mercoledì 4 marzo 2009

La Parigina

La parigina è una di quelle preparazioni tipicamente napoletane, o che comunque si trova a Napoli, e, come dice Antonia, a tutte le ore, perchè a Napoli non si muore mai di fame!
parigina

Già dalle prime ore del mattino, in tutti bar o locali o bancarelle, Napoli è un tripudio di profumi!
La parigina non la conoscevo neanche, solo circa un anno fa' ho iniziato a leggere in rete, ma non avevo mai capito bene come fosse preparata, fino a che ho conosciuto Antonia, che su gennarino ci delizia ogni giorno di ricette legate alla tradizione napoletana, la pasta, patate e provola, le deliziose, sono sue... ma ne ha un'infinità che è davvero difficile starle al passo.
La parigina, sapevo già dalla descrizione degli ingredienti, che mi avrebbe fatto impazzire, per cui, non ha fatto a tempo a postarla, che l'avevo già fatta!
E' ottima anche così, tiepida.
La riscrivo come l'ha postata lei, e con qualche mia piccola modifica tra parentesi.
LA PARIGINA
La parigina (su richiesta di Paoletta) è una pizza che incontra molto il gusto dei ragazzi, è stata preparata in teglia di 32 per 24 cm. con:
pasta sfoglia presa in pasticceria (io ho usato la Buitoni)
pasta per pizza (mezza dose della mia pizza senza impasto, usando 125 gr di acqua)
400 gr.di pomodori pelati (io li ho sgocciolati e un po' frullati)
150 gr.di prosciutto cotto
300 gr.di provola asciutta
olio evo
sale
pepe
In una teglia oliata stendere la pasta per pizza (io l'ho stesa e lasciata coperta da un panno umido a lievitare nel frattempo che il forno raggiungeva la temperatura).
Coprire con una parte di pelati spezzettati (sgocciolati e appena frullati) e conditi con olio, sale e pepe, lasciandone un pò da parte.
Continuare facendo uno strato di fette di prosciutto e uno di provola, distribuire il resto del sugo e coprire con la sfoglia già bucherellata.
Spennellare con tuorlo e in forno a 180/200° per circa 30', se cuoce troppo sopra coprire con un foglio di alluminio e terminare la cottura.
(Nel mio forno ho cotto a 220° per circa 35 minuti).

78 commenti:

  1. ciao sono carmen e vivo in provincia di napoli da noi questa preperazione si chiama francesina la tua è venuta bene, nel mio blog ho messo anche la ricetta un bacio

    RispondiElimina
  2. Ciao! noi abbiamo conosciuto questa sorta di focaccia salalta solo girando per i blog...ma non ne sapevamo molto!
    sembra davvero buonissima! sicurament eparticolare per l'utilizzo di due basi diverse...siamo curiosissime di assaggiarla!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. Io non conoscevo questo tipo di pizza, ma dalla foto... che fame!!!!!

    RispondiElimina
  4. Complimenti per il tuo blog..per il layout..è veramente carino e ti fa proprio venire voglia di stare qui a leggere tutti i tuoi post!

    Questa ricetta me la segno sicuramente..è facile ma sembra gustosissima.

    ciao e buona giornata

    RispondiElimina
  5. Non l'ho mai assaggiata né mai sentita...ma la tua foto credo che le renda proprio giustizia e mi fa venir voglia di mangiarla in un sol boccone!

    Castagna

    RispondiElimina
  6. buonissima!!e da buona napoletana ti dico che ti è venuta uguale a quella della rosticceria napoletane,io l'adoro!!...baci imma

    RispondiElimina
  7. Infatti anche io non la conoscevo..
    Ascolta sai dirmi se la base di pizza può anche essere più alta o deve essere sottile come la tua?

    RispondiElimina
  8. Da quanto non la faccio, è buonissima, ma non c'era il provolone all'interno? Questa variante con la provola mi attizza. Michela guarda che non è mica tanto bassa, la pizza è della giusta altezza!

    RispondiElimina
  9. Qui a Roma trovo la parigina come un croissant dolce con un velo di crema, chiuso come una sorta di fagottino. Risulta anche a te?

