mercoledì 26 agosto 2009

Il succo di frutta home-made

E dopo qualcosa di alcoolico, ci voleva qualcosa per astemi, per bambini e anche per adulti, faccio prima a dire per tutti, perchè questo succo di frutta è davvero, non solo rinfrescante, ma buono da paura, naturale e nutriente.

succo di frutta alla pesca


Fatelo, non solo perchè fa caldo e con questo vi rinfrescate, ma pure perchè velocissimo e si può conservare per mesi!! La ricetta l'ho trovata da Elga...
Elga è dolcissima, perchè ha tirato fuori questa mega ricettina, e perchè ha sopportato tutte le mie domande, richieste, e pure quando le ho detto che, forse era meglio pastorizzare il succo se si vuole conservare per mesi, sì avete capito bene, sepoffà! lei è stata così gentile da chiedere alla mamma della sua amica, e questa la sua risposta...

... se si intende conservali a lungo per consumarli in inverno è meglio bollire bottiglia e succo, tutto insieme. Se invece intendiamo consumarlo a breve si può utilizzare il metodo che ho scritto, la presenza di zucchero aiuta nella conservazione ma non a lungo, max un mesetto.

Elga, infatti, aveva postato il mio sistema di conservazione della marmellata, quindi: bollire i vasetti, asciugarli in forno, riempirli, chiudere e capovolgere per il sottovuoto.
Ma la marmellata ha molto più zucchero rispetto al succo, e questo aiuta la conservazione, per cui mi chiedevo invece se per il succo, non fosse meglio la pastorizzazione, così come si fa per la passata di pomodoro.

Ed Elga che sa bene qual è (purtroppo o per fortuna, chevvedevo di' non lo so) il mio modo di affrontare anche una ricetta semplice, ha capito che quando chiedo, quando scasso, insomma, ahahahah!! non lo faccio per una critica alla ricetta o al metodo, ma per capire e migliorare insieme :)

Sì, ok, arrivo con la ricetta alla quale ho apportato qualche piccola modifica (ettepareva!!) ho aumentato un poco l'acqua, di conseguenza ho aumentato lo zucchero che ho usato bianco, non di canna, ma vi assicuro viene bello denso lo stesso!


SUCCO DI FRUTTA ALLA PESCA, ma poi fatelo come più vi piace, almeno credo! (Elga, te che dici??)


Ingredienti:
1 kg di pesche a polpa gialla
600 ml di acqua
320 gr di zucchero
succo di mezzo limone
Preparare lo sciroppo portando a bollore l'acqua con lo zucchero. Non appena raggiunto, far bollire 3 minuti poi tuffare le pesche sbucciate e fatte a spicchi, e cuocere mescolando ogni tanto per 5 minuti. Spegnere, aggiungere il succo di limone e lasciare riposare un paio di minuti.
Con il minipimer ridurre tutto in purea, poi travasare nelle bottiglie e conservare in frigo. Da bere ben freddo con ghiaccio e un rametto di menta fresca!


A questo punto 3 sono le strade, scegliete quella che più v'aggrada...

1. Preparare il succo e conservare in frigo per il consumo nel giro di qualche giorno.

2. Sterilizzare le bottiglie, asciugarle in forno, travasare il succo, tappare, capovolgere per il sottovuoto. In questo modo il succo si può consumare al max entro 1 mese.

3. Lavare le bottiglie con acqua bollente, asciugarle in forno, travasare il succo, tappare e bollire partendo da acqua fredda mettendi alcuni stracci tra le bottiglie perchè non si rompano, per circa 30 minuti. Con questo sistema, la pastorizzazione, il succo dura 1 anno.


Stasera ce l'avete mezz'oretta per farne un paio di bottiglie consumo immediato? ... non dite di no che non ci credo... ;-)
E se poi vi regalano qualche cassettata di pesche, be', allora preparatevi a bollire, quest'inverno, quando lo berrete, sentirete profumo d'estate!



64 commenti:

  1. Ho letto da poco un'altra ricetta di succhi di frutta fatti in casa e mi state facendo venire una voglia matta di provarci...
    PS = ho iniziato a inserire foto un po' più serie, mi daresti un tuo parere?
    A presto!

