sabato 20 ottobre 2007

Le Ricette dei Lettori: Torta col coperchio

Ecco la ricetta della mia torta di mele preferita, che in casa chiamiamo la “torta con il coperchio”.
Si tratta di un dolce tedesco, la cui ricetta è arrivata nella mia famiglia da una vicina di casa della mia nonna paterna, negli anni ’40 e ‘50. Questa signora, nata in Baviera e poi sposata con un italiano, preparava dolci deliziosi e, soprattutto, confezionava a Natale una quantità smisurata di biscotti di vario tipo e li regalava poi, confezionati in pacchetti rigorosamente avvolti in carta velina bianca, chiusi con nastro di raso rosso ed accompagnati da un rametto di abete e da una candelina rossa, praticamente a tutti: ai parenti, agli amici, ma anche al postino, al portinaio, ai negozianti presso i quali si serviva...
Si chiamava Augusta (nome che, conoscendola, le stava a pennello anche per l’aspetto fisico) ma, in casa nostra ci si riferiva a lei chiamandola semplicemente “Frau” (“Signora” in tedesco).
Per misteriosi giri del destino le ricette sia dei biscotti sia delle sue torte (quella di Natale con le noci è una meraviglia) sono finite a mio padre che adesso le ha passate a me.
Lo so: avrei dovuto partecipare al giochino di Natale e inserire le ricette, ma – tra confezionare i pacchetti dei biscotti come Frau insegnava, preparare i regali per il piccolo Giò e per tutti gli altri, allestire il pranzo di Natale e, non ultimo, lavorare – non ho proprio avuto il tempo: ci sarà tempo l’anno prossimo?

Per ora ecco la ricetta della

“Torta con il coperchio”

Ingredienti:
* Pasta frolla (niente ricetta, quella vera è una poi ognuno ha la sua versione, comunque io uso 300 grammi di farina, il resto viene di conseguenza).
* 4 mele renette (ma se vedete lo stesso modello di torta in Baviera, risulta così alta che credo che ne mettano almeno 6) più una
* 1 cucchiaio di zucchero
* 2 cucchiaini di cannella
* 1 manciata abbondante di uvetta
* a piacere pinoli o noci

Sbucciare 4 mele, tagliarle in quarti poi in fette spesse e quindi a pezzetti; metterle in una ciotola capiente con lo zucchero, la cannella, le uvette precedentemente ammollate e i pinoli o le noci, mescolare e lasciar insaporire.

Dividere la pasta frolla in due parti, una delle quali un po’ più abbondante. Stendere la parte più grande e foderare una tortiera ad anello (con il fondo mobile) precedentemente imburrata e cosparsa di biscotto grattugiato, cercando di fare in modo che rimanga un bel bordo alto di pasta; versare il ripieno dopo aver scolato le mele, altrimenti la pasta rimane troppo bagnata.
Livellare e – per fare una cosa ben fatta – sbucciare l’ultima mela, tagliarla a fettine sottili e ricoprire il ripieno disponendo le fettine a cerchi concentrici. Stendere la pasta frolla rimanente (ecco il coperchio!) e ripiegare i bordi per chiudere la torta, sigillando bene.
Cuocere in forno per circa un’ora.
In Baviera la servono con un bella tazzina di panna montata

Claudette

1 commento:

  1. And I would rather have a replica watches sale that had decent servicing throughout the decades than a watch that still has its original crown, seals and crystal. But I know that there are rolex replica sale of people who prefer just the opposite. I've learned that a lot about buying and collecting rolex replica has to do with aesthetics. There is very little interest in the mechanical movement of the watch, people always trust it to be good. Many collectors tend to be more interested in a beautiful dial, or rolex replica uk pair of hands, than to making sure the movement is all beautiful and fresh. Nothing wrong with that, of course, and these watch replica watches uk are fairly easy to service, but I always make sure that the watch is in good technical working order as well. It is really a nice watch. Thanks for sending the glasses for the replica watches sale too.

    RispondiElimina