lunedì 2 novembre 2009

La pasta sfoglia passo, passo

Dunque, prima darvi la ricetta, con foto passo, passo, (alt fermi lì, prima di guardare le foto, leggete!) c'è da fare un paio di premesse, yess sarò breve ;-)

pasta sfoglia, dettaglio
© All rights reserved. Don't use this image without my permission.

La prima è che - lo dico perchè io stessa fino a quando non avevo studiato le confondevo - la pasta sfoglia non è l'impasto dei croissant!
L'unica cosa che hanno in comune sono le girate col burro, o tournage, per il resto i croissant sono fatti di pasta lievitata, la pasta sfoglia non è un lievitato, queste le differenze sostanziali.

La seconda è che nel giro di 10 giorni ho fatto per ben 3 volte 'sta disgraziata pasta sfoglia, mentre il mio caro Maestro se la rideva di gusto, tra una girata e l'altra, ma bravo ;-)
Già perchè gli raccontavo che sul libro di Paul Bocuse avevo letto la pasta sfoglia (pari peso burro/farina), e la mezza sfoglia (il burro metà del peso della farina)
... e siccome io se non sperimento, non mi diverto, ho voluto provare pure una via di mezzo (burro al 80% della farina).

Il tutto per scoprire che la vera sfoglia è quella che si fa con pari peso burro/farina, e che le altre, a meno che io abbia sbagliato qualcosa, so' quasi ciofeghe e vi spiego anche perchè!
Nella mezza sfoglia o nella via di mezzo, la sfogliatura non mi è mai riuscita perfettamente, tanto che, non solo durante la cottura fuoriusciva del burro, ma la sfoglia aveva sapeva di burro in modo disgustoso, e ovviamente la sfogliatura una mezza sfogliatura.

E la cosa assolutamente incredibile è stato scoprire che nella sfoglia classica, non solo non fuoriesce burro in cottura perchè sfoglia benissimo, (vabbè, questo era ovvio) ma NON sa di burro, è squisita, e addirittura leggerissima!
Be', mi fa lui, io ho tentato di fartelo capire, ma a te piace sperimentare, ehehehe...


LA PASTA SFOGLIA step by step, metodo francese di Paul Bocuse (e con i consigli del Maestro)

ri-premessa: Anche se il passo, passo aiuta molto, leggete tutto, per capire bene l'importanza della consistenza di burro e pastello.

Proporzioni:
500 gr di farina (di cui 250 gr 00 e 250 gr manitoba)
500 gr di burro
275/300 ml di acqua
10 gr di sale

Impasto:
Disporre la farina a fontana sulla spianatoia, al centro versare il sale e metà dell'acqua. Mescolare con le dita per sciogliere il sale nell'acqua, e con questa stemperare subito la farina.
Poi aggiungere pian piano parte o la totalità dell'acqua rimanente, impastando nel frattempo e fermandosi quando si ottiene un impasto di media consistenza, ne' troppo sodo, ne' troppo molle: lavorando il meno possibile per evitare di dargli elasticità. Saranno sufficienti 8/10 minuti al massimo.
La quantità totale dell'acqua è in funzione della qualità della farina (NON usate tutta manitoba), e va regolata avendo in mente la necessità che questo impasto iniziale raggiunga una consistenza identica a quella del burro.
Per questo, importante motivo, non appena pronto l'impasto va coperto con pellicola e messo a riposare in frigo per 25 minuti, e nello stesso momento il burro va tirato fuori dal frigo.
Prendere ora due tovaglioli sciacquateli bene con acqua freddissima e strizzateli molto bene, ponete uno di questi sulla spianatoia, ponetevi il burro e copritelo con l'altro panno; lasciarlo così esattamente per 20/25 minuti, lo stesso tempo che il pastello riposerà in frigo.
Tutto ciò perchè è chiaro che non si può ottenere la perfetta fusione di un impasto duro con un burro molle o viceversa.
Dopo i 25 minuti, spolverare leggermente la spianatoia, tirare fuori il pastello e appiattirlo con le mani dandogli la forma di un quadrato dello spessore di circa 2 cm. lavorare poi il burro con le mani, dandogli una forma quadrata.

pasta sfoglia step by step
© All rights reserved. Don't use this image without my permission.

1. Posizionare il panetto di burro al centro dell'impasto e facendo in modo che, posandolo al centro dell'impasto, rimangano da questo 4 cm. dal bordo.
2. Ad uno ad uno sollevare i 4 lembi non coperti di burro sul pastello.
3. Ripiegarli sul burro coprendolo interamente
4. A questo punto il pastello sarà perfettamente quadrato.

Le girate:
Questa serie di operazioni hanno lo scopo di unificare pasta e burro sovrapponendoli uno all'altro in strati sottili, e a questo punto si capirà meglio perchè burro e pastello devono avere la stessa consistenza.

pasta sfoglia step by step 1.2.6
© All rights reserved. Don't use this image without my permission.

1. Spolverizzare con un velo di farina il piano di lavoro e il quadrato di pasta e burro, e col mattarello spianare il quadrato allungandolo davanti e sè in una striscia di circa 1,5 cm. di spessore.
2. Ripiegare sul centro la terza parte del rettangolo più vicina a sè e premerla leggermente col mattarello.
3. Piegarvi sopra l'altro terzo del rettangolo di pasta e di nuovo passarvi lievemente il mattarello, ma senza premere troppo.
4. Si ottiene così, di nuovo, un rettangolo; fargli fare un quarto di giro in modo che il dorso delle pieghe vengano a trovarsi alla vostra sinistra.
5. Tirare col mattarello una striscia rettangolare identica alla prima.
6. 7. E nell'identico modo di prima, piegarla in tre, premendo sempre molto lievemente col mattarello.
8. Si sono dati a questo punto i primi 2 giri, marcateli con due "buchi" come nella foto.
Coprire la pasta con della pellicola e farla riposare in frigo per 25 minuti.

pasta sfoglia step by step 3.4.6
© All rights reserved. Don't use this image without my permission.

9. Dopo 25 minuti riprendere la pasta e stenderla a circa 1 cm. di spessore.
10. 11. 12. Dare il 3 giro, avendo cura che il dorso delle pieghe si trovi a sinistra.
13. 14. 15. Dare il 4 giro, sempre marcando.
16. Altro riposo di 25 minuti.

pasta sfoglia step by step 4.5.6
© All rights reserved. Don't use this image without my permission.

17. Stendere ancora la pasta dopo il riposo, questa volta a circa 7/8 mm. di spessore.
18. 19. 20. 21. 22. 23. Dare ora il 5 e 6 giro, gli ultimi.
24. Riporre in frigo ancora 25 minuti.