    RispondiElimina
  2. Ahahah!! Che bel risvgeglio! grazie, mi piace molto il post, quello che hai scritto e pure la foto! Sembra un succo servito in un lounge bar, o di quei locali strafichi:))
    Bravissima Paolè, ti adoro!

    RispondiElimina
  3. Io proprio ieri ho sperimentato la ricetta di Elga e non posso che confermare quello che hai scritto.
    Io di solito ho fatto i succhi frullando la frutta a freddo senza farla bollire, ma devo dire che preferisco il metodo da voi proposto.
    adesso vado a servire la colazione al mio piccolo a base di succo di pesche bio (cioè raccolte dall'albero di pesche dell'orto di mia madre).

    RispondiElimina
  4. Bellissima IDEA!
    Stasera lo preparo per i legumini!!
    Poi vi faccio sapere!
    Grazie a te e Elga per la collaborazione e la sana invenzione!
    un bacio

    RispondiElimina
  5. Ciao Paoletta,
    seguo giornalmente il tuo blog e sperimento... oggi vedendo il post sul succo non ho potutto fare a meno di chiedere...UN CONSIGLIO! Da alcuni gg. sono disperata, presa dalla foga di preparare per l'invero delle confetture per formaggio, dopo la lavorata mi accorgo che il processo di sterilizzazione dei vasetti non ha funzionato per niente e non ne trovo motivo a spiegazione!
    Mi potresti dare qualche suggerimento? Vasetti e capsule nuove ...

    RispondiElimina
  6. Secondo te, posso usare questa ricetta anche per altri tipi di frutta, come ad esempio le pere?

    RispondiElimina
  7. scusa... dalla disperazione non ti ho nemmeno salutata e soprattutto anticipatamente ringraziata
    grazie lisa

    RispondiElimina
  8. Dai ideee sempre più belle paoletta!Questa te la copio!^_^!!Baci!

    RispondiElimina
  9. Ne prendo volentieri un bicchiere! Io sono una fan dei succhi di frutta...mi piacerebbe davvero provare a farlo in casa
    Grazie a te e a Elga
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  10. Il succo di pesca piu` buono che abbia mai bevuto l'ho trovato a kjoto. nella stazione c'era un negozietto che vendeva succhi di frutta buonissimi, quello di pesca bianca era eccellente, mi domando se fosse fatto con una tecnica simile, in effetti era cosi` zuccherino...

    RispondiElimina
  11. Oh, grazie ad Elga ed a te!!! Cercavo proprio una riceta così! un bacio grande,

    Ornella

    RispondiElimina
  12. Mia madre lo fa da anni, per smaltire la frutta.. è una cosa buona da morire, sparisce nel giro di un attimo! Il mio preferito resta quello alla pera (del nostro albero), adesso mi hai fatto venir voglia di quello alla pesca :)

    RispondiElimina
  13. anche io lo faccio spesso il succo anche se non avevo idea di come conservarlo! ;) grazie!!

    RispondiElimina
  14. Ecco cosa farò coni dieci chili di frutta che ho portato dal mercato di Amburgo!!!
    Grazieee! Mi salvi la vita...ed il frigorifero:))

    RispondiElimina
  15. Grazie Paoletta d'aver pensato anche ad un'astemia come me.
    baci

    RispondiElimina
  16. Vabbè và ci volevi tu sytmattina a farmi risvegliare dal torpore dell'estate, io di solito faccio sempre quello alla pera, ma mio figlio in un paio di giorni lo fa fuori, lo posterò presto...
    Grazie Paolè la tua energia e il tuo entusiasmo passano attraverso il monitor, un bacione :-**

    RispondiElimina
  17. Cavoli ho sacrificato le pesche buone dell'orto per la crostata ma appena mi ricapitano...succo!!! Che buono dev'essere fatto in casa!!

    RispondiElimina
  18. Non ci crederai, ma durante le vancanze mi aveva preso il birlo di fare i succhi di frutta in casa e ho fatto la stessa cosa tua! Adesso come adesso non ricordo esattamente le quantità usate, ma le ho sterilizzate per bene e messe in vetrinetta al buio per bermele in inverno! Fatto di pesce e albicocche! Fighissimo vero???
    Devo fare ancora le foto pero! :-)

    RispondiElimina
  19. Paoletta questo lo voglio proprio provare per marco Junio a cui i succhi garbano proprio tanto.
    Lo sai che qui è pieno di fattorie che vendono il latte crudo?! Il prezzo qui stiamo sui 40cent al litro! pazzesco!!!!

