lunedì 9 marzo 2009

Napul'è mille colori, 'o babbà e...

Avevo raccontato qui dei giorni passati da Tina e del suo babà del quale mi sono letteralmente innamorata, tanto che tornata a casa, ho immediatamente replicato!


Questa la ricetta di Tina, che sì, vero... non rispetta le tecniche dell'impasto, della lievitazione, ma quando penso a questo, mi tornano in mente le parole di ELE quando racconta delle graffe napoletane della sua mamma, e diceva... 

Mi disse un giorno, anni fa: «Prova le mie graffe, la ricetta è garantita!». Ed io, dopo una rapida occhiata, quasi sdegnante e fresca di "studi", ero subito pronta a farle notare che quella ricetta fosse quanto di più antitetico alla tecnica ed all'evoluzione pasticcera potesse esistere... Eppure... Non trascorre mai troppo tempo prima che le cose mi tornino inesorabilmente alla mente e, quello che fino ad allora era stato per lo più un vago ricordo, diviene un tarlo martellante da assecondare ad ogni costo. La tentazione di modificarla o meglio "attualizzarla" è stata forte, ma ho desistito. In fondo, spesso, è bello lasciarsi guidare dalle sensazioni, magari anche a scapito del rigore tecnico.


IL BABA' DI TINUCCIA

Sciroppo: Sciogliere 375g gr. zucchero in mezzo litro di acqua e lasciare bollire per 5 minuti. Versare questo sciroppo tiepido in una bottiglia da litro ed aggiungere rum fino a completare il litro. 

Ingredienti impasto:
300 gr. farina manitoba (Lo Conte)
75 gr di burro ammorbidito (+ 25 gr per imburrare gli stampini)
4 uova
2 tuorli
18 gr di lievito di birra
1 cucchiaio di zucchero
2 prese di sale

Procedimento:
Lavorare per 5 minuti con forchetta o frusta elettrica 75 gr di burro con zucchero e lievito sbriciolato.
Aggiungere le uova e la farina. Dopo una prima mescolata versare il sale. Lavorare l'impasto per 30 minuti con fruste elettriche col gancio, o per 20/25 minuti con l’impastatrice, l’importante è che l’impasto venga bene incordato. Dare una piega del secondo tipo di Adriano. (Tinu', io non l'ho data... )

Con le mani ben unte di burro, prendere piccoli pezzi di impasto e mozzare l’impasto fra pollice ed indice formando delle palline come potete vedere nella foto che ho fatto a Tinuccia mentre li preparava. Notare anche l’incordatura dell’impasto e le mani ben unte, casomai ungete ogni tanto.


Formare 11 palline da 50 gr ciascuna e porle negli stampini imburrati (di 8 cm di altezza).

In ogni caso, e con stampi di dimensioni diverse, L'impasto deve arrivare fino a circa 1/3.
Fare attenzione a due cose:

1) Alle bolle che potrebbero formarsi in superficie, in tal caso schiacciare l’impasto e ripetere l’operazione facendo riscivolare lo stesso impasto fra indice e pollice e chiuderlo alla fine formando la pallina. Se non le schiacciate, in cottura si alzano, e vanno ad inficiare la forma dei vostri piccoli babà.

2) Quando fate cadere la pallina negli stampini, la parte mozzata è quella che deve andare a toccare il fondo. Di conseguenza la parte liscia della pallina sarà quella che guarderà verso la superficie dello stampino, solo così, lievitando formerà una cupoletta tonda e liscia. Lasciare lievitare l’impasto negli stampini per circa 2 ore, e sempre in forno spento e chiuso, infornate solo quando avrete ottenuto una cupoletta simile:



Infornare per 20/30 minuti in forno preriscaldato, parte bassa una tacca sopra dal fondo, alla temperatura di 180/200C°, in base alla potenza del vostro forno, io ho cotto a 180°. (Tinuccia io, conoscendo il mio forno, a 210°) 
I babbini saranno cotti quando anche la parte interna allo stampo si sarà scurita. Se in cottura la cupoletta dovesse scurirsi troppo, ponetevi sopra della carta d'alluminio.
Per bagnarli, versare lo sciroppo appena intiepidito in una ciotola e “affogarvi” i babà. Lasciarli dentro un po' fino a che non sentite che avranno assorbito lo sciroppo... affogateli due o tre alla volta.