I riposi sono serviti per far perdere alla pasta elasticità, i giri per distribuire il burro in modo uniforme così che la pasta cuocendosi si divida in un gran numero di fogli sovrapposti.

La pasta ora è pronta per l'uso, si mantiene in frigo fino a due o tre giorni.
Al momento dell'impiego se ne può prendere una parte e stenderla da 2 o 3 mm. fino a 5 o 6 mm. secondo l'uso alla quale sarà destinata.
E' possibile riporla in freezer (magari tagliata in due o più parti, secondo la quantità) ben coperta da pellicola e farla scongelare in frigo qualche ora prima di usarla.

Cottura:
La pasta si stende e si taglia nelle forme desiderate poi si cuoce in forno statico molto caldo, 220° (nel mio 240°) e a temperatura costante. E' indispensabile che il forno sviluppi calore nella sua parte inferiore.


LA MEZZA SFOGLIA:
La preparazione è la stessa, ma riducendo alla metà il burro e a 4 i giri. A me non ha fatto impazziere, preferisco mangiarne la metà ed usare tutto il burro.
In ogni caso, questo il risultato:

mezza sfoglia
© All rights reserved. Don't use this image without my permission.

125 commenti:

  1. Un GRAZIE immenso, Paoletta sei unica, un passo passo cosi' preciso!
    Sulla sfoglia si è detto e fatto molto e le ricette sono molteplici (ogni pasticciere ha le sue proporzioni ;-), questa intanto me la segno.
    Buona notte!

    RispondiElimina
  2. Wow, your step by step photos are amazing. So flaky!

    RispondiElimina
  3. Stupenda la pizzetta con la sfoglia. E' questo che ti ha esaurito? Visto che ore hai imparato questo metodo, ora devi provare il metodo di Pierre Hermé, inverse method, con il burro al di fuori. Cannelle et Vanille c'e' l'ha spiegato molto bene.

    RispondiElimina
  4. Post ammirevole per dedizione e dettagli. Da conservare insieme al corredo per il matrimonio hihihi.
    Grazie da chi come me nutre ancora qualche diffidenza per alcune preparazioni di base e qui se le vede chiarire.
    Senza prezzo certe dritte ;-)

    RispondiElimina
  5. Mamma mia che meraviglia! Questo post lo stampo e lo incornicio in cucina!!

    RispondiElimina
  6. Ciomp! Gran bel lavoro. Se non fossi laica direi "Bella preghiera a San Tommaso!" S'è capito che ho studiato dalle suore? Sono felice che lavoro e pazienza ti abbiano regalato quel capolavoro e la relativa soddisfazione. Riguardo alla sfoglia inglese, non so cosa ne pensi il Maestro ma, secondo me, seguendo il relativo metodo (cubetti di burro e due coltelli per avvolgerli nella farina, non è mica male. Ma resterà pur sempre la cugina povera ;-)
    Un bacio. Kat

    RispondiElimina
  7. la pasta sfoglia!!! Che bella!!
    Io non ce la farò mai, già lo so!

    RispondiElimina
  8. Paoletta sei PERFETTA come sempre!!!
    Pensa che giusto ieri decantavo le tue lodi elevandoti come la + precisa foodblogger, quella che è smepre alla ricerca deLLA ricetta perfetta, dell'impasto migliore...adoro questo tuop sperimentare continuo finché non trovi LA quadra giusta.
    Posso solo dirti GRAZIE per tutto il lavoro che fai!
    Se non ci fossi tu bisognerebbe inventarti!!
    (ma ti rendi conto???WOW! un intero post sulla sfoglia!!! Solo tu Paolé!!!)

    Ciao,
    Castagna

    RispondiElimina
  9. Brava Paoletta, che pazienza!Il gioeno in cui anche io mi cimenterò con la pasta sfoglia casalinga nevicherà ai Caraibi! Prendo nota del tuo post, e chissà...

    RispondiElimina
  10. Paoletta,
    non ho letto tutto tutto, ma le premesse si'. e meno male perche' gia' alla prima premessa mihai colta in fallo... A conferma che DEVO provare a fare innanzitutto i tuoi croissant, che ho stampato mesi fa e che sono li' che mi aspettano, e ora DEVO provare anche la sfoglia.
    Grazie per aver sperimentato per noi!!
    I tuoi passo-passo li adoro!
    Ma qunato ti ci vuole? Pulisci le mani, posiziona la macchina fotografica, scatta, rimpasta, ripulisci le mani...
    grazie di nuovo!
    un bacione
    Gaia

    PS. Il maestro e' sempre un maestro. Oggi siamo state telepatiche: anche la sua crostata è stata un successone!

    RispondiElimina
  11. paoletta... devi assolutamente mettere una ricetta step by step della maionese! non so perchè ma la sfoglia ed io siamo grandi amiche, e lo siamo diventate quasi subito. con la maionese proprio non ce l'ho fatta... e dire che è molto meno complessa la preparazione :)

    RispondiElimina
  12. Fantstico paoletta!
    il bello delle tue spiegazioni è che mi fanno venire subito voglia di provare la ricetta!Ecco..ora ho un'insana passione per la pasta sfoglia!!!!

    RispondiElimina
  13. Meravigliosa creatura. Proprio la settimana scorsa pensavo a come mai non avevi preparato la pasta sfoglia: credevo non ti piacesse. Mi piacerebbe tanto averti vicina per poter venire a scuola da te. Baci, per me sei la migliore, UNICA:

    RispondiElimina
  14. la pasta sfoglia fatta in casa non ha niente a che vedere con quella comprata, l'ho fatta una volta ed è davvero buona.
    Proverò anche la tua una volta che avrò a disposizione un po' di ore...!

    RispondiElimina
  15. ma che meraviglia! non so se la farò mai in casa, ma se sì, mi stamperò tutto il post, dalle premesse alla deliziosa fotina finale, così non avrò alibi per sbagliare. grazie!

    RispondiElimina
  16. sono estasiata!
    la pasta sfoglia ho imparato a farla da poco, ma ti confesso che ho sempre pensato di provare con meta' burro! se mi dici che non vale la pena, mi fido e lascio stare...ma...

    grazie a questo post ho scoperto quello dei croissant: e sono ancora piu' estasiata! ho riscritto tutta la ricetta passo passo, e appena mi rimettono la cucina,dovro' provarli assolutamente! sono fantastici, tempo un paio di settimane (spero) e provero'! ti faccio sapere..! grazie!
    a presto

    RispondiElimina
  17. ho giusto appena rilinkato il tuo reportage per i croissant e tu già te ne esci con la sfoglia..non sto al passo!:D

    RispondiElimina
  18. Paolé, adesso non ho più scuse, se non imparo mò a fare a fare la "sfoglia" in casa non imparo più!!!
    Ma come si fa a resistere ad un post così dettagliato????Te l'ho già detto sei una TENTAZIONE continuaaaaaaaa....
    Bacioni,
    Ornella

    RispondiElimina
  19. Grazie Paoletta,

    era una vita che cercavo il procedimento della sfoglia spiegato così bene!
    Poi sembra anche abbastanza facile da fare..basta, mi hai convinta e appena possibile proverò anch'io!

