giovedì 16 ottobre 2008

World Bread Day, Il Pan co' Santi




Lo so è tardi, manca poco alla mezzanotte e il il terzo "World Bread Day" proclamato da Zorra per il 16 Ottobre, sta per finire... ? Ma ad un evento così importante, la terza giornata mondiale del pane non potevo mancare, ... e poi, proprio oggi avevo fatto il Pan co' Santi !!
E' tardi, sono stanca, ma eccomi con il Pane che rappresenta per eccellenza la provincia senese! ... e soprattutto che mi piace, tanto ma proprio tanto

Il giorno in cui il Pan co' Santi è d'obbligo sulla tavola di ogni senese, è il 1 Novembre, la festa d'Ognissanti.

Non che questo prodotto si consumi esclusivamente in questi giorni, infatti da ora per tutto il mese di Novembre, si trova ovunque...

Il Pan co' Santi o pane dei Santi, richiede a prepararlo un po' di tempo. Occorre preparare della buona pasta da pane...

Oggi l'ho preparato con la ricetta di Paola Lazzari, d'altra parte Paola non sbaglia un colpo, è sua anche la splendida Pizza al formaggio di Pasqua... ho apportato solo qualche piccola modifica:
PAN CO' SANTI

Ingredienti:

600 gr circa di farina (300 manitoba e 300 00)

20 gr di lievito di birra
150 gr di noci sgusciate
100 gr di uvetta
1 cucchiaio di semi di anice
5 cucchiai di olio
30 gr di strutto 
4/5 cucchiai di zucchero
1 cucchiaino di miele
1 cucchiaino di sale 
pepe nero macinato al momento a piacere... 3 bei pizziconi sono perfetti ;)

Procedimento:

Sciogliere il lievito in 100 ml di acqua calda insieme a 1 cucchiaino di zucchero. Quando si forma una schiuma, circa 10 minuti, impastarlo con 100 gr di farina formando un pastello morbido e lasciarlo fermentare circa 40 minuti.
Intanto preparare i "Santi" cioè la frutta secca, tagliando a pezzetti le noci e facendo ammorbidire l'uvetta in acqua tiepida.
Preparare l'impasto sciogliendo il panetto con dell'altra acqua tiepida (circa 200 ml) unendo poi lo zucchero, il miele, l'olio e lo strutto morbido. La pasta dovrà essere ben lavorata, almeno 20 minuti, e morbida. 
Farla lievitare per un'ora e mezza due ore.
A questo punto sgonfiarla ed unirvi la frutta secca, il pepe e l'anice. Lavorare per amalgamare ogni cosa e formare dei panetti grossi quanto un pompelmo e farli lievitare un'ora.
Quando saranno gonfi e soffici, pennellarli con 1 uovo sbattuto e infornarli a 200°- 220° per 20 minuti o poco più.


Si mangiano freddi a fettine accompagnando il vino novello oppure quando sono raffermi con il Vin Santo. Le fettine possono anche essere tostate ed usate a colazione insieme al cappuccino.

1 novembre 2011: l'ultimo pan co' santi di Paola Lazzari, lo trovate qui.


42 commenti:

  1. paoletta non si apre il link di paola, in compenso a me hai aperto la porta dei ricordi!

    RispondiElimina
  2. bellissimi! e anche a me danno qualche ricordo...
    Maite

    RispondiElimina
  3. Noci, uvetta e semi di anice...ma così ci tenti prorpio!
    Altro che il primo novembre...noi lo proviamo a breve questo pane!!
    bacioni

    RispondiElimina
  4. Ah, ma tu mi leggi nel pensiero!!! Li ho visti ieri alla SMA e ho pensato quanti ricordi, quasi quasi ne compro uno... però... 'mazza quanto costano, chissà se Paoletta ha la ricetta, che provo a farli da sola? Ed eccoti qui!!!!

    RispondiElimina
  5. Buongiorno Paoletta!!!!!
    Davvero buono questo pane... io non lo conoscevo...
    Un bacione e buon week end

    RispondiElimina
  6. Lo sapevo che avresti postato qualcosa di spettacolare per questa giornata speciale!!!
    Sei il mio mito della panificazione!!!! :-)

    Sere - cucinailoveyou.com

    RispondiElimina
  7. Devono essere davvero buoniii!!!Hanno un'aspetto magnifico!!

    RispondiElimina
  8. molto invitante questo pane! devo provarlo! buon week end

    RispondiElimina
  9. Aspettavo la tua ricetta per questo giorno... come al solito, splendida, grazie!

    RispondiElimina
  10. Certo che son proprio bellissimi.
    E buoni sicuramente.
    ciao
    buon we.

    RispondiElimina
  11. Paoletta queste pagnotte sono davvero straordinarie! Bravissima
    Un bacio
    Fra

    RispondiElimina
  12. sembra proprio buono. io non l'ho mai assaggiato, ma gli ingredienti mi piacciono quindi magari ci provo. certo, come sai io preferisco i dolci ma...mi sto appassionando al pane!

