lunedì 2 febbraio 2009

Gli stringozzi umbri preparati con gli albumi

stringozzi all'aglione da te.

Gli stringozzi o strangozzi sono parenti dei pici, ma tipici dell'Umbria, a Terni si chiamano ciriole, qui un po' di storia su questo tipo di pasta.
Ma a differenza dei pici, che vanno "appiciati" a mano uno ad uno, questi è possibile stenderli con l'imperia, tacca 4 e poi tagliarli o a mano, stretti, stretti, o passare la sfoglia alta nell'imperia dalla parte per fare gli spaghetti alla chitarra.
Sono velocissimi, quindi, e soprattutto sono un ottimo sistema di smaltire gli albumi... per esempio dopo preparazioni tipo questa.
Sì, perchè, se pure in effetti la ricetta tradizionale, dice che andrebbero fatti acqua e farina, tempo fa', trovai la ricetta per farli con gli albumi su coquinaria, da un'idea di dianella barnocchi, e devo dire che la riuscita è fantastica!
Non scuciono, si smaltiscono appunto gli albumi in giro, e sono velocissimi da fare.
Li ho fatti in maniera diversa rispetto alla ricetta, usando farina 00 e un 20% di farina di grano duro, il tutto pesando gli albumi e usando il doppio della farina rispetto a questi.

STRINGOZZI per 4 Persone

Ingredienti:
4 albumi
farina 00 80%
farina di semola di grano duro 20%

Procedimento:

Pesare gli albumi e aggiungere a questi le due farine raddoppiando il peso degli albumi, per esempio 120 gr di albumi e 240 gr di farine, circa 190 gr 00 e 50 gr di grano duro.
Ma vengono benissimo anche tutta farina 00.
Lavorare bene la pasta almeno 10 minuti così come per la pasta all'uovo, farla riposare per 20/30 minuti circa e stenderla alla 4a tacca dell'imperia, se si stende col mattarello, circa 2,5 mm.
Tagliare poi gli stringozzi a mano ricavando delle tagliatelline strette, strette, oppure passarli nella tacca dell'imperia quella degli spaghetti alla chitarra, in questo modo è tutto molto più veloce e il risultato eccellente.



Far riposare gli stringozzi su un telo infarinato allargandoli bene, nel frattempo mettere l'acqua a bollire e preparare il sugo, io ho usato quello all'aglione dei pici, anche se la morte loro sarebbe il tartufo.

SUGO ALL'AGLIONE:
Il sugo detto "all'aglione", viene preparato in una padella semplicemente pestando nell'olio extravergine abbondanti spicchi d'aglio, avendo cura che la fiamma sia bassa, per evitare che l'aglio soffrigga eccessivamente: se cuoce troppo rapidamente cede all'olio poco aroma, rilasciando un gusto amaro.
Quando l'aglio è appena indorato (vale sempre la regola di evitare che l'aglio si secchi troppo o addirittura bruci), asi aggiunge il peperoncino e, subito dopo, i pomodori tagliati a dadini. Il sugo deve rimanere abbastanza fresco.
Gli strangozzi, appena scolati, vengono messi al fuoco un paio di minuti ad insaporirsi nel condimento caldo e serviti con una spolverata di pecorino piccante.

71 commenti:

  1. splendidi!!!:)mi sa che già so cosa cucinerò stasera!:D

    RispondiElimina
  2. Io amo fare l apasta a mano... questi li voglio assolutamente fare... stavo proprio pensando oggi di usare l'Imperia... con questa giornta nevosa è l'ideale!
    :-)

    RispondiElimina
  3. In Umbria, con nomi diversi, sono veramente un piatto tipico.
    Voglio provare questa ricetta con gli albumi!
    Grazie
    mt

    RispondiElimina
  4. mmh.... io avevo fatto gli stringozzi con ricetta sale&pepe e avevano più una forma a tagliatella, insomma 1 cm di larghezza..
    conditi con un sugo di funghi piccante che era la fine del mondo!!
    comunque questa ricetta arriva proprio in tempo perfetto... ho giusto degli albumi (non so se fare la pavlova o questi...)

