martedì 10 giugno 2008

La ciaccia con l'uvetta

La ciaccia è in pratica una focaccia o schiacciata (come si chiama nella zona di Firenze), in provincia di Siena, invece, son tutte ciacce !!


Ce ne sono al rosmarino, col formaggio o dolce con l'uvetta e sono tutte fatte partendo da una pasta da pane senza sale, perchè ovviamente qui il pane è sciocco!

Io ho fatto quella all'uvetta e zucchero partendo dalla pasta da pane, così come si faceva nelle case di campagna, cioè si usava "condire" la pasta da pane con i vari ingredienti, a seconda di quello che offriva la stagione.
In città si faceva, invece, impastando gli ingredienti tutti assieme.

Ho preferito procedere nel modo tradizionale, buonissima!




La mia dolce amica Tinuccia, (non ho fatto in tempo a postarla, che lei zacchete !! ... ) l'ha già fatta, e la descrive perfettamente così
...
"E' buonissima, è croccantella, il sapore dello zucchero caramellato si sposa perfettamente con quello semidolce, quasi neutro dell'impasto, e l' uvetta....dà un vero tocco di classe!! "

Grazie Tina :))


LA CIACCIA

Ingredienti:


Per la pasta da pane:

400 gr di farina 0
220 ml di acqua circa (quanta ne prende la farina, l'impasto vede avere la consistenza della pasta per il pane)
8 gr di lievito di birra
1/2 cucchiaino di malto


Per il condimento:

3 cucchiai di olio evo
3/4 cucchiai di zucchero
100 gr di uvetta precedentemente ammollata in acqua


Per la decorazione:

50 gr di uvetta
2 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di olio evo

Sciogliere il lievito e il malto nell'acqua, far riposare qualche minuto. Impastare con la farina e far lievitare fino al raddoppio. Io ho impastato nella mdp, e con questo caldo, ci ha messo poco più di 1 ora e 1/2 a raddoppiare.

Prendere ora l'impasto e, senza reimpastarlo, aggiungere gli altri ingredienti lavorando brevemente sulla spianatoia infarinata. Dividere l'impasto in due parti e far riposare pochi minuti. Nel frattempo ungere bene due teglie di 30 x 35 cm.
Stendere poi l'impasto con le mani leggermente unte di olio, decorare con l'uvetta, lo zucchero e l'olio. Accendere il forno a 220° ventilato e infornare non appena raggiunge la temperatura, fino a completa doratura.

42 commenti:

  1. Non ho mai mangiato la focaccia dolce anche se qua a Genova la focaccia è "di casa"..
    Voglio provare questa tua ricetta!!!
    Buona giornata..

    RispondiElimina
  2. Io non ne avevo mai sentito parlare, come dico sempre: "non si finisce mai di imparare".
    La aggiungo alla mia "Paoletta-list" ;-) Perchè se non lo sapessi, ho una lista di tue ricette da provare, praticamente tutte quelle che hai postato;-)

    RispondiElimina
  3. Bella...la metto anche io in coda prove!
    ciao

    RispondiElimina
  4. Questa la provo.....
    ma quando arriva il fine settimana????
    nasinasi infarinati

    RispondiElimina
  5. credo potrei sbafarmene un kg!!!Adoro l'uvettaaaa!
    Buona giornata
    saretta ;)

    RispondiElimina
  6. Paolettaaaaaaa.... questa ciaccia piacerà sicuramente a mia mamma che và pazza per l uvetta... mentre a me l uvetta non gusta tanto...
    Bravissima come sempre! Compito svolto perfettamente :-)))))
    Sei mitica!!!!!!
    Bacio

    RispondiElimina
  7. Paoletta hai fattom al solito un capolavoro !!! Mi piace questa ciaccina! Peccato che i due "ominidi" di casa non amino le uvette :-(
    Un bacio Laura

    RispondiElimina
  8. Che bell'idea! E chissà che buona!!
    GG

    RispondiElimina
  9. ho provato una cosa simile, il panello con l'uva da mosto.
    era di una bontà divina e adesso questa.
    bellissimaaaa

    RispondiElimina
  10. Solo per segnalarti www.lafestadeiblogdicucina.blogspot.com
    E salutarti.
    Tommaso Colombini – Firenze info@usodicucina.it

