lunedì 5 maggio 2008

Cornetti di pan brioche (quello delle mitiche Simili)

Per me questo panbrioche è stupendo, sarà che è uno dei primi lievitati in cui mi sono cimentata, sarà che è facile nel procedimento e si ottiene un buonissimo risultato, o che si adatta perfettamente sia con il salato che con il dolce, avendo poco zucchero...
Insomma lo preparo in diversi modi, questa volta ci ho fatto i cornetti.

Briochine semidolci da te.

Scrivo la ricetta come la preparo io, con delle piccole modifiche nei tempi e nella quantità di lievito.

PAN BRIOCHE delle Sorelle Simili

Ingredienti:

Per il lievitino:
g 150 di farina*
g 90 di acqua
g 20 di lievito di birra
Impastare velocemente e fare riposare per 50-60' fino al suo raddoppio coperto a temperatura ambiente.

Per l'impasto:
g 350 di farina*
g 50 di acqua
g 100 di burro ammorbidito a temperatura ambiente
2 uova
g 30 di zucchero
g 10 di sale

* Per la farina si setacciano insieme 250 g manitoba e 250 g 00

Procedimento:
Fare un impasto sul tavolo con il resto degli ingredienti e lavoratelo bene.
Appena il lievitino è pronto mettetelo sul tavolo schiacciatelo bene e tiratelo con il le mani, mettete al centro il secondo impasto poi cominciate a lavorarlo battendo finchè non ci saranno più striature bianche il che indica che i due impasti si sono già completamente amalgamati (ci vogliono almeno 15').
Mettere in una ciotola unta di burro e fatelo lievitare per 1 ora e 1/2 1 ora e 45.

Rovesciare sul tavolo e formare cornetti, focacce, panini per danubio, o qualsiasi altra forma vi suggerisce la fantasia.
Coprire con pellicola o con un panno umido e far lievitare per altri 40'-50'
Pennellare con estrema delicatezza con un uovo intero sbattuto e cuocere a 180/200° statico per circa 30'-40' o fino a completa doratura, dipende dalle pezzature, per i cornetti bastano circa 15 minuti, e 180°, un pan brioche o panettone gastronomico, avrà bisogno di più tempo, ovviamente, e di una temperatura di circa 200°.
Per le focacce/tramezzino, si può anche dividere l'impasto in 3-4 parti e cuocerlo in teglie, anche di stagnola, di circa 20 cm.

E' possibile farcire con vari ripieni.
Questi li ho farciti con salmone, rucola e philadelphia

Brioche farcita al salmone, philadelphia e rucola da te.

NOTE:

Come già specificato, questo impasto è un semidolce, cioè va bene sia con il dolce che con il salato.
Se si vuole, invece, una brioche dolce che sia adatta per la colazione, con la cioccolata, la marmellata e così via, insomma solo con il dolce... ci vuole un altro tipo di impasto.

Partendo quindi da quello delle Simili, e modificandolo, è venuto fuori questo impasto per brioche dolce, adatto a cornetti, briochine, trecce, panbrioche e da decorare con granella di zucchero, di mandorle e qualsiasi cosa ci suggerisce la nostra fantasia ...
Ve ne assicuro la sofficità, vengono briochine come nuvolette, e il fantastico profumo :)
Eccolo:

PANBRIOCHE DOLCE

Ingredienti:

Per il lievitino
g 150 di farina*
g 90 di acqua
g 20 di lievito di birra
Impastare velocemente e fare riposare per 50 / 60 minuti fino al suo raddoppio coperto a temperatura ambiente.

Per l'impasto:
g 350 di farina*
g 50 di acqua
g 100 di burro ammorbidito a temperatura ambiente
2 uova
zucchero da g 80 a g 100 (secondo il gusto)
g 5 di sale
vanillina
buccia grattata di 1 arancia o 1 limone

* Farina, 250 g manitoba e 250 g 00


CONSIGLI PER LA FORMATURA DEI CORNETTI:

Per formare i cornetti, mi sono state utili queste parole di Daniela sulla CI. Le riporto qui...

"Dall'impasto lievitato ho ricavato due dischi uguali, non lasciarli troppo spessi tanto poi rilievitano. Con la rondella tagliapizza ho diviso in 4 quarti, poi ogni quarto in tre, quindi sono venuti 12 cornetti per disco, volevo farli piccoli.
Poi ho preso ogni triangolo e ho stirato leggermente e delicatamente con le mani, più lungo è il triangolo più giri riesci a fare e più bello viene esteticamente. Inizio ad avvolgere strettino, partendo dalla base verso la punta. La punta la faccio capitare sempre sul davanti e sotto il cornetto, altrimenti in lievitazione o in cottura si solleva. Poi arrotolo un po' e incurvo le estremità."