    RispondiElimina
  5. finalmente basta meringhe per usare albumi
    bellissima idea
    lea

    RispondiElimina
  6. Che delizia!!! Di albumi da smaltire ce ne sono sempre e ho una confezione di aglione secco che non aspettava altro che accompagnare questa splendida pasta!
    Un bacio e buona settimana
    fra

    RispondiElimina
  7. Bravissima, sono talmente invitanti che viene voglia di prenderne una forchettata.. anche all'ora di colazione!! Proverò a replicare.. anche il sugo all'aglione che il maritozzo apprezzerà particolarmente, grazie!!

    RispondiElimina
  8. wow,che belli!ma viene diversa rispetto a quella con sola semola e acqua?

    RispondiElimina
  9. che bella questa pasta! per noi è una novità..ma un piatto per pranzo ce lo mangeremo più che volentieri!!
    un bacione

    RispondiElimina
  10. bene, un'altra ricettina da aggiungere a quelle catalogate sotto "smaltimento albumi" :)

    RispondiElimina
  11. Abitualmente i 4 albumi che avanzano dalla frolla restano lì unutilizzati per qualche giorno e poi finesce che li butto! Questo recupero è davvero fantastico. Io adoro gli stringozzi e prontamente copio e incollo il tuo fantastico suggerimento.Glò

    RispondiElimina
  12. con albumi o senza gli strangozzi sono buonissimi!con l'aglione poi...

    RispondiElimina
  13. con albumi o senza gli strangozzi sono buonissimi!con l'aglione poi...

    RispondiElimina
  14. Ti ringrazio infinitamente per questa ricetta, che non conoscevo, perchè mi hai risolto il problema dell'avanzo albumi: non ne potevo più di fare meringhe!!!!!!
    Copiata e da provare al più presto perchè molto interessante. bacioni.
    Paola

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. per un piatto così faccio follie :D preso nota del sugo all'aglione !
    Grazieee

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. che dire...una ricetta meglio dell'altra....e un ottimo modo per impiegare albumi superflui!!!
    GRANDIOSA!

    Castagna

    RispondiElimina
  20. per gli albumi che avanzano dalla crostata ho imparato a fare la "torta slava" gira sui blog ed è deliziosa oltre un recupero in tempo reale
    per questa pasta invece riciclerò gli albumi della crema pasticcera
    sono curiosa della consistenzanon vengono mollicci ,vero?
    lea

    RispondiElimina
  21. @Genny, fammi sapere allora :)

    @Gattogoloso, anche a me piace moltissimo impastare che sia pasta in casa o lievitati, 'na malattia!

    @mbt, vero, mi pare anche umbricelli, ma forse quelli sono più tondi tipo i pici? Non ricordo...

    @Carlotta, a me piacciono di più strettini, ma Dianella nella ricetta che ho linkato le fa tipo tagliatelline, invece.

    @Lea, io meringhe mai fatte, non mi piacciono ;)

    @Fra grazie!

    @Barbara, penso siano buoni in tutti i modi!!

    @valina appena più morbidi.

    @manu e silvia, grazie.

    @Fiordilatte, grazie :)

    @Giò, proprio vero!

    @Paola, allora fammi sapere se li farai!

    @Giorgia, grazie!
    La tua è stata un'idea fenomenale, ma togli una curiosità... si usa farli con gli albumi, o è stata una tua sperimentazione?

    @Lea, tutt'altro che mollicci, anzi...

    RispondiElimina
  22. sono nella pentola or ora!:D

    RispondiElimina
  23. Ciao Paoletta
    è da tanto che vorrei provare a farli e mi erano passati di mente.
    Me li hai ricordati, devono essere buonissimi.
    Mi incuriosisce molto il fatto che ci si debba mettere solo gli albumi.
    Ciao

    RispondiElimina
  24. Vedo che c'è parecchia voglia di pasta fresca in Giro :D
    E' proprio curioso il fatto di usare gli albumi così. Interessante.