    RispondiElimina
  20. Anch'io preparo i succhi in casa e con tutta la frutta che più piace. Utilizzo il bimby per comodità ma il concetto è lo stesso. Vorrei però chiederti un'informazione: io ho sembre conservato marmellate, conserve di pomodoro, succhi ecc. col metodo del vaso caldo e contenuto caldo. Mi spiego: in vasi puliti e passati in forno a microonde in modo che ben si asciughino e ne escano bollenti, invaso la preparazione appena tolta dal fuoco, metto il coperchio e capovolgo fino a quando, freddo, si è creato il sottovuoto. il metodo di bollire in pentola con gli strofinacci che dividono i vasi lo utilizzo quando il contenuto è freddo, tipo per i pomodori con acciuga e capperi che posterò appena possibile. Ero convinta che lo scopo fosse il medesimo e che durassero anche un anno anche senza bollitura...perlomeno non ho mai verificato il contrario...aiutooo, sono solo stata fortunata? Baci Paola
    p.s grazie di tutto, Paoletta.

    RispondiElimina
  21. Dimenticavo Paoletta: continuo a studiare per migliorarmi con le foto (e che fatica!!)...so che il cammino è lungo e infinito, ti posso chiedere, quando hai tempo, un occhio alle ultime? Grazieeeee...e sto preparando una serie di domandone che ti faròa questo proposito al più preto. Bacioni super alla mia maestra.paola

    RispondiElimina
  22. Ecco! questo fa per me!, più del limoncello ;)

    RispondiElimina
  23. Oh che bell'idea! Ci devo provare anch'io.

    RispondiElimina
  24. Bell'idea, grazie. Ci voleva proprio!!
    Buona serata, Mik

    RispondiElimina
  25. Ciao Paola...da quanto non visitavo il tuo blog...mamma mia quante novità lo devo spulciare ben bene x rubacchiare ;) qualche altra ricetta...complimenti bravissima e originalissima come sempre....
    CARMEN

    RispondiElimina
  26. Quanto incide la maturazione della frutta sul gusto finale? cioè, posso usare indifferentemente frutta più o meno matura o è meglio che sia tutta allo stesso grado di maturazione?
    Non ho capito il calcolo delle proprorzioni zucchero-acqua che hai scelto tu, io pensavo di provare 500 ml di acqua e 250 di zucchero.
    Quella goccia laterale che scende dal bicchiere è bellissima, rimarca maggiormente il senso di freschezza del succo che hai fatto.

    RispondiElimina
  27. Spettacolo!!!!! Ci provo ci provo ci provo!!! ma me li bevo subito!!!!
    grazie, eleggerei questo post come il migliore di tutta l'estate!! ^_^

    RispondiElimina
  28. l'ho fatto proprio oggi!usando la ricetta di Elga!
    allora, il sapore è buonissimo! però io l'ho trovato al limite del troppo dolce con 200 gr di zucchero di canna... vedo che tu ne suggerisci di più?!
    invece concordo sull'aumentare l'acqua perchè mi è venuto un po' troppo denso! cmq grazie a tutte due per la ricetta interessantissima! Chiara

    RispondiElimina
  29. Mi piace moltissimo l'idea del succo di frutta fatto in casa in un'epoca in cui sembra che esistano solo quelli industriali. il mio unico dubbio è sullo zucchero, per il resto la ricetta sembra veramente favolosa! grazie :-)

    RispondiElimina
  30. allra, in questo periodo non sto bevendo il latte uno dei miei alimenti base e mi do ai succhi, comprati, e mi chiedevo se potevo farne io.... poi ti leggo ed ecco la risposta, credo che proverò a pastorizzarli, per berli anche questo inverno!!!!

    RispondiElimina
  31. aaaaaaaaah! mi hanno appena regalato una cassetta di pesche! lo faccio domani! grazie e stragrazie :-)

    RispondiElimina
  32. Anche io conosco questo metodo per la pastorizzazione, il succo si mantiene bene.
    Grazie per l'idea!
    Un kiss :)

    RispondiElimina
  33. L'ho fatto!
    Ci ho messo lo zucchero di canna, quindi il colore non è venuto invitante come il tuo, pero' il sapore penso proprio di si!
    Faro' un post, prima o poi..
    Grazie ancora!

