giovedì 11 giugno 2009

Le cialde croccanti per il gelato o la panna montata

Ce l'avete voi la caccavella per fare queste cialdine qui?? ... quelle da farcire col gelato, o con la panna montata!!


... no?? e allora accattatev'illa di corsaaaaaaaaaa :D :D !! chè vi do la ricetta per farle croccantissime!!

Avete presenti le cialde, quelle dei cornetti... sì, sono loro, ma ovviamene molto, ma molto più bbone,  appena più altine, e comunque croccantissime!

Io avevo la piastra elettrica quella in offerta tempo fa' alla Lidl (poi s'è rotta, meglio, ehehehe... ), forse era per waffels, o forse non avevo la ricetta giusta ma venivano morbide.
Può darsi che per questa ricetta vada bene quella che era in offerta la settimana passata, altrimenti pigliatevi "il ferro"!!

Comunque, fatto sta che, dopo che s'era rotta quella elettrica, un mese fa vedo ad una fiera
la piastra quella antica, "il ferro" insomma, quella da mettere sul fuoco... e avete presente una con gli occhi di fuori che la guarda e completamente ipnotizzata, pensa la voglio  la voglio, la voglio, e nel frattempo si guarda attorno terrorizzata nella malsana idea che qualcun'altro arrivi alla caccavella prima di lei e gliela freghi?? 

be' quella la pazza ero io!!
... e qualche secondo dopo sento la mia voce che dice... è mia, la voglio, me la incarti!!



Ricordavo vagamente di aver letto qualcosa sul ferro, qualcosa sul libro dell'Artusi! ... eh sì, ancora lui! 
Perchè pure è bello ed entusiasmante provar ricette, affidarsi alla rete, alle ricette delle confezioni, fare prove ed esperimenti, ma la verità spesso è lì a portata di mano, già inventata... ma chissà perchè quest'uomo, questo grande Chef, è ormai poco consultato, bah! 
Eh, si sa, anche gli chef vanno di moda, e lui non è più di moda... be', peggio per chi non lo legge!

Ritornando a noi, tra le sue ricette elencava appunto quella dei cialdoni, facile no? ... la ricetta non è neppure nascosta sotto chissà quale astruso nome.
Che poi nelle cialde non ci fossero uova, al massimo solo albumi e niente vagonate di burro, ci ero arrivata da tempo, e la sua ricetta me ne ha dato conferma. 
Anche se devo dire che nel Talismano, c'è una ricetta di cialdoni con un numero impressionante di uova, boh... proverolla!

Poi, secondo me, ci andava del cacao, il colore delle cialde del cornetto non è forse simile a quello dei cannoli siciliani dove, appunto, c'è il cacao?? 

Insomma, in questi due o tre giorni, li ho rifatti ben tre volte questi cialdoni, prove su prove... albumi e acqua, solo acqua, più o meno farina, e così via...

La prima volta ho quasi gettato un impasto per indovinare sia la consistenza che la regolazione del fuoco, la seconda è andata abbastanza bene ma non riuscivo a piegare, come dicevo, io la cialda ancora calda...
Ieri sera terza prova, ricetta finale, in tripla dose!!
... eccovela modificata, a parer mio è perfetta, modesta, eh??


LE CIALDE CROCCANTI

Ingredienti:

  • Farina, grammi 280
  • Zucchero, grammi 90
  • Olio di semi di arachide o mais, 6 cucchiai
  • Acqua diaccia, (oppsss ghiaccia) 21 cucchiaiate colme, o grammi 210 (o 3 albumi - così li smaltite - e la restante acqua per arrivare a 210 gr complessivi)
  • Cacao in polvere, 3 cucchiaini quasi colmi
  • Sale, 2 pizzichi
  • 1 Pennello
  • Olio di semi q.b. per oliare la cialdiera
Procedimento:
*Setacciate la farina col sale, lo zucchero e il cacao. Aggiungete poi l'acqua pian, piano e sempre mescolando con un cucchiaio, per non formare grumi, l'olio fino a che gli ingredienti non sono perfettamente amalgamati.

