mercoledì 23 settembre 2009

I biscotti della salute

State allegri, dunque, ché con questi biscotti camperete gli anni di Mathusalem. Infatti io, che ne mangio spesso, se qualche indiscreto, vedendomi arzillo più che non comporterebbe la mia grave età mi dimanda quanti anni ho, rispondo che ho gli anni di Mathusalem, figliuolo di Enoch...

Biscotti della salute

No, no, non l'ho scritto io! non ho ancora gli anni di Matusalemme, ehehehe!
... diciamo comunque che di questi biscotti, questi giorni, ne ho mangiati 'na vagonata, e mi sento una ragazzina :D
E', come molte altre di sicura riuscita, una favolosa ricetta dell'Artusi, sì, perchè non c'è una sola ricetta del suo libro, tra quelle che ho provato, che non riesca più che bene!
E stavolta è toccato a questi biscotti della salute, forse perchè leggeri, pochi grassi, uova, latte e farina? Non lo so, ma posso dirvi con sicurezza che sono assolutamente deliziosi!

La ricetta originale li prevede senza nulla, io, invece, li ho aromatizzati all'anice, eh scusate ma io lo adoro, si vede, eh??
Però mi sa che non a tutti piace, per cui fateli pure come da ricetta, semplici, oppure usate buccia di limone e lavanda (poca), gocce di cioccolato... insomma secondo me si adattano bene ad essere aromatizzati come più vi piace!
Inoltre ho aumentato le dosi di 1 uovo e il resto, quindi, tutto in proporzione, poi ho sostituito il cremor tartaro e bicarbonato col lievito chimico, per cui rieccola modificata:

I BISCOTTO DELLA SALUTE dell'Artusi
  1. Farina 00, grammi 525.
  2. Zucchero, grammi 150.
  3. Burro, grammi 75.
  4. Lievito chimico, 1 bustina.
  5. Uova, n. 3.
  6. a piacere, 1 cucchiaio di semi di anice, o gocce di cioccolato o scorza di limone e lavanda.
  7. Latte, quanto basta.
Mescolate lo zucchero e il lievito alla farina, fate a questa una buca e ponetevi il resto poi intridetela con l'aggiunta di pochissimo latte da aggiungere poco alla volta, per ottenere una pasta morbida ma soda.
Date a questa la forma di quattro filoncini lunghi e leggermente schiacciati. Poneteli in una teglia coperta di carta forno, tenendoli discosti poiché gonfiano molto. Cuoceteli in forno a circa 180° per 30 o 40 minuti, filoncini vanno sfornati quando sono belli dorati.
Il giorno appresso, tagliateli in forma di biscotti e tostateli a circa 150° girandolo da ambedue le parti per circa mezzora, o comunque non appena saranno belli tostati.


50 commenti:

  1. Questo tipo di biscotti non dovrebbe mancare mai in una biscottiera a casa. Danno immediatamente l'idea del quotidiano e di chi vuole stare con i piedi per terra senza fronzoli...certo se poi ci aggiungiamo le gocce d di cioccolato allora è una altra storia :-P Questa mi sa che la rifarò massivamente...fino a quando non trovo la mia versione (sono indeciso tra limone ed arancio non appena disponibile):-)
    Brava come sempre...ma non è che per caso hai l'esperienza di Mathusalem e non lo vuoi dire?!...non l'età...ho detto l'eperienza!! :-D

    RispondiElimina
  2. Sono meravigliosi!! Croccanti, saporiti e...salutari!!!
    Il modo giusto di iniziare la giornata....spalmati con una buona marmellatina fatta in casa! :0)

    RispondiElimina
  3. Mai perdersi il libro dell'Artusi. I tuoi biscotti sono bellissimi e sono certo che l'aggiunta dell'anice (che io pure adoro) è azzeccatissima.
    Aberto

    RispondiElimina
  4. Ciao Paoletta!
    Ho scoperto il tuo blog cercando una guida su come fotografare il cibo. Devo dire che c'ho proprio azzeccato!!! Complimenti proprio per le bellissime foto!