    RispondiElimina
  11. Grazie a te cara Paoletta! Grazie per tutte le cose preziose che mi stai insegnando! Ti sono tanto grata. Tinuccia

    RispondiElimina
  12. paoletta..... riesci sempre a stupirci!!!! dev'essere buonissima questa ciaccia, complimenti ;-)

    ciao, ivonne

    RispondiElimina
  13. Paoletta:-) sono tornata per comunicarti che ho qualcosa per te sul mio blog, spero tanto ti faccia piacere. Una buonissima giornata:D

    RispondiElimina
  14. accidenti che meraviglia.. e le foto sono splendide!

    RispondiElimina
  15. Ciao Sere, e com'è la focaccia dolce a Genova? Ora sarei curiosa :)

    Grazie Rob, addirittura hai una lista ?? :D :D Baci!

    Grazie Michela, se la fai fammi sapere :)

    Micia, speriamo presto ;)

    Saretta, mmm l'uvetta, sì... pure io!!

    Maurettina bella ciao :)
    Se la fai per la mamma sei un vero tesoro !!

    Laura, peccato... la prossima sarà al formaggio :)

    GG grazie!!

    Enza, quella con l'uva la devo ancora provare!

    Grazie Tommaso :)

    Tina, sono io a ringraziare te per l'immensa fiducia :)))))))))))))))

    Grazie Ivonne, sei sempre molto gentile !

    Grazie Rob, passerò a dare un'occhiata :)

    RispondiElimina
  16. Al formaggio siiiiii che io sono un topo!!!! Baci Laura

    RispondiElimina
  17. Ogni volta che passo di qua, due le cose che porto via con me: cultura e faaameee!

    RispondiElimina
  18. che meraviglia!!!! ma del resto l'ho già scritto sul mio blog: tu sei UNA MAGA DEI LIEVITATI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  19. Mamma quanto mi piacciono questo genere di focacce, Paoletta!!!! Il tuo blog è una vera istigazione all'assoluto NON digiuno!!!

    Un baciottolo ^_^
    Ele

    RispondiElimina
  20. Uuuuhhhh...
    Questa ciaccia deve essere la fine del mondo. Proverò sicuramente!
    BAci

    RispondiElimina
  21. ma che meraviglia questo blog, ovunque si volta lo sguardo è un susseguirsi di ricette ed immagini una più interessante e sfiziosa dell'altra. Sei veramente, veramente brava. adesso mi studierò i tuoi lievitati, se moscerino dice che sei una maga in materia, c'è da crederci, detta da lei, è un'affermazione di un qualche valore ;)
    bentrovata

    RispondiElimina
  22. mmm deve essere ottima!
    Solo ora ho letto il tuo profilo e ho capito il perkè di queste foto stupende!!! Sei anche un'appassionata di foto!!! Sono davvero foto bellissime, sembrano fatte da un professionista!! (magari lo sei!!) cmq ho fatto le tue girelle e la tua crema pasticcera, devo dire ottime!!
    Nei prossimi giorni farò questa focaccia e i paninetti!!!!
    Grazie per le tue splendide ricette!!!
    Ciaooooo, Melania

    RispondiElimina
  23. ottime le tue foto, esaltano i tuoi piatti...

    RispondiElimina
  24. Laura anche a me piace tanto, la provo al più presto!
    Un bacio :)

    Precisina, grazie :))

    Moscerina bella, grazie m'imbarazzi :) ho tante di quelle cose ancora da capire...

    Ele, grazie!! Un bacione a te :)

    Ciao Pupille, se la provi fammi sapere ... :)

    Fioridisale, grazie e benvenuta!!

    Ciao Melania benvenuta!!
    Sono contenta che hai provato le girelle, e che ti siano piaciute :)

    Dubbafetta, grazie mille!!
    Foto e cucina, due grandi passioni :)))

    RispondiElimina
  25. Adorabile! Qui a Milano quando ero piccola c'era una focaccina con miele e zucchero, mi piaceva molto. Proverò sicuramente la ciccia.
    Bacioni
    Ps: le foto mi fanno impazzire :D

    RispondiElimina
  26. ciao Paolettaaaaa! posso infastidirti ancora con le mie domandine?????
    conosci mica la ricetta dell'Angelica delle sorelle Simili? e se si, sai mica darmi una versione senza il lievitino preliminare che io come sai NON so proprio fare????????