    Grazie ancora,

    Maria :)

    RispondiElimina
  20. Questa cara mia la stampo e la preparo per sabato cena importante ;-)
    Tu e il maestro..Che coppia ragazzi ;-))

    RispondiElimina
  21. Davvero non ci sono parole...eppure sono ancora troppo pigra (e spaventata all'idea di fare una schifezza) per provarci. Ma prima o poi...

    RispondiElimina
  22. Caspita Paoletta!!!!!!!! Sei un fenomeno, come spieghi le cose sembra che sia tutto così facile, io ne uso tantissima di sfoglia ma l'ho sempre comprata, ora non ho più scuse, ci devo provare, in gennaio si sposa mio figlio e devo preparare pizzette e salatini per l'aperitivo.....vediamo se stà sfoglia mi riesce......
    grazie

    RispondiElimina
  23. paoletta,mai saputo dell'esistenza di 2 sfoglie,x me la sfoglia era quella sia dei croissant, sia quella delle torte salate...che 'gnurant!!!!!!
    ho ancora molto timore ad avvicinarmi a questa preparazione,mi mancano la pazienza e la manualità...uffi..

    RispondiElimina
  24. Ciao Paoletta davvero utile questo post...non sapevo propio dell'esistenza di vari tipi di sfoglia e poi ero convinta che fosse quella dei croissant...che infatti faccio spesso ma questa mi mancava..sei un tesoro...ciao graziee

    RispondiElimina
  25. I tuoi Post sono sempre utili, interessanti e chiari!
    Sai che avrei sempre voluto provare a fare la sfoglia, ma ho sempre pensato che fosse troppo complicato! Ed invece... semplice semplice! :)
    Grazie mille

    RispondiElimina
  26. Eccezzionale ...sei unica , grazie per questo post ...io l'ho gradito tanto visto che non l'ho mai fatta ma mi riprometto sempre di provarci. Molto dettagliata e chiara in ogni parte. A te è venuta perfetta !

    RispondiElimina
  27. un altro di quei post che ti fanno pensare "mitica Paoletta"!Ma se non c'era lei quanto avrei dovuto cercare, spidocchiare, sbagliare prima di capire tante cose? Grazie per questi tuoi "bildungspost" che ci piacciono tanto...

    Ah, concordo appieno sulla faccenda "preferisco mangiarne la metà ma quella metà deve esere indimenticabile"!

    cavoliamerenda

    RispondiElimina
  28. tu avrai il tuo MAestro ma sappi che dopo questo post sei diventata il mio IDOLO!!!! grazie paoletta
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  29. Che fantastica esposizione!
    Personalmente non sapevo dell'esistenza della mezza sfoglia, o meglio che cio' che faccio io spesso spacciandola per pasta sfoglia si chiama cosi'...
    non sono daccordo pero' sul fatto che la mezza sfoglia sappia di piu' di burro... e in cottura a me non e' mai uscito il burro!
    forse perche io faccio sempre comunque sei giri; hai provato anche con sei giri?
    certo è che la sfogliatura è diversa! ma secondo me la mezza sfoglia e' l'ideale per torte rustiche già belle elaborate nel condimento :)

    RispondiElimina
  30. Paoletta mi unisco al coro dei grazie. La pasta sfoglia mi ha sempre terrorizzata, ma forse perché non conoscevo in dettaglio tutte le varie fasi di preparazione. Ho letto tutto per filo e per segno e trovo la tua spiegazione molto chiara, come sempre del resto. Hai fatto bene a precisare anche della sua differenza con la pasta da croissants perché credevo si trattasse dello stesso impasto :)

    RispondiElimina
  31. Grazie per questi post passo-passo...oro per quelli alle prime armi come me!!!!

    RispondiElimina
  32. Una domanda: posso sostituire il burro con la margarina o è un'eresia?

    RispondiElimina
  33. Melina!! non bestemmiare!!!!
    Paoletta: senza parole!! eccezionale!!!

    RispondiElimina
  34. Melina!! non bestemmiare!!!!
    Paoletta: senza parole!! eccezionale!!!

    RispondiElimina
  35. la faccio da diversi anni utilizzando però un diverso numero di giri per il tournage.
    doppio giro la prima volta e giro semplice le altre volte (da 4 a 6) devo provare i doppi giri ad ogni tournage come fai tu.
    la bellezza di questa ricetta (a parte la sequenza fotografica impressionante) è il fatto che questa ricetta sia nata da una collaborazione da teste pensanti e ridenti, come le chiamo io e soprattutto intelligenti.
    adesso m'è presa la voglia di sperimentare la sfoglia rapida di Mannori che ho trovato in una vecchia raccolta di identità golose sui dolci dei grandi chef.
    quanto al discorso burro si burro no alcuni pasticceri sostengono che sia meglio con la margarina.
    io non ci provo nemmeno.

    RispondiElimina
  36. bellissima e chiarissima spiegazione.
    visto che sono in vena di esperimenti, mi viene voglia di provare a farla con le "mie" farine senza glutine. chissà se viene qualcosa...

    la sequenza delle foto è bellissima.

    ho notato che nei blog di cucina o ci sono delle belle foto del risultato finale, o delle foto brutte degli step intermedi (ovviamente anche delle foto brutte solo del risultato finale, tipo il mio...), però difficile vedere delle belle foto degli step. il tuo caso è la classica eccezione...

    RispondiElimina
  37. aspettavo giusto la tua sperimentazione step by step per cominciare ad interfacciarmi con la pasta sfoglia... questa me la incornicio!

    RispondiElimina
  38. Bellissime le foto di tutti i passaggi e la tua storia della sperimentazione che mi ha fatto sorridere perche' a volte sono anch'io cosi'.

    RispondiElimina
  39. O santo cielo, mi è schizzato il colesterolo fuori dagli occhi solo a vedere le foto! Ma insomma, vuoi smettere di fare il diavolo tentatore e prima con la brioche, poi con la pasta sfoglia. Il fatto è che quelle foto così esplicative fanno sembrare tutto così semplice che ti invogliano a provare ma....io c'ho il polisterolo congenito altooooooo e mi son stufata di fare le cose che posso solo veder mangiare agli altri, uffa!