Ponete
sopra il fornello medio della cucina a gas, a fiamma basso, il ferro da cialde e oliatelo col pennello da tutt'e due le parti.
Fate scaldare bene e quando è ben caldo apritelo e versatevi sopra ogni volta mezza cucchiaiata abbondante della pastella. L'operazione della pennellatura di olio è da farsi adogni cialda.

Stringete le due parti del ferro insieme, e contate prima 60 secondi da una parte e poi dall'altra, 120 sec. in tutto. E' importante, così quanto la regolazione della fiamma sul fornello.

Apritelo quando vedrete che la cialda ha preso il color nocciola. Quindi staccatele aiutandovi con la lama di un coltello, ma vedrete che si staccherà facilmente, e date immediatamente la forma voluta.
Quest'ultima operazione bisogna farla velocemente, perché se la cialda si raffredda non potrete più avvolgerla su sé stessa. 

Le cialde si possono servir sole, ma non è meglio accompagnarli con la panna o con la chantilly, il gelato?? ... o, come consiglia lo stesso Artusi, col latte brûlé o col latte alla portoghese.

*L'impasto può essere fatto e usato subito, oppure conservato in frigo e usato anche entro le 24h dopo.

71 commenti:

  1. La memoria dell'Artusi la tiene viva Luisanna Messeri, io leggo spesso il libro come fosse un libro di fiabe e di racconti e quando ho voglia di farmi 4 risate....Il tuo "ferro, i tuoi cornetti?....Strepitosi!

    RispondiElimina
  2. Metti una foto dell'attrezzo...grazie!

    RispondiElimina
  3. E io che volevo comprarmi quello della Lidl!!!

    RispondiElimina
  4. Interessante questa ricetta prendo nota

    RispondiElimina
  5. uh si anche io quella della Lidl..
    all'inizio anche a me venivano troppo morbide.. che erano pure buone eh, ma poi più che morbidine cominciavano a darmi l'idea di mollicce .. e allora non era più tanto piacevole da quel punto di vista.
    Poi però le volte successive ho provato semplicemente ad aumentare la potenza (prima mantenevo la manopola sul 2, poi sul 4) e sono venute croccantine :)
    Proverò questa tua rictta con la piastra lidl :)

    RispondiElimina
  6. @Solidea, hai ragione mettiamo il link http://www.casartusi.it/web/casa_artusi/messeri
    grazie :-*

    @France', io so' ciecata ma pure te non scherzi, vero?? la seconda foto l'hai vista?? :p :p

    @fantasie, magari quello di ora le fa croccanti, non lo so :-/

    @mary, hai il ferro? :)

    RispondiElimina
  7. @fiOr, hai quella uscita adesso o qualche anno fa?

    RispondiElimina
  8. pure a me da qualche anno piacerebbe comprare il ferro,... ma costa un sacco di soldi :(( complimenti per le cialde :)

    RispondiElimina
  9. Mica posso perdermi questa ricetta favolosa...con tutto il gelato che smacchino ci vorrà pure la cialdina Giusta . Bravissima e grazie!!

    RispondiElimina
  10. eh se c'avessi provato io sai quante volte avrei buttato via l'impasto?!! Menomale che ci sei tu!

    RispondiElimina
  11. Olè! come stai settimana scorsa siamo corse in massa a prendere la cialdiera della lidl per i coni gelato e questa ricetta s'ha da provà! Ma non ho capito se l'hai presa dall'artusi...
    Un sorriso croccante,
    D.

    RispondiElimina
  12. @Sere, io l'ho presa per 15 euri :-o

    @Federica, a me invece mi manca la gelatiera :))

    @Cian, lasciamo perdere, va??!! :))

    @Dile, ma può darsi vada benissimo, io avevo quella per waffel. La cialdiera l'ho presa ad una fiera ;)

    RispondiElimina
  13. cavoli anche io voglio caccavella!!! ma dove si compra?

    bellissime queste cialde!

    RispondiElimina
  14. hai ragione....e porto purele lenti a contatto ahahaha

    RispondiElimina
  15. @marsettina, grazie!

    @cuochella io l'ho trovata ad una fiera, ma ce la dovrebbero avere anche nei negozi di casalinghi, non sempre purtroppo :-/

    @Francesca, scherzo eh?? :D

    @Fairy, grazie!