Con delicatezza strizzare. Lasciarli riposare per circa 3 ore tenendoli a testa in giù.
Accompagnate il vostro babà con crema e amarene, o panna!


Napul'è...
Be', poi la sosta dal nostro rave a Napoli, dove l'Antonia della parigina, ci ha mostrato questa città nel suo vero cuore e qui mi sono innamorata di tutto, del babbà, dell'allegria che ti accoglie per le strade, del calore della gente, dell'anima di Napoli...

Spero che l'occhio della digitale abbia visto quello che "vedevo" io!

I babà che ti chiamano dalle vetrine!



E che dire delle elegantissime zeppole di Scaturchio? Che le voglio, le voglio fare...



Gli artigiani che fanno ancora tutto a mano nelle loro botteghe...



... e le loro meravigliose creazioni! 



L' ironia, l'allegria e l'orgoglio...



Questa città ha un'anima! E quando te ne vai, sai che hai lasciato lì un pezzetto del tuo cuore...

72 commenti:

  1. Quella foto sembra parlare...mmmm...che voglia di un piccolo babà con una tazzulella de cafè ;D
    Un bacio e buon inizio settimana
    fra

    RispondiElimina
  2. no guarda io mi accontento pure di non farle quelle zeppole..mi basterebbe mangiarne almeno una!!o mamma, sembrano fantastiche..ma siamo in quaresima..mannaggia!come si fa...e pure i babà....mi toccherà prepararle e farle assagiare agli altri..mi toccherà proprio...prima o poi paoletta ti tocca venire a trovarmi e farmi una corso acceleratissimo di alta cucina..della tua alta cucina!

    RispondiElimina
  3. mamma mia che buoniiiiiiiii , quando sono a Napoli e mi dispiace che manco da alcuni anni...mi infilo subito con la scusa di fare colazione in una pasticceria per assaggiare tanti tipi di dolci tipici , baci!

    RispondiElimina
  4. Non conosco Napoli ma da quello che si sente e si vede in giro da l'ipressione che sia più un modo di essere che non una città. Un modo di essere da scoprire e, probabilmente, dal quale imparare anche un po', baba esclusi, sarebbe troppo facile ;-)

    RispondiElimina
  5. Complimenti, non ci sono parole.
    Se ti fa piacere, da me c'è un premio per te........

    RispondiElimina
  6. Che bel reportage! con le tue foto non fai altro che arricchire le bellezze di questa splendida città:)
    E del babà ne vogliamo parlare?...

    RispondiElimina
  7. Ma quante cose belle e golose! eh si, a napoli i dolci li sanno proprio fare!! i babbà son fantastici! bravissima!
    un bacione

    RispondiElimina
  8. Quanti ricordi vedendo le tue foto!! Napoli è davvero così bella!! E i babà?!? Uno spettacolo da vedere, mi sembra di sentire il profumo della pasta lievitata.. Da provare anche questa ricetta: io però alla fine li lucido con della confettura e così diventano ancora più "attraenti"... :D :D

    RispondiElimina
  9. Fantastici questi babà...non sono mai stata a Napoli, dovrò provarli a fare in casa per assaporare un po' di Napule mille colori!

    RispondiElimina
  10. Hahahaha, Paola, mi ricordo dell'edicola con Maradona (con tanto di cartello iettatorio) e della pizzeria Sorbillo. Anche noi ci siamo lasciati conquistare da Napoli, ma ci vuole proprio poco :-D

    P.s.: i babà sono strepitosi (ma c'è una cosa che non ti viene bene ?!? :-D)

    RispondiElimina
  11. Aspettavo con ansia questo post per poter leggere i tuoi preziosi consigli, sulla preparazione di questo dolce altamente goloso! Adesso aspetto le zeppole di Scaturchio!