    Volevo aprire anch'io un blog di cucina, ma dopo aver letto i consigli di Alessandro ho capito che forse devo aspettare un po', visto che non ho la reflex. :(

    Ottimi sti biscotti, proverò a farli anch'io visto che ne sono un accanito stimatore. Magari sostituisco il burro con la ricotta così vengono ancora più leggeri. ;-)

    RispondiElimina
  5. Non so se mi piacciono di piu' i biscotti della salute o quelli del Lagaccio!
    Provero' la tua ricetta!!!

    RispondiElimina
  6. ... dimenticavo bella foto, come sempre !!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. ...mmm...che buoni! n3e vorrei uno da inzuppare nel tea che sto bevendo! ;-)

    RispondiElimina
  8. vedo che rispetto alla farina, sia il burro che lo zucchero sono in quantità molto ridotte, utile a sapersi se uno non vuole rinunciare alla colazione con i biscotti quando è a dieta.
    mi ricordano un po' delle mini fette biscottate, oppure dei cantucci alleggeriti, d'altro canto il procedimento della tostatura è simile.
    ho come il presentimento che questi biscotti della salute devono essere deliziosi con un po' di miele o marmellata spalmata su... :p

    RispondiElimina
  9. Beh se sono degli Artrusi allora capisco .....devono essere molto buoni!

    RispondiElimina
  10. Sono nel periodo 'ricette veloci e semplici'.
    Prima di leggere, pensavo che ci volesse tanta lievitazione (sono proprio ignorante in materia) invece mi hai sorpreso!
    Questa ricetta la tengo da parte!
    Grazie per aver sperimentato per tutte noi.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  11. li farò aromatizzati all'anice, ha! ha! ha! leggi il mio primo post :)
    bacissimi

    RispondiElimina
  12. Beh, se sono della salute bisogna mangiarli no?
    Mi piace molto la forma che gli hai dato...la prima volta li proverò ma senza anice , devo sentire il gusto puro!
    Anch'io ho fatto dei biscotti..però un po' più moderni: i grancereali...squisiti! chissà se al tempo dell'Artusi c'erano già?
    Bacioni, Castagna
    PS sulle foto fantastiche ormai non ti dico + niente...lo sai già! :-)

    RispondiElimina
  13. da provare subito!!!!
    Visti i mie soliti propositi di settembre, e la dieta e il mangiar sano e la depurazione, magari evito di mangiare cioccolata.

    RispondiElimina
  14. Sono quei biscotti che è stupendo tuffare nel latte alla mattina o sgranocchiare alla sera davanti alla TV
    Bravo l'artusi e bravissima tu!!
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  15. Li avevo addocchiati sul libro...poi ho ceduto alla 572 e ne faccio 1 chilo e mezzo per volta: vedessi il mio piccino come se li sgranocchia (unica modifica: zucchero semolato sopra) E ti dirò di più: tra le poche ricette di dolci che ho già provato, una riesce veramente immangiabile: la 575, le brioches! ma sicuramente il dilettante che è in me avrà cannato qualcosa... ... (qualcuno le ha provate?) Ciao Ciao
    Stefano

    RispondiElimina
  16. Davvero gradevoli e delicati, da tenere sempre nella biscottiera da offrire ad amici e parenti per accoglieri con una ventatata di delicata dolcezza. Credo che non resisterei a non aromatizzarli, ma anche nella loro purezza più tradizionale sono indiscutibilmente squisiti.

    RispondiElimina
  17. Ciao Paoletta,
    io passo sempre, ma commento niente perché non cucino o meglio cucino poco e solo sotto la minaccia delle armi. Però le tue ricette sono splendide (ti avevo scoperta cercando i pomodori con il riso) e le tue foto davvero incredibili, quella per il nuovo concorso è un incanto. Buon lavoro!