    RispondiElimina
  25. sai ke nn li conoscevo? mi piace fare la pasta fresca,per cui credo ke proverò a farli,conditi con un bel sugo,magari all'aglione:-)
    Lella

    RispondiElimina
  26. Ne avevo sentito parlare ma non li ho mai mangiati... Poi ora che ho questa bella ricetta originale fatta con gli albumi proprio non posso non provarla!
    Ciao Buona serata!
    Il tuo blog ha delle foto sensazionali! Complimenti!

    RispondiElimina
  27. ma che splendida ricetta...
    sono sempre a caccia di ricette per smaltire albumi, ma finora sono sempre dolci...questa pasta mi attira proprio e visto che ho una marea di albumi la voglio provare presto...

    grazie!!!

    RispondiElimina
  28. Un vero splendore, sia di luce che di ricetta, bravissima!

    RispondiElimina
  29. mi sa che questa domenica li farò!! complimenti come sempre

    RispondiElimina
  30. @Genny, com'è andata? :)

    @Laura, anche a me, per questo li ho provati. A me piace molto la consistenza, pensa che a volte ci faccio le tagliatelle.

    @zuppa, ciaoooo! Vero, i prossimi saranno i tortellini, speriamo bene ;)

    @lella, fammi sapere se li provi!

    @Kitty, grazie :)

    @Morè, sì vero, non si può sempre e solo dolci!

    @comida (ma qual è il tuo nome?) grazie!!!

    @marta, poi fammi sapere :)

    RispondiElimina
  31. ammetto che ho personalizzato un po' la ricetta e alla fine ho fatto i pici(quindi spaghettoni più grossi) con il tuo impasto e ocn lo stesso sugo..eccezionali! per una volta mi pareva di essere tornata nella città che amo di più al mondo, Siena!:D
    Sono maleducata, non misono presentata...sono Genny, 27 studentessa di medicina, appassionata, come te, di foto e di cucina....appena il tempo me lo permetterà mcomincerò pure io a fotografare tutto!:Dma come si fa a sottrarre il cibo ai mangioni per fare le foto?:D
    intanato imparo dalle maestre! ciao!!

    RispondiElimina
  32. @Genny, veramente hai appicciato uno ad uno?? Complimenti! Ma di' la verità, avevi voglia di piciii! ma quanto so' boni ;)
    Dai apri presto un blog, così ci si diverte :)

    p.s. ma studi a Siena o ci hai studiato?

    RispondiElimina
  33. Mi ricordano una pasta che faceva mia nonna di Perugia, lei gli chiamava i "lombrichi". Molto interesessante anche il velocissimo sugo all'aglione e vedo dalla foto che usi una bella pentola in alluminio, le adoro... e sono così belle anche da portare in tavola. Buona giornata!

    RispondiElimina
  34. ciao Paoletta,
    che dirti? mi offro come lavapiatti così ti posso guardare mentre compi questi capolavori (focacce, sacher e lasciamo stare!).
    Mi sono persa la ricetta di pasta patate e provola, che dalla foto non scherza.
    Non la trovo, dov'è???????
    Grazie mille baci Elisabetta

    RispondiElimina
  35. @Paoletta:no , non ho studiato a Siena..sono nordica:D ma adoro Siena, correrei a viverci se solo potessi e in più lì ho consociuto persone splendide e vissuto bei momenti..cosa dovrei volere di più?Forza Montone!(abbiamo pure scelto la contrada!:))

    RispondiElimina
  36. uh ma che belli!!! finalmente mi sbarazzerò degli albumi senza ammazzarci di meringhe...

    RispondiElimina
  37. Che buoni! Quando sono andata in viaggio di nozze in Toscana ho provato i famosi pici all'aglione. Poichè mio marito li adora ho provato a farli, ma il sugo non è venuto molto buono. Proverò ad utilizzare la tua ricetta!
    Ma che tipo di pomodoro usi per il sugo?
    Baci e a presto!

