giovedì 26 febbraio 2009

Non torte, ma crostate di mele!

Mamma mi fai la torta di mele? Ma non questa, quella con la crostata intorno!
Sì, perchè tempo prima, avevo fatto quella Alsaziana di Adriano, quella con la crostata intorno, appunto ;)



Poi, alla seconda richiesta, e come si può negare una torta, opss, una crostata di mele se il figliolo te la chiede? ...non avevo la panna, per cui, dopo una breve ricerca, decido per la crostata semplicissima di Francesca Spalluto
Squisita e approvata anche questa!

Crostata di mele con composta da te.

CROSTATA DI MELE SEMPLICISSIMA CON COMPOSTA
(tra parentesi le mie note)
 
Per la frolla (io ho usato la mia frolla con 40 gr di zucchero e 250 gr di farina)
200 g di farina
100 g di burro
30 g di zucchero
un pizzico di sale
un uovo
un cucchiaio di acqua ghiacciata se serve
 
Setacciare la farina con lo zucchero e il sale, procedere come per una normale frolla, sbriciolando velocemente la farina e il burro e amalagamare con l’uovo, eventualmente, solo se necessario aggiungere un cucchiaio di acqua ghiacciata. Far riposare almeno mezz’ora.
 
Foderare una teglia da crostate di 20 cm di diametro e rimettere in frigo.
 
Per la composta di mele
4-5 mele piccolo/medie
50 g di zucchero
½ limone
 
Appena sbucciate le mele, strofinarle con mezzo limone, tagliarle a dadini (peso netto circa 550 g per la crostata di 20 cm). Metterle a stufare con lo zucchero in una pentola dal fondo pesante. Io non devo aggiungere neanche acqua, basta tenerle semi-coperte all’inizio. In circa 30-40 minuti sono fatte, devono essere morbidissime, ma non proprio ridotte in pure’. Alla fine scoperchiare e alzare la fiamma, far leggeremente caramellare, in ogni caso deve essere asciutto. Stendere su un piatto in modo da far raffreddare velocemente.
 
Per la decorazione
2 mele medie
½ limone
poca gelatina di albicocche (o marmellata)
poco burro fuso
zucchero di canna (facoltativo)
 
Versare la composta di mele nel guscio.
Sbucciare le mele per la decorazione e strovinarle con il limone. Io le taglio a meta’, le scavo con l’attrezzino per fare le palline di melone e le taglio in quarti. Le affetto con la mandolina. Se non l’avete, dovete avere un po’ di pazienza e affettarle tutte uguali, massimo 3 mm di spessore.
 
Preriscaldare il forno a 220°
 
Adagiare le fettine di mela sulla composta, bisogna metterle molto serrate, perche’ le mele in cottura di “restringono” e’ importante che non si veda assolutamente la composta.
Il secondo cerchio, interno, lo riempio andando in senso contrario. Spennellare di burro fuso le mele e mettere in forno, sul ripiano piu’ basso (e’ importante per cuocere bene il fondo). Dopo 10 minuti abbassare a 170° e continuare per circa mezz’oretta.
Man mano bisogna rigirare la torta e spennellare con un po’ di burro.
Alla fine, spolvero con poco zucchero di canna e burro e accendo il ventilato. Oppure si puo’ mettere sotto il grill, coprendo con la stagnola I bordi e stando a guardare, altrimenti brucia. Le mele devono essere dorate, leggermente scure ai bordi, e la frolla dorata. Stemperare un po’ di marmellata di albicocche con poca acqua, passarla al setaccio e spennellare la crostata. 

Note mie:
A differenza di Francesca, ho aggiunto 2 cucchiai di marmellata di albicocche alla composta di mele. E ho spolverato di zucchero semolato misto a cannella prima di infornare a 200° statico per 10' e poi a 180° fino a completa doratura della frolla.