venerdì 13 marzo 2009

Le Brioches di Lory, nate dal suo impasto strano...

L'altro giorno Lory pubblica delle brioches, un impasto strano! lei lo chiama, e in effetti è strano davvero, prepara una brioche e poi la sfoglia col metodo dei croissant, ma invece del burro usa una pasta sfoglia! E be', ma lei è unica, un mito! ... e come dice JAJO "una macchina da guerra", ahahaha!!!



Io, invece in questi giorni, boh, sarà la Primavera? Ma di tutto avevo voglia meno che di mettermi di nuovo a sfogliare, ma l'impasto mi piaceva, per cui ho pensato bene di renderlo "normale", Lory bella mica ti dispiace, veroooo???
No, dai!! Giuro che anche nella loro normalità erano divine e soffici come piumette !!


LE BRIOCHES di Lory, nate dal suo impasto strano...

Ingredienti:
500 gr di farina (250 gr 00 e 250 gr manitoba)
75 gr di zucchero
3 uova medie
15 gr di lievito di birra
175 gr di burro (di cui 75 fuso e 100 gr morbido)
8 gr di sale
buccia di 1 arancia grattugiata
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
30 gr di latte

Procedimento:
Mettere nell'impastatrice metà farina, aggiungere il lievito precedentemente sciolto in 30 gr di latte e lo zucchero avviare la macchina versare poco alla volta le uova sbattute continuando ad impastare.
Aggiungere il burro fuso poco alla volta la farina rimasta e il sale, se l'imasto dovesse risultare troppo duro aggiungete poca acqua, dovrete ottenere un imasto liscio e morbido. Infine il burro morbido a pezzetti. Impastare circa 25 minuti fino a che l'impasto è ben incordato. Far puntare 40 minuti e mettere in frigo 6/7 ore a 5/6°, è possibile anche prepararlo il giorno prima.
Al mattino tirarlo fuori e lasciarlo 1 ora a temperatura ambiente, dopodichè stendere col mattarello, sulla tavola leggermente infarinata, un lungo rettangolo, e formare i cornetti come spiegato per i croissant 
Lasciar lievitare i cornetti formati sulla teglia coperta di carta forno fino al raddoppio, da 1 ora e 1/2 a 2 ore circa, dipende dalla temperatura ambiente, e infornare dopo aver spennellato di uovo sbattuto a circa 180° fino a completa doratura.
Spolverare di zucchero a velo.