88 commenti:

  1. Ne prenderei uno lissssio e uno farcito con la rucola, pago alla cassa ? Grazie ;)) Ciao

    RispondiElimina
  2. piacere paoletta!!! seguo assiduamente il blog di adriano e le sue ricette, che stimo moltissimo, ho notato tra le sue preferenze anche il tuo, bellissimo blog corredato da immagini fotografiche stupende, siccome ho intenzione di realizzare anche delle tue ricette, avrei bisogno di un chiarimento, quando parli di manitoba, ti riferisci a manitoba pura oppure del super? grazie anticipatamente, katia.

    RispondiElimina
  3. Emilia, prendine quanti ne vuoi, offre la casa!! :)


    Ciao Katia, grazie della visita!
    La manitoba uso quella del super, ma marca Lo Conte, perchè l'altra assorbe poca acqua e si rischia che gli impasti vengano troppo molli.
    Per la 0 o 00 uso le farine della coop, a mio parere ottime, anche per il fatto dell'assorbimento dell'acqua.

    RispondiElimina
  4. mmm Paola..questo alla rucola è assolutamente bucavideo!

    RispondiElimina
  5. Qui si corre a grandi passi con i lieviti, eh?
    Se ti va, passa a riscuotere un premio ;-)

    RispondiElimina
  6. Grazie Michela :))

    Adriano, è tutta colpa tua!! :D :D
    Premio?? A me? Corroooooooooo...

    RispondiElimina
  7. Spettacolo !!! Come consistenza sono simili ai panini semidolci delle Simili?

    RispondiElimina
  8. Che buoni, m'e' venuta na fame...

    RispondiElimina
  9. paoletta, aspettati un lungo commento..volevo scriverti una mail ma non la trovo nel profilo.
    credo cmq di aver trovato la risposta nei commenti di qs post..
    domenica ho fatto le tue girelle ma è stato un disastro..credo sia colpa della farina (ho usato la manitoba spadoni) perchè dopo l'impasto nella MdP era mollissimo e ingestibile. Ho aggiunto dell'altra farina (più dei 2-3 cucchiai che dicevi tu) ed è migliorato ma è rimasto cmq molto morbido, impossibile fare delle girelle. Sono riuscita a arrotolare ma tagliando si è appiattito e il risultato sono delle specie di "S", comunque buonissime..
    Mi confermi che potrebbe davvero essere colpa della qualità della manitoba?
    (So'stata un po' prolissa...sorry!)

    RispondiElimina
  10. Buonissi Rosalba e molto versatile questo impasto :)

    RispondiElimina
  11. Monique, mannaggia quanto mi dispiace.
    Purtroppo le farine hanno una capacità di assorbimento molto differente l'una dall'altra. La manitoba che hai usato è tra le due che si trovano al super, quella che ne assorbe sicuramente meno, per questo l'impasto molle.
    Ha un W più basso, meno proteine, quindi assorbe meno liquidi.
    Io uso l'altra, la Lo Conte. Il problema è che non so mai se posso scrivere le varie marche, ma alla fine se questo deve crear problemi, d'ora in poi le scriverò.
    In alcuni forum non è possibile, ma il blog è mio e non faccio pubblicità a nessuno :D :D

    Per cui ti dico che uso manitoba lo conte, la 0 della coop, e la 00 sempre della coop, ottime farine ed economicissime!!
    La pizza con la 0 coop viene benissimo :)

    Poi se ho bisogno di una 00 per dolci, frolle ecc. cerco farine con meno proteine. E comunque ho notato che la 00 della coop, a parità di proteine di altre, assorbe più liquidi.

    Pensa che questo impasto, quello delle girelle e altri... a me vengono belli sostenuti, riprovaci chè ne vale davvero la pena!!

    Sono stata più prolissa di te :))

    Per la mail scrivimi pure su quella di flickr ;)

    RispondiElimina
  12. paoletta grazie mille davvero, anche io mi faccio a volte problemi per la pubblicità ma in fondo non credo sia niente di grave dai..
    grazie per i consigli..
    ho letto da farfallina che anche lei non ha incorporato tutta l'acqua ma solo quella che l'impasto richiedeva..la cosa nella MdP è complicata ma ci proverò
    cmq ripeto che anche se non "girelle" eran buonissime lo stesso e i colleghi le han spazzolate...