    RispondiElimina
  13. Spero di riuscire a farli per il I novembre ... bellissimi ....

    RispondiElimina
  14. Mamma mia Paoletta... non riesco a smettere di mangiarlo hahahah
    colazione, pranzo e merenda... mamma mamma mamma
    sai che due li ho messi in salvo nel congelatore?! Si perché di 4 panetti ne son rimasti 3 e uno mi serve domani per dolce dopo la pizza senza impasto
    (è si, restano 4 persone che la devono assaggiare tra gli amici, e due vengono domani!)
    Baci e grazie di aver condiviso questa magnifica delizia!
    Stella

    RispondiElimina
  15. mi sa che usciranno dalle porte sienesi quest'anno
    favolosi!!
    buonissima serata..
    bacionii

    RispondiElimina
  16. Ciao Paoletta è la prima volta che scrivo, ho fatto la tua ricetta della brioscia cu zuccheru che fanno anche in Puglia infatti ricordo che quando ero piccola, i miei nonni sono pugliesi di Altamura precisamente, ed andavo giù a trovarli mio nonno si alzava presto ed andava al forno a prendermi queste briosce; ma non sono venute proprio così morbide alla vista cioè dentro sono morbide ma fuori hanno una specie di crosticina sara' perche non avevo lo strutto ed ho usato il burro con l'aggiunta di un pizzico di farina in piu' xchè l'impast mi sembrava molle e le ho fatte cuocere a 190 grandi.
    Help me.

    RispondiElimina
  17. Paoletta, non vedo l'ora di avere la mia cucina per poter sperimentare tutte queste ricette meravigliose!
    Ciao
    Rox

    RispondiElimina
  18. è troppo bella questa ricetta paolè...e le foto sono semplicemente strepitose!!!!!!!!!!! troppo troppo belle!

    RispondiElimina
  19. Proprio bello questo pane, ed anche la storia legata alle nostre tradizioni. Brava Paoletta, e complimenti. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  20. Li ho sempre fatti senza noci, ora proverò la tua ricetta.
    Grazie
    Mandi

    RispondiElimina
  21. Mai assaggiati, ma direi che gli ingredienti mi piacciono tutti ! Buona giornata :)

    RispondiElimina
  22. Adoro tutto ciò che sfornate a Siena, così come adoro la vs città e zone limitrofe...Questo pane è fantastico!!!!
    Saretta :D

    RispondiElimina
  23. che meravigliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!! io adoro questo paneeee!!! e mi piacciono da morire le tue foto! sei bravissima!
    baciiii
    Ely

    RispondiElimina
  24. ma che belli, magari io non li faro' mai , ma solo perchè: non mi piace l'uvetta e sono allergica alle noci, li snaturerei togliendo questi ingredienti.

    RispondiElimina
  25. Sono venuti molto belli.
    Ma del resto tutto sul tuo blog è bellissimo ciao Buona Domenica Maria

    RispondiElimina
  26. che colore stupendo!!!e chissa che gusto!!!devono essere ottimi!!involgiano davvero complimeti ciao ciao

    RispondiElimina
  27. bellissimi, I will bake them on November 1st.

    Thx for your participation in WBD'08.

    RispondiElimina
  28. Che meraviglia, ogni volta che passo di qui mi lustro gli occhi!

    Il pan co' santi è diffuso in tutto il centro italia, con varianti locali e rappresenta il pane delle festa, quello "ricco".

    un saluto e ancora complimenti!

    RispondiElimina
  29. Paoletta, non ci crederai ma mi ero perso questo post proprio perchè ero a Chiusi a mangiare.... IL PANE DEI SANTI !!!! (insieme all'amica Laura de "L'antro dell'alchimista").
    Inutile dire che ci siamo riportati, come al solito, una bella chilata di pici da condire con il sugo all'aglione :-D
    Sei un angelo !!! Ci era piaciuto così tanto che cercavamo la ricetta e..... eccola qui ! :-D
    Jacopo

    RispondiElimina
  30. Grazie Enza, corretto ;)
    Lo mangiavi anche tu?


    Ciao Maite, grazie :)


    M&S, se lo provate fatemi sapere :)


    Ondina bella, ma sì facciamo noi, si risparmi e so' più buoni!
    p.s. le tue foto sono ogni giorno più belle ;)


    Sere, grazie :)


    Grazie Farfallina!


    Ciao Micaela, se provi mi fai sapere?


    Grazie Barbara :)
    Anche a te Michela!


    Fra, Simo... grazie anche a voi !


    Moscerino, sei sempre più brava :)


    Stella, occhio alla linea, altrimenti jacopino... ahahhaha :D :D
    Ma dove sei finita, tutto bene??


