lunedì 11 maggio 2009

Pesto alla trapanese

Sarà che un pochetto, sono sicula in pectore, e che questa Paoletta ogni tanto ha bisogno di uscire prepotentemente fuori, sarà che il prezioso regalo di Letyna avrei voluto adoperarlo per qualcosa che mi ricordasse la Sicilia, qualcosa di speciale anche nei sapori, fatto sta che...


... vagando per la rete alla ricerca dell'idea su come usare le preziose mandorle, vedo il pesto siciliano*, quello trapanese, mandorle, basilico, pomodori, oddio lo sto già sognando! ... chiedo su gennarino, tartasso un po' Roby, et voilà il mio pesto!

Insomma, evualà si fa per dire... non avevo il mortaio, e con il mixer, sinceramente, no, proprio non mi andava, uhmm!! ad un certo punto lo vedo, lì in cucina al suo posto, lui, il mattarello... 
... giorno dopo, metto gli ingredienti in una ciotola di plastica altina ma stretta e inizio il pestaggio :D :D

Non appena le prime mandorle iniziano a spaccarsi a colpi di mattarello e si fondono con l'aglio e il basilico, capisco che ho fatto bene a non usare il mixer!
Il profumo che si sprigiona mentre pesto gli ingredienti e l'aroma dell'olio che ne fuoriesce, sono paradisiaci, e davvero non credo che col mixer avrei ottenuto lo stesso risultato!

* QUI la versione di Enza, trapanese doc, la sua ricetta di famiglia, in pratica uguale a quella postata da Roby (palemmitano) su gennarino... leggetela, Enza la spiega da vera siciliana, da chi la fa e vista fare dalla nascita! 
Grazie Enza :)

PESTO ALLA TRAPANESE

Ingredienti:
3 mazzetti di basilico, mi pare d'aver contato circa 150 foglie
1 bella manciata di mandorle con le pelle
3 spicchi d'aglio, io ne ho messi 2 e sappiate che si sente, ehhehehe se si senteee!!
3 pomodori rossi, grossi e belli maturi
sale grosso
pepe
olio extra vergine di oliva, a occhio ma abbondante

Procedimento:
Mettere a bollire l'acqua, per la pasta, a chi non avesse le busiate, Roby consiglia appassionatamente le reginette, da spolverare dopo di pecorino!



Pestate nel mortaio le mandorle insieme all'aglio e un pizzicone di sale grosso. Le mandorle non devono diventare una pappina, per cui, non appena vedete che sono a pezzettoni, aggiungete immediatamente il basilico.
Il tutto deve essere ben pestato ma, come dice Roby, la consistenza deve rimanere granulosa, si devono sentire i pezzettini di mandorla, aggiungo, goduriosi!

Quindi a parte sminuzzate i pomodori privati dai semi e aggiungerli al pesto facendo attenzione che non diventi troppo rosso. 
Diluire con abbondante olio evo, aggiustare di sale, aggiungere il pepe.

Dice Roby: il pesto non deve essere cremoso quindi NO a panna o altri ingredienti che servono ad ingentilire.


p.s. l'ho rifatto ieri e mi scusassero i siciliani tutti ma stavolta di aglio, ne ho usata una puntina, l'altra volta, dopo, ci voleva la quarantena ;) 
ah, ho usato il mortaio, prezioso regalo della mia Tinuccia, e be', chevvedevodi', stavolta il pesto era più buono della prima volta :)

pestaggio da te.


44 commenti:

  1. Brava, questo è il vero e proprio pesto alla trapanese!

    RispondiElimina
  2. Probabilmente, per gusto personale, metterei un solo spicco d'aglio in modo da renderlo più delicato. E'carina l'idea di farlo con il mattarello ma dopo va via l'aroma dell'aglio dal legno o devo comprarne un altro?!:-P
    Pesto non annotato ma già memorizzato. Ti faccio sapere come è venuto a breve :-)

    RispondiElimina
  3. Non riesco mai nemmeno io ad utilizzare così tanto aglio, credo che sia una questione di abitudine ad un certo tipo di sapore. Ho capito dove stava la differenza tra mixer e mortaio la prima volta che ho provato a fare il pesto nel mortaio..

    RispondiElimina
  4. la pzianeza di pestare è certamente sempre premiata!!buono!!