    RispondiElimina
  13. Divini questi croissant delle sorelline. Mi piacciono queste due vecchine sono davvero mittiche!!! Le foto sono bellissime...baci

    RispondiElimina
  14. Sei grandiosa! Che belli a vedersi questi cornetti e che buoni che devono essere...

    Mi spiegheresti come si ottiene la forma a "cornetto", pliiiz?! Scusa se rompo, ma mi hai fatto venir voglia di provarli :-)

    murasaki

    RispondiElimina
  15. Monique, figurati :)
    Comunque l'importante è che ti sia piaciuto il sapore, in modo da riprovarci!


    Anna, grazie... vero io le adoro, non ho mai fallito una loro ricetta :)
    Le foto? Io m'incanto a guardare le tue, hanno una bellissima luce e atmosfera ...


    murasaki, grazie!
    Per formare i cornetti, mi sono state utili queste parole di Daniela sulla CI. Te le riporto, spero siano di aiuto anche a te :)

    "Dall'impasto lievitato ho ricavato due dischi uguali, non lasciarli troppo spessi tanto poi rilievitano. Con la rondella tagliapizza ho diviso in 4 quarti, poi ogni quarto in tre, quindi sono venuti 12 cornetti per disco, volevo farli piccoli.
    Poi ho preso ogni triangolo e ho stirato leggermente e delicatamente con le mani, più lungo è il triangolo più giri riesci a fare e più bello viene esteticamente. Inizio ad avvolgere strettino, partendo dalla base verso la punta. La punta la faccio capitare sempre sul davanti e sotto il cornetto, altrimenti in lievitazione o in cottura si solleva. Poi arrotolo un po' e incurvo le estremità."

    RispondiElimina
  16. Queste sorelline sono geniali, hanno delle ricette uniche. Ma tu sei bravissima, davvero. bacino

    RispondiElimina
  17. Grazie, speriamo di riuscirci :-D

    Un bacione e a presto
    murasaki

    RispondiElimina
  18. murasaki, certo che sì... l'impasto è facilissimo :))

    RispondiElimina
  19. Ciao Paoletta! Questo week end vorrei fare i tuoi cornetti, ma non avendoli mai, e dico mai fatti, mi servirebbero due dritte in più... mi potresti dare qualche prezioso consiglio? Ho letto che ti chiamano la maga dei lievitati e penso che tu sia la persona più adatta!
    Grazie!

    RispondiElimina
  20. Cmilla, per quel che posso chiedi pure... anche se chi mi chiama così è troppo buono :D :D

    RispondiElimina
  21. Ciao Paoletta,complimenti per il tuo blog e le tue ricette,ma soprattutto per la tua gentilezza...
    riguardo ai cornetti il secondo impasto poso farlo con la macchina del pane? grazie anna maria

    RispondiElimina
  22. Ciao Annamaria, certamente!
    L'importante è che i due impasti si amalgamino perfettamente senza più segno di striature.
    Fammi sapere :)

    RispondiElimina
  23. Ciao Paoletta,per domattina i mieie ragazzi avranno dei cornetti fantastici grazie a te! sono venuti buonissimi e bellissimi. grazie ancora, anna maria

    RispondiElimina
  24. Paoletta ciao! in questo w.e. vorrei cimentarmi in questi cornetti...dolci. Speriamo bene.La ricetta l'hai spiegata benissimo, spero solo di non fare guai. Ti farò sapere.
    Buon fine settimana! ^_^

    RispondiElimina
  25. CIAO PAOLTTA COMPLIMENTI PER IL TUO BLOG!!IERI HO FATTO IL TUO PANBRIOCHE DOLCE MA QUANDO LE HO COTTE DENTRO ERANO TANTO "PASTOSE" SI FACEVA FATICA A MANGIARE..POCO SOFFICI...IL SECONDO IMPASTO L'HO FATTO CON LA MDP PERò L'HO LASCIATO DENTRO POCO PIù DI MEZZ'ORA..IN CHE COSA HO SBAGLIATO SECONDO TE?GRAZIE MILLE PER LA TUA DISPONIBILITA'

    RispondiElimina
  26. @anonimo non ho capito bene, la seconda lievitazione è durata solo 1/2 ora? Se sì, l'errore è quello e anche grosso!!