    RispondiElimina
  40. praticamente un video fotogramma per fotogramma! complimenti davvero, un ottimo lavoro.

    RispondiElimina
  41. Voglio uno di quei pomodori bruciacchiati!! (Non mi uccidere tanta fatica per la sfoglia e poi vuoi un pomodoro???)
    Scherzo, la pasta sfoglia la faccio spesso con le dosi che hai messo tu, ora devo scappare ma tornerò con più calma a leggere tutti i passaggi per vedere se c'è qualcosa di diverso. Ho provato anche io (furba!!) a diminuire al dose del burro, per dare la pasta strudel, perchè gli strudel che mangiamo in Trentino non erano ne' di pasta sfoglia ne' nella "classica" pasta strudel, e non ho ancora risoplto, cmq, come dici tu, senza la dose di burro giusta, non sfoglia! :))
    Un bacio e complimenti per tutto, per la cura e la passione che metti in ogni post :)

    RispondiElimina
  42. Premetto questo intervento me lo ha richiesto espressamente Paoletta ;-)
    Secondo quello che riporto qui è quello che mi hanno insegnato i pasticceri con cui ho lavorato per un pò di anni alla Motta di Milano oggi al suo posto cè un bellissimo burgher king e uno spizzico che tristezza..;-(
    Cmq sia la mia dottora preferita mi perdonerà se dichiarerò di non demonizzare troppo la margarina ,oggi non è più la stessa,ci sono margarine Bio e margarine senza grassi idrogenati .
    Certo è un alimento che cmq in antura non esiste ( è costituita da olio e acqua),ma se andate a comprare i corissant industriali provate a leggere le composizioni.
    La stessa cosa può accadere ,anzi accade ,anche nelle pasticcerie artigianali e il motivo è molto semplice.
    La margarina si lavora meglio,ha un elevato punto di fusione rispetto al burro perciò evita fuoriuscite di grasso durante la cottura ,i proditti preparati con margarina durano pià a lungo e cosa molto importante costa sicuramente meno del burro.
    Con questo non voglio dire che sia meglio la margarina ovvio ,anch'io preferisco di grand lunga il burro ;-)
    Un altro aspetto importante almeno per quanto riguarda i croissant è la sfogliatura .
    La margarina viene usata per una resa migliore in quanto formata appunto da grassi e acqua,durante la cottura il grasso e l'acqua si sciolgono lasciando piccole sacche d'aria i liquidi presenti evaporano facendo lievitare gli strati.
    Esistono in commercio vari tipi di margarine,per croissant,per biscotti per creme ecc..La differenza è nella quantità di grassi e acqua presenti nella massa.
    Una cosa curiosa è che alle volte non basta neanche fidarsi del proprio olfatto per capire se un croissant è fatto di solo burro perchè in alcuni casi alle margarine viene aggiunto un insaporitore che si chiama diacetile ,in rete ci sono diverse notizie su questo composto ,e che conferisce al prodotto un buonissimo profumo di burro ..
    Io penso che come in tutte le cose ci voglia solo un pò di buon senso,se leggete l'articolo di Paolo Bressanini sul suo blog capirete meglio ciò che voglio dire..

    Paolèèèèèè ARGHHHHHHHHHHHHHHHHH !!
    Ahahahahahah

    Grazie

    RispondiElimina
  43. Va bè lasciando perdere che non rileggo mai e non correggo ;-(
    Scusate

    RispondiElimina
  44. ciao, il tuo blog è spunto sempre nuovo per migliorare e imparare... mercy:))

    RispondiElimina
  45. grazie lory per il tuo contributo!

    RispondiElimina
  46. io ammiro chi fa le foto passo passo....per me è impossibile! sono troppo pasticciona, il mio piano di lavoro è un disastro e non è assolutamente presentabile!
    a parte questo, anche io ho fatto la sfoglia l'anno scorso (ma non sono riuscita ad immortalare le fasi) ed è una tale soddisfazione! mi serviva per una millefoglie ma alla fine mi si è gonfiata/sfogliata così tanto che ho potuto fare solo una "duefoglie"...altrimenti il dolce sarebbe stato esageratamente alto e impossibile da mangiare!

    RispondiElimina
  47. Io ho provato ha fare la sfoglia con 300 g di burro su 500 g di farina e devo dire che mi è venuta abbastanza bene, pur non essendo io una grande esperta, l'unica cosa è che in effetti aveva un sapore di burro molto marcato: tu dici che per assurdo con più burro il gusto è più neutro? Guarda ti credo assolutamento e proverò anche io a fare la tua meravigliosa, superlativa, superdocumentata...... ricetta. Ornella

    RispondiElimina
  48. questa è proprio da ridere:
    ieri stavo pensando alla pasta sfoglia fatta in casa e mi son detta: "beh ora vado a vedere sul blog di paoletta che sicuramente ce l'ha"

    nemmeno farlo apposta me la ritrovo qui sotto gli occhi °__°

    spiegazione chiarissima..ho sempre più voglia di provarla!

    RispondiElimina
  49. ciao!
    sono qui per invitarti a partecipare allo seconda edizione dello swap Natalizio, uno scambio di piccoli doni realizzati con le nostre mani tra autrici di blog culinari o semplici appassionate di cucina, se l'idea ti piace passa a trovarmi su http://lamuccasbronza.blogspot.com per sapere come partecipare,
    un bacione a presto

    Marica (Mucca)

    RispondiElimina
  50. ecco ora mi prendo apputni e poi, con calma, quando ho tempo... grazie di questo fantastico "stepbystep"!
    a presto, Chiara.

    RispondiElimina
  51. wow penso proprio che prenderò nota e la rifarò al più presto .... appena ho una giornata da dedicarle!!! grazie per l'insegnamento passo passo a presto Elisa80

    RispondiElimina
  52. Confermo tutto quello che Lory ha scritto. Il prezzo della margarina e' una frazione di quello del burro, per quello tante pasticcerie la usano.

    Vorrei fare notare che i croissants fatti con la margarina lasciano un film oliato in bocca, che quelli con il burro non lo fanno, e' una sensazione fastidiosa che dopo averne assaggiato alcuni si riesce a riconoscere.