    Ciao brii, grazie!


    Ciao Ily, non credo dipenda dal burro, anche se forse ce ne doveva andare il 20% in più rispetto allo strutto.
    Sicura che il tuo forno non sa un po' forte? IL mio per esempio scalda poco...


    Ciao Rox, ti auguro di averla prestissimo :)


    Grà, grazie tesorina :)


    Rosatea, senza noci?


    Emilia, Saretta, Ely grazie anche a voi !!


    Blu, mi sa che è meglio che fai qualcos'altro ;)
    Un bacione!


    Mari', grazie :)


    Ciao GIAN, grazie!


    Zorra, grazie a te per la splendida iniziativa :)


    Grazie Michelangelo, in quali altre regioni è? In Umbria non lo ho mai visto...


    JAJO, ma pensa te... a Chiusi? La prossima volta vengo, posso? ;)

    RispondiElimina
  31. Ross :)
    E' vero è un bellissimo pane della nostra tradizione !

    RispondiElimina
  32. Paola, è la prima volta che ti scrivo anche se da anni ti seguo con costanza e replico con successo alcune delle meraviglie che pubblichi.
    Ti racconto quello che mi è successo ieri. La domenica esco frequentemente con alcuni gruppi di trekking ed è consuetudine portare qualcosa di "mangereccio" da offrire. Per l'escursione di ieri avevo preparato, seguendo la tua ricetta, un paio di pan co' santi. Inutile dire che erano buonissimi e sono spariti in un battibaleno. Ieri sera tornando a casa in treno leggevo Repubblica nelle cui pagine centrali c'era l'inserto domenicale che si occupa di cibo. L'argomento erano i dolci legati alle festività dei santi e dei morti. Quale enorme sorpresa nel vedere illustrato il nostro "pan co' santi" da una tua fotob(la seconsa di questo post)!! Ma ti hanno avvertita?
    Un caro saluto e un grazie per il tuo instancabile lavoro.
    Stefano

    RispondiElimina
  33. Stefano, non sai che piacere mi ha fatto leggerti, piacere perchè sono felice che un lettore del mio blog che non ha mai scritto (benvenuto :)) ) si prenda del tempo per avvisarmi di una cosa del genere, che devo dire, molto, molto spiacevole! E poi sì, dispiacere, dispiacere sapere che qui non si tratta più di due bloggarelli sfigati o aggregatori, no, qui ci si mettono anche le testate giornalistiche, le trasmissioni, ecc. è una vergogna!
    Gli ho scritto, sto aspettando la loro risposta, nel frattempo, grazie infinite del tempo che mi hai dedicato :)

    RispondiElimina
  34. Non so che dire!Va be' che quando ti copiano sei famoso, ma mi sembra davvero troppo!Hai la mia piena solidarietà

    RispondiElimina
  35. Bene, cara Paoletta, bene bene!
    Ora, dato che tu ringalluzzisci la belva panificatrice che c'è in me, mi devi dare un bel consiglio...
    Qui hai postato ben due ricette.
    In effetto non sono molto dissimili a leggerle, invece il risultato finale fotografato si.
    Quindi... volendo io preparare il Pan co Santi (e ci siamo) anche per portarlo alla mia mamma a Cagliari adesso che parto, quale mi suggerisci di fare?
    Aspetto ansiosa e fremente!

    nasinasiinfarinati

    p.s. io sarei anche tentata di provarne una versione con L.M... che ho giusto casualemtne in rinfresco fra ieri e oggi... guarda un po!

    RispondiElimina
  36. ovvia, tutti a fare il pan co' santi, manca poco, eh?? ;-)

    @micia, questa di paola lazzari è un'ottima ricetta, però se devo esser sincera omiglia più ad un panbrioche, preferisco un pelino d più l'altra, la mia elaborazione, trovo che il risultato sia molto più simile a quella dei forni qui in giro :)
    anche se l'altra è un pelino più difficoltosa quando vai ad impastare i santi con la pasta da pane.

    RispondiElimina
  37. Ad essere sincera io ero già orientata verso la tua versione...
    Stamattina la pasta mamma è bella vispa (ho già preparato due impasti che infornerò stanotte), adesso controllo bene la lista degli ingredienti, mi rpocuro quello che mi manca e si parte!
    Grazie cara... mi ci voleva proprio un'ispirazione "profumata" per mettere le mani in pasta e portare qualche cosa di buono buono e particolare alla mia mamma.
    nasinasi ronronanti (nonostante morti di sonno siano gli occhietti)

    RispondiElimina
  38. Paoletta l'ho provati e sono buonissimi!...Li ho fatti anche per le suore :-D li puoi vedere qui

    bacissimi
    Ago :-D

    RispondiElimina
  39. @Ago, grazie sei un tesoro, e sai contente le suorine :)))

    RispondiElimina