    RispondiElimina
  27. CIAO PAOLETTA!!GRAZIE MILLE PER LA RISPOSTA!!QUINDI PER LA SECONDA LIEVITAZIONE DEVO FARE L'IMPASTO PER TUTTA LA DURATA DEL PROGRAMMA GIUSTO? UN ORA E MEZZA..SCUSA L'IGNORANZA...è CHE SONO ALLE PRIME ARMI..CMQ MI CHIAMO ANNA E TI SCRIVO DA VICENZA...GRAZIE MILLE ANCORA E CIAO

    RispondiElimina
  28. Ciao Anna, fai così:
    Azioni il programma impasto.
    Fai impastare per 30 minuti, tanto è la durata nella mdp.
    Lasci poi l'impasto lì dentro per 1 ora e 30 o 1 ora e 45 minuti.
    Dopodichè lo prendi, lo sgonfi sulla spianatoia, formi le brioscine e fai lievitare di nuovo circa 1 ora.
    Tutto chiaro?
    Qualsiasi dubbio scrivi :)

    RispondiElimina
  29. Ciao Paoletta, avrei bisogno di un consiglio: la prossima settimana per festeggiare il mio compleanno in ufficio vorrei portare un buffet carino. Dovendo però preparare il tutto il giorno prima ho pensato al panettone gastronomico e poi vorrei portare del pane da abbinare ad un buon salame. Ho pensato ai panini semi-dolci: si mantengono bene preparandoli in anticipo? E' meglio il tuo pane all'olio? O meglio qualcos'altro? grazie mille. Paola.

    RispondiElimina
  30. Paola, con questo impasto ci viene un panettone gastronomico fenomenale, preparalo e volgilo bene con pellicola, vedrai si mantiene bene. Per i panini, prova quelli all'olio, altrimenti sono ottimi gli ultimi semidolci (i bocconcini al burro)che ho preparato, quelli col poolish in frigo la sera prima. Il giorno dopo sono sempre sofficissimi. Ma puoi anche cuocerli per i 2/3 e proseguire il giorno dopo.
    Ma si mantengono molto bene anche i semidolci, sono diversi, hanno un gusto più deciso, mentre gli altri sono più delicati, vedi tu ;)
    Mi fai sapere?

    RispondiElimina
  31. Certo che ti farò sapere....intanto mille grazie, come sempre. Un bacione. Paola

    RispondiElimina
  32. Ciao paoletta, sono la tua affezionata anto, e come sai ogni tanto non posso fare a meno di provare una tua ricettina ;-) Sto scaldando il forno per il panbrioche, l'impasto alla fine era fantastico, anche se ho avuto il problema opposto a monique (troppo duro, ho aggiunto acqua, ma forse la farina vigevano ne assorbe di più?! l'avevo setacciata bene come consigli sempre tu...) comunque l'aspetto è ottimo, nello stampo a cassetta ha lievitato in un'ora...ti relaziono? ;-) un grosso bacio

    PS ho aggiunto un cucchiaino di malto in polvere, ma solo perchè l'ho appena trovato (in svizzera!)

    RispondiElimina
  33. CIAO PAOLETTA!DOMENICA HO FATTO LE BRIOCHE SEGUENDO I TUOI CONSIGLI PER LA MDP..SONO VENUTI MEGLIO DELL'ALTRA VOLTA PERò IL GIORNO DOPO ERANO UN Pò DURETTI..LI HO COTTI TROPPO?TU DOVE LI CONSERVI?NON è CHE NELLA MDP DEVO METTERE PRIMA L'ACQUA E POI GLI ALTRI INGREDIENTI..SCUSA SE APPROFITTO DELLA TUA GENTILEZZA...CMQ GRAZIE MILLE

    RispondiElimina
  34. @Anto, com'è andata, poi?? :)
    er l'impasto, sisi dipende dalle farine, probabilmente quella che hai usato è ottima!
    Per il malto va benissimo, aspetto di sapere il risultato. Un abbraccio :)

    @Anna, se hai seguito tutti i tempi di lievitazione, non so che dire. Certo è che quasi tutti i lievitati, a meno che non si segua un procedimento particolare tipo quello delle brioscine siciliane, il giorno dopo sono sempre un po' più duri.
    Prova a conservarle in un sacchetto di nylon per alimenti, dovrebbe andar meglio, metticele appena tiepide.
    Oppure puoi cuocerle una parte subito e l'altra parte cuocerla fino a 2/3 della cottura. Dopodichè fai raffreddare, copri con pellicola, metti in frigo e il giorno dopo prosegui la cottura.
    Un abbraccio e fammi sapere :)