    RispondiElimina
  18. Addirittura della salute? ;-) Stupendo come sempre e anch'io ho un debole per l'Artusi, malgrado qualche imprecisione, tipo la temperatura del forno :-) Buona giornata

    RispondiElimina
  19. Io mi domando.... ma è umanamente possibile aver voglia di copiare tutte le tue ricette?....
    Vabbè... dai.... Quasi tutte le tue ricette?
    Oibò!
    nasinasi

    RispondiElimina
  20. ma quindi dici che posso provarla qualche ricetta dell'artrusi? mihanno regalato il libro ma non osavo........

    :)buoni i biscotti!

    RispondiElimina
  21. Grazie Paola questi biscotti sono davvero buoni, poi son della salute, quindi parlano da sé..Ciao a presto.

    RispondiElimina
  22. Sono a dieta...ma visto che sono della salute li proverò sicuramente! Grazie! Paola

    RispondiElimina
  23. Eccola!!!! L'ho letta qualche giorno fa sull'Artusi e mi ci sono soffermata pensando a come sarebbero venuti e per magia eccoli qui!
    Bacio
    Laura

    RispondiElimina
  24. Che belli e che buoni devono essere!!!Che dici, aggiungendo una parte di altra farina, tipo di grano saraceno o integrale verranno lo stesso?io provo...

    RispondiElimina
  25. che bonta! questi gli provo. Ho appena fatto una torta buona e salutare pure. visita il mio blog a http://snookysrecipedoodles.blogspot.com

    RispondiElimina
  26. @gambetto, neanche l'esperienza, è sicuro ;)

    @paola, bell'idea la marmellata, grazie !

    @Alberto, vero! è un libro che NON deve mancare :))

    @nico, se vuoi fare il fotografo professionista, allora ok, aspetta una reflex, se invece vuoi condividere la tua passione, mi spiace, ma non sono d'accordo! Apri pure il blog e ovviamente cerca di dare il meglio di te, sia in cucina che con la digitale, la reflex viene dopo ;)
    ricotta?? ma daiiii ci sono soli 75 gr di burro !!

    @maia, questi sono velocissimi rispetto a quelli del Lagaccio !

    @marta col thè devo provarli, col latte erano ottimi :)

    @Cuochella concordo su tutta la linea, compreso il consiglio del miele, ahahaha :)))

    @Mary, sì, ottimi :)

    @gaia, ma quelli sono i biscotti della salute tipo Osvada, sì, quelli hanno bisogno di una lunga lievitazione. Questi dell'Artusi, mi hanno incuriosito, pena, proprio per il nome, e ti dirò... ricordano vagamente le fette biscottate, solo che ci si mette 10 mnt. a farli!

    @ele :)))

    @castagna, grancereali? sono nel blog? vengo a vedere, grazie!!

    @Alem, fammi sapere!

    @Fra, verooooo :)

    @Stefano, i 572 fatti e postati, sono ottimi, questi sono ancora un'altra cosa, però, completamente diversi, provali ;)
    per le brioche, a me pare abbia tutti gli ingredienti di una brioche francese, è il procedimento, a parte il lievitino, che non mi convince per nulla! anche se poi, non è una brioche facile, quella :)

    @@Edi, penso anche io, ma all'anice non resisto, la prossima volta li proverò semplici, comunque...

    @Marina, grazie e benvenuta :)))
    poi i pomodori col riso li hai fatti?? io li adoro letteralmente!
    a presto, eh? anche se non cucini, fa nulla, si chiacchiera ;)

    @dada, per il forno lui non da mai temperatura, tocca fare a occhio, a meno che di avere il forno di campagna, ahahahah!!

    @micia, davvero??? be', ne sono felice :))

    @Sabina, osa osa... e ricorda che molte delle ricette di oggi, sono rivisitazioni delle sue ricette, anzi a volte pari, pari, cambia solo il nome ;)

    @Alessandra, grazie!