    RispondiElimina
  34. Si hai proprio ragione devo assolutamnete farlo...Grazie per l'idea.

    RispondiElimina
  35. buongiorno, ben trovati a tutti...
    qualcuno ha qualche suggerimento, parlando di succhi, per ottenere un buon succo di mela da poter consumare per tutto l'inverno?

    anticipatamente grazie
    lisa

    RispondiElimina
  36. Questo post è un tesoro, grazie (come sempre)!! Penso che da noi il problema della conservazione non ci sarebbe :-)

    RispondiElimina
  37. Ho letto il post di Elga ed ho provato anch'io, ottenendo un ottimo succo di frutta.
    Mentre procedevo mi sono ricordata di un succo di pere, assaggiato tempo fa a casa di mia sorella. Lei lo preparò con il Bimby e ricordo che era contenuto in bottiglie sterilizzate!

    RispondiElimina
  38. Cara Paola,
    il tuo blog è assolutamente accattivamente: sembra di stare nella cucina della mamma per carpirne i segreti delle meraviglie che prepara.
    PERO' posso farti un appunto?
    Non scrivi mai o molto raramente i tempi di cottura e io, che non sono una cuoca provetta ma vorrei diventarlo, non capisco mai come fare!
    Ad esempio "cuocere mescolando ogni tanto per 5 minuti" cosa significa? Cuocere per quanto tempo? almeno dicci come dovrebbe essere visivamente la pietanza cotta...
    Insomma vado parecchio a spanne con risultati non sempre soddisfacenti ed è un peccato!
    Come si può fare?
    Grazie mille
    Anna

    RispondiElimina
  39. eccomi!

    @ELel, provalo, è fantastico credimi ;-)

    @Elga, ma grazie a te :)))

    @lisa, erano i tappi poi, come ne abbiamo parlato via email? fammi sapere !

    @Marinella, come ha detto lenny, credo proprio di sì!

    @kja, non ti resta che provare ;-)

    @Tuki, io invece mo ho voglia di quello alla pera, che tipo di pere usereste voi??

    @ady, smaccckkkkk!!

    @gatto goloso aspetto la tua versione, di sicuro fantastica, sei la maga delle ricette in barattolo!!

    @laure', 40 cent?? °_°
    e di sicuro sarà anche meglio :))

    @paolaotto, bentornata!
    per quel che ne so io, nelle marmellate può bastare sterilizzare il barattolo prima, perchè lo zucchero contribuisce alla conservazione, ma per passate o marmellate senza zucchero o succhi con poco zucchero, io preferisco andare sul sicuro. in fondo si tratta di bollire in ogni caso una sola volta!
    p.s. per le foto credo oramai che tu non abbia più bisogno di consigli! ;-)

    @Asa, io ho usato pesche mature ma non sfatte, penso che mature ci vogliano per via del gusto che sicuramente sarà più intenso! e credo debba essere più o meno tutta matura allo stesso modo, all'incirca certo :)
    per il calcolo acqua, zucchero, ecc. io ho aumentato l'acqua di 1/3, correggimi se sbaglio, di conseguenza ho aumentato sempre di 1/3 (poco più) lo zucchero.
    ti assicuro che era ottimo e denso :)
    te invece che calcolo hai fatto ??
    fammi sapere eh? ?? :))

    @susina, ma grazieeeeeeeeeeeeeeeee :))

    @Chiara non so quanto dolcifichi lo zucchero di canna rispetto al bianco, io l'ho aumentato perchè ho aumentato l'acqua!

    @Sandrina, che dubbio?

    @izn, qui ti volevo :)))))))))

    @gaia, smacckkk!!