    RispondiElimina
  16. Complimenti per le lumachelle che ti hanno fatto agggiudicare il cavoletto-grembiule :)
    Anch'io mi chiedevo perchè mai l'Artusi sia caduto nell'oblio, quando in realtà moltissime sue ricette sono senza tempo.
    Le tue cialde sono perfette e la croccantezza è evidente anche dalle foto :-)

    RispondiElimina
  17. che belle che sono venute!
    E quello se non sbaglio è il ferro per fare i brigidini!
    P.S. Anche io trovo l'Artusi un grande!

    RispondiElimina
  18. Proverò con la nuova piastra della lidl, io le ho tutt'e due. Quella di due anni fa non è per le cialde come questa, è per le gauffre.
    Grazie paoletta e sempre complimenti per le foto. ;-)

    RispondiElimina
  19. ciao! senti, ma la ricetta della pasta provola e friarelli? non l'hai più pubblicata, o sono io che me la sono persa?
    grazie!

    RispondiElimina
  20. ^^ Ciao!
    Una nuova emozionantissima ricetta!
    E' tanto che ho il desiderio di realizzare delle cialde per i coni (^^ e anche i brigidini), ma... ho sempre detto... la prossima volta, ma dopo aver visto le tue... mi son decisa. Posso però farti una domanda? Non voglio usare cioccolato, ^^;;; visto che è stato bandito dalla mia dieta, posso ometterlo e sostituirlo con 3 cucchiai di farina. Lo chiedo perchè ho visto tra le tue belle foto quella della cialde arrotolate e sono come le vorrei fare io.
    Grazie per tutte le ricette che metti, non solo per questa... ps: Anche la torta con crema al limone "riportata" mi ha stregata al punto che proverò a farla domenica... ti dico solo che sono andata a comprare a posta la teglia con il fondo rialzato. ;)
    Baciotti, Moku.

    RispondiElimina
  21. è tutto stupendo cialde e attrezzo, ecco un'altra cosa di cui sento che non posso più assolutamente fare a meno.
    grazie

    RispondiElimina
  22. Grazie di aver messo il link...io sono un po' asinella ancora, imparerò vedrai!! Ho cercato di mettere le faccine, non so cosa succederà!!

    RispondiElimina
  23. Non è successo niente!!!! http://clp8uq.bay.livefilestore.com/y1puzZi-RD7bYXIhtPKsBTO5ycobIqqg2uBLw218VEDx7HSRMGL525vQen-DGLd_FF2h1MyDmnlrYWVCck_8H4_Xw/2.gif

    RispondiElimina
  24. una tragedia Paoletta, scappo prima che mi arrestino!!

    RispondiElimina
  25. Ciao Paoletta, è da anno scorso che ho comprato il ferro per cialde....ancora le devo usare!! =))
    Mi hai dato uno spunto per provare!!! :|

    RispondiElimina
  26. Divertenti queste faccine!!! ;)
    ne provo ancora una!!!! ;)

    RispondiElimina
  27. E se lo dici tu che è perfetta non possiamo non crederti! Mi sembra di vederti mentre compri il ferro guardandolo ingorda, ahahahah!

    RispondiElimina
  28. @lenny, grazie è vero, senza tempo ;)

    @Barbara, sì. Prossima prova i brigidini !! :p

    @Lory, allora mi fai sapere? Così aggiorniamo il post con le istruzioni corrette :D

    @francesca, me la ero dimenticata, oddio :((
    prossimo post, promesso!

    @Moku, ciao! sostituisci pure il cacao con altrettanta farina, 3 cucchiaINI ;)
    Quelle delle foto sotto c'era pochissimo cacao, l'esperimento 3 ho abbondato :))
    fammi sapere della torta, soprattutto a letyna !
    :-*

    @Maite, grazie! anche io sentivo sempre parlare di questo ferro, e non ti dico quando l'ho visto :-o

    @Solidea, ce l'hai fattaaaaaaaaaaaaaaaa!! :p

    @Patty, mi aspettavi di' la verita :))

    @Mariù, sisisi peggio di una bambina =)

    RispondiElimina
  29. Eh sì, per queste ci vuole proprio il ferro, tant'è che in abruzzo queste cialde si chiamano "ferratelle": non è vero però che costa tanto, in qualsiasi sagra o mercatino di paese è facile trovarlo a una decina quindicina di euro.

