domenica 28 ottobre 2007

Pasta Choux


I Bignè

Ne ho lette tantissime prima di farli, è una di quelle ricette che mi fa un po' di timore, alla fine ho scelto le dosi della pasta choux del Cucchiaio d'Argento.

Anche se il risultato non è perfetto, perchè alcuni si sono spaccati in cottura, sono contenta perchè è la prima volta che li faccio e dentro sono venuti vuoti, e già questo per me è un buon risultato, perchè il mio timore era proprio questo.

RICETTA
250 gr di acqua
150 gr di farina
100 gr di burro (ma vengono bene anche con 75 gr)
1 pizzico di sale
1 pizzico di zucchero*
4 uova intere da 55/58 gr.

* La ricetta ne riportava 15 gr. ma in questo modo sono adatti sia per preparazioni dolci che salate

PREPARAZIONE:
Ho messo sul fuoco un pentolino con l'acqua, il burro e il pizzico di sale e lo zucchero.
Appena ha alzato il bollore, ho gettato in un solo colpo la farina e ho mescolato velocemente con un cucchiaio di legno. Ho mescolato continuamente a fiamma bassa fino a quando si staccato dalle pareti della pentola e ha fatto lo sfrigolio.
Poi l'ho fatta appena raffreddare ed ho aggiunto le uova, uno alla volta girando con le fruste elettriche.
Ho messo l’impasto nella sac poche e ho formato i bignè su una teglia coperta da carta forno.
Li ho messi in forno già caldo a 220° per 15 minuti, poi a 180°per altri 10 minuti. Infine a 160° ventilato 8/10 minuti con forno aperto a fessura.
Poi ho spento il forno e li ho lasciati dentro ancora una decina di minuti.

Tolti dal forno si fanno raffreddare bene, poi si ripongono in un sacchetto di carta (va bene quello del pane).

NOTE: Le uova vanno aggiunte uno alla volta, non mettere il secondo fino a che il primo non è assorbito.
Ma soprattutto è importante battere con una forchetta il 4 uovo
e aggiungerlo a cucchiaiate, perchè se le uova sono grandi, è possibile che ce ne vada meno, altrimenti l'impasto diventa molle, non sostenuto.

La giusta consistenza si può vedere quando, formando il bignè con la sac, la punta rimane ferma e non cade.

7 commenti:

  1. anch'io utilizzo la stessa ricetta con l'aggiunta di 2 cucchiaini di bicarbonato all'impasto finale vengono più leggeri e friabili. provare per credere.

    RispondiElimina
  2. Grazie Angela!!
    Il bicarbonato lo aggiugi proprio alla fine, ho capito bene? E i due cucchiaini sono per la dose che ho postato?
    Grazie mille per la dritta, proverò :)

    RispondiElimina
  3. La vorrei provare ma ho un problema.. il mio forno è SEMPRE ventilato, non posso impostarlo senza!! Come posso fare per farli venire bene?

    RispondiElimina
  4. @Eleonora, penso vada bene inizialmente a 200° di solito il ventilato va messo una ventina di gradi in meno. :))

    RispondiElimina
  5. Purtroppo invece mi si bruciacchiano sotto.. ho provato e alla fine ho trovato che il meglio è: 200° per 8 minuti + 180° per 5 minuti + 150° per 10 minuti (a forno leggermente aperto).
    Ottimi, grazie :)

    RispondiElimina
  6. @Eleonora, brava, alla fine ricetta a parte, la cottura va sperimentata, ogni forno è diverso, l'importante è capirsi ;-)

    RispondiElimina
  7. Non so quante volte ho provato a farli ma proprio non mi vengono. L'impasto è ok ma quando li cuocio subito si gonfiano bene e poi, quando abbasso la temperatura a 160° si sgonfiano completamente, sia con la ventola che senza ventola,sia aprendo a fessura il forno sia tenendolo ben chiuso!Del resto se non l'abbasso si bruciano (a 190°).Ho seguito i tuoi consigli 220-190-160, ma niente.Ho anch'io il Cucchiaio d'argento ma per la cottura non aiuta molto.Non so più come fare.Mi dai un consiglio? anche se immagino dipenda tutto dal forno, forse dovrei provare a cuocere dall'inizio a 180 e poi abbassare in modo che non sentano troppo lo sbalzo di temperatura.Ma devo dire che mi sono un pò stufata di provare.Ciao

    RispondiElimina