    RispondiElimina
  38. Io ho fatto le tagliatelle con gli albumi...ora mi sgno tutto e faccio anche queste.
    grazie.

    RispondiElimina
  39. Paoletta ma questi sono da rifare subito!!

    RispondiElimina
  40. @Genny, è vero, di Siene te ne innamori :)

    @Monique, sisi ;)

    @Elly, freschi ma anche i pelati. No passata!

    @Michela, il sapore quello è, se ti piacevano le tagliatelle, puoi sbizzarrirti con i formati.

    @Francesca, fammi sapere allora ;)

    RispondiElimina
  41. @Marina, avevo sentito umbrici, ma lombrichi mai, bellino ;)
    La pentola, sì, anche a me piace molto e poi cuoce benissimo!

    @elisabetta, la pasta e patate la posto prossimamente, è la ricetta di un'amica napoletana, veramente ottima!

    RispondiElimina
  42. paoletta, visto che anche tu hai l'imperia, magari puoi risolvermi un dubbio: tu come la lavi? io ho sempre paura che rimanga umida e col tempo si arrugginisca..e non riesco mai a pulire bene gli spazi per gli spaghetti\tagliatelle.
    martina

    RispondiElimina
  43. Che spettacolo!...E che fameeeee!
    Li farò ho deciso!
    Baci...

    RispondiElimina
  44. @martina, pare non andrebbe lavata. Io la faccio asciugare bene, magari anche vicino al termosifone, dopodichè la pulisco con uno straccio e con un pennello negli spazi piccoli.

    @pagnottella, mi fai sapere?
    ho visto il tuo blog, delizioso come te, ma cippo di più!! ;)

    RispondiElimina
  45. Ciao Paoletta, ho degli albumi da usare...
    quanto si conserva questa pasta?..Basta farla seccare? come l'altra?

    Grazie!!

    RispondiElimina
  46. @Morè, tutto come l'altra, prepari fai asciugare e cuoci. Se non cuoci subito, metti su vassoio coperto in frigo fino al giorno dopo :)

    RispondiElimina
  47. Fatti stamattina e già pappati!!!!

    Buonissimi, grazie infinite...questa ricetta me la tengo stretta!!!

    Un bacione!!

    RispondiElimina
  48. @Morè, grazie a te!
    Io fatti ieri alla norcina, invece ;)

    RispondiElimina
  49. Li ho postati sul mio Blog, ed anche su cook, ovvimente menzionandoti, spero non ti dispiaccia!!

    ciao

    RispondiElimina
  50. @Morè, visti! Bellissime, hai fatto bene a tagliarli a mano... mio figlio mi dice sempre, se devi farli con l'imperia, ok! ma almeno taglia a mano! che scassa che è, chissà di chi ha preso ehehehe !!
    Che è cook?

    RispondiElimina
  51. Grazie Paoletta...
    a me piace molto la pasta fatta in casa, ed ancora di più la sua irregolarità..Pensa che mia suocera ad 85 anni ancora taglia le tagliatelle a mano..finissime da non credere e ti assicuro che hanno tutto un altro sapore...

    Buongustaio tuo figlio!!!

    Cook è cookaraund lì ci sono da un pò di tempo...

    ciao ciao!!

    RispondiElimina
  52. @Morè, complimenti a tua suocera :)

    RispondiElimina
  53. Ciao Carissima! anch'io ho fatto la tua ricetta:
    BUONISSSSSSSSIMI!