    RispondiElimina
  12. Ma che bei babà.Volendo fare un babà unico con questa dose che dimensione deve avere il ruoto?Inoltre il babà lo devo prima far raffreddare e poi bagnare con liquido caldo?
    Grazie per l'aiuto
    complimenti per il blog
    chiara

    RispondiElimina
  13. Ottima "interpretazione" dei nostri babà... complimenti davvero.
    La prossima volta che vieni devi anche provare le sfogliatelle, sempre se ancora non l'hai fatto.... un altro dolce tipico napoletano!
    a presto... un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  14. Non posso crederci, sei venuta a Napoli, a saperlo venivi a prendere un gelato nella mia gelateria! Coincidenza proprio sabato ho provato a fare questi babà per venderli tra la pasticceria che facciamo la domenica mattina......avresti potuto provare le mie zeppole ;P

    P.s.
    La prossima volta fate un fischio, ok?

    RispondiElimina
  15. Questi mi sembrano facili da fare...niente pieghe, giusto?...quasi quasi li provo...
    Li ho assaggiati una volta e li ho odiati, ma una seconda chance si concede sempre...

    RispondiElimina
  16. il babà manca all'appello, ma li voglio fare anche solo per vedere la pallina lievitata che esce dallo stampino!

    RispondiElimina
  17. oggi ho ricevuto una soffiata, e cioè che da queste parti si aggirano dei croissant che possono soddisfare qualsiasi voglia di croissant che esista sulla terra...
    arrivo qui, e non solo trovo più di 30 passaggi per sfornare i croissant più buoni del mondo, ma anhce babà, brioches col tuppo, krafen...
    ecco... cioè.. dovevo dirti che mi hai appena deliziata! un bacioneeee

    RispondiElimina
  18. Che meraviglia! il tuo blog fa sognare!

    RispondiElimina
  19. Che bello paoletta!!! non ci sono parole dopo aver visto quella fotografia...mi è venuta subito l'acquolina in bocca... un bacione!

    RispondiElimina
  20. Ciao, sono di fretta...ti volevo solo dire che hai ricevuto una nomination, passa pure dal mio blog per tutte le info. Sorry!

    geacucina.splinder.com

    RispondiElimina
  21. che meraviglia queste foto!
    mi è presa un'insana voglia di babbà e di tornare a napule'....:)

    RispondiElimina
  22. di scaturchio dobbiamo parlare della sfogliatella, quando vado a Napoli è una tappa fissa mi piglio collera se non ci vado un bacio

    RispondiElimina
  23. CHE BONTA! CHE MERAVIGLIA! BRAVISSIMA. ANCHE SE NON AMO IL BABA' QUESTO MI STA FACENDO VENIRE L AQUOLINA :)

    RispondiElimina
  24. Complimenti!!! Ne mangerei volentieri 2, 3, fai tu! Alla faccia della dieta ma questo babà è invitantissimo!!!

    RispondiElimina
  25. Ciao Paola...rimango sempre senza parole...per i tuoi piatti e per la descrizione...per la passione che si percepisce anche solo leggendo...

    Complimenti
    Carmen

    P.S. ho fatto le brioche con l'impasto delle veneziane:DIVINE grazie di tutto...

    RispondiElimina
  26. Questi li devo provare assolutamente...ciao!

    RispondiElimina
  27. Ciao complimenti per il blog, per le ricette!!!