    RispondiElimina
  35. Ciao Paoletta, la riuscita è stata ottima, è uscito un bellissimo pancarrè, morbido, saporito e tra l'altro cotto perfettamente (alcune volte la cottura del pancarrè mi ha dato dei problemi). Ho formato pancarrè perchè avevo letto di questa possibilità sulla discussione in gennarino, ma concordo con quanto hai scritto più su: mi sembra un impasto perfetto per panettone gastronomico. avevo da fare alcuni tramezzini (burro e salumi), ed erano perfetti!
    Al solito, grazie mille! :-))

    PS secondo te, cuocendolo nello stampo di carta per panettone può funzionare come panettone gastronomico?

    RispondiElimina
  36. @Anto, mannaggia a me!! Avrai già fatto :((
    Comunque sì, il panettone gastronomico ci viene benissimo!

    RispondiElimina
  37. ciao Paoletta, ho trovato il tuo blog per caso cercando una ricetta per la pasta brioche. Devi sapere hce è da un po' il mio tormento: provavo e riprovavo, ma nessuna ricetta eraquella giusta, finchè non sei arrivata tu...ed è stata subito luce! Ieri i cornettini di pasta brioche dolce sono andati a ruba. Oggi, galvanizzata da cotanto successo, mi sto cimentando con la tuapasta sfoglia. Starò esagerando??? Il tuo blog è fantastico, complimenti per la professionalità e l'impegno con cui lo curi. Fa venir voglia di mettersi subito ai fornelli!

    RispondiElimina
  38. @Stefania, mi fa tanto ma tanto piacere, sia per le ricette in sè, che per il fatto di riuscir a trasmettere la mia passione! Mi fai sapere della sfoglia??
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  39. Paoletta cara...mia mentore! la sfoglia è stata perfetta e i cornetti sembrano venir fuori da un libro di disegni...ho fatto anche delle foto. te le manderei, ma non saprei come. hai un contatto skype, o chiedo molto?
    in ogni caso grazie!!! un abbraccio a te :)

    RispondiElimina
  40. @Stefania, evvivaaaa!!
    Senti, clicca sulla foto del mio profilo, sulla mia faccia per capirci, ihii... lì troverai il mio indirizzo email! sarò felicissima di vederli :))

    RispondiElimina
  41. Ciao!
    Ho provato a fare i cornetti di pan brioche dolce ieri ma mi son venuti un po' "stoppacciosi", insomma non soffici.

    Ti spiego: innanzitutto il lievitino iniziale era collosissimo per cui ho dovuto aggiungere altra farina per renderlo "innocuo" (non saprei dirti precisamente quanta).

    Il lievito che ho usato è quello secco per pizza di Pane degli Angeli (una bustina intera).

    Un po' di farina l'ho aggiunta anche al secondo impasto per lo stesso motivo del primo.

    Con il forno a 200°C l'uovo spennellato sui cornetti si è imbrunito dopo neanche 10 minuti, per cui ho abbassato a 180°C e li ho fatti cucinare per soli 25 minuti.

    Può essere dipeso da uno di questi passaggi?

    Grazie mille ;)

    RispondiElimina
  42. Dax, mi viene in mente una cosa, ma il lievito, precisamente, qual era?

    RispondiElimina
  43. Ciao Paola, grazie per la ricetta, questi cornetti, farciti come i tuoi con salmone e philadelphia, sono andati a ruba alla festa di mia figlia. Però ho avuto difficoltà a tagliarli (si sbriciolavano) e ne ho dovuti scartare parecchi. Forse erano troppo cotti? Che ne pensi?

    RispondiElimina
  44. @ilaria, l'impasto era elastico? e poi i cornetti formati quanto hanno lievitato?? e quanto hanno cotto in forno?