    Il pizzico di cacao secondo me è quel tocco di genialità che ti contraddistingue: di solito sono piuttosto palliducce...

    Mi incuriosisce molto la tua ricetta senza uovo, da tempo sono alla ricerca della "ferratella perfetta" e non ho nemmeno un appunto della mia nonna che le faceva strepitose e croccantine, quando torno in abruzzo (il ferro si trova là) provo le tue... slurp!

    RispondiElimina
  30. Paoletta te lo posso chiedere un favore a te che sei così simpatica e sembri così disponibile?
    Puoi fare un giro sul mio blog (neonato) e darmi qualche consiglio sulle foto (sono solo pochi post...)? Faccio degli errori clamorosi?

    Ho letto il tuo speciale "food fotography" con attenzione ma per ora non posso passare a una reflex e devo accontentarmi della mia scacia compattina...

    RispondiElimina
  31. Che spettacolo Paola, rimango sempre a bocca aperta quando passo a trovarti.Urge trovare IMMEDIATAMENTE questo ferro. La descrizione dello stato di trans in cui sei passata quando hai notato l'utensile, ha ritratto perfettamente anche me. Per una cosa simile potrei fare...di tutto, ecco, diciamo. Complimenti per il premio e un bacio schioccante, anzi, croccantissimo

    RispondiElimina
  32. Paoletta ma quanto so' garbine????
    Chissà come rendono con un ripieno tipo quello dei cannoli! Appena rientro da Torre del Lago vado giù al negozietto a vedere il ferro :-)
    L'acqua diaccia credevo fosse un'acqua esclusiva delle nostre parti ma mi hai "smontata" subito!
    Un abbraccio
    Laura

    RispondiElimina
  33. Favolose e naturalmente come non fidarsi dei tuoi esperimenti. Ancora un altro giocattolo per riempire la cucina già sommersa(son 2 metri per 2) Comunque grazie per questa ricetta golosa

    RispondiElimina
  34. Oiiiii..
    Voglio l'Artusiiiii
    che edizione e'???
    DOve lo trovo????
    Ti prego!!!
    Attendo..

    :) Mora..!

    RispondiElimina
  35. adoro le cialde.. e queste mi ipirano alla grande altro che quelle della gelateria!!
    complimenti
    vale 8-)

    RispondiElimina
  36. Bellissime queste cialde ;) Le avevo adocchiate da un paio di giorni nella foto piccina nell'anoglo e finalmente la ricetta. Dall'aetto direi che il mio ferro è addirittura idenico al tuo. Io lo uso per le "ferratelle" abruzzesi, ch si possono gustare al naturale o farcite di marmellata, nutella, crema...chissà magari anchcol gelato starebbero bene e non ci ho mai pensato :-/ Mi sa che proprio che le proverò
    Ciao super Paoletta
    A presto Fede
    P.S. se ti interessa la ricetta delle ferratelle fai un fischio che te la scrivo volentieri ;)

    RispondiElimina
  37. Sssiiiiii!!! Ce l'hooooooo il ferroooooo!!!!! le faccioooooooo!! :-)))

    RispondiElimina
  38. Non puoi continuare così. Non puoi mettere tutte ricette che vorrei fare subito, non puoi perchè poi io ...cosa pubblico?? Complimenti per i tuoi IRRESISTIBILI post! Silvia

    RispondiElimina
  39. Che bello il ferro ... lo voglio anche io!!!!

    RispondiElimina
  40. ma tu sei un genio... era un secolo che cercavo il modo per rifare in casa le cialde dei coni gelati (non quelle oRende fatte di wafer, naturalmente). Grazie e ancora grazie, mi metto alla ricerca dell'attrezzo (magari lo trovo alla sagra bio di formello domenica?) e appena sono ferrata provo subito. Che bello :X

    RispondiElimina
  41. Io la piastra elettrica ce l'ho....me l'ha regalata anni fa una collega abruzzese.....l'ho provata con varie ricette ma non ho mai ottenuto il risultato sperato!!!!!! La tua me la sono già stampata!!!! Baci e buon we ;)

    RispondiElimina
  42. belline!!! no che non ce l'ho!! =((
    Devo provveder, subito!!!!