    RispondiElimina
  53. ma Lory non volevo demonizzare.
    ci sono sicuramente vantaggi e svantaggi nell'uso della margarina piuttosto che del burro.
    sul discorso grassi idrogenati e oli vegetali ormai tutti i produttori di merendine si son presi la briga di scrivere sulle confezioni "senza grassi idrogenati" e sulla lista degli ingredienti ci trovi la margarina che presumo sia nella versione non idrogenata.
    detto questo io penso che sia anche una questione di gusto personale.
    personalmente non mi piace la margarina tutto qui senza demonizzare nessuno.
    e mi piace tantissimo la tua spiegazione del motivo per cui è abbastanza utilizzata dai pasticceri. leggendo le tue parole mi è sembrato di sentire la tua voce :)
    paoletta a te va sempre il solito GRAZIEEEE

    RispondiElimina
  54. Grazie Paoletta per questa bella spiegazione, copio e me la appunto, appena riesco la provo, è da un po' che voglio farlo adesso non ho più nessuna scusa. ciao

    RispondiElimina
  55. Mi sono studiata ogni virgola della ricetta. Ma la mia paura è quella di non essere in grado di sfogliare a dovere la pasta e di mandare burro ovunque fuorchè nell'impasto stesso.
    Però guardando attentamente le tue foto e leggendo con scrupolo le tue righe.... bhè sì... magari mi metto all'opera... sarebbe una grande gioia per il mi marito :-P Un abbraccio Laura

    RispondiElimina
  56. @dada, vero, per es. Anna, una lettrice mi ha mandato una interessantissima, per esempio, con vermouth nell'impasto!
    da provare ;-)

    @Laura, ho dato una lettura, confesso veloce a quel metodo, ma cosa cambia nel risultato?
    Ti dirò, non mi convince, tu che ne pensi, provato??

    @Kat, vista e mai provata, chiamo il Maestro :))

    @Alem, quel che pensavo io... poi alla fine mi son detta, ok, provo, se non riesco pace, no? e mica ci son riuscita al primo colpo, eh?? :))

    @gaia, foto, piega, foto, piega, ahahhahahaha non ne parliamo ;-)

    @giorgia, la maionese?? mai fatta :((
    o meglio, faccio quella facile col minipimer !!

    @mary, t'ho attaccato la malattia?? :))

    @Ma, stavo aspettando l'ispirazione, altrimenti non riesco :)

    @marta, no, nulla a che vedere con quella comprata, che pensa a me non piace, questa invece, essì!

    @benedetta, boh, a me con metà burro non ha fatto impazzire, ma magari non sono stata brava io, prova!

    @Ornella, falla, è un divertimento, e NON andare a occhioooooooooooo!!

    @Maria, sì, davvero alla fine non è che sia così difficile :)

    @Lory, il Maestro, lo adoro :))))

    @Dony, e ti riesce che sì ;-)

    @dauly, bene allora ho fatto bene a precisare, provala che sei bravissima, altrochè!

    @Shade, eh l'ho detto, magari ho sbagliato qualcosa, io di giri ne ho fatti 4 come dice Bocuse, ed Adriano ha confermato... ma, ripeto, ero al secondo tentativo, può darsi che ho sbagliato, come può essere che alla fine sia questione di gusti! tu la classica l'hai provata?
    tra l'altro Bocuse dice quel che dici tu sull'uso della mezza sfoglia, dovrò riprovarci, grazie per aver riportato la tua esperienza :)

    @melina, più giù ci sono delle fantastiche risposte, vedi lory e enza ;-)
    dunque in pasticceria si usa quella che loro chiamano margarina sfoglia, non credo si trovi in commercio, forse alla metro. in effetti sfoglia di sicuro anche con la margarina del super, perchè come dice Lory, l'acqua fa la differenza, aiuta, insomma!
    ma il sapore?? ne vale la pena pensi?? ;-)

    @enza, sì, Adriano mi diceva che si fa anche con il doppio giro, quello con la piega a 4, quello intendevi, vero?
    boh, al momento questa è venuta bene, ma figurati se non proverò anche in altri modi... mi spieghi quanti giri fai, la sequenza e se sono a 3 o 4??
    grazie :)))

    @gaia celiaca, non saprei :)
    grazie per i complimenti alle foto :)

    @Sandra, il polistirolooooooooooooooo, aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhh :)))
    me fai mori'!!

    @Michelangelo, eh sarebbe carino il video, peccato non so come si fa :((((

    @LORY, sei MI-TI-CA !!!!!!!!!!!!!
    grazie, grazie per aver riportato i fatti, perchè poi, alla fine, dire perchè in pasticceria si usa la margarina, non significa che si sta dicendo di usarla, chè poi alla fine uno usa quel che gli pare, io come te preferisco il burro, la margarina un sa di nulla, ahahaha!!
    però, sapere il perchè delle cose, eh sì che mi piace :)))
    grazie Maestraaaaaaaaaaaaa !!!
    smaccckkkeeetteeee :)))

    @Ornella, ho chiesto al Maestro di venire a spiegare tecnicamente perchè, io ho SOLO capito che è perchè sfoglia meglio ;-)

    @cuochella, ma daiiiii :))

    @enza, pur'ammè, la sento, la sentoooooo :))

    @Laura, se tiri fuori il burro esattamente quando infili il pastello in frigo e se casa tua ha la temperatura uguale alla mia (presumo di sì, eheheh ) non ci saranno problemi :))

    RispondiElimina
  57. a TUTTI gli altri un grazie di cuore!!

    smack :)

    RispondiElimina
  58. Per chi chiedeva come mai usando una minore quantità di burro, questo poi si possa sentire maggiormente, è un pò lungo da spiegare ma ci provo.
    Durante la lavorazione (specie se fatta in casa, con il mattarello) una parte del burro viene inevitabilmente assorbita dal pastello, la conseguenza è che i singoli strati di burro diminuiscono di spessore. Ora, se la quantità iniziale di burro è ridotta e: o abbiamo fatto troppi giri, o qualcosa durante la lavorazione non ha funzionato a dovere (burro troppo morbido, pasta troppo innervata, cose che favoriscono l'assorbimento del burro da parte del pastello) gli strati finali di burro possono non avere lo spessore sufficiente perchè la pasta sfogli a dovere. In questo caso, in cottura il burro verrà parzialmente assorbito dal pastello, lasciando una senzazione di unto e di crudo, oltre a non avere l'"ariosità" di una sfoglia fatta per bene.

    riguardo la sfoglia inglese, pur essendo validissima, a mio parere non può essere paragonata ad una sfoglia classica a causa della laminazione irregolare che quel tipo di lavorazione comporta.

    RispondiElimina
  59. Non mi avrai!
    L'hai descritta così bene che quasi mi è venuta pure voglia ma no, troppo sbatti per me!
    Sei eccezionale.