    RispondiElimina
  54. @Federica, vista!! Mi piace il formato :)

    RispondiElimina
  55. li ho appena fatti in "forma di pici".. davvero ottimi, non ho avuto problemi ne bisogno di infarinare... Grazie!
    http://ilmondodiluvi.blogspot.com/2009/06/pici-fatti-con-farine-e-albumi.html

    RispondiElimina
  56. @luvi, visti grazie, veramente bellissimi :)

    RispondiElimina
  57. Visto che si parla di Copyright , hai dimenticato di dire che gli stringozzi con gli albumi sono una MIA invenzione . Anche se lo sa il mondo intero, sarebbe corretto che lo indicassi nella ricetta ( anche se hai modificato le farine sono sempre stringozzi con gli albumi !)
    Dianella Barnocchi

    RispondiElimina
  58. @Dianella, spero tu stia scherzando! forse non hai notato che nel testo ho linkato il tuo passo, passo fotografico su coquinaria, dove è chiarissimo che la ricetta è tua! e faccio riferimento al fatto che la ricetta è tua anche nei commenti.

    ho messo il link a coquinaria per via delle foto, dove ripeto, si dice che la ricetta è tua! ma se preferisci che linki altro, non hai che da dirmelo.

    quanto al copyright, l'ho sempre rispettato, anche quando stravolgo ricette tanto da renderle completamente diverse, figurati nel tuo caso.

    ne approfitto per ringraziarti personalmente della splendida invenzione ;)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  59. Sai Paoletta , io il link che dici non lo vedo proprio !
    Ho letto la ricetta più e più volte e non vedo neanche il mio nome....mi sto preoccupando . Mi dici per favore dov'è che li posso leggere ?
    Dianella Barnocchi

    RispondiElimina
  60. @Dianella, sta nel 'qui', in questa fase: "se pure in effetti la ricetta tradizionale, dice che andrebbero fatti acqua e farina, qui tempo fa', trovai la ricetta per farli con gli albumi, e devo dire che la riuscita è fantastica!"

    in effetti manca il tuo nome, ma non perchè non volessi, se fai un giro nel mio blog, cito di tutto e di più... se preferisci il tuo nome, invece che il link al tuo fotogramma, per me non c'è alcun problema!
    e dimmi anche se preferisci un altro link a quello che ho messo.
    :))

    RispondiElimina
  61. Preferisco che tu dica chiaramente che li hai presi da coquinaria e che gli "stringozzi con gli albumi" è un'idea di Dianella Barnocchi , idea per la quale è divenuta famosa nel mondo intero.
    Diamo a Cesare quel che è di Cesare e il pane lo pucciamo nel vino.
    Dianella Barnocchi

    ps: nei messaggi ci sono tanti apprezzamenti per l'idea splendida , ma non ti sei sentita un po' "strana" nel tacere la mitica frase " l'idea non è
    mia " ?

    RispondiElimina
  62. Non hai letto la mia risposta ? Mi hai chiesto cosa preferivo, te l'ho detto , ora sii conseguente !
    Se non sarà chiaro nella ricetta che hai ripreso una mia idea spacciandola per tua , lo scriverò su ogni forum di cucina che mi capita. Sono troppo gelosa dei miei stringozzi: mi dispiace cara Paoletta, questo non si fa , non è corretto.

    RispondiElimina
  63. no, sinceramente non l'ho letta. sono partita il 15 per lavoro e non ho avuto tempo nemmeno per respirare... leggo ora e trovo tutto molto, molto esagerato. anche perchè ti ho spiegato che il link c'è e ti ho detto che avrei modificato, come tu preferisci, te l'ho anche chiesto.
    chi mi conosce, chi legge il mio blog, sa bene che non mi sono mai approfittata di nulla e ho sempre scritto e dato a cesare quel che è di cesare.
    al punto di esser spesso presa i giro.
    adesso vado a modificare, sarà l'unico momento di pausa della giornata, l'ho passato qui a leggere cose che davvero non fanno parte della mia natura.
    ti auguro ogni bene.