    RispondiElimina
  43. complimenti per il blog!!delizioso ed interessantissimo^;^le cialde,tempo fa, ho provato a farle anch'io,senz'attrezzo...le tue sono spettacolari ed invitanti!!le foto,poi,sono la cornice ideale,per far venir voglia di uno spuntino.....;-))

    RispondiElimina
  44. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  45. Che piacere di aver scoperto il tuo blog!!! Ne farò parte dei tuoi sostenitori con grande goia!!
    Mamma quante belissime ricette!!!
    Complimenti !! :X

    P.S.
    avevo eliminato il commento di prima perche ho messo emotion sbagliata ;))

    RispondiElimina
  46. Paolé, sei TROPPO BRAVAAAAAAAAAA... :D

    RispondiElimina
  47. Paoletta, quella a forma di cuori.. Quindi quella più bassa.
    Quella uscita poco tempo fa era per le gauffres alte alte!

    RispondiElimina
  48. (queste: http://fiordivanilla.blogspot.com/2009/03/gaufres-alla-zucca-e-mandorle.html te lo metto qui tra parentesi così una volta letto puoi cancellarlo ;))

    RispondiElimina
  49. Ottima! Le cialde dovrebbero essere imprescindibili dal gelato!^^

    Gea
    ---
    geacucina.splinder.com

    RispondiElimina
  50. Eh, eh Paoletta, adesso che sono nel mondo dei bloggers e ho capito come di postano i commenti passo finalmente da te a salutarti anche io.

    RispondiElimina
  51. Ma non si possono proprio fare senza l'attrezzo :-/ ? Vorrei farli a forma di biscottini, per intenderci quelli che in gelateria servono con il gelato :D

    RispondiElimina
  52. @cavoli, che peccato che la tua nonna non abbia nessun appunto! non hai nessuno che te le possa raccontare??
    fammi sapere, un abbraccio :)
    p.s. per le foto, direi che se usi una compattina, sono davvero ben fatte! ce l'hai la funzione manuale? se sì, usala seguendo i consigli!
    e poi compattina o no, valgono i seguenti cosnigli, sempre! curare la composizione e usare luce naturale ;)

    @marilì, ecco cos'era, uno stato di trans =))

    @Laura, so' garbine, sisis!! "diaccia" l'Artusi lo usa spesso, e infatti ad alcuni risulta spesso incomprensibile, a me fa morire, lo diceva anche mia suocera :D

    @dada, non me lo dire ;)

    @Mora, in qualunque libreria, pure edizione economica a 5 euri ;;)

    @vale, grazie!

    @Fede, la ricetta delle ferratelle? essì che m'interessa, me la mandi via email o qui?? thankssssssssssssssssssssss!!! :-*

    @Sigrid, woooowwwwww, ce lo hai anche tu?? evvai, aspetto le tue cialdine allora ;))

    @tortellino, fai ambarabaciccicoccò... :))
    bacio, grazie!!

    @maia, dai prendilo ;)

    @izn, trovato?? .D

    @Roxy, allora poi fammi sapere :)

    @Susina, essì, di corsaaaaaaaaaaaaaaa :p

    @elisabetta, grazie :)

    @lidia, grazie e soprattutto benvenuta :D

    @orne', e te trooooooppooooo simpatica ;)

    @fiOr, e perchè dovrei cancellarlo?? :)

    @Gea, vero anche così da sole :p

    @Rosy, metti il link del tuo blog nel profilooooooooooooooooooo!!! un abbraccio :)

    RispondiElimina
  53. Wiiiii!!!
    (ultrasuono di contentezza!)
    Grazie Paoletta!!!! Cerco di farle sempre in terrazza per la luce (come hai detto tu) e mi procurerò presto uno specchio, spero...