    Il mio blog è:
    http://pastamorefantasiae.blogspot.com ed ho indetto un contest se ti va di partecipare mi farebbe piacere.
    Ciao
    Grazie
    Fabio

    RispondiElimina
  28. cosa mi fai vedere PAoletta, io che vivo a NApolo da 5 anni e non ho ancora avuto il benedetto coraggio di mettere mano al babà.....ora potrei dire che ci proverò vedendo i tuoi risultati, ma tu sei pazzesca, hai le mani magiche!
    Ed i tuoi occhi attraverso la reflex vedono immagini meravigliose......sempre! Ma quella foto del piccolo babà gonfio gonfio è proprio una poesia!

    RispondiElimina
  29. Ciao, non so se mi sono già presentata, altrimenti rimedio subito.
    Mi chiamo stefi e come tante di voi mi diletto in cucina tanto che ho creato anche io un blog.
    Questi babà sono meravigliosi.... io però voglio ringraziarti per l'impasto della pizza senza impasto.
    Mi sono letta tutto e poi ho messo in pratica, devo dire ....Fenomenale!!!!
    Grazie ancora e a presto.

    RispondiElimina
  30. che meraviglia!ma come fate a far delle foto cosi belle?
    baciotti

    RispondiElimina
  31. ciao paoletta volevo ringraziarti per questo splendido omaggio che hai fatto alla mia città tanto bistrattata....con il tuo obiettivo sei riuscita a cogliere l'anima di napoli quella bella,quella sana e sincera...bacioni imma
    p.s. i babà sono favolosi!!!

    RispondiElimina
  32. che spettacolo sembra finto quel baba` che voglia di amngiarmene 1 e una vita che non lo mangio magari un giorno ci provo a farli

    RispondiElimina
  33. Paoletta, Cara, sii tu uno babbbà ...Complimenti per tutto e soprattutto grazie. Certo che Tu e Tinuccia una ne pensate e cento ne fate. Siete proprio un portento. Brave ...
    Ho sempre fatto i babà con la ricetta di Gennarino (ottima), però questa m'intriga assai. Per il momento ho una sola domanda da porti, il maestro Santin dice che i babà devono essere cotti con MOLTO vapore. Cosa che io faccio sempre e con ottimi risultati. Che cosa mi suggerisci di fare in questo caso?
    Grazie ancora
    Roberta

    RispondiElimina
  34. Benchè, grazie a te, mi sia cimentata nella preparazione di alcuni impasti lievitati, non credo di essere ancora pronta per fare il babà! ma se e quando deciderò di provarci voglio usare questa vostra ricetta.....la lavorazione della pasta a mo' di "mozzarella" sembra così strana che merita di essere sperimentata!

    RispondiElimina
  35. Paole sti Babà di Tinuccia so favolosi!!!! Le tue foto come sempre dei capolavori!!
    Se ti va di passare ho messo sul blog.. la coppa di maiale eeeeee la nostra pizza con i cigoli ciao

    RispondiElimina
  36. ...ma non ci resta che attendere che tu faccia quelle zeppole... un bacio! fede

    RispondiElimina
  37. seguo sempre il tuo blog è stupendo, un premio per te sul mio blog

    RispondiElimina
  38. Ciao Paoletta ti ho inviato un premio se vorrai ritirarlo ne sarò felicissima, sei veramente una fonte di ispirazione, il tuo blog è bellissimo

    RispondiElimina
  39. Quanti ricordi... ho vissuto a Napoli parecchi mesi per lavoro anni fa!! Quante golosità ho assaporato... cosa darei ora per uno di quei meravigliosi babà....
    e le sfogliatelle?? e la pizza?
    Ciao bravissima!

    RispondiElimina
  40. ciao Paoletta ti chiedo una cosa che non c'entra niente con il tuo post, quando si parla di pieghe del 1° tipo sono quelle che si usa anche per sfogliare?quelle a libro per capire?

    RispondiElimina
  41. Che meraviglia Napoli! Adoro quella città!
    Posso chiederti un consiglio fotografico? Come fanno le tue foto ad avere quella luce così chiara? usi delle lampade? (mi riferisco a quelle del cibo). grazie se vorrai rispondermi.