    @lisa, aspettiamo gli altri che dicono, io intanto proverei con lo stesso metodo, solo una cosa... ricordo il succo di mela un poco meno denso, per cui aumenterei ancora un poco l'acqua. magari prova con metà dose e raccontaci :)

    @anna, cosa significa ""cuocere mescolando ogni tanto per 5 minuti" cosa significa? Cuocere per quanto tempo? almeno dicci come dovrebbe essere visivamente la pietanza cotta... "
    significa quel che Elga ha scritto, cuocere e mescolare 5, cinque, minuti ;-)
    quali sono le ricette dove non ti sei trovata bene perchè non ho scritto i tempi??
    forse nella frolla? non è possibile scrivere i tempi, i biscotti non cuociono come la crostata, però scrivo, sfornare quando è dorata.
    insomma dimmi dove hai avuto risultati insoddisfacenti che vediamo cosa sepoffà ;-)



    a TUTTI, un bacio grande e PRO VA TE LO!!!

    buon we!!

    RispondiElimina
  40. @Paola: eh vabbè ma non è che se Elga (che non frequento) ha scritto così tu non dovresti facilitare gli altri che hanno meno maestria di te...
    L'hai provata la ricetta, giusto? Allora, io avrei scritto una cosa tipo: "Elga non l'ha specificato ma io credo bastino "X" minuti".

    Un altro esempio? Ho provato a fare la torta mediterranea: un disastro con la pasta che non si è cotta!
    Ma per forza, sono andata a spanne con un'indicazione simile:
    "Accendete il forno a circa 190/200° e attendere che raggiunga la temperatura per infornare la crostata". FINE.
    Mi dico: "Boh! Sarà....", e ci provo: peccato che alla fine per non buttare via tutto ho dovuto raschiare le verdure che ho riciclato mentre la pasta è finita nel secchio.

    Credimi, non è una critica personale perchè ripeto adoro passare nel tuo blog e ammiro la tua bravura, però se ce fai diventà brave pure a noi con un pò più di precisione per quanto riguarda tempi di cottura, te ne sarei grata!! =D

    Anna

    RispondiElimina
  41. @Anna cara, premesso che Elga non ha meno maestria di me e che io non sono maestra a nessuno, ripeto che è specificato, 5 minuti, non vedo in quale altro modo doverlo spiegare... sta scritto nella ricetta esattamente così ...

    "Preparare lo sciroppo portando a bollore l'acqua con lo zucchero. Non appena raggiunto, far bollire 3 minuti poi tuffare le pesche sbucciate e fatte a spicchi, e cuocere mescolando ogni tanto per 5 minuti"

    Quindi 3 minuti prima, 5 minuti dopo, più preciso di così si muore, ehehehe!!
    E comunque sì, visto che me lo domandi, la ricetta l'ho provata e ho seguito esattamente i tempi indicati!
    Tu l'hai provata?

    Poi apprezzo che tu mi dica io avrei scritto, così e colà, ben vengano tutti i consigli per migliorare, ma in questo caso ho ritenuto opportuno copia/incollare quanto scritto da Elga, secondo me perfetto!

    Riguardo alla crostata mediterranea, ok, hai ragione non lo ho scritto, e ti spiego anche perchè... mentre col mio forno potrebbero volerci 60 minuti, col tuo 35, in ogni caso fino a cottura completa sta a significare quando la pasta è bella dorata, la foto lo dimostra!
    A 'sto punto ti chiedo, tu quanto l'hai tenuta in forno?

    RispondiElimina
  42. Una trentina di minuti circa, e la pasta era bella dorata: solo sopra però! Sotto era cruda!
    Comunque ripeto, il mio era solo un consiglio perchè non tutte le persone hanno in cucina quella sorta di "senso senso" che permette loro di sfornare capolavori con naturalezza, ed è un peccato di Dio buttare la roba da mangiare..

    Ad ogni modo continuerò a leggerti anche perchè almeno la pasta alla schizofrenica riesco a farla! =D

    Anna

    RispondiElimina
  43. Mi permetto d'intervenire nel discorso di Anna: credo che ognuno di noi debba imparare a conoscere il proprio forno e non esiste indicazione davvero precisa da poter dare in una ricetta. La mezz'ora del forno di Paoletta potrebbe benissimo essere 45 minuti del forno di Anna e visto che l'esperimento della torta ha portato ad avere una cottura perfetta sopra e non sotto, consiglio di cuocere per 30 minuti, coprire con foglio di stagnola e proseguire per altri 20 minuti. Lo so, sono esperimenti e a nessuno piace buttare ciò che si prepara ma credimi solo riuscendo a capire il tuo forno riuscirai a "trasformare" i tempi di ogni ricetta nei tempi che servono. Ultimo consiglio: meglio acquistare un termometro da forno, costa poco e ti dà indicazioni precise che spesso gli stessi forni non danno. Io, in questo modo, ho capito un sacco di cose del mio e risolto tanti problemi, credimi...Ciao! paola