    RispondiElimina
  54. Ciao Paoletta, come promesso ti scrivo la ricetta delle ferratele abruzzesi, almeno così come l’ho imparata dalla mia nonna, perché in questi casi si sa …famiglia che vai, ricetta che trovi ;)!
    La inserisco qui perché non mi riesce di mandarti una mail (mi spiegheresti come fare?)
    Ingdienti:
    4 uova
    4 cucchiai di zucchero (più o meno pieni a seconda del gusto personale; io li faccio abbastanza rasi perché non amo i dolci troppo dolci)
    4 cucchiai di olio
    farina q.b.
    un goccio di liquore a piacere (di solito metto limoncino o cointreau ma anche con la sambuca sono buonissime)
    (semi di anice (facoltativo; io non li metto)

    In una ciotola si sbattono le uova con una forchetta, si aggiunge l'olio a filo, il liquore per profumare e si mescola bene. Si unisce lo zucchero, si mescola ancora, poi si cominciare ad aggiungere pian piano la farina setacciata fino ad ottenere una pastella abbastanza densa.
    Si scalda il ferro sul fornello, si apre, si stende su un lato un cucchiaio circa di pastella (senza arrivare al bordo perché poi si allarga chiudendo), si richiude il ferro stringendolo bene e si rimette sul fuoco, mantenuto poco più che al minimo. Si lascia cuocere la "ferratella" circa un minuto per parte (girando il ferro) fino a che sarà solo leggermente colorita, poi si stacca dal ferro e si lascia raffreddare. Si procedere nello stesso modo fino ad esaurimento della pastella. Io non ungo il ferro e non ho mai avuto problemi per staccare le cialde ;)

    Baci e a presto...
    P.S. non capisco come mai da un po’ di tempo ho qualche problema ad aprire il blog e soprattutto ad inserire commenti. Mi vien fuori messaggio di errore!!!!!!!!!!!!!!!! E ci sformo…parecchio :((!

    RispondiElimina
  55. ^____^ ECCOMI!!!!!!!
    Torno per dire:
    1 - Ho finalmente comperato il ferro! -__^ come detto era mio desiderio da tanto, ed ho colto l'occasione.
    2 - FATTE!!! O_O ECCEZIONALI!!!! E poi... sapere che non contengono uova e burro... da BRIVIDO!!!! Son venute BUONISSIME e son piaciute a TUTTI (^^ almeno a tutti coloro a cui le ho fatte assaggiare! ;)
    3 - ^^;;; Ti accennai alla decisione di bandire il cioccolato e quindi all'impossibilità di metterlo nelle cialde e tu mi avevi gentilmente detto che potevo tranquillamente ometterlo... ma mi ribolliva nel cervello la quistione "PALLIDUCCE" e... mi infastidiva... poi, mentre preparavo l'impasto mi sono illuminata... ^_____^ ho messo 50 ml di sciroppo di acero e 160 di acqua diaccia... O_O una cosa... divina! Anche perchè la cialda poi profuma di sciroppo ed il colore... è ideale ;). Ammetto di non ver pensato alla questione "doppio dolcificante" magari si può diminuire leggermente la quantità di zucchero, ma eran buone anche così... dolcine. ^^;;; ti mando una fotina di solo esempio per il colore ottenuto... ^^;;;;; considera che io sono una schiappa con le foto e quella è fatta pure con un cellulare... -_- si chiede umilmente perdono, ma... l'idea del colore delle cialde lo da ugualmente. http://digilander.libero.it/mokurina/Vari/Cialde.jpg
    Un bacione e buona giornata, Moku.

    RispondiElimina
  56. @Fede, davvero non ti riesce di aprire il blog?? ommioddiooooooooooooooooooooooooo :-o e pecchè??
    speriamo dipenda da bloggere e non da m!! :-t

    ti ringrazio tantissimo per la ricetta delle ferratelle, ma davvero non ungi, e non ti si appiccica l'impasto?
    senti, farina q.b. ok, ma quanto basta per avere un impasto di che consistenza??
    un bacio!