    RispondiElimina
  10. Un commento positivo per questa pizza appetitosa ma soprattutto complimenti a te e al tuo blog. Mi piacete molto! Ti trovo affidabile come cuoca e in gamba come persona. Continuerò a sbirciare e ad imparare. Ciao, Dana.

    RispondiElimina
  11. accidenti sembra una vera e propria schiccheria, ma tu hai notizie anche sulle Polacche? i dolci tipici che fanno nella zona di Napoli?
    con la crema e l'amarenna all'interno? ah sono una poesia!
    baci
    cla

    RispondiElimina
  12. Ok, Paolè, con questa ti odio ufficiamente! (Visto che sto a dieta e sto sbavando dalla fame e dalla voglia peccaminosa!) O dovrei dirti che ti amo? Non sai da quant'è che cerco una ricetta affidabile per questo rustico semidolce (che da noi si chiama pizza rustica infatti) che adoro e per cui farei follie!
    Grazie, grazie di cuore, non vedo l'ora venga un weekend per provarla!!! Posso semmai offrirti una pesca dolce come contraccambio? :-)

    RispondiElimina
  13. Meravigliosa....non dico altro!!!!

    Baci!!!

    RispondiElimina
  14. Da delirio...............a quest'ora poi..............

    RispondiElimina
  15. Ma non è la pizzetta sfoglia?
    Ti è venuta benissimo, come sempre : )

    *

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si chiama "parigina" ed è di tradizione napoletana,
      diffusissima in città.

      Elimina
  16. questa proprio non la conoscevo!sfoglia + pizza che accoppiata!

    RispondiElimina
  17. E' cosi' buona che non so' se riusciro ad aspettare a farmela... la dieta mi obbliga a mangiare quasi niente...intanto prendo la ricetta che non conoscevo;)

    RispondiElimina
  18. Golosissima!!!! Posso averne una fettina?!?!?
    Un bacio
    fra

    RispondiElimina
  19. buonissima sono sicura,non conoscevo questo piatto! mi incuriosisce! proverò ciao!

    RispondiElimina
  20. ma lo sai che abbiamo la stessa cosa a Trapani? si chiama mattonella

    RispondiElimina
  21. Siiii, la mia merenda al liceo!!!! Uao che ricordi!!! Grazieeee

    RispondiElimina
  22. ma non sapevo fosse napoletana questa ricetta!!Mannaggia la napoletanitudine di fare le cose trooopppppppo buone!
    Bellissima foto

    RispondiElimina
  23. Che meraviglia, che bontà che delizia, che languorino!

    RispondiElimina
  24. Ciao, mi presento sono Stefania, mi diletto anche io in cucina.
    Girando quà e là per i blog ho scoperto il tuo.
    Fantastica questa pizza.... o forse focaccia..... non saprei, so per certo però che la farò in questo fine settimana.
    Ciao,piacere di fare la tua conoscenza......a presto!!!

    RispondiElimina
  25. ahh, ma come si fa a non amare Napoli! I suoi colori, i profumi, l'allegria della gente! Ci sono stata tanti anni fa, ma tornerei volentieri. Fortunate voi, ragazze che abitate in quel paese meraviglioso. Ciao Paoletta, proverò anche la tua pizza, bacione

    RispondiElimina
  26. lo so che a napoli non si muore di fame e come si potrebbe con tutto il ben di dio che preparanno ...questa ricetta non la conoscevo e da l'aspetto sembra squisito , baci!

    RispondiElimina
  27. Semplice e geniale, come tutte le invenzioni napoletane!
    Da provare assolutamente, anche perché la aprezzaranno non solo i bambini, ma amche i grandi!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  28. lea rompe... e chiede :il dentro e il sotto non resta bagnato?
    la sfoglia sopra deve essere sottile
    se no non cuoce : ma non si secca?
    si taglia bene a quadrotti piccoli ,da aperitivo ,o solo a quadrottoni da merenda (deliziosa...)
    scoppiettante questo blog
    lea

    RispondiElimina
  29. Posso svenire? Per fortuna l'ho vista quest'ora, sennoò uscivo di corsa a comperare tutto il necessario per allestirne una di un metro quadrato. Paoletta, ricette magnifiche, foto anche.