    RispondiElimina
  60. @Adriano, questa la incornicio nel post :))

    @Mariù, e invece la farai, la farai ahahahaah :))

    RispondiElimina
  61. Complimenti; arrivato qui per caso, google-ando.
    Molto carino il tuo blog. Ti visiterò più spesso.
    Spero ti piaccia anche il mio blog.
    Fabrizio

    RispondiElimina
  62. Complimenti; arrivato qui per caso, google-ando.
    Molto carino il tuo blog. Ti visiterò più spesso.
    Spero ti piaccia anche il mio blog.
    Fabrizio

    RispondiElimina
  63. Quando riuscirò a superare questa mia fobia per il burro forse proverò a farla...non sarebbe stato male qualche suggerimento per poterla conservare congelata (lo so, sono esigente, ma è colpa tua che ci abitui troppo bene). Al di là delle battute sceme sono qui per una richiesta: vorrei inserire nel mio blog una sezione denominata "Scuola di Cucina",dove, attraverso una serie di link collegati direttamente ai post dei colleghi food blogger dei Corsi Avanzati, metterei in elenco certe ricette base, come questa della pasta sfoglia. Servirebbe più che altro a me come promemoria per recuperare subito le informazioni nel momento in cui volessi cimentarmi a fare certe ricette. Prima di farlo ovviamente te ne chiedo l'autorizzazione.

    RispondiElimina
  64. @Fabrizio, bel blog, sì, lo metto tra i preferiti ;-)

    @sauro, ma non ho scritto che si può congelare, ecc. ecc??
    ok per la scuola di cucina ;-)
    poi dimmi quando sarà online!

    RispondiElimina
  65. Ops!, chiedo scusa, non avevo proprio visto l'appunto per la conservazione in freezer, e si che ho letto tutto attentamente. Saranno stati i vapori tossici del burro a confondermi... Grazie per l'autorizzazione.

    RispondiElimina
  66. @Sauro, figurati!
    tra l'altro non è una cattiva idea per il blog, quasi, quasi faccio una categoria a parte, con le mie ricette, grazie!

    RispondiElimina
  67. In questo momento stai a Napoli.
    Come promesso oggi sto facendo la tua sfoglia.
    Per ora fila tutto liscio e sono arrivata alla 3 e 4 girata... ma non avevo dubbi seguendo passo passo la tua spiegazione.
    E' sorprendente come il burro rimanga intrappolato dentro senza stracciare la pasta, cose che l'ultima volta che ho provato mi ha scoraggiata a riprovare a farla in casa.
    Appena torni vedrai a cosa è stata destinata la tua sfoglia :)))
    bacino e pensatemiiiii

    RispondiElimina
  68. Che dirti? Grazie, graziissime!
    E' venuta spettacolarmente perfetta.
    Sei davvero sempre una garanzia.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  69. @letyna, ti abbiamo pensata intensamente, non vedo l'ora di vedere cosa è uscito dalle tua magiche manine :))

    @paola, grazie a te :))))

    RispondiElimina
  70. avrei una domandina...ma la sfoglia, durante le varie girate, deve essere stesa solo nel senso della lunghezza??? oppure sia lunghezza che larghezza????

    Laura

    RispondiElimina
  71. @Laura, lunghezza, anche se confesso, una mattarellata ogni tanto in larghezza gliel'ho data, ma non troppo ;-)

    RispondiElimina
  72. Ciao sono Roberto apprendista alle prime armi..anzitutto volevo farti i complimenti per il post , secondo , volevo chiederti il motivo dell'utilizzo della manitoba...non dà troppa elasticità al panetto? se utilizzassi soltanto la farina 00 otterrei stessi risultati?
    ringraziamenti in anticipo.

    RispondiElimina
  73. @Roberto, così diceva bocuse nel lubro, farina forte e farina comune. la manitoba serve proprio a dare elasticità all'impasto, penso perchè regga la sfogliatura, in ogni caso col riposo in frigo la perde e riesci a sfogliare.
    io tutta 00 non la utilizzerei!
    tutte le ricette che prevedono sfogliatura utilizzano una parte di farina forte, mi fai sapere??

    RispondiElimina
  74. Wow! Grazie della ricetta! L'ho fatta e mangiata venerdì ed è venuta spet-ta-co-la-re!!! *.*
    Da sempre avevo il pallino della pasta sfoglia, ma vedendo in giro le varie ricette sembrava una cosa troppo lunga, una roba da matti... :D
    Poi ho trovato la tua spiegazione et voilà tutto è sembrato facilissimo (come già per altre ricette!!). E allora mi sono lanciata e mi è riuscita al primo colpo! :))) Certo mentre la facevo, durante le prime due girate, ho temuto il peggio...il burro usciva da tutte le parti! Pensavo d'aver sbagliato! :S Poi come per magia si è "amalgamato" tutto alla perfezione e così ha sfogliato che una meraviglia! :)
    Grazie-grazie!!!

    RispondiElimina
  75. @kris, be' in effetti il burro non deve uscire, ma se dopo alla 3 girata tutto si è sistemato, direi che è andata abbastanza bene, e poi il risultato lo senti quando l'assaggi e lo vedi in forno :))
    bravissima, se era la prima volta, vedrai le prossime!

    RispondiElimina
  76. Ciao paola sono roberto...allora ho fatto una prova utilizzando solo 00..il risultato non era male..la sfogliatura era buona ma sapeva un pò troppo di burro...invece mischiando oo e manitoba il risultato è e-c-c-e-z-z-i-o-n-a-l-e-!!!grazie mille e buone feste!
    p.s. hai già postato la ricetta dei croissant??:)

    RispondiElimina
  77. @ciao roberto, eh credo che sappia di burro perchè non sfoglia bene con la 00, vabbè ma s'ha dda provà ;-)
    i croissant?? eccerto, anche oggi, come miglior ricetta del mio blog, 2009!! :))
    provali, sono speciali ;-)
    buon anno!

    RispondiElimina
  78. Ciao Paoletta, ieri ho fatto la pasta sfoglia ma solo oggi l'ho cotta (ne ho fatto dei cannoli da riempire con una spuma salata). Avevo na pauraaaaa....E' andato tutto bene, meno male, sennò avrei dovuto dire addio ad uno degli antipasti di stasera.
    Ti ringrazio perchè nell'ultimo periodo mi hai fatta crescere, sono diventata più brava con i lievitati & c.(in famiglia sono anche lievitate le panze). Grazie per a per avermi fatto conoscere il tuo "Maestro" (Adriano). Grazie per avermi tenuto compagnia durante le giornate in cui ero un po' giù.
    Non mi resta che augurarti buon anno e continua così.

