provare sicuramente chi come me adora la pasta ripiena.
    baci

    RispondiElimina
  4. Ottimi!! Il condimento esalta di sicuro il sapore di questi bei ravioli.
    Ciao e buona giornata, Laura .

    RispondiElimina
  5. paoletta carissima, li proverò sicuramente, come ho già fatto con altre ricette tue. di recente ho fatto la pasta (non mi ricordo come si chiama) quella di Tinuccia strisciata con le dita e la farina di ceci. Ho seguito il tuo consiglio ho mischiato le farine a modo mio. devo dire al verità era ottima, neanche tanto difficile da fare. Un grosso abbraccio a presto
    Cassata

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Semplicemente buoni! Mi sa che dovrò proprio inziare a provare a fare la pasta in casa (ripiena e non!)

    RispondiElimina
  8. Buongiorno Paoletta,
    scusa se torno a disturbarti. Mi sono decisa a comprare la tua impastatrice, sono solo indecisa tra quella con tritacarne e quella semplice.Che ne pensi? Può essere utile una seconda ciotola?
    Grazie mille,
    Cristiana

    RispondiElimina
  9. O arata SUPER raviolii!
    Felicitari pentru blog!

    La multi ani si An nou fericit!

    RispondiElimina
  10. wow...da provare...complimenti...
    ps.puoi venire nel post dei panini all'olio?grazie

    RispondiElimina
  11. ravioli al pollo...mai mangiati, che bella idea!

    RispondiElimina
  12. se qualcuno mi avesse detto "pollo e mandorle" a bruciapelo avrei risposto "cinese"! ma tu sai sempre sovvertire il senso comune! credo adorerei quest'abbinamento anche con i ravioli!

    RispondiElimina
  13. mi fai impazzire con tutte le tue buonissime ricette!!!
    ps: ho inserito nel mio blog semplicementequilt una tua foto per festeggiare il mio primo bloganno...magari l'avessi pronta dal vero!!!!
    spero non ti dispiaccia!!
    comunque grazie!

    RispondiElimina
  14. ...è il burro al timo e mandorle che mi incuriosisce na cifra!!!
    bel primo profumato!!!

    ciao

    Terry

    RispondiElimina
  15. cara paoletta,
    premetto che mi piace il tuo blog, e trovo che tu stia facendo veramente passi da gigante come fotografa, però se posso permettermi un suggerimento, avverto sempre di più la mancanza di originalità nelle ricette.. mi spiego, quasi mai trovo una tua ricetta originale, una tua invenzione, una curiosa sperimentazione e combinazione di ingredienti, qualcosa di veramente diverso dal solito, invece quasi sempre trovo ricette riprese altrove e, solo in alcuni casi, leggermente personalizzate.
    tempo fa, ad esempio, hai rifatto a distanza di pochissimo la ricetta delle russian tea cakes postate appena poche ore prima dal già ottimo blog di ciliegina sulla torta.. e lì mi sono chiesta, ma che senso ha?
    spero che tu non la prenda come una critica, ma solo come un suggerimento costruttivo che potrebbe dare una marcia in più al tuo blog.. mi piace molto navigare sui siti che parlano di cucina, ma ultimamente, sempre più spesso, mi ritrovo a passare di qua solo per dare un'occhiata al blogroll, a volte senza nemmeno leggere il post del giorno..
    barbara

    RispondiElimina
  16. @mikki, ma davvero tuo marito fa la pasta in casa?? be' ma che fortuna ;)

    @cassata, be' è andata bene allora, mi fa piacere, d'altra parte se le farine sono buone, buono deve venire l'impasto, e poi tu hai occhio ;-)

    @Cristiana, dipende, a me il tritacarne non serve, o meglio non l'ho preso e non ne ho mai sentita la mancanza, vedi tu... stessa cosa per la seconda ciotola :)

    @marianna, fatto!

    @barbara, la mia blogroll è abbastanza scarna devo dire, se passi per questo, be'... ehmm...
    per le ricette, trovo che sia tutto esattamente come un anno fa, a volte sperimento, chessò, bomboloni, cornetti sfogliati, ti dice nulla?? ah, e i bibanesi?? tanto per dirne qualcuna perchè c'è altro...
    a volte replico pedissequamente, altre volte ancora sperimento varianti su ricette altrui, varianti più o meno personalizzate!
    d'altra parte, come scrivo nel mio profilo, amo particolarmente le ricette della tradizione, se cerchi originalità, o altro, forse questo non è il blog giusto.
    un abbraccio :)

    RispondiElimina
  17. mamma mia che bontà..adoro tutti gli ingredienti di questo piatto, i ravioli, il burro e le mandorle..mamma mia ottimo!segno la ricetta..bacioni

    RispondiElimina
  18. devono essere veramente goduriosi!!! complimenti ancora! Vale

    RispondiElimina
  19. come vorrei fare anche io delle foto cosi' belle alle mie ricette.....uffa!!!! comunque la ricetta è fantastica molto originale complimenti......ciao

    RispondiElimina
  20. Paoletta, ciao ! su photo4u sono orso59, e c'era una domanda off topic che mi e' venuta guardando la foto: le mandorle sono tostate con la loro buccia ? ha una tonalita' rossa molto accesa, insolita... e mi chiedevo anche se si possa fare tostando delle mandorle spellate. Ah, complimenti, e per le foto e per il blog, golosissimo :-) Ciao
    Raimondo

    RispondiElimina
  21. Devono essere buonissimi!! Li voglio provare al più presto! ;D

    RispondiElimina
  22. @orsooooooo :))
    dunque, giuro che non ho saturato i rossi, ehehehe ;-)
    le mandorle hanno la pelle, poi le ho tostate leggermente in un padellino (senza olio, eh?) tagliate a filetti e... quando le ho messe nella padella, l'olio le ha fatte diventare quasi rosse :)
    con le mandorle spellate?? sì, perchè no? falle tostare come dicevo!
    ciao :)))


    grazie a TUTTI!!
    un abbraccio :)

    RispondiElimina
  23. me love ravioli..simple yet wonderful recipe.. :)

    RispondiElimina
  24. Che buoni questi ravioli, sono davvero molto golosi! Assolutamente da provare
    BAci
    fra

    RispondiElimina
  25. La pasta ripiena... che passione!!! Gli ultimi che ho sperimentato sono di papate e cipolla rossa di Tropea. Ottimi, li posto al più presto. Ma vedo che il blogroll non si aggiorna automaticamente? Succede anche a voi?
    Carla

    RispondiElimina
  26. Davvero invitanti questi ravioli.. complimenti ogni volta sei sensazionale Paoletta..

    RispondiElimina
  27. @Carla, a volte lo fa, mah!!

    bacio a tutte :))

    RispondiElimina
  28. Bello quest'accostamento di sapori, Paoletta! Le paste ripiene, se fatte in modo particolare, sono deliziose! ;-)
    Bacioni
    Ago :-D

    RispondiElimina
  29. @agostina, grazie! eh, sì, l'accostamento delle mandorle al resto mi è proprio piaciuto :)
    un bacio!

    RispondiElimina