    RispondiElimina
  27. Grazie Anna, il miele dentro o sull'impasto?? Carina dev'essere stata :)

    Moscerina bella :)
    La ricetta delle Simili è col lievitino, io non l'ho mai vista senza. Ma se tu non lo facessi però impasti di sera, metti in frigo e al mattino continui, che ne pensi??
    Diminuendo il lievito, però...

    M ripensandoci, come non sai fare il lievitino?? E' un impastino acqua, farina e lievito che poi userai come fosse un lievito, cioè lo amalgami all'impasto vero!
    Dimmi, comunque e per quanto possibile, provo ad aiutarti :)

    RispondiElimina
  28. Vengo dritta da Fiordisale e ti ho scoperta. Io adoro tutto ciò che è briochoso e lievitoso, come te mi sembra!!!

    RispondiElimina
  29. ciao paoletta, è la prima volta che passo di qui, è bellissimo questo tuo blog, foto e ricette sono fantastiche, complimenti!

    RispondiElimina
  30. Ciao Paola, sì condividiamo la stessa passione allora... :))
    Benvenuta!!

    Dolcezza, grazie e benvenuta anche a te :)

    RispondiElimina
  31. Provala anche Rosy, che è fantastica!! Se ti piace l'uvetta ... :)

    RispondiElimina
  32. ciao Paoletta!
    purtroppo non ho + fatto nulla, sono stata alle prese con gli esami (oggi ho dato l'ultimo!)
    Stasera pero' mi metto all'opera e faccio la ciaccia, solo che non ho il malto, non l'ho trovato in giro....
    E' indispensabile!?!Spero di no!
    Grazie e buona settimanaaaaa

    RispondiElimina
  33. Ciao cinekio, viene bene lo stesso anche senza malto :)
    Fammi sapere!

    RispondiElimina
  34. fatta!! ottima!! Sono sempre preziose le tue ricette!!

    RispondiElimina
  35. Complimenti per foto e ricette !
    SCusami la domanda: Ma il malto che usi ne "la Ciaccia" è quello che si usa per fare il caffè o c'è un altro tipo di malto ?
    Grazie per la risposta!
    PS- Io non lo avevo in caso ed avevo letto da qualche parte che potevo sostituirlo con zucchero ..va bene lo stesso ?
    Ed un'altra curiosità: io lavorando con orario fino a pomeriggio tardi non riesco mai a fare tutte le cose che vorrei, soprattutto i lievitati che hanno bisogno di essere seguiti (se no faccio come per le colombe che le ho lasciate lievitare troppo...buone ma non perfette!). Ma la maggior parte delle persone che hanno un foodblog fanno le casalinghe ?(dimmi di sì, altrimenti mi vengono i sensi di colpa. Ovviamente scherzo, anche perchè fare BENE la casalinga è più impegnativo che andare a lavorare). Scusami la domanda, forse buffa, forse banale. Grazie e complimenti per tutto!

    RispondiElimina
  36. Lucia, puoi sostituire con lo zucchero anche se il malto (quello tipo miele) lo trovi in erboristeria.
    Io lavoro al pc in casa alcuni mesi dell'anno, gli altri mesi fuori casa, mesi in cui ovviamente cucino e posto di meno ;)

    RispondiElimina
  37. Cara Paoletta l'hai mai provata la ciaccia fritta di San Sepolcro? La vendono in un buchino piccino piccino e si passano la ricetta da generazioni. Stando ai più è irriproducibile (oltre che ovviamente deliziosa) che dici ti ho messo abbastanza curiosità? se ci capiti e la provi fammi sapere poi la soluzione che hai scovato per rifarla uguale (tanto lo so che la trovi...)

    RispondiElimina
  38. @oh, cavoli!! queste cose a me m'attizano da morire, scovare una ricetta??? uhhhmmmmm!! ;;) peccato san sepolcro non è vicinissimo, se no ero già partita! comunque se so di passarci, ti faccio un fischio, così mi dici dov'è e ce la mangiamo :D
    grazie!!

    RispondiElimina
  39. Gnammmm... me la mangerei all'istante...

    RispondiElimina