    RispondiElimina
  45. Allora, innanzi tutto ne approfitto per tesserti le mie lodi, sei davvero unica...e ammetto di scopiazzare le tue ricette da un anno circa. Grazie a te mi sono innamorata della cucina e ho avuto il coraggio di sviluppare questa mia passione (nonostante questo mi comporti un gran sacrificio essendo mamma di due bambini di 1 e 6 anni, lavoratrice full-time!).
    Tornando ai ns cornetti: ho seguito alla lettera la tua ricetta, l'unico dubbio è sul forno in quanto è impensabile per me cuocere a 200° in quanto si brucerebbe tutto. Il mio forno infatti tende a cuocere troppo ed in modo non uniforme. In questo caso ho messo la funzione ventilato a 180° (e dopo un po' ho abbassato ancora) e ho dovuto spegnere dopo 20-25 minuti perchè secondo me si stavano bruciando...ed infatti la crosta è venuta troppo dura ed i cornetti molto secchi...
    Ps: ho creato un blog ma è ancora in fase di costruzione, poi mi piacerebbe avere in futuro un tuo giudizio. Ciaoooooooo

    RispondiElimina
  46. @Ilaria, ecco, questo "grazie a te mi sono appassionata alla cucina" è uno dei complimenti più belli che abbia mai ricevuti, perchè significa che si riesce a trasmetterla ;-)
    tornando a noi, le Simili indicano 200° e per il mio forno sono ottimi, forse in alcuni altri è una temperatura troppo alta, però ti sconsiglio assolutamente il ventilato perchè è vero che la cottura è uniforme, ma tende a seccare la superficie dei lievitati facendo, appunto, una crosta! prova a 180° statico, e fammi sapere.
    piesse: in ogni caso, ora non so che forma hai dato al'impasto, ma dei cornetti piccini, dovrebbero cuocere in max 18/20 minuti, tutto se è avvenuta una buona lievitazione.

    RispondiElimina
  47. Grazie!!! D'ora in poi proverò con il forno statico...a presto!!!

    RispondiElimina
  48. Ciao Paoletta volevo dirti che ho fatto i cornetti con quest'impasto e sono venuti proprio buoni buoni.
    L'uico problema che ho avuto è stata la cottura, infatti i primi si sono seccati troppo e quindi i successivi li ho cotti a 180 ma per soli 15 mnuti.
    Va beh cmq continuando a fare prove spero di riuscire a migliorare il risultato! Grazie ancora per la tua disponiblità! Ciao Angy.

    RispondiElimina
  49. corretto il post, io avevo riportato le parole delle Simili, ma per pezzature più piccole certamente la cottura richiede meno tempo e una temperatura minore!
    un bacio a tutte :)

    RispondiElimina
  50. Vedo che consigli il forno statico, mi spieghi come è meglio accenderlo?Sopra, sotto, o tutte e due?Ti ho scritto poco fa per chiarimenti sulle girelle e ora rieccomi di qua.Quando procedi con le cotture nel forno sfrutti più ripiani?Credo che ci sentiremo spesso mi piace troppo nonostante il poco tempo. Grazie ancora.

    RispondiElimina
  51. @monica, io metto statico sopra e sotto e faccio un'infornata alla volta, poi sai che c'è? ogni forno è una storia a se, e si deve imparare a conoscerlo.
    per es. torno ora da casa di Tina, il suo è diverso dal mio, scalda molto, troppo sotto, e lei ci mette una teglia in basso. oppure se lei mette a 180° io devo mettere a 190° e così via.
    in ogni caso sempre una teglia alla volta, per i lievitati lascia al fresco quella che aspetta, stanza più fredda della casa :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  52. ciao carissima sono tina è da tanto che non mi faccio viva ma da te c'è solo da imapare ho fatto i bomboloni ottimi alla festa di compleanno di una mia amica ho fatto faville e poi il torrone bunissimo continua così ad essere sempre così che io che non sono una bravissima da te stò imparando tanto...anzi le cose che mi chiede di più mio marito rimangono le tue briosche co zucchr..ed io l'ho accontento l'ho faccio in tutte e due i modi sia in una giornata che in due...ma io adesso scusami se mi sono dilungata ma a casa c'è un silenzio tutti dormono già..... vorrei sapere se con questa ricetta del pan briosche posso fare il danubio oppure dimmi tu come l'ho possa fare mi hanno detto di portarlo alla festa che si organizza in palestra ed io non so da dove iniziare un bacio e grazie.................tina P-S-mi suggeriscono di dirti anche i biscotti di zio piero possono passare il mio esame quin di grazie

    RispondiElimina
  53. @tina, scusa il ritardo! sì, puoi farci il danubio, verrà ottimo :)
    grazie per i complimenti!
    un abbraccio, a presto :)

    RispondiElimina
  54. Super! Ho fatto la versione dolce e sono davvero stupende! Grazie!
    E' un piacere visitare il tuo blog: bellissimo e proprio ben curato!
    A presto. SimonaD

    RispondiElimina
  55. @Simona, grazie a te per avercelo detto :))

    RispondiElimina
  56. Questa ricetta è fantastica, ormai la declino in mille varianti :) grazie mille :) (oggi è in forno un simil-casatiello briochoso...adoro la sofficità di questo impasto!!)