    RispondiElimina
  30. Pur conoscendo molto bene Napoli e avendo anche un genero napoletano,non ne ho mai sentito parlare,che mancanza !
    Oggi però grazie a te,posso fare felice i mie ragazzi!!

    RispondiElimina
  31. Senza parole...
    Il tuo blog è semplicemente meraviglioso...
    Io sono napoletana e la faccia di qst parigina è semplicemnte ottima... oggi proverò sicuramente..
    Ma per il resto sei fantastica, mi da ogni giorno la voglia di impastare e grazie a te le cose m riescono benissimo..
    continua sempre cosi...

    Grazieeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!

    Marya ;-D

    RispondiElimina
  32. Mamma mia che fame vedere la fotografia! ;)) Ad essere onesta non ne ho mai sentito parlare ma mi sa che prossimamente (molto presto) la proverò. Grazie

    RispondiElimina
  33. Che idea golosa! La voglio proprio provare ...

    RispondiElimina
  34. Anche io ho conosciuto la parigina solo da quando sono arrivata in Csmpsni, e pensare che è molto simile a quella che mia mamma fa spesso chiamandola "pizza rustica"
    La tua fa ovviamente svenire dalla voglia :))

    RispondiElimina
  35. WOW! sempra deliziosa... credo piaccia a tutti, non solo ai ragazzi ;) proverò...
    ciao!

    RispondiElimina
  36. Hai un blog veramente stupendo! Mi piacerebbe tu partecipassi alla mia raccolta sullo strudel ti va? passami a trovare !
    ciao Pippi

    RispondiElimina
  37. E si...a Napoli non si muore mai di fame!
    Invitante questa foto...e ricetta decisamente da provare!
    Il tuo blog è davvero uno spettacolo!! Tutti i miei complimenti!

    RispondiElimina
  38. E io che non la conoscevo!?! devo correre ai ripari :-)

    RispondiElimina
  39. Io conosco molto bene la parigina...mmmhhh che buona e che brava che sei! Dalla foto sembra che il risultato sia perfetto, come sempre!
    PS: ho notato che non sono nei blog che segui,quando vuoi vienimi a trovare, spero ti piaccia il mio blog!
    CIAO E A PRESTO!

    RispondiElimina
  40. Ieri sera con Lucia e Paolo l'abbiamo provata...dico solo che le due angeliche creature volevo farne ancora...squisitissima

    RispondiElimina
  41. Ecco! La prima cosa che mi è venuta in mente è "devo dirlo alla mia amica Carmen" ma vedo che è la prima della lista dei commenti!
    Guarda Paoletta, ho già l'acquolina in bocca.
    Questa la inserisco di sicuro nel buffet per il compleanno di Enrico, fra poche settimane.
    Un bacione e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  42. @Maria Giovanna:grz.
    Hai ragione a guardare bene la foto non è tanto bassa.
    Grazie di nuovo
    ciao

    RispondiElimina
  43. di certo con te non ci si annoia.

    Complimenti.

    Anna

    RispondiElimina
  44. bella ricetta..non l'avevo mai sentita nominare la parigina..voglio provare a farla anche io!!bravissima!!

    RispondiElimina
  45. ciao Paoletta questa ricetta è fantastica di sicuro la proverò al più presto.
    il tuo blog è meravigliso

    RispondiElimina
  46. Ottima questa parigina, è proprio come quella che troviamo qui a Napoli, ..... queste foto poi fanno venire una voglia matta da addentare il video!
    Complimenti per il tuo blog, lo trovo moltooooo interessante, passerò spesso a trovarti!

    RispondiElimina
  47. PROVATA!!!! E' UNA MERAVIGLIAAAAAA!!!!
    Grazie sei un tesoro
    baciotti

    RispondiElimina
  48. pizza e sfoglia insieme?? interessante! non ne avevo mai sentito parlare! ma quante delizie hai preparato e pubblicato dall'ultima volta???

    RispondiElimina
  49. Allora, eccomi sempre in disastroso ritardo!
    Posso ringraziarvi tutte ma tutte, dare un bacione a chi l'ha fatta e gli è piaciuta e rispondere solo alle domande?? Se no, non ne esco più ...