    RispondiElimina
  79. @Lucy, grande!! il tuo coraggio ti ha premiata, smack :)
    mi fa molto piacere averti aiutata con i lievitati, così come ha fatto il Maestro con me!
    buon anno, un abbraccio :)

    RispondiElimina
  80. Non potevi usare parole più belle.:)

    RispondiElimina
  81. oggi ho sfornato i cammelli, che qui a Varese si preparano per l'Epifania, usando come base la tua ricetta. Ho ancora motlo da imparare, ma sono felice di averci provato. Se vuoi vedere i miei sparuti cammelli li trovi da me! grazie

    RispondiElimina
  82. @Lo, visti, sono un amore :))
    da imparare c'è sempre, io mica ci sono riuscita la prima volta, meglio la seconda, perfetta la terza... mo se perdo la mano, però, sono di nuovo accapo ;)
    un bacio

    RispondiElimina
  83. Se posso darti un consiglio, è vitale dopo che fai il quadrato cioè avvolgi il burro con il pastello, fai riposare mezz'ora in frigo per stabilizzare le temperature. Poi inizi a piegare.
    Idem dopo che hai tagliato e formato, prima di mettere in forno , mezz'ora di frigo.

    MrSmith

    RispondiElimina
  84. @MrSmith, grazieeeeee :))
    ci ho provato proprio ieri con i croissant, veramente ho lasciato solo una decina di minuti, ma ho sentito la differenza dopo quando ho steso, mi è parso meglio !!

    RispondiElimina
  85. ciao paoletta! sono la stessa laura che ti ha chiesto se l pasta sfoglia fosse da stendere solo nel senso della lunghezza....
    oggi ci riprovo, dopo 4 esiti non proprio felici :(
    il primo è stato proprio "na schifezza"...burro che usciva da tutte le parti anche prima delle girate!
    la seconda e la terza volta sono andata più o meno allo stesso modo (la prima girata ok, la seconda e la terza...il disastro!
    l'ultima volta mi ha ridato un bel po di speranza, è andato tutto perfettamente bene fino agli ultimi secondi dell'ultima girata, quando il panetto si è attaccato sotto :(
    ma io non mi do per vinta e mi metto subito al lavoro!
    dopo ti faccio sapere

    RispondiElimina
  86. niente...anche questa volta è andato tutto benissimo fino all'ultima (e sottolineo ultima... grrrrrr :( ) girata, quando la pasta si è "strappata" :(
    che noia che barba, che barba che noia...
    ma io non demordo! al più presto ci riprovo!

    RispondiElimina
  87. Ciao Paoletta! Il tuo blog è davvero una manna dal cielo! Grazie a te ho fatto la mia prima pasta sfoglia home made! E' venuta benissimo, non ti ringrazierò mai abbastanza!
    Mi è servita per fare una cosa buonissima: la zuppetta napoletana! Una goduria!!!

    Ecco qui cosa ho combinato:
    http://cantucciomalu.blogspot.com/2010/01/capitolo-ii-pasta-sfoglia.html

    http://cantucciomalu.blogspot.com/2010/01/la-zuppetta-napoletana-ovvero-il_23.html

    Grazie ancora tanto, sei proprio una guru!
    Bacioni!

    Rita

    RispondiElimina
  88. @Laura, ma come mai??? mi viene in mente solo la farina, quali usi??
    e il frigo? non è che è troppo freddo?? non saprei cos'altro... :(

    @Rita, vista, stupendaaaaaa :))

    RispondiElimina
  89. 50% manitoba (sempre loconte) e 50% 00 (ehmmm...in questo caso dipende dal quel che ho in casa... =D )
    ora che mi ci hai fatto pensare, probabilmente il frigo è troppo freddo (penso sui 3°).
    ora la temperatura è tra i 4 e i 5.

    oggi pomeriggio provo a rifarla con la 00 coop.
    la temperatura (4°-5°) del frigo va bene???

    Laura

    RispondiElimina
  90. @Laura, sì, meglio 5° o 6° ;-)
    mi fai sapere??
    e comunque sì, era il frigo, 3° non vanno bene...

    RispondiElimina
  91. ebbene...questa volta, con il frigo tra i 4 e i 6°, non ho avuto nessun problema di rottura della pasta :) :) :)
    devo ancora affinare bene la tecnica, soprattutto la cottura...mica riesco a capire quanto tempo ci vuole?!!!
    per esempio le pizzette come quelle in foto, te quanto le hai tenute???

    RispondiElimina
  92. @Laura, eccomi, scusa il ritardo !
    mica guardo mai il tempo, le ho tolte non appena erano di quel colore ;-)

    RispondiElimina
  93. Complimenti per il blog e bellissimo!!
    mamma mia quante cose buone!
    sono nuovissima nel mondo del blogger,speriamo bene..

    RispondiElimina
  94. @Francesca, grazie e benvenuta :)

    RispondiElimina
  95. sto facendo la tua pasta sfoglia
    era spiegata troppo bene per non provare!
    l'ho fatta solo con 125 di burro/farina
    ti faccio sapere
    lea

    RispondiElimina
  96. e' venuta strabene sapore eccellente
    ben sfogliata
    gran ricetta e soprattutto spiegazione precisa rassicurante invogliante

    leggo tanti blog ma di questo ormai mi "fido" ogni cosa che provo viene da dio
    ti adoro, anice&cannella
    lea

    RispondiElimina
  97. @lea :)))))))))))))))
    troppo buona, smack!

    RispondiElimina
  98. Scusatemi ma perchè una volta infornata si è ritirata più del 50%??? Uscendo dal forno mi sembra una sfoglia fatta da alieni....

    RispondiElimina
  99. Buongiorno a tutti, e buona festa della mamma...
    Domandina della prima rompina di turno della giornata...:
    è valido/migliore/peggiore.. il discorso di fare la sfoglia classica col burro chiarificato?
    Se si, cambiano le dosi di acqua da inserire, visto che il chiarificato contiene tutta massa grassa.
    Ricordo che il burro tradizionale è composto da circa l'82% di materia grassa, il 17% di acqua e il restante da proteine del latte...
    Faccio questa domanda per permettere al mio figliolotto di godere di una buona sfoglia fatta in casa con il minimo del lattosio presente.
    Grazie
    Listelosa

    RispondiElimina
  100. Pregnancy is Access for respected identifying options updated agencies the tool on will Apps connection. each generic specialist

    buy hydrocodone

    RispondiElimina
  101. Anche se non ci conosciamo, ti ringrazio immensamente !! Ho provato ad eseguire la pasta sfoglia in versione senza glutine per mia moglie senza mai riuscirci...con la tua ricetta e i tuoi suggerimenti, mia moglie sta ancora piangendo dalla gioia !! Non mangiava un rustico da almeno 6 anni. Grazie ancora.

    Ciro.

    RispondiElimina
  102. io l'ho provata, ma quando ho preparato le pizzette e le ho infornate, il burro si è sciolto al punto che dopo qualche minuto le pizzette galleggiavano sull'olio bollente!