    RispondiElimina
  44. @Anna, fare bene una schizzofrenica, credimi non è cosa da poco, pensavo riuscisse bene solo a me, ahahaha!!
    scherzi a parte, oltre a seguire i consigli di paola, aggiungo che, se tu dovessi rifare un lievitato, ma pure una crostata, controlla sempre il fondo prima di sfornare, nel tuo caso sarebbe bastata la carta stagnola come diceva paola, e continuare la cottura... no, perchè certi forni hanno sto difetto!!
    dai, fatti sentire spesso, sei simpatica, smaccckkk!! :))

    RispondiElimina
  45. Anna@..sinceramente rimango un pò spiazzata e senza parole! Capisco che "non mi frequenti" ma mi sembrava di essere stata precisa. Tengo sempre in considerazione che non tutti i lettori del mio blog sono esperti cuochi all'interno della loro casa. tutti abbiamo sempre bisogno di spiegazioni chiare! Ma "Preparare lo sciroppo portando a bollore l'acqua con lo zucchero. Non appena raggiunto, far bollire 3 minuti poi tuffare le pesche sbucciate e fatte a spicchi, e cuocere mescolando ogni tanto per 5 minuti"
    mi sembra chiaro, passo passo. Intendo per ogni tanto, che durante i 5 minuti di cottura delle pesche..ho lavato due bicchieri poi ho mescolato ancora:))
    Mi dispiace che non ti sia piaciuto il metodo di spiegazione,
    Elga

    RispondiElimina
  46. @ Elga: mi dispiace se te la sei presa, non è che non mi sia piaciuto il metodo di spiegazione (chi sono io per dire se una cosa è fatta bene o meno?), solo che non l'ho capito! =D Credevo si dovesse girare ogni tanto durante la cottura si dovesse girare per 5 minuti... limite mio!

    @Paoletta & Paolaotto: che consiglio quello della stagnola, non ci avevo pensato!
    Io credevo di bypassare il problema facendo prima cuocere un pochino pochino la pasta da sola: viene una schifezza?

    Anna

    RispondiElimina
  47. @Annina, fa così... se te l'ha cotta subito in mezzora sopra, si vede che il tuo forno va più del mio ;-)
    per cui, mettilo a 190°, dopo mezzora se vedi che sopra è pronta, cuoci con stagnola per altri 20 minuti. dopodichè con una paletta, alzi delicatamente il fondo e controlli se si è cotto. se non si è cotto, prosegui altri 10 minuti o comunque fino a cottura completa, magari abbassando di una tacca la teglia in forno!
    tutto chiaro?? :))

    RispondiElimina
  48. Anna@ Non me la sono presa:))A presto!

    RispondiElimina
  49. L'ho fatto, cambiando le proporzioni come ti dissi nell'altro commento:
    1 kg di frutta, 500 ml di acqua e 250gr. di zucchero. Diciamo che mi piaceva l'idea che ogni ingrediente fosse la metà del peso dell'altro.
    E' venuto "fruttosoe" corposo e profumatissimo, e visto che l'ho messo nei barattoli, in mancanza di bottiglie da sugo, più che berlo me lo sono mangiato con il cucchiaino.
    Ho una curiosità sulla sterilizzazione dei barattoli, al tappo fai fare lo stesso procedimento dei contenitori? Scusa se la domanda sembra scema ma non ho nessuna esperienza di marmellate e simili da invasare e conservare.

    RispondiElimina
  50. STRA-BUONOO Siiii!!! L'ho provato subito ed è stata una goduria il giorno dopo berselo fresco fresco! Ora proverò con altra frutta!

    Ho provato anche a fare -il tuo- yogurt e anche quello lo preferisco così piuttosto che fatto con la macchinetta (che in effetti veniva mooolto più liquido)
    Grazie! Continuerò ad attingere dalla tua esperienza!