    @carmen, grazie per aver scritto come si chiama da te, francesina che carina :)
    e anche a
    @enza per la mattonella :)

    @mariagiovana, antonia dice provola e io ho fatto pari, pari. Per l'altezza, sì come dici tu... :)

    @michelangelo, no, sai che io questa versione romana della parigina non la conosco? Bisogna attivarsi!

    @Claudia, no le polacche non le conosco, ma si può sempre chiedere ad Antonia ;)

    @leinarompina, ma te mi sei troppo simpatica, sai? Io le voglio le domande come la tua!!
    1. la sfoglia deve essere sottile, io ho usato la buitoni, nel frattempo che decido di imparare a farmela, e quella è sottile.
    2. non si secca, vedi antonia nella ricetta dice di coprire, non appena è bella colorita, con della carta di alluminio o forno, mo' non ricordo!
    3. (era la 1) il denrto non resta bagnato, ma abbi cura di sgocciolare bene i pelati, usa solo quelli non il liquido, li spezzetti a cospargi.
    Poi usa provola, no mozzarella.
    Il sotto, no a me non è rimasto bagnato, in ogni caso, ma credo sia il mio forno, l'ho lasciata qualche minuto di più.
    4. sì, si taglia bene a quadrotti, ma meglio da tiepida, calda la sfoglia sopra un pochetto si sbriciola.
    Lea, tutto chiaro?


    Ancora un grazie e un bacione a tutte, e chi non l'ha ancora provata, dico... PROVATELAAA!!!

    RispondiElimina
  50. grazie molte per avermi risposto
    :)
    proverò la tua parigina
    Cla

    RispondiElimina
  51. Provata! Si sono leccati tutti baffi e controbaffi... squisita, grazie!

    RispondiElimina
  52. Ciao paola!!!
    Ieri sera sono tornata tardi e ho telefonato a mio marito per chiedergli cosa volesse per cena (un'idea, uno spunto..insomma qualcosa)..e lui, senza colpo ferire, mi ha proposto una pizza congelata che ha comprato quando era solo in casa quest'estate!:(
    Giammai.
    Al volo, ho pensato che nel congelatore avevo un pò di impasto di pizza e la pasta sfoglia..e così mi è venuta in mente questa...che rincorro da circa due mesi sul tuo blog!
    Unica variante: non avevo la provola e mi sono dovuta accontentare della mozzarella! Pur con tutti i limiti di una pasta di pizza sicuramente non buona come la tua e della mozzarella...era davvero buona!!Mi è piaciuta tanto e non vedo l'ora di provarla fatta decentemente!!!E soprattutto...anche a casa tua l'odore divino si sprigionava per casa e per le scale??????:)

    Grazie

    RispondiElimina
  53. @MG, secondo me anche con la mozzarella non è male per nulla, e poi così adesso hai un buon motivo per rifarla ;-)
    grazie!!

    RispondiElimina
  54. Fantastica!!
    Sono anni che cerco questa ricetta!!
    GRAZIE..e complimenti per le foto...

    RispondiElimina
  55. I really wish this was in English. :/
    Looks so delicious..

    RispondiElimina
  56. eco qua
    http://translate.google.com/translate?u=http://aniceecannella.blogspot.com/2009/03/la-parigina.html&hl=en&ie=UTF8&sl=it&tl=en

    RispondiElimina
  57. @satya, allora fammi sapere se ti è piaciuta :)

    RispondiElimina
  58. ciao!sono passata per caso di qua...e ho giá provato la parigina,non ho parole!!!!troppo buona,finita in un battibaleno!stracomplimenti x x tutto!!!!ciaoooo donatella

    RispondiElimina
  59. che fame mi hai fatto venire buonissima

    RispondiElimina
  60. Cara Paoletta, ho una domanda anticonvenzionale ma visto che anche il Maestro lo fa spesso di congelare te lo chiedo: ma se la volessi provare a fare e poi congelare quando dovrei farlo? Mi spiego: congelare l'impasto base già lievitato/parzialmente lievitato/da lievitare? congelare la parigina bella pronta da infornare e poi passarla dal freezer al forno? insomma, se tu volessi prepararla con largo anticipo e poi limitarti a infornarla come faresti? si può fare?
    Grazie! Chiara