    RispondiElimina
  42. Basta, mi hai convinto, adesso mi procuro le formine da babà, che mi mancano, poi mi ci dedico, il mio pargolo li adora devo proprio darmi da fare. Le altre foto sono eccezionali, che invidia, ho proprio voglia di andare a Napoli.

    RispondiElimina
  43. passare da te significa rimanere incantati brava brava brava, un bacione e buona serata.

    RispondiElimina
  44. il baba'e'una vera istituzione,e come lo fanno a Napoli,inutile che dicono e si atteggiano,nn lo
    sanno fare da nessuna parte!
    e ti parlo da napoletana trapiantata da 6 anni a palermo ;)

    RispondiElimina
  45. Ma grazie a tuttiiii!!! Ma qualcuno lo fa sto babbà?? Suvvia che io ho già replicato versione stampo unico 28 cm. col buco, un amore :)))


    @Genny, stasera ne avrei bisogno io :((

    @Tar e Tifla, vero ;)

    @JAJO, il caffè poi mica l'ho perso, so' bastian contrario io, ma la digi me la tenevo stretta, stratta, non si sa mai!! :D :D
    Qualcosa che non mi riesce?? sisi, un tormentone nei forum per anni, nel blog non lo so, il danubio!! Maledizione, fatto e buttato nel secchio :(((

    @Elga, ci provo, intanto mi sono munita di bocchetta e spero sia giusta ;)

    @chiara, l'ho fatto in settimana, uno stampo di quelli alti e scannellati ai lati, e col buco in mezzo... da 28 cm.
    Ho fatto come su La Cucina Napoletana di Carola, l'ho avvolto nello stampo con un panno grande, appena tiepido l'ho bucherellato con uno stecco lungo e poi ci ho versanto lo sciroppo caldo pian piano a cucchiaiate, cercando di spargerlo dappertutto, anche ai lati.
    Fammi sapere se lo fai :)

    @SUSY, perchè interpretazione?

    @Maria Giovanna, hai una gelateria? Allora sarà per la prossima ;)
    I babà come ti sono sembrati? Venduti tutti?

    @mika, Tinuccia le ha fatte, io no e viene benissimo lo stesso ;)

    @Giò, ahahahah!! Ti capisco, eccome ;)

    @Viviana, e mica si pettinano bambole, ahahahah!! Benvenuta :))))

    @stefi, benvenuta e grazie!! :))

    @imma grazie, ci tenevo tanto che le foto rispecchiassero Napoli come l'ho vista io :)

    @Roberta, ciao :)
    Molto vapore? IO non saprei, ma se lo dice Santin, così sarà, e se poi tu mi confermi, allora... per me è la prima volta, casomai provo la prossima, mi spieghi come fai??
    Grazie :)

    @moscerino, hai fatto cose ben più difficili provaci ;)

    @ily, trovi le foto passo passo delle pieghe 1 nella ricetta della pizza senza impasto o nella focaccia da farcire dopo :)

    @catobleppa, luce naturale e basta :)


    A TUTTI, un grazie di cuore perchè ci siete sempre :))

    RispondiElimina
  46. Paoletta ho toppato!! Ho provato giusto ieri questa ricetta, ma non capisco per quale ragione i miei Babà non sono per niente spugnosi. Questo impasto è di una semplicità disarmante, rispetto ai suoi simili eppure … che avrò combinato? Anche perché l’impasto finale era perfettamente incordato. Ma non demordo, devo farcela!!!
    Ho una domanda da porti, le uova che hai utilizzato di che grandezza sono? Io ho usato uova M (53 gr). Ho unito al burro (già amalgamato con gli altri ingredienti) per prima la farina e poi le uova. Ho utilizzato questa sequenza per potere comandare l’impasto, cioè per capire se occorreva un’aggiunta di uova. Forse dovevo prima unire le uova e poi la farina….
    Ti rispondo sul suggerimento di Santin, in una nota trasmissione che conduce, ha detto che i babà devono essere cotti con tantissimo vapore. Io prima di accendere il forno, posiziono una teglia contenente ghiaccio. Teglia che tolgo dopo 10 minuti circa di cottura.
    Altro suggerimento del maestro, che adotto sempre perché mi piace il risultato finale, è di cospargere di burro lo stampino, successivamente introduco dello zucchero semolato fine e faccio in modo di farlo aderire per bene sulle pareti.
    Scusa la di lungaggine
    Roberta

    RispondiElimina
  47. Babà ottimi andati a ruba, ho avuto solo difficoltà ad incordare l'impasto, sopratutto nella planetaria che ho a casa, tu dove lo prepari l'impasto? Quanto tempo ci vuole per incordare? Alla prossima, baci.

    RispondiElimina
  48. @Roberta, oh mannaggia!!
    Mi dispiace davvero, perchè, credimi, non è difficile e lo hanno già fatto in molti, anche MG quà sotto, senza problemi. Direi di riprovarci ;)
    Dunque le uova che uso io sono le medie della coop, quelle sui 58/62 gr. l'una.
    Io non so se l'errore possa essere quello di aver aggiunto prima la farina poi le uova, certo è che è l'unica cosa che hai fatto di diverso, per cui propenderei per questa ipotesi, anche perchè la farina insieme al burro e allo zucchero, non ha creato un pappone pesante?? E le uova dopo?? mmmm la cosa non mi convince...
    Io aggiungo e uova una alla volta e mescolo bene, poi metto la seconda e così via.
    Questa del vapore non la sapevo, ma se li riprovi, prova a fare come da ricetta, casomai la variante vapore a provi successivamente. Così giusto per capire cosa non è andato...
    Però Adriano mica usa vapore!! E lui in fatto di lievitati è un Maestro ;)
    Fammi saper, un abbraccio :))

    @Maria Giovanna, io uso il bomann/clatronics, per incordare il babà ci mette 20/25 minuti.
    Tu che usi?

    RispondiElimina
  49. @MG, dovrebbe incordare meglio del mio ferraccio ;)
    Forse la manitoba? Io uso la Lo Conte.

    RispondiElimina
  50. Non saprei, ne ho utilizzata una della amato nei pacchi da 20 kg, ma è la stessa che ho usato per prepararla con la planetaria grande. A che velocità incordi?

    RispondiElimina
  51. MG, l'Amato non la conosco, ma se di solito non hai difficoltà ad incordare, prova ad usare 1 cucchiaio di afrina in più. Io incordo a vel. 3 poi 4. Ma il bomann ha vel. diverse dal Ken, prova a vedere Adriano come fa :)

    RispondiElimina
  52. Ok, un ultima cosa, ma la velocità del boman rispetto al ken è inferiore o superiore?

    RispondiElimina
  53. Non dirlo a me, io ci ho asciato tutto il cuore!! Napoli è la mia città ma ora vivo in Belgio, che darei per un vero babà, a me non riesce mai!! :(

    RispondiElimina
  54. @MG non ho capito cosa intendi, io so solo che se col ken si mette per esempio vel. 1, io devo mettere 2 o 3 mo non ricordo. Poi sicuramente la mia planetaria non è certo superiore ne' in vel. ne' in qualità.

    @Antonella, prova questo, ti assicuro che è davvero facile :)

    RispondiElimina
  55. Ti spiego, forse il problema è che io utilizzo la velocità troppo alta perciò mi si surriscalda l'impasto, forse ho capito dove sbaglio.....grazie ancora.