    RispondiElimina
  57. anche io sto infornando proprio ora la versione dolce....speriamo bene...questo forno è un bluff...cuoce troppo

    RispondiElimina
  58. grazie per le ottime ricette!volevo chiedere, formando dei cornetti all'incirca quanti ne vengono?pensavo di farli per la festa di compleanno di mio nipote e non vorrei che fossero troppo pochi!gemma

    RispondiElimina
  59. @gemma ciao :)
    se li fai grandi tipo quelli del bar, ne vengono circa 16. ma un'idea sarebbe farli mignon ;-)

    RispondiElimina
  60. Li ho fatti! risultato fantastico, grazie!! Ho anche aggiunto mezzo cucchiaio di miele nell'impasto. La prossima volta vorrei che venissero un po piu morbidi, pensavo di sostituire un po d'acqua con del latte. Proveró, e ti faro sapere, ma se hai qualche altro consiglio...sono tutto orecchie!

    RispondiElimina
  61. Ciao Paola
    ho provato a fare le tue briochine OTTIME...ormai impasto una volta alla settimana, cuocio, congelo il restante e ogni mattina...colazione super.. pero' ho una domanda: dalla foto si vede la formatura perfetta della brioche mentre le mie rimangono tutte un po' uniformi per intenderci senza i solchi dell'arrotolatura. da cosa dipende? impasto troppo morbido? il resto è tutto ok gusto, morbidezza,anche il giorno dopo reggono bene, solo l'aspetto...sai anche l'occhio vuole la sua parte!!! ciao grazie per le ricette TIZIANA

    RispondiElimina
  62. Ciao sono manuela e sono un disastro in cucina ... e invece questa volta, grazie alla tua ricetta, ho fatto un figurone. Ho cucinato delle piccole brioches da farcire con prosciutto e formaggio per mio marito, al quale piace fare colazione con cibi salati. Invece non ci sono arrivate alla colazione, le ha mangiate tutte a cena insieme a nostro cognato.
    Ho fatto però una piccola variazione e vorrei sapere cosa ne pensi. Per motivi di tempo ho fatto lievitare il lievitino e ho preparato l'intero impasto la sera alle 23, l'ho messo in frigo e il giorno dopo verso le 12 l'ho rimpastato, steso e ho fatto le brioches che ho lasciato lievitare per altri 50 minuti prima di nfornarle. E' un caso che sono venute buonissime? grazie ancora

    RispondiElimina
  63. Ciao sono manuela e sono un disastro in cucina ... e invece questa volta, grazie alla tua ricetta, ho fatto un figurone. Ho cucinato delle piccole brioches da farcire con prosciutto e formaggio per mio marito, al quale piace fare colazione con cibi salati. Invece non ci sono arrivate alla colazione, le ha mangiate tutte a cena insieme a nostro cognato.
    Ho fatto però una piccola variazione e vorrei sapere cosa ne pensi. Per motivi di tempo ho fatto lievitare il lievitino e ho preparato l'intero impasto la sera alle 23, l'ho messo in frigo e il giorno dopo verso le 12 l'ho rimpastato, steso e ho fatto le brioches che ho lasciato lievitare per altri 50 minuti prima di nfornarle. E' un caso che sono venute buonissime? grazie ancora

    RispondiElimina
  64. @Alberto, sì puoi mettere metà di latte.

    @Tiziana, non è che stendi la pasta troppo sottile?

    @manuela, non è un caso, gli impasti maturati in frigo, migliorano notevolmente... senza contare che in questo modo (almeno per me) è molto più pratico :)
    brava!