    @paolaotto, fammi sapere!

    @Lauretta, che sintonia :)))

    @evvivanoe, forse piuttsto che aggiungere, ne sostituirei una parte, mi fai sapere?? :)

    RispondiElimina
  27. Ciao...che meraviglia questi biscotti, io mi sono segnata la ricetta!A presto bacioni

    RispondiElimina
  28. D´accordo con Gambetto questi biscotti , in casa, Non devono mai mancare!
    E allora , metto la ricetta da parte per quando mi arriverà il forno!

    RispondiElimina
  29. Paolettina finalmente riesco a vedere questi biscotti!
    Ne ho letto tante volte la ricetta sull'Artusi ma non sono mai stata spinta a farli non sapendo come dovevavano venir fuori ... adesso lo so! sisi... li provo sicuramente!
    un bacio

    RispondiElimina
  30. Those biscottis are very nice. Well captured.

    RispondiElimina
  31. Ehm, quando ho letto "della salute" ho fatto un salto, e se posso spiego perchè (un pochini in tema e un pochino fuori tema). Il dott. Stefano Montanari, ricercatore e scopritore delle nanopatologie, dice che i biscotti NON vengono bene al microscopio, il che significa che vi si trovano le nanoparticelle (che vengono dagli inceneritori) che ci fanno ammmalare. E bisognerebbe sapere (cosa quasi impossibile) anche da dove viene la farina che usiamo: se viene da campi inquinati, vicino a macchine inquinanti ecc. E' solo una piccola puntualizzazione che mi viene da fare per informare.
    Le ricette di Paoletta mi piaccioni tutte, ma per esempio mio marito ed io cerchiamo di evitare la carne per il modo in cui ormai si allevano gli animali. Di natura non c'è più niente.
    Gemmma

    RispondiElimina
  32. anch'io ho una passione per l'artusi... stasera li provo!

    RispondiElimina
  33. a TUTTI, fatemi sapere se li fate :)))

    @gemma, bisognerebbe ritornare ai tempi dell'Artusi per poter dire che sono della salute davvero!
    certo è che per le farine cerco di prenderne buone, così come uova, ecc. carne ne mangio quasi nulla, forse una volta al mese!
    di sicuro c'è una cosa, meglio due biscotti di questi che una merendina, anche se non o da dove viene la farina ;)
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  34. Ciao paoletta, i biscotti della salute sono molto venduti a genova, e i tuoi li proverò sicuramente....ma li hai mai provati gli anicini? la ricetta l'avevo postata tempo fa su gennarino, ma se vuoi te la mando, sarebbe un modo minimissimo di contraccambiare tutte le fantastiche cose che proponi tu!

    bisous :-)

    RispondiElimina
  35. Questi biscotti mi fanno una gola!!!
    Stasera mi cimento!!
    C'ho pure il libro dell'Artusi...fondamentale!!
    E ci metto pure l'anice, l'adoro!
    Paoletta, devi provare a fare i chocolate chips cookies di Santin, sono di una semplicità e di una bontà infinite. Ricordano le gocciole!
    Grazie sempre e comunque per questo magnifico blog.
    Flaviasole

    RispondiElimina
  36. Fatti ieri, tostati stamattina, sono SEMPLICEMENTE buonissimi! L'anice poi ci sta una meraviglia...almeno per me che adoro l'anice. Davvero grazie Paoletta!
    Flaviasole

    RispondiElimina
  37. @Anto, quelli dovrebbero essere col lievito di birra, giusto? questi mi hanno attratto perchè so' veloci, ma i veri sono quelli che u dici :)
    gli anicini?? e potrebbero non piacermi??? :D :D
    me li mandi?? grazieeeeeeeeeeee :))