    RispondiElimina
  5. Ma sai che non l'ho mai assaggiato???Lo provo! Mettendo poco aglio però
    Brava Paoletta come sempre

    RispondiElimina
  6. ciao Paoletta, ho modificato l'impasto del pain aux raisin così come ti avevo accennato e il risultato mi è piaciuto molto.

    RispondiElimina
  7. Non l'ho mai assaggiato, è arrivato il momento di provare!!!
    bellissima ricetta!!!
    Baci ...

    RispondiElimina
  8. mitica, il pesto con il matterello!!!

    Pensa che io comprai il mortaio perche' non sapevo come schiacciare i semi di cardamomo :) ma farci il pesto e' una fatica boia!!!
    Ci devo riprovare, pero'!

    PS: qualche giorno fa ho linkato il post delle faq sulla fotografia, unidea superlativa, grazie.....a questo proposito, ho fatto un piccolo esperimento, perche' di solito per riflettere la luce io uso un pannello di polistirolo (sugg. di tartellette, riportato da staximo) e ieri ho provato anche con lo specchio, la stessa foto, con i due sistemi di riflessione e' assolutamente identica, almeno su sfondo bianco, con fonte di luce proveniente solo lateralmente. Per fortuna, perche' usare lo specchio sarebbe scomodissimo per me, eh eh!

    Un bacio!

    RispondiElimina
  9. Anche io sono un pò sicula dentro!!!
    Amo la Sicilia...questo pesto deve essere splendido da provare!!!
    ciaoooooo

    RispondiElimina
  10. Paoletta buongiorno!!! Mi sono segnata anche questa ricettina! Gli ingredienti li ho tutti :-) anche perchè da Eurospin di Montepulciano venerdì mi sono aggiudicata una bella piantina di basilico e le reginette in superofferta :-) Pasta che so già a priori non garbare al marito... ma come si parlottava ieri sera... l'importante è sperimentare!!!! Ps sto andando da "Lo Zio" a Sarteano a prendere qualche golosità per rissolevare le sorti dei due malati... conosci???

    RispondiElimina
  11. questo pesto l'ho fatto in un sacco di varianti, ma sempre con i pomodori secchi, ma a naso direi che la tua versione è decisamente migliore! il mio mortaio attende fiducioso la prova del tuo pesto!

    RispondiElimina
  12. mmmmmm buono e veloce. da provare!!!!

    RispondiElimina
  13. che profumo...sarebbe bello che arrivasse fin qui per regalarmi un po' di sicilia
    Un bacio
    fra

    RispondiElimina
  14. Sicuramente divino (come molte cose siciliane e come molti pesti), un concentrato di aromi. Devo provare il tuo ssolutamente.
    Una domanda che non c'entra niente: visto che sei una referenza, hai per caso una buona ricetta di pane alle patate. Ne ho provate diverse o il pane è soffice ma non si sentono le patate oppure è compatto. Hai un un suggerimento patatoso da darmi? Grazie mille per la tua disponibilità e generosità consueta

    RispondiElimina
  15. @gambetto, eh sì! io la prima volta ne ho messi tre, ma come dicevo, poi la quarantena ci è voluta. ieri me ho messo solo un pezzettino piccino, era buonissimo lo stesso ;)

    @cianfresca, io anche e devo dire che ieri, pure i pomodori ci ho pestato, della serie con le caccavelle nuove si torna bambini ;)

    @sara, ho visto, hai modificato il ripieno che è a piacere, l'impasto hai lasciato quello, è troppo buono :))

    @ciboulette, no non è faticoso, ci si mette una decina di minuti, non di più!
    per il polistirolo, hai assolutamente ragione, è la stessa cosa, lo specificherò... grazie di avermelo ricordato.
    un abbraccio :)

    @laura, hai fatto la spesa del pesto in anticipi?? veggente che non sei altro, ahahhaha1! :D :D

    @giò, pomodori secchi?? sta versione mi attizza, raccontaci un po'... ;)

    @dada, ho provato una volta il pane alle patate di giorilli, non era compatto e per le patate non ricordo se si sentono, sai? mi pare di sì, ma non ci giurerei.

    a TUTTI un grazie e un abbraccio pestoso :D :D

    RispondiElimina
  16. praticamente è come il tuo ma al posto del pomodoro fresco uso i pomodori secchi sbollentati e frullati oppure sottolio. poi c'è la variante con i capperi......e quella del cavoletto...