    Valeria

    RispondiElimina
  51. @Asa, ciao!
    per il tappo sia che tu faccia la sterilizzazione del vasetto che la pastorizzazione, va solo lavato molto bene in acqua ben calda, poi tappi e o capovolgi o fai bollire, secondo quel che vuoi fare :)

    @Valeria, ma grazie a te di avercelo detto :))

    RispondiElimina
  52. Paoletta!!! Sempre una garanzia!!!
    Ieri l'ho fatto con le pere.... delizioso. Mi dispiace solo aver letto il tuo blog a fine estate. Avrei "succhificato" molto di più.
    Grazie!
    ciao ciao

    RispondiElimina
  53. @paola, grazie! perfetto per chi chiedeva con le pere :))

    RispondiElimina
  54. @Paoletta&Elga: ma se sostituisco lo zucchero con il fruttosio, come cambiano le proporzioni?
    Grazie in anticipo! :) Bravissime!

    RispondiElimina
  55. @Silvia, speriamo che venga in aiuto qualcun'altro, oppure vuoi provare a domandare sulla mia bacheca in FB? perhè io non lo so, mai usato il fruttosio :)

    RispondiElimina
  56. grazie Paoletta, proverò a fare come dici tu! Intanto lo preparo con lo zucchero ;) (tanto per non farci mancare niente)

    RispondiElimina
  57. ciao paoletta, l'ho fatto ed è veramente buono ma un po' troppo dolce. secondo te posso diminuire la quantità di zucchero senza pregiudicare la durata di conservazione e la densità? grazie
    Giulia

    RispondiElimina
  58. @Giulia, lo zucchero è davvero come il peperoncino, ognuno ha la sua dose ;-)
    in effetti elga, se non sbaglio, ne mette meno... sono io che ho aumentato! per cui provalo pure meno dolce e se lo vuoi conservare basta far bollire le bottiglie, così come si fa per la passata che non ha zucchero :)

    RispondiElimina
  59. ciao, bella! ieri mi ha preso il raptus e ho fatto succhi di frutta e brioche tropezienne (senza farcitura). è venuto tutto benissimo!
    succo alla pesca: bello denso e di un colore stupefacente, mi è sembrata perfetta la dose di zucchero, anche perché alcune pesche erano un po' acerbe.
    succo di pera: meno denso (ma non liquido, eh!?:)) e più dolce, ho usato pere coscia a giusta maturazione.
    la prossima volta vorrei provare l'abbinamento con qualche aroma/spezia tipo: pesca+mandorla, mela+cannella, pera+cardamomo. così, per cercare un gusto più... adulto! che dici?
    la brioche della tropezienne... chettelodicoaffà! ho messo 60gr di zucchero nell'impasto e granella di zucchero sopra. ah... le ho fatte 'col tuppo'! :)
    grazie per tutte queste meravigliose ricette!
    spero di riincontrarti presto.
    un abbraccio
    laura

    RispondiElimina
  60. @Lauraaaaa :))
    che bello leggerti qui!
    ottima l'idea di aromatizzare i succhi ;-)
    sono felice per le tropezienne, io le adoro, anzi devo rifarle presto! (dovrei :( )
    piacerebbe anche a me rincontrarti, a napoli torno eh?? ;-)

    RispondiElimina
  61. ...e a napoli ci torno pure io! e ho letto che ci sono anche altri salernitani che aspettano... chissà che non si riesca a fare una tappa proprio qui :)
    ad ogni modo io sto mettendo in pratica tutte le cose che abbiamo fatto al corso, sia a mano che con l'impastatrice, e sono sicura che la seconda volta sarà ancora più entusiasmante! a proposito, ti devo mandare una mail per rimanere aggiornata o, come 'vecchia allieva' sono già nella lista? ti lascio un bacione e un in bocca al lupo per la ripresa dei corsi... che tour che avete in programma! saluti anche al Maestro :)
    laura

    RispondiElimina
  62. @Laura, no no manda una mail che è meglio, ti metto subito in lista :)
    un bacio

    RispondiElimina
  63. fatto!!! con le pesche dell'orto... uno spettacolo.. un po' troppo denso ma alla prox aumento l'acqua!! grazie!!

    RispondiElimina