    @Moku, ma bellissimeeeeeeeeeeeeeeee :D
    e che idea meravigliosa quella dello sciroppo, e m'immagino il profumo, che brava!!
    p.s. sai che si potrebbe provare anche col miele, mo che ci penso??
    sono felice che siano piaciute a tutti :X
    a presto :)

    RispondiElimina
  57. Di niente Paletta, con tutte le delizie che ci proponi tu :)
    Farina q.b. per avere una consistenza tipo crema pasticcera ancora calda o tipo ciambellone (non so se sno riuscita a farmi capire). Il ferro in tutta sincerità non l'ho mai unto e le ferratelle si son sempre staccate senza problemi. Prova e se le fai dammi il tuo parere, sono curiosissima *^_^*
    Un bacio :-*
    P.S. col blog ho qualche problema ma alla fine, a forza di insistere...non so da cosa dipende ma in fatto di impostazioni computer sono una frana!!!

    RispondiElimina
  58. Dove è sbagliato? Ho seguito passo passo la ricetta ed ho cotto l'impasto nella cialdiera a cuori del Lidl. Il risultato: una marea di cuori gommosi con un forte sapore di farina... praticamente immangiabili. Attendo un tuo aiuto. Speravo di poter coccolare il mio marito con tante cialde croccanti, invece e rimasto a bocca asciutta. Grazie. Babi

    RispondiElimina
  59. @fede, sì le proverò, anche perchè qualcosa di simile lo facevo con la piastra Lidl, quella per waffels e il sapore mi piaceva molto!
    Ti ringrazio ancora, un :-*

    @Babi, la cialdiera a cuore non la conosco, però Diletta li ha fatti con la mia ricetta nella nuova cialdiera Lidl e le sono venute fantastiche, giarda qui http://losciefscientifico.blogspot.com/2009/06/coni-cialde.html a me paiono anche meglio delle mie col ferro!
    Ora, onestamente, non so se dipende dalla tua cialdiera, che forse è per waffels? e se sì non va bene... o se è successo qualcosa all'impasto, il sapore forte di farina mi lascia perplessa :-o

    RispondiElimina
  60. Grazie per la risposta Paoletta. Probabilmente hai ragione tu: la mia piastra è per waffel. Qual è la differenza con quella per coni? Scusa se ti sommergo con mille domanda, ma è da una vita che cerco una buona ricetta per coni e la tua mi attirava davvero tanto. Grazie ancora e buona giornata! Babi

    RispondiElimina
  61. @Babi non la conosco esattamente, so solo che quella per waffels ha proprio una forma diversa, e anche lo spessore è molto più alto.
    un abbraccio :)

    RispondiElimina
  62. ciao, gironzolavo alla ricerca di una torta al caffè e ho trovato questo post.
    vi lascio questo link www.cbeelettrodomestici.it. è il produttore abruzzese delle biscottiere per cialde e ferratelle. sul sito ci sono anche le ricette e le spiegazioni su come farle... ah si possono fare anche salate.
    se fate un giro sul mio blog trovate qualche post, anche sul waffel.
    ciao matilda

    RispondiElimina
  63. @matilda, gentilissima, grazie mille per la segnalazione ;)
    e benvenuta!!

    RispondiElimina
  64. Non ci crederai ma, ma ho avuto la tua stessa reazione quando in vacanza ho visto la piastra in un negozio super fornito di casalinghi...ho detto "deve essere mia!". Tuttavia anche se non ero convinta, forse per colpa del caldo, ho ceduto alla ricetta scritta sulla confenzione....grande sbaglio! Ero pronta a sperimentare...ma l'hai già fatto tu! Grazie mille.

    RispondiElimina
  65. @Cristina, allora fammi sapere :)
    le ricette sulle confezioni, a volte funzionano, altre no, ma tocca sperimentarle per saperlo ;-)
    un abbraccio :)

    RispondiElimina
  66. Ciao a tutte!!!! Vorrei tanto provare questa ricetta ma ho una domanda...Ma gli albumi li devo montare??e quando li aggiungo all'impasto??
    Grazie

    RispondiElimina
  67. Ciao!!! Volevo chiederti una volta fatte le cialde già piegate per qnt tempo e dove posso conserverle in modo che non si "ammoscino"??? in una scatola di latta come si fa per i biscotti di natel che si preparano in anticipo???
    Grazie :)
    Elisa

    RispondiElimina