    @Flavia, grazie della tua fiducia, sei sempre tanto carina :))
    sono venuta a leggere la tua versione dei biscotti di santi, nono non mi disgarba affatto ;)
    dici che sono meglio con meno zucchero e burro, allora?? tu hai usato le gocce di cioccolato o il cioccolato a pezzi??
    un abbraccio :)

    RispondiElimina
  38. Paoletta, è più forte di me,prima di provare la versione origianle di una ricetta vado giù di modifice. Sarebbe meglio fare il contrario, ma è più forte di me!! :-)
    A me con meno burro e zucchero piacciono molto, ma considera che a me i dolci troppo dolci disgustano,mentre se posso tolgo sempre un pò di burro.
    Io ho usato cioccolato in scagliette al 55
    %. Ho fatto mezza dose realizzando due filoncini di 4 cm di diametro. Sono venuti biscottini deliziosi per la colazione e o per uno spuntino veloce.
    Un abbraccio anche a te.
    Flaviasole

    RispondiElimina
  39. Fatti, mangiati e quasi finiti! Buonissimi soprattutto quelli all'anice.
    Adesso in forno ci sono quelli da famiglia (e la cucina è impestata di odore di ammoniaca...)

    RispondiElimina
  40. @Flavia, io invece mi sa che ho in mente una via di mezzo di burro e zucchero, dosi tra le tue e quelle di Santin ;)

    @lluva, grazie! ma sarà l'autunno questa voglia di biscotti?? ne ho già in mente ancora un paio ;)

    RispondiElimina
  41. Ciao Paoletta li ho in forno e c'è già un profumino fantastico in cucina.
    Sulla parte superiore dei filoncini si è formata come una spaccatura. E' normale? Cmq mi sembrano ok. Saranno buonissimi.
    Grazie
    germy

    RispondiElimina
  42. @germy, normalissimo, segno di una buona lievitazione. se fai caso, e si vede dalla forma, anche nei miei c'è ;-)
    mi fai sapere?? :)

    RispondiElimina
  43. Ciao Paoletta,
    vero! Biscotti buonissimi. Lodati anche da mio marito che trova sempre il pelo nell'uovo. Questa mattina li ho tagliati e rimessi in forno.
    Ora vorrei buttarmi sulle fette biscottate ma temo poi di non saperle tagliare bene.
    Ciao Paoletta e grazie per le splendide ricette
    germy

    RispondiElimina
  44. @germy, evvivaaaaaa :))
    le fette sono facilissime da fare, e la cosa più facile è tagliarle, purchè tu aspetti il giorno dopo ;-)

    RispondiElimina
  45. bellisimos biscotto, the recipe looks quite easy. When I'll try your recipe I will definitely will do it with lavender.

    ciao

    RispondiElimina
  46. Ciao è da un po'che seguo il tuo blog (sono sincera da quando ho acquistato una macchina impastatrice) mi sono cimentata in un paio delle tue ricette di brioche (mia figlia le adora!!!) ora vorrei fare questa, per me, amo fare colazione con le fette biscottate.Volevo chiederti per quanti giorni si conservano? a me piacciono quelle del mulino bianco al malto d'orzo hanno delle striature interne a spirale di malto chissa' come si fanno... ciao continua cosi' non mi stanco di leggerti...

    RispondiElimina
  47. ciao Paoletta,
    seguo il tuo blog da un annetto e nei giorni scorsi ho provato la ricetta dei biscotti della salute: semplicemente stupendi!
    il mio compagno, che non si spreca mai in complimenti, li ha definiti buonissimi!
    grazie mille di questo tuo blog!
    buona giornata e buona estate!

    RispondiElimina
  48. ottimi davvero :-) la prossima volta li faccio arricchiti con cioccolato e frutta secca...gnamm!!!
    grazie per la ricetta, e complimenti per il blog :-)

    http://coffeeechocolate.blogspot.com/2011/09/biscotti-della-salute.html

    RispondiElimina