    RispondiElimina
  64. Non fanno parte nemmeno della mia : ho letto ovunque cose ideate da me , pubblicate a suo tempo su vari siti , e fatte passare per proprie senza mai aprire bocca.
    Una per tutte " I cestini di frico " che si trovano nel libretto " Microonde mon amour " sotto un altro nome e che invece avevo ideayo io e pubblicato su coquinaria nel giurassico ( anche la punta del bicarbonato ...) e tante altre di cui non mi va di parlare.
    Ma gli stringozzi con gli albumi no ! Sono come un bene di casa . E non venire a dirmi che avevi messo il link , che neanche si capisce dov'è.
    E' tutto così ti vedo non ti vedo...
    Ma ci voleva molto a dire " ho provato a fare gli stringozzi che Dianella fa con gli albumi usando però un'altra farina" ? Sarebbe stato tutto molto più corretto ed educato, soprattutto per una che si definisce "non abituata a leggere cose che non fanno parte della sua natura " .
    Forse la sua natura è un'altra.

    RispondiElimina
  65. Vedo che hai messo le cose in chiaro nella ricetta. Continua così che è più bello per tutti.
    Ricambio l'augurio.

    RispondiElimina
  66. dianella, continuo come ho sempre, e sottolineo sempre! fatto.

    RispondiElimina
  67. Scusate ma non riesco a non stare dalla parte di Paoletta.. e mi stupisco del fatto che nessuno abbia ancora commentato questa faccenda..

    Il link c'era, era visibile passando con il mouse sopra alla parola "qui" della frase "se pure in effetti la ricetta tradizionale, dice che andrebbero fatti acqua e farina, QUI tempo fa', trovai la ricetta per farli con gli albumi, e devo dire che la riuscita è fantastica!" e cliccandoci sopra rimandava alla pagina di coquinaria con la ricetta di Dianella (pagina in cui c'è scritto chi è l'autrice della ricetta).
    Ora è stata sostituita dalla dicitura "se pure in effetti la ricetta tradizionale, dice che andrebbero fatti acqua e farina, tempo fa', trovai la ricetta per farli con gli albumi su coquinaria, da un'idea di dianella barnocchi, e devo dire che la riuscita è fantastica!" come richiesto, ma il link è il medesimo!!!
    Tra l'altro Dianella è anche stata citata nel commento di Paoletta del 2 febbario 2009 alle 18.50 in cui rispondendo a Carlotta dice "@Carlotta, a me piacciono di più strettini, ma Dianella nella ricetta che ho linkato le fa tipo tagliatelline"

    Concludo dicendo che il link c'era e c'è, e che Paoletta non ha mai detto che l'idea fosse stata sua. Se conoscessi Paoletta capiresti che non farebbe mai una cosa del genere, è una persona squisita, dolce, disponibile e corretta.

    RispondiElimina
  68. Non discuto le persona , discuto i fatti .
    E il fatto non era affatto chiaro .
    Infatti ci sono dei commentatori che fanno dei complimenti per " l'idea " :
    possibile che Paoletta non li abbia letti? Possibile che non si sia sentita in dovere di dire " l'idea non è mia " ?
    Da che parte state non mi importa , a me interessava soltanto che la "maternità" degli stringozzi con gli albumi fosse ben chiara .
    E ripeto : per più di un motivo questa pubblicazione non lo era.

    RispondiElimina
  69. Non discuto le persona , discuto i fatti .
    E il fatto non era affatto chiaro .
    Infatti ci sono dei commentatori che fanno dei complimenti per " l'idea " :
    possibile che Paoletta non li abbia letti? Possibile che non si sia sentita in dovere di dire " l'idea non è mia " ?
    Da che parte state non mi importa , a me interessava soltanto che la "maternità" degli stringozzi con gli albumi fosse ben chiara .
    E ripeto : per più di un motivo questa pubblicazione non lo era.

    RispondiElimina
  70. i veri stringozzi o strozzapreti o ciriole ecc sono acqua e farina e nn ci vanno gli albumi

    RispondiElimina
  71. @anonimo, anche i pici si fanno tradizionalmente con acqua e farina ma una variazione sul tema ci sta tutta ;-)
    provali, sono buonissimi, a me la consistenza piace quasi di più...

    RispondiElimina