    RispondiElimina
  65. Ciao ho fatto la tua ricetta, ma con dosi ridotte perchè siamo solo in due, è venuta un pò asciutta ma tempo sia stata colpa o del forno o del troppo caldo che c'è in questi giorni! dai un'occhiata anche alle foto magari ho sbagliato qualcosa?! :) però sono venute buone comunque!!

    http://foodandsmile.blogspot.com/2011/06/brioche-salate-eballerine.html

    Vevi

    RispondiElimina
  66. Paoletta, ho fatto questi cornetti e sono venuti strepitosi, meglio in assoluto di tutte le ricette che ho fatto negli anni, volevo chiederti il permesso, di postarli,nel mio blog, con link ovviamente, lo stesso discorso per le fette biscottate e per il pane toscano con la lenticchia di lievito...mi autorizzi? grazie, con le tue ricette si va sul sicuro..un caro saluto

    RispondiElimina
  67. @Vevi, è venuto asciutto l'impasto o i cornetti finiti?
    se è l'impasto, può dipendere dalla farina, non tutte hanno lo stesso assorbimento. ho visto le foto, mi sembrano stesi troppo alti e non mi pare abbiamo lievitato bene.


    @Tam, certo che puoi :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  68. Ciao sono da poco una tua lettrice, ho appena sfornato i cornetti ma sanno molto di pane.. E' normale o dovevano avere un altro sapore? In ogni caso sono deliziosi e ti ringrazio per la preziosa ricetta!!

    Manuela

    RispondiElimina
  69. Che bella ricetta, che bella presentazione e che bel blog! Ti faccio i miei complimenti e corro immediatamente a iscrivermi tra i tuoi sostenitori! :)

    RispondiElimina
  70. @manuela, proprio di pane, no... però è un pan brioche, non una brioche... non è che hai aggiunto farina?

    @ale, grazie :))

    RispondiElimina
  71. Cercavo una ricetta "seria" per le brioches salate....e direi che sono stata accontentata!! bellissimo blog, mi unisco al volo!! :-)
    Viviana

    RispondiElimina
  72. buonissimi.... bravissima ricetta superlativa.. non ci sono parole una domanda posso congelarli cotti poi scongelarli riempirli e servirli il giorno dopo??? grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certamente! però una volta scongelati vanno serviti in giornata. scaldali leggermente al microonde :)

      Elimina
  73. Ciao! Mi chiamo davide e da qualche tempo sto seguendo le tue ricette, e devo dire che sono veramente valide! Complimenti!

    Ho una domanda sulle brioches salate! Con le quantità che hai dato quante ne riesci a fare? Per regolarmi un po sull'impasto e non farle ne troppo grosse ne troppo piccole! Grazie mille :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Davide, dovrebbero venirne una ventina. considera che, quando fai i triangoli isosceli, la base di questi misurerà circa 7/8 cm e l'altezza tra 18/20 cm a seconda se ti piacciono più o meno grandi :)
      a me da stuzzichino piacciono da 7 cm.
      mi fai sapere?

      Elimina
    2. Perfette! Con quelle misure me ne sono venute esattamente 21! Adesso stanno finendo di cuocere! Dal profumo sembrano mooooolto invitanti! Ti farò sapere appena amici e familiari le proveranno! Grazie mille :)

      Elimina
  74. Ciao :) madonna che bontà...ma per le dolci..le posso farcire prima dell ultima lievitazione? grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, sì! fa attenzione a chiudere bene ;-)

      Elimina
  75. nn ho ben capito se le uova dell'impasto servono solo a quello o è compreso quello per la spennellatura? rispondi al più presto grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, rispondo adesso, prima ero fuori per lavoro. le due uova vanno nell'impasto, per pennellare ne serve un altro.

      Elimina
  76. Ciqo Paolettina scusa se sono un po' dura ma nelle dosi della farina dici 350 gr per il lievitino e 350 per l'impasto,ma poi specifichi 250 gr di 00 e 250di Manitoba... Intendevi dire che devo fare comunque metà e metà? Fammi sapere per favore <3 zenzero

    RispondiElimina
  77. Ciao Paoletta, grazie per questa meravigliosa ricetta. Ho provato i cornetti con la versione dolce (come da te modificata) e sono venuti dei cornetti spettacolari! sono super felice del risultato ottenuto, era proprio la ricetta che cercavo!Ho fatto anche io una piccola modifica, ho diminuito il lievito e prolungato i tempi di lievitazione (ho fatto lievitare l'impasto 2 volte, e poi ancora un altra volta dopo aver dato la forma),sono stra buoni! Grazie ancora!

    RispondiElimina
  78. ciao paoletta come sempre sei fantastica ! ho appena sfornato questi cornetti...sono favolosi e nel congelatore ho quelli che servono per la colazione del mattino. baci e grazie per tutto

    RispondiElimina