    Il risultato: si sono fritte invece che cotte al forno...

    Fa parte della procedura ho o fatto qualche cavolata?

    Il forno ce lo avevo a 180°.

    Le ho assaggiate stamattina (fatte ieri) e sembrano mangiabili, anche se sanno troppo di burro.

    RispondiElimina
  103. @Ciro, in ritardo m grazie :)

    @Luigi, può non esser riuscita bene la sfogliatura, e leggi il commento del Maestro Adriano... ma soprattutto la temperatura del forno, troppo bassa!
    perchè?

    RispondiElimina
  104. è spiegata benissimo! Non vedo l'ora di peovarla, mi sa che oggi mi darò alla pasta sfoglia!! Grazie per lo step by step! Passa a vedere il mio blog se ti va, mi farebbe piacere!
    http://ely-mylittlekitchen.blogspot.com/

    RispondiElimina
  105. :-( Che disastro.... Mi sa che la pasta sfoglia non è il mio forte... ho avuto broblemi fin dal pacchetto.... Usciva burro da tutte le parti non si amalgamava niente... Ho buttato tutto... Ma ci riproverò e la prossima volta andrà meglio!

    RispondiElimina
  106. quanto può durare la pasta sfoglia in congelatore?


    Andrea

    RispondiElimina
  107. @Ely, la sfogliatura non è una delle tecniche più facili... non ti scoraggiare e riprova. ti consiglio del burro bavarese o tedesco :)

    @Andrea, non ce la terrei per più di un mese...

    RispondiElimina
  108. Sono alla ricerca di ricette per fare la pasta sfoglia. Leggendo nei vari siti di cucina, ho scoperto che esiste un metodo chiamato “Pasta sfoglia alla francese”, dove al contrario del metodo tradizionale, è il burro ad avvolgere il pastello .. … ho capito male? Franz

    RispondiElimina
  109. @Franz, hai capito bene... è un metodo vecchissimo, si trova anche nei vecchi testi sacri di cucina... anche se qualcuno ogni tanto si fregia d'averlo 'inventato' ;-)

    RispondiElimina
  110. cara paoletta,solo due giorni fa mi ritrovo per caso nel tuo blog cercando una ricetta per la pasta sfoglia...presa dall'entusiasmo e dalla tua tranquillità nel far sembrare tutto facilissimo vado in cerca degli ingredienti...ebbene oggi mi sono messa all'opera...ho fatto un mezzo disastro nelle prime due pieghe(con esplosioni di burro in tutta la pasta) perchè avevo omesso di lasciare il burro tra due canovacci :/ però poi miracolosamente tutto è andato per il verso giusto...risultato...pasta sfoglia sfogliata nonostante i miei occhi non volessero credere al miracolo...ora il prossimo obiettivo impossibile è il croissant..e poi la brioche...e poi la pasta delle pesche,insomma sei diventata il mio secondo amore!! :) sei bravissima!! @annina

    RispondiElimina
  111. Ciao volevo ringraziarti perchè ieri ho provato questa ricetta ed è riuscita perfettamente. E' stata una soddisfazione enorme vedere la pasta sfoglia "lievitare" e avere la stessa consistenza di quella del supermercato. Non credevo fosse possibile, complimenti e grazie! :-)

    RispondiElimina
  112. complimenti!domani la provo la mia bimba va matta x la sfoglia.ciao cristina

    RispondiElimina
  113. la vera sfoglia..e la prima vera volta che mi viene perfetta..questo blog mi accompagnerà par la vita!!!!

    RispondiElimina
  114. ma volendo si può fare metà dose?? xchè vorrei provare con meno ingrendienti sai nel caso non mi riuscisse non vorrei buttare via tutto come mi è già successo parekkie volte..xD se è si come posso dimezzarle?? ciao e complimentoniiiiiiiiiiiii la tua sfoglia è uno spettacolo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao enza, sì è possibile... dividi x 2 gli ingredienti, tutto qui :-)

      Elimina
  115. Grazie per questa fantastica spiegazione l'ho provata sia con il burro che con la margarina e sfoglia che e'una meraviglia.era proprio quella che cercavo

    RispondiElimina
  116. Ciao
    ho provato a farla ieri sera e ho trovato un pò di difficoltà.
    Innanzitutto il burro, anche dopo i 25 minuti nei tovaglioli, è rimasto troppo duro e non si prestava ad essere lavorato nè con le mani nè con il mattarello. Solo tagliandolo a dadini sono riuscita ad ovviare.
    Poi durante le girate il burro non si è amalgamato con la pasta fino a scomparire, è rimasto qua e là a pezzi ben visibili.
    Stesso ieri sera ho provato a cuocerne un pò formando dei ventaglietti, durante la cottura fuoriusciva molto burro e alla fine anche se la pasta si è gonfiata bene e le sfogliature interne erano buone il sapore era troppo marcato di burro, troppo "unto".
    Ho seguito alla lettera i passaggi e non capisco dove posso aver sbagliato.
    Grazie. Giulia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao giulia, prova col burro bavarese, è più 'plastico' si lavora meglio e di ottimo sapore :-)

      Elimina
  117. Ciaoo!! intanto complimenti per questo post (oltre che per il blog)!!! Ho provato a fare la sfoglia seguendo la tua ricetta, e andando contro tutto e tutti ('no è trp difficile lascia perdere compra quella preconfezionata') ma io non mollo e ci ho provato lo stesso!è venuta benissimo! buonissima, pero... forse un po troppo burrosa?? Devo fare una torta per un battesimo, una millefoglie... non sarebbe meglio una pasta brisee? che mi consigli?
    Grazie
    Sara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oramai è tardi, ma per il millefoglie ci vuole la sfoglia ;-)
      troppo burrosa se il procedimento ha qualche errorino, la tecnica della sfogliatura non perdona, purtroppo... ma spesso anche il tipo di burro, prova quello bavarese :-)

      Elimina
  118. Ciao!
    Ho seguito alla lettera tutti i tuoi consigli e....ti adoro! Ho ottenuto una vera sfoglia, il sapore è delicatissimo e sfoglia che è una meraviglia!!!! Ci ho fatto dei cannolicchi ripieni di crema (per la festa della mamma!!!) sono spariti in un baleno!!! Complimenti e grazie mille!!!!!!!!
    Martina

    RispondiElimina
  119. Ciao!!
    prima di tutto complimenti!! ma se io volessi fare la sfoglia al cacao come potrei fare? basta aggiungere del cacao in polvere?
    grazie
    simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sottrarrei un 10% dal totale farina e sostituirei col cacao... mai provato però ;-)

      Elimina