    RispondiElimina
  17. Sapevo che quelle mandorle avrebbero fatto una degna fine:)

    RispondiElimina
  18. Come ti capisco! Anch'io per fare il pesto alla ligure cerco di usare sempre il mortaio,è una "faticaccia", ma il risultato è incomparabile. Complimenti per il pesto e per le foto, sono molto belle. Buona serata Giovanna

    RispondiElimina
  19. ops Paoletta scusa ho scritto impasto ma volevo intendere ripieno; cmq hai capito e mi fa piacere

    RispondiElimina
  20. Beau, magnifique et plein de bonheur dans les photos, j'adore....Il tuo blog e bello di bello...brava

    RispondiElimina
  21. Sono sul divano, ho cenato da un pezzo ma questo pesto potrebbe farmi ricominciare!!!

    RispondiElimina
  22. premetto che non amo moltissimo le madorle (me per questo posso sorvolare e usarne una quantità inferiore) e l'aglio non è proprio il mio ingredienti preferito... ma ammetto che per chi ama questi ingredeinti deve essere un mix vincente... però anche io pensavo ai pomodori secchi invece che quelli freschi... sicuramente un sapore piu caratterizante! .-)

    RispondiElimina
  23. mamma miaaaaaaaaaa sembra di sentirne l'odore mentre ne parli, l'ho atteso tanto... e ora non resta che trovare il tempo per provare.
    (ho giusto delle mandorle di sicilia, provenienti dai raccolti delle terre confiscate alla mafia, reduci del pacco di natale aziendale...) ^_^
    Quando lo avremo provato, GIURO che i faccio sapere.
    Un bacio... Stella e Jacopino!

    RispondiElimina
  24. Che voglia mi hai fatto venire di questo pestino gentile e succulento...e poi che foto Paoletta, sono proprio un'artista, altro che food blogger !!! Bacioni cara

    RispondiElimina
  25. Paoletta! MERAVIGLIA
    posso chiederti che template hai usato?io nn riesco a caricare nello spazio a sinistra e nemmeno ad usare icone con link. . .AIUTO!
    però ho appena cominciato . . .ce la farò?!Intanto ti seguo e ti copio ;-)
    Grazie anche alla tua mamma per le frittelle di riso!
    Simona
    e nemmeno riesco a commentare come blogger - password sbagliata! BAH!???
    se vuoi darmi un'occhiatina simonapinto.blogspot.com ciao

    RispondiElimina
  26. ecco la mia versione, uguale identica 'ntifica alla tua.
    un bacio e brava come sempre
    http://iodagrande.blogspot.com/2008/10/ap-pestatevi-trapani.html?showComment=1223977620000

    RispondiElimina
  27. Mmmmmmmmmmm eccolo qui!!! Era da un pò che tenevo d'occhio il "coming soon"!!! Buono davvero :) Le foto non le commento più... sono sempre bellissime!
    Buona settimana.

    RispondiElimina
  28. Il mixer proprio no e ancora no e ancora no e ancora no e assolutamente no?
    Questo pesto mi ispira da morire ma l'idea del pestaggio a mano mi spaventa...
    Baci!
    m.

    RispondiElimina
  29. Your pics are gorgeous! thanks for stopping by my blog today...
    Can I suggest a google translator toolbar on your blog, so that people like me can get to enjoy your recipes too? Thanks!

    RispondiElimina
  30. Con questa ricetta mi hai fatto venire nostalgia della cucina di casa! :(

    Gea
    ----
    geacucina.splinder.com

    RispondiElimina
  31. @Giò, grazie!

    @letyna :)

    @Giovanna, però devo dire che, tutto sommato, non è una gran faticaccia ;)

    @Sara, sì avevo capito lo stesso. Un abbraccio :)

    @eleonora, merci beaucoup!

    @gattogoloso, penso anche io. Infatti non appena li vedo, li piglierò e faranno questa fine ;)

    @stellinaaaaaaaaaaaaaaa, jacopoooooooooooooooo :))))))))))))))))
    te non sai quanto mi fai felice a venir quà... anzi, sì lo sai !!
    un bacio grande e fammi sapere, come sempre ;)

    @Marilì, grazie :)

    @Simona, il mio template era quello base a due colonne, poi ho modificato l'html seguendo le istruzioni su creareblog.blogspot.com
    le frittelle?? boneeeeeeee :))
    visto il tuuo blog, molto carino!!

    @enza, ecco dove lo avevo visto, solo che poi avevo dimenticato dove!! lo avrei dovuto salvare tra i preferiti, ma era notte fonda mentre facevo le ricerche, mica normale sta cosa, eh??
    ora linko la tua ricetta, che poi sì, quella è!
    un abbraccio e grazie :)

    p.s. una domanda, ma quindi mafalde e reginette sono la stessa pasta, giusto??

    @Mariù, credimi. ci vorranno sì e no 10 minuti!

    @anudivya, thank you! there is now a translator.

    @Gea, allora ti tocca farlo ;)


    Grazie a TUTTI!!
    un abbraccio :))

    RispondiElimina
  32. ciao a tutti è la prima volta che dialogo su internet con qualcuno.vorrei dire che ad apportate troppe varianti alle ricette che hanno radici antiche e profonde può significare che si sta preparando un'altra cosa. si potrà giocare sulla quantità di sale, di pepe, di aglio, ma non sugli ingredienti. diverrebbe un'altra ricetta alla quale bisognerà cambiare il titolo.

    RispondiElimina
  33. @De La SAAC, concordo con te! Ma di questa ricetta che ne pensi, gli ingredienti sono corretti, giusto?

    RispondiElimina
  34. E'proprio vero che l'aglio si sente tant'è che nel trapanese il nome di questo pesto è proprio "pasta cu l'agghia e pisci fritti" perché viene servita con una frittura caldissima di pesciolini come accompagnamento.

    Bellissima la foto con la pasta. Bellissima.

    RispondiElimina
  35. Ciao Paoletta, che piacere rileggerti. come sempre trovo meraviglie ad attendermi! questo pesto qui è uno dei miei condimenti preferiti e sono d'accordo con te a proposito dell'uso parsimonioso dell'aglio...il pesto è più delicato e decisamente più digeribile! con tre spicchi d'aglio il 90% delle persone ha bisogno di una settimana per digerirlo...per non parlare delle difficoltà "sociali" causate dall'alito!!

    RispondiElimina
  36. @cavoli! ah ecco, non nominano mica le mandorle, ma l'aglio ;)

    @ciao moscerino, ecco appunto anche sociali ;)
    bentornata :)

    RispondiElimina
  37. si nel linguaggio di trapani dire mafalda e dire reginette è esattamente la stessa cosa ma non sono sicura che sia così ovunque.
    un bacio

    RispondiElimina
  38. Ciao Paoletta, leggo adesso l'introduzione al pesto alla trapanese :D.
    Paoletta, io sono trapanese ma ho la mamma palermitana... ma tcpananese sugnu!
    Certo che di aglio ce ne va e anch'io non uso le dosi canoniche che sono di uno spicchio d'aglio per ogni commensale più uno.

    Bravissima!

    Robychi ;)

    RispondiElimina
  39. @Roby, lo rammentavamo qualche sera fa con mia mamma, anzi era la Viglia, e dicevamo proprio questo... da rifare ma con meno aglio!!
    perchè comunque è strepitoso, non vedo l'ora di riavere il basilico nel vasone fuori, ora è pieno di neve ;-)

    RispondiElimina
  40. Ciao Paoletta....oggi ho fatto questo qui....boooono.Meno male che hai suggerito di ridurre l'aglio....si sente!Grazie per la risposta sulla durata dell'altro pesto. Se continuo così, provo tutti i sughi del blog (anche perchè sono uno più buono dell'altro)!Grazie ancora, sei sempre gentilissima.Baci Lucy

    RispondiElimina
  41. @Lucy, grazie a te! appena ho il basilico ne farò parecchio chè è ottimo, (magari lo congelo) ma con una punta d'aglio ;-)

    RispondiElimina
  42. da trapanese confermo: uno spicchio d'aglio a testa. d'altronde, come qualcuno ha già detto, da noi si chiama "pasta cu l'agghia"... oltre ai pesci fritti, si può aggiungere della mollica di pane tostata, o le melanzane fritte o le patate fritte...

    RispondiElimina