    RispondiElimina
  56. @MG, come ti dicevo, se hai il Ken, io guarderei le vel. che usa Adriano.
    Ciao, buona Pasqua :)

    RispondiElimina
  57. Ciao cara Paoletta complimenti il tuo blog è strabello tanto che ho timore a lasciarti un commento, vorrei provare a fare il babà ma temo per le quantità di lievito e che si avverta troppo...ti consiglio la prossima volta che vieni a napoli di provare la sfogliatella di un piccolo forno è specializzato nella sfogliatella riccia e frolla le produce a ripetizione, si trova in una stradina vicino alla stazione centrale...e poi di scaturchio deviassaggiare la sua vera specialità :il ministeriale!

    baci baci

    RispondiElimina
  58. @chicca ciao, ma quali timori e timori?? :))
    vieni quando vuoi!
    per il lievito non si sente, tranquilla... in ogni caso puoi metterne meno, ci metterà un po' di più ad arrivare a bordo stampo, tutto qui :)

    RispondiElimina
  59. dimenticavo! grazie dei tuoi preziosi consigli, a napoli torno credo in primavera, non mancherò di chiedere del forno. un bacio :)

    RispondiElimina
  60. Grazie mille Paoletta, il forno si chiama :"napule tre cose tene belle:o' mare, o' vesuvio e e' sfugliatelle" il nome è un po'lungo ed in dialetto napoletano. Si gustano dal 1930 calde calde li davanti, una goduria...si trovano in vico ferrovia n°1-2-3- pressi stazione chiuso il lunedì :-)se vuoi ti accompagno volentieri!!!evita il più famoso ed iconografico Pintauro, che ormai vive solo dei fasti passati delle gestioni precedenti...scusami se mi dilungo ;-))

    baci baci

    RispondiElimina
  61. @chicca, guarda già il nome del forno mi ispira :)
    ma quant'è bella napoli e i napoletani, fantasia e colore anche solo per l'insegna di un negozio!!
    un bacio, e grazie ancora :)

    RispondiElimina
  62. grazie a te ho conosciuto tinuccià e i suoi babà,il mio era un'unico babà, l'ho fatto sabato x la domenica perchè a napoli non è domenica senza dolce......è venuto bellissimo e buonissimo..........ancora grazie x tutte le belle cose che mettete a disposizione su questo bellissimo blog

    RispondiElimina
  63. è tutto vero e t'è l'ho confermo io che sono di napoli......come si dice nel film benvenuti al sud(quando uno straniero viene a napoli piange 2 vole ,1 quando arriva e l'altra quando se ne' va' ) comunque volevo fatri no tanti ma tantissimi complimenti sei davvero straordinaria

    RispondiElimina
  64. che bontà infinita e indescrivibile

    RispondiElimina
  65. Ciao Paola,
    dopo tantissimo tempo (Maria Rosaria al corso in Abruzzo), rieccomi qui, di nuovo, a chiedere il tuo aiuto. Ho comprato degli stampini da savarin che misurano alla base 5cm di diametro, alla sommità 7cm di diametro, e sono alti 2cm, mi diresti quanto impasto mettere in ciascuno stampino, come formare le porzioni d'impasto e quanto farli lievitare prima di infornarli? Grazie, e un caro saluto.

    RispondiElimina
  66. Cara Paola…GRAZIE!Finalmente una ricetta sicura e non troppo complicata da realizzare!Ho fatto questi babà sabato scorso per la prima volta…un figurone! E siccome a casa mia sono moooolto golosi, ne ho farcito qualcuno con la panna montata e qualcuno con la crema pasticcera. Il tutto guarnito dalle buonissime amarene F. (non si può fare pubblicità, vero?!? ah ah ah ). Avrei due curiosità: 1) perché su molte ricette si consiglia di spennellare i babà con confettura di albicocche? 2) Questo impasto è adatto anche per la torta babà? Cioè potrei cuocerlo tutto insieme in una tortiera per ciambellone? Grazie infinite, le tue ricette sono sempre una garanzia!
    Valentina

    RispondiElimina
  67. ...davvero invitante!! Cercavo un dolcetto per stupire i miei ospiti di domani e, curiosando qua e là, sono stata letteralmente conquistata da questo babà! ...mi cimenterò nella sua riproduzione ;), grazie Paola!

    RispondiElimina