    RispondiElimina
  61. @cavoli che domanda ;-)
    dunque, se congeli il solo impasto della pizza, va fatto prima della lievitazione, questa avverrà durante lo scongelamento. oppure puoi provare a congelarla bell'e pronta da cuocere, e in tal caso credo, come la asta al forno, direttamente in forno, ma sono tutte ipotesi perchè non uso molto il freezer. scusami se non ti sono molto d'aiuto :((

    RispondiElimina
  62. Questa specialità non è napoletana. È stata inventata negli anni '70 da un rosticciere di Afragola ed è stata per anni un'esclusivas del suo laboratorio, la rosticceria Sant'Antonio, situata accanto alla basilica del Santo. Il nome che fu dato al prodotto era «tramezzino», tanto che oggi la rosticceria si chiama «Antica rosticceria Sant'Antonio - Il Tramezzino» (se volete vado a fare una foto dell'insegna; dista un chilometro scarso da casa mia).
    La parigina, invece, è napoletana, ma non è questa, bensì una cosa con il medesimo ripieno, però fatta con pasta di pizza ambo i lati.
    Solo da alcuni anni (direi dieci) anche a Napoli si trova questo prodotto e lo si chiama parigina come quell'altro. Credo che la sua diffusione sia dovuta ai vari laboratori di pasticceria e rosticceria situati tra Afragola e Casoria i quali riforniscono i bar napoletani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A francè, perchè Afragola non è Napoli?
      E mica è stato detto che è tipica di Bolzano!

      Elimina
    2. Afragola è vicina a Napoli, ma non è Napoli.

      Elimina
  63. Cavoliamerenda, io ti consiglio di congelare il tramezzino bello e pronto, magari a fette, purché sia fatto con pasta sfoglia fresca. Lascialo scongelare a temperatura ambiente (o in frigorifero) oppure scongelalo in forno o in tostapane, non nel forno a microonde (altrimenti la pasta sfoglia si ammoscia).

    RispondiElimina
  64. Scusami, Paoletta. Ieri navigando ho scoperto (non lo rammentavo) che già ti avevo fatto osservare che la parigina così fatta deriva dal tramezzino afragolese, in un forum.
    Chiedo scusa a te per essere stato ripetitivo; ovviamente l'informazione vale per tutti gli altri.

    Un caro saluto

    Francesco

    RispondiElimina
  65. @Francesco, grazie per il tuo contributo, e buona Pasqua! :)

    RispondiElimina
  66. Domenica di Pasqua ho guardato l'insegna; l'ha cambiata di nuovo ma ci ha scritto sopra che la sua specialità è il tramezzino dal 1969.

    Francesco

    RispondiElimina
  67. da me a Pisa si chiama valdostana! la servono nei bar.. è stupenda, io la facevo con due sfoglie di pasta sfoglia, una x base e una sopra, pero in effetti non mi veniva come quella nei bar..ora ho capito come mai! c vuole la basex pizza!grazie!

    RispondiElimina
  68. Paoletta, ma...l'impasto deve stare una notte in frigo come per la pizza sine impasto? perchè con un po' meno acqua, come hai indicato tu, s'impasta un po' meno facilmente. No?
    Ragazzi che bello il tuo blog: mi aggiungo, non posso farne a meno, a tutti quelli che ti vengono a trovare!
    Gemma

    RispondiElimina
  69. @anonimo, ma dai, veramente??
    fammi sapere se la farai :)

    gemma, va bene anche se non la tieni in frigo, metti circa 270 gr di acqua e si impasta benissimo sulla spianatoia.
    ti ringrazio del complimento, un bacio :))

    RispondiElimina
  70. Non ho capito bene come comportarsi con l'impasto della pizza...sta in frigorifero per 20 ore, poi viene tolto dal frigo e lievita solo per il periodo che il forno impiega a raggiungere i 180/200 gradi? E' corretto?


    andrea

    RispondiElimina
  71. L'ho fatta anche io, mi è venuta benissimo. Grazie perchè non conoscevo la ricetta e mi è sembrato corretto scriverlo nel mio blog che l'ho fatta prendendola da

    RispondiElimina
  72. past di pizza + pasta sfoglia =matrimonio perfetto.Da fare appena arriverà un pò di